ORA DI PUNTA

Bersani,

finalmente

di Matteo Cosenza


Bersani ha detto la sua chiaramente: non sono un figurante e non vado, quindi, a fare la comparsa da Renzi. Poi ha ricordato che con il jobs act si costringono i lavoratori (ricordate la parola?) agli anni pre Settanta. Era ora. Sento spesso parlare di abilità del presidente del Consiglio. Io chiederei: ma c’è da fidarsi?

Non è una domanda da poco perché è vero che in politica tattiche e strategie non sempre convergono ma è pur vero che un minimo di affidabilità e di credibilità è necessario nella vita come nella politica. Io di Renzi non mi fido. Le prove ormai sono tante e il jobs act, al di là del giudizio che se ne possa dare, forse è più grave dello “stai sereno” che fregò Enrico Letta e che rientrava per certi versi nel rapporto tra due persone.

L’abolizione dell’articolo 18 non era la naturale conclusione di un iter molto complesso e tormentato, e la delega decisa dal Parlamento non affidava questo compito al governo. Invece lui, Renzi, se n’è fregato, ha deciso, come probabilmente voleva dall’inizio, e poi ha sfacciatamente annunciato che aveva abolito un elemento cruciale dello Statuto dei Lavoratori. Ora c’è in ballo la faccenda delle antenne Rai. Lui, Renzi, assicura che il controllo attraverso il 51 per cento delle azioni resterà in mano pubblica e non finirà in quelle di Berlusconi. Probabilmente sarà così, ma quanta credibilità si può dare ad uno che con le parole - e la Parola - gioca con disinvoltura?

Non saprei dire ma a me questo signore, che ha in questo momento nelle sue mani le sorti del Paese, mi piace molto poco. E prendo atto che finalmente, per quanto troppo tardi, anche una persona per bene come Bersani dimostri di pensarla allo stesso modo.

  Domenica 01 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
HSBC, la banca al centro delle frodi fiscali *...
Walmart aumenta il salario minimo: luci e ombre *...
Tutti d'accordo: è indispensabile salvare la rete dell'indotto *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Nuccio Fava

SILVIO E CON LUI L'ITALIA INTERA SULL'ORLO DEL CRATERE

_Sono morti in tanti nel canale di Sicilia e ormai non fanno più notizia se non in casi eccezionali come in questi giorni solo perché, stando alle cronache, i corpi sarebbero stati buttati in acqua da altri compagni di sventura mentre una richiesta di aiuto ad una nave della Nato, impegnata nell’operazione Libia, non avrebbe trovato risposta. Anche noi abbiamo rischiato di essere raggiunti da un missile libico caduto non molto lontano da una unità della nostra marina. Se ne è parlato sicuramente di più anche perché il nostro ministro della difesa ha fatto un guazzabuglio di notizie e smentite, allo scopo forse di non preoccupare oltre l’opinione pubblica e, soprattutto, di non eccitare il ministro del porcellum, con ulteriori stravaganti dichiarazioni. Conosco bene quei tratti del canale di Sicilia, specie tra Ustica e Pantelleria, tra Favignana e Marettimo, mie mete privilegiate – insieme alle mitiche Eolie- per vacanze prolungate, subito dopo la fine dell’anno scolastico e per memorabili battute di pesca subacquea. Oggi  invece forse si  correrebbe il rischio di imbattersi in qualche corpo galleggiante come purtroppo accade alle reti dei pescatori. Costretto all’immobilità da un ginocchio bloccato che mi facilita tuttavia la lettura e qualche visione televisiva, non ho potuto evitare la diretta del presidente del Consiglio, il suo delirante soliloquio interessato solo a dare la colpa ai mercati ed alla speculazione dei poteri forti contro l’Italia, che in ogni caso – secondo il Cavaliere stava in realtà molto meglio di quanto potesse apparire dal tonfo macroscopico della Borsa, paragonata ad un orologio rotto, nel quale per altro brillavano le azioni Mediaset che i cittadini intelligenti avrebbero potuto acquistare facendo un buon affare. Tramortito taceva accanto a Berlusconi il ministro Tremonti, assolutamente in secondo piano e in qualche modo zittito perché i colloqui con Bruxelles, la Bce e il fondo monetario erano stati condotti – parola di Berlusconi – direttamente dal presidente del Consiglio. Nessuna parola naturalmente sulla tragedia nel Mediterraneo, nessun cenno al missile  libico contro la nave italiana, nessun riferimento alle difficoltà con Bossi e ai malesseri dentro lo stesso Pdl ma solo generiche affermazioni di fiducia e inviti a pazientare perché grazie all’azione del governo, a partire da settembre,le cose sarebbero migliorate. Non era esattamente quello che si aspettavano i partecipanti al tavolo tra tutte le forze sociali, dalla Marcegaglia a Bonanni con il governo. Iniziativa nuova e  impegnativa che puntava a  un cambio di rotta immediato, interventi urgenti e precisi per ridare slancio al mondo del lavoro e della produzione. Invece solo proposte e indicazioni generiche da parte di Berlusconi che rimandava tutto a settembre. Nelle stesse ore Obama si presentava in tv non per ricevere gli auguri per i suoi 50 anni, ma per chiedere scusa agli americani per non aver ottenuto un accordo migliore nella trattativa con i repubblicani, aggiungendo scherzosamente che, ogni mattina ,facendosi la barba , scopriva qualche capello bianco in più, dovuto non tanto all’avanzare degli anni, ma purtroppo ai tanti problemi che non era riuscito a risolvere. In Spagna, Zapatero, che aveva già annunciato il ritiro dalla politica, indiceva elezioni anticipate per il prossimo novembre con una rigorosa autocritica. Sarkozy confida molto nel prossimo figlio che dovrebbe nascere proprio nei giorni decisivi della convenzione per la candidatura per le presidenziali del 2012. Mentre Cameron, uscito abbastanza mal concio dallo scontro con i laburisti per lo scandalo inquietante dei suoi contatti con Murdok, potrebbe pagarne lo scotto all’interno del suo partito ed essere sostituito come già avvenuto per la Thatcher. Tutti leader che hanno almeno vent’anni meno di Berlusconi e accettano serenamente di poter essere sostituiti nella guida dei rispettivi Paesi. Solo in Italia una sorta di monarchia berlusconiana risulta senza alternative, anche perché finiscono per dettare legge Calderoli e Scilipoti, che giocano tragicamente come due ragazzini maleducati a costruire castelli di sabbia in riva al mare. Purtroppo, con buona pace del Cavaliere, con simili compagnie non si può andare troppo lontano e senza evocare improbabili tsunami l’agosto e il settembre 2011 ci vedranno seduti su un pericoloso bagnasciuga.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

MAURIZIO CROZZA
"NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE"
su La7
del 27 febbraio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO, SERGIO BRIO: PREVISIONI SUL CAMPIONATO02 MARZO 2015