ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Nuccio Fava

SILVIO E CON LUI L'ITALIA INTERA SULL'ORLO DEL CRATERE

_Sono morti in tanti nel canale di Sicilia e ormai non fanno più notizia se non in casi eccezionali come in questi giorni solo perché, stando alle cronache, i corpi sarebbero stati buttati in acqua da altri compagni di sventura mentre una richiesta di aiuto ad una nave della Nato, impegnata nell’operazione Libia, non avrebbe trovato risposta. Anche noi abbiamo rischiato di essere raggiunti da un missile libico caduto non molto lontano da una unità della nostra marina. Se ne è parlato sicuramente di più anche perché il nostro ministro della difesa ha fatto un guazzabuglio di notizie e smentite, allo scopo forse di non preoccupare oltre l’opinione pubblica e, soprattutto, di non eccitare il ministro del porcellum, con ulteriori stravaganti dichiarazioni. Conosco bene quei tratti del canale di Sicilia, specie tra Ustica e Pantelleria, tra Favignana e Marettimo, mie mete privilegiate – insieme alle mitiche Eolie- per vacanze prolungate, subito dopo la fine dell’anno scolastico e per memorabili battute di pesca subacquea. Oggi  invece forse si  correrebbe il rischio di imbattersi in qualche corpo galleggiante come purtroppo accade alle reti dei pescatori. Costretto all’immobilità da un ginocchio bloccato che mi facilita tuttavia la lettura e qualche visione televisiva, non ho potuto evitare la diretta del presidente del Consiglio, il suo delirante soliloquio interessato solo a dare la colpa ai mercati ed alla speculazione dei poteri forti contro l’Italia, che in ogni caso – secondo il Cavaliere stava in realtà molto meglio di quanto potesse apparire dal tonfo macroscopico della Borsa, paragonata ad un orologio rotto, nel quale per altro brillavano le azioni Mediaset che i cittadini intelligenti avrebbero potuto acquistare facendo un buon affare. Tramortito taceva accanto a Berlusconi il ministro Tremonti, assolutamente in secondo piano e in qualche modo zittito perché i colloqui con Bruxelles, la Bce e il fondo monetario erano stati condotti – parola di Berlusconi – direttamente dal presidente del Consiglio. Nessuna parola naturalmente sulla tragedia nel Mediterraneo, nessun cenno al missile  libico contro la nave italiana, nessun riferimento alle difficoltà con Bossi e ai malesseri dentro lo stesso Pdl ma solo generiche affermazioni di fiducia e inviti a pazientare perché grazie all’azione del governo, a partire da settembre,le cose sarebbero migliorate. Non era esattamente quello che si aspettavano i partecipanti al tavolo tra tutte le forze sociali, dalla Marcegaglia a Bonanni con il governo. Iniziativa nuova e  impegnativa che puntava a  un cambio di rotta immediato, interventi urgenti e precisi per ridare slancio al mondo del lavoro e della produzione. Invece solo proposte e indicazioni generiche da parte di Berlusconi che rimandava tutto a settembre. Nelle stesse ore Obama si presentava in tv non per ricevere gli auguri per i suoi 50 anni, ma per chiedere scusa agli americani per non aver ottenuto un accordo migliore nella trattativa con i repubblicani, aggiungendo scherzosamente che, ogni mattina ,facendosi la barba , scopriva qualche capello bianco in più, dovuto non tanto all’avanzare degli anni, ma purtroppo ai tanti problemi che non era riuscito a risolvere. In Spagna, Zapatero, che aveva già annunciato il ritiro dalla politica, indiceva elezioni anticipate per il prossimo novembre con una rigorosa autocritica. Sarkozy confida molto nel prossimo figlio che dovrebbe nascere proprio nei giorni decisivi della convenzione per la candidatura per le presidenziali del 2012. Mentre Cameron, uscito abbastanza mal concio dallo scontro con i laburisti per lo scandalo inquietante dei suoi contatti con Murdok, potrebbe pagarne lo scotto all’interno del suo partito ed essere sostituito come già avvenuto per la Thatcher. Tutti leader che hanno almeno vent’anni meno di Berlusconi e accettano serenamente di poter essere sostituiti nella guida dei rispettivi Paesi. Solo in Italia una sorta di monarchia berlusconiana risulta senza alternative, anche perché finiscono per dettare legge Calderoli e Scilipoti, che giocano tragicamente come due ragazzini maleducati a costruire castelli di sabbia in riva al mare. Purtroppo, con buona pace del Cavaliere, con simili compagnie non si può andare troppo lontano e senza evocare improbabili tsunami l’agosto e il settembre 2011 ci vedranno seduti su un pericoloso bagnasciuga.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014