ORA DI PUNTA

Giustizia

è fatta

di Ennio Simeone

L'Italia finora è stata iscritta nell'album delle eccellenze europee per la sua giustizia-tartaruga, che partorisce record di anno in anno più vertiginosi di lentezza dei processi, sia civili che penali. Ma da oggi potrà ambire a un titolo ancor più ambizioso: quello della giustizia più severa nei confronti di chi froda lo Stato evadendo le tasse. Un titolo acquisito con la decisione del Tribunale di sorveglianza nei riguardi di uno dei cittadini più illustri del Paese, il cavaliere (momentaneamente sospeso dal titolo) Silvio Berlusconi.

Riconosciuto definitivamente  colpevole - dopo un processo protrattosi per anni grazie a un codice di procedura che nessun rottamatore pare intenzionato a riformare e all'abilità di avvocati remunerati anche con un seggio parlamentare -  di aver frodato lo Stato per svariati milioni di euro, questo signore si è visto cancellare la condanna a 4 anni di carcere per tre quarti da un indulto e trasformare il restante anno in "assegnazione in prova ai servizi sociali", che si tradurrà in 4 ore settimanali di permanenza in un centro anziani a un tiro di schioppo da casa sua, mentre per il resto   della giornata potrà dedicarsi tranquillamente, oltre che alle sue redditizie attività imprenditoriali, all'attività politica.

Il poverino non potrà candidarsi alle elezioni, ma il suo nome potrà campeggiare sui muri della campagna elettorale di Forza Italia e, accanto al simbolo di questo partito, sulla scheda che gli italiani si troveranno tra le mani il 25 maggio quando andranno a votare per le elezioni europee. Un messaggio esemplare per quei cittadini che sono in galera per aver frodato, in misura molto minore,  lo Stato. Un messaggio esemplare per i familiari di quei piccoli imprenditori o commercianti  che si sono suicidati all'arrivo della cartella delle tasse che non potevano pagare. Un messaggio esemplare, che darà lustro al semestre durante il quale l'Italia assumerà la guida dell'Europa.

  Giovedì 17 Aprile 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Domenico Maceri Commenti Autori
Salari delle donne, carta vincente per i democratici?  *...
  Col Quantitative Easing europeo le banche fanno festa * In...
Francesco Lena Commento Autori
L'informazione onesta e serena di cui abbiamo bisogno *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



E' in cella, ma in Calabria viene votato ugualmente

Curiosità/ Gioiosa Jonica

Assessore arrestato 

per mafia prende

67 voti in Calabria

Tra le curiosità (piuttosto tristi) di questo voto amministrativo c'è quella dei voti presi dall'ex assessore di Marina di Gioiosa Jonica, Rocco Agostino, che si trova in cella per mafia. I giudici l'hanno arrestato dopo che le liste erano state presentate, perciò formalmente lui si trovava ancora in gara per la provincia di Reggio Calabria, nella lista "Raffa presidente" del centrodestra. Ebbene 67 tra gli abitanti della Locride hanno deciso di votarlo ugualmente. Nelle comunali del 2008 aveva preso molte preferenze, ma per la Dda si trattavano di voti veicolati dalla cosca Mazzaferro.

Commenti  

 
0 #1 domenico 2011-05-19 12:29
La cosa non è strana per niente, in quanto oltre ai 67 voti, a Marina di gioiosa Jonica si sono astenute dal voto circa 1300 persone rispetto alle precedenti elezioni. Questo dato dovrebbe far riflettere, come dovrebbe far riflettere l'ingiusta detenzione di Rocco Agostino, conosciuto dalla popolazione per le cose buone fatte a Marina di Gioiosa e totalmente estraneo alle accuse che gli vengono rivolte.
Citazione
 

 

 

Articoli Correlati



tit passaparola

LUCIANA LITTIZZETTO
a "Che tempo che fa"14 aprile 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

Boxe (1963): Carter "Hurricane" vs Griffith21 APRILE 2014