ora di punta

IL POSTO DELLE FRAGOLE

di SERGIO SIMEONE* – Ricordate le grida di esultanza (“E’ finita la pacchia! È finita la pacchia!”) che il fu ministro dell’Interno Matteo Salvini lanciava quando, mentre era nel pieno esercizio delle sue funzioni, bloccava le navi che tentavano di  far sbarcare i migranti sulle coste italiane? Noi eravamo certi […]

ora di punta

TROPPA GRAZIA, SAN MATTEO!

di SERGIO SIMEONE* – Penso che tutti conoscano l’aneddoto da cui tre origine il detto “Troppa grazia sant’Antonio”. Ad ogni buon conto lo riepilogo brevemente. Si narra di un mercante che, arricchitosi, volle comprare un cavallo. Ma per quanti tentativi facesse non riusciva a saltare in groppa all’animale. Allora pregò […]

ora di punta

“Coronavirus? C’è un untore al citofono”

di SERGIO SIMEONE* – Matteo Salvini, il cavalcatore delle paure degli italiani, si è visto ultimamente azzoppare il suo principale cavallo, quello dei migranti. Merito del nuovo ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, che, senza urla, insulti ed invettive contro i nostri tradizionali alleati, Germania e Francia,  ma con la loro […]

ora di punta

Una domanda ai “democratici realisti”

di SERGIO SIMEONE* – Non appena qualcuno comincia a proporre di dare la cittadinanza italiana ai figli degli immigrati salta immediatamente fuori qualche  “ sincero democratico, ma anche realista” il quale ci spiega che si tratta di una legge giustissima, una verascelta di civiltà  che farebbe bene non solo ai […]

ora di punta

Nord e Sud, autonomia differenziata e coesione territoriale

di SERGIO SIMEONE* – I nostri euroscettici per anni ci hanno trapanato le orecchie con le loro invettive contro  l ‘Europa raffigurata come la nostra principale nemica, quella che con il suo rigore impedisce all’Italia di  spendere per fare una politica espansiva e di crescita,  e addossandole quindi anche il […]

ora di punta

Aspettando Bullmann

di SERGIO SIMEONE* – Sta prevalendo in questi giorni, soprattutto dopo i casi “Diciotti” e “Sea watch”, la valutazione della politica del Governo italiano sul fenomeno migratorio in base ai criteri di legittimità e di consenso degli elettori. Si tratta, a mio parere, di criteri fuorvianti: vorrei ricordare che, ad […]