MOTOGP/ Valentino Rossi intramontabile. Il Dottore a 39 anni apre al rinnovo biennale con la Yamaha: “Sono pronto a firmare il nuovo contratto fino al 2020”

di FABIO CAMILLACCI/ In casa Yamaha dopo l’annuncio del rinnovo di Maverick Vinales per altri due anni, si attende con ansia la decisione di Valentino Rossi. Come gli altri big della MotoGP, anche il contratto del Dottore scadrà a fine 2018, motivo per cui terminati i test di Sepang con riscontri positivi, il pesarese ha qualche elemento in più per valutare se continuare a correre per uno o due anni, o se è arrivato il momento di appendere il casco al chiodo. Intervistato da MCN, il centauro pesarese però ha confidato il suo ottimismo, lasciando intendere che la firma sul contratto non è poi così lontana: “Siamo pronti a firmare, non appena avrò deciso. E non appena avrò deciso di rimanere, non ci sarà da aspettare. Diciamo che non c’è fretta, siamo piuttosto ottimisti”. Mentre sulla firma di Vinales Rossi ha commentato: “Ci sono state volte che ho firmato prima del mio compagno di squadra, altre dopo, ma voglio ancora aspettare e vedere quello che succede”.

Il Dottore dice 23. Per il “Folletto di Tavullia”, che il prossimo 16 febbraio compirà 39 anni, quella che scatterà il prossimo 18 marzo in Qatar sarà la sua 23° stagione nel Motomondiale. Ma se l’orologio biologico non gioca a suo favore, il nove volte iridato replica che con il lavoro e la passione tutto è possibile: “Sfortunatamente non ringiovanisco ma non vedo grandi differenze rispetto a 6-7 anni fa. Naturalmente non è più come quando avevo 24-25 anni, prima era più facile recuperare. Certamente devo allenarmi bene ma non credo che nel nostro sport, rispetto ad altre discipline, essere in forma sia l’aspetto più importante”.

I test di Sepang. In Malesia Valentino Rossi ha centrato il nono tempo nei tre giorni di test, arrivando a meno di 4 decimi da Dani Pedrosa su Honda, secondo dietro al tempo record siglato da Jorge Lorenzo su Ducati, e con un riferimento quasi identico a quello di Vinales e Marc Marquez. Tuttavia, Valentino relaziona il prolungamento del suo contratto alla competitività che mostrerà nel 2018. Per rivederlo di nuovo al lavoro, bisognerà attendere qualche altra settimana (i test in Thailandia, sul circuito di Buriram, sono in programma dal 16 al 18 febbraio) ma a, quanto pare, ci sono buone probabilità che questa non sia la sua ultima stagione nel Mondiale MotoGP.

Commenta per primo

Lascia un commento