Il congedo di Cottarelli: «Un governo politico soluzione migliore di un governo tecnico»

L’economista Carlo Cottarelli –  nel rimettere l’incarico che gli era stato affidato da Mattarella per la formazione di un governo tecnico che avrebbe dovuto portare l’Italia a nuove elezioni – ha fatto la seguente dichiarazione improntata a grande signorilità e serietà istituzionale: «Ho rimesso al presidente il mandato conferito. Ringrazio il presidente della Repubblica perché è stato per me un grande onore essere al servizio del paese anche se solo per qualche giorno. Negli ultimi giorni è stata riaperta e si è concretizzata la possibilità di un governo politico. Non risulta più necessario formare un governo tecnico. Ringrazio le persone che si erano rese disponibili a far parte del mio governo e i dipendenti della Camera e delle altre organizzazioni dello Stato che mi hanno aiutato nella mia attività. La formazione di un governo politico è di gran lunga la migliore soluzione per il Paese anche per l’incertezza che deriverebbe da nuove elezioni. Auguri di cuore al nuovo governo, che spero possa essere formato al più presto».

E ha concluso rivolgendosi ai giornalisti presenti: «Mi scuso con voi se sono stato così silenzioso negli ultimi giorni». E i giornalisti – fatto inconsueto, ma significativo – lo hanno salutato con un caloroso applauso.

Commenta per primo

Lascia un commento