VERSO RUSSIA 2018/ Italia, contro la Svezia vietato sbagliare. Mantra azzurro, Ventura e Buffon in coro: “Ce la faremo, andremo ai Mondiali”. Tegola Zaza

di FABIO CAMILLACCI/ Ci siamo, è il momento della verità. Per gli azzurri nel playoff contro la Svezia a Solna (fischio d’inizio stasera alle 20.45) vietato sbagliare se vogliono andare al Mondiale di Russia 2018. “Ace” Ventura alla vigilia in conferenza stampa ha ribadito il suo ottimismo: “L’Italia vuole andare al Mondiale e ci andrà. Rispetto per l’avversario, ma abbiamo preparato la partita nel modo giusto”. Speriamo, perchè le ultime uscite della Nazionale non sono certo state incoraggianti.

Zaza, da dimenticato a uomo della provvidenza: infortunato. Già, strano il destino, soprattutto nel calcio. Dopo il rigore sbagliato agli ultimi Europei nel quarto di finale contro la Germania, l’ex attaccante di Sassuolo e Juventus era finito nel dimenticatoio: totalmente ignorato da Gian Piero Ventura. Adesso che Zaza in Spagna col Valencia segna quasi quanto Messi, è diventato indispensabile per volare ai Mondiali. Altro sintomo di un commissario tecnico in confusione, seppur ottimista. Il discorso vale per il c.t. ma vale anche per i colleghi giornalisti presenti nella sala stampa della Friends Arena svedese. Ventura infatti non fa in tempo ad accomodarsi per la tradizionale conferenza stampa della vigilia che subito arriva la domanda sul fatto del giorno: come sta Simone Zaza? E’ ufficialmente fuori da Svezia-Italia? La prima risposta del selezionatore azzurro è lapidaria: “No”. La seconda è più articolata: “Zaza è qui e proveremo a recuperarlo. Se non ce la farà, ho altre opzioni. Belotti è in miglioramento rispetto a quando è arrivato a Coverciano, se ci sarà bisogno potrà dare il suo contributo”. Ma secondo i soliti ben informati, quella del c.t. è solo pretattica perché in realtà Zaza, per colpa di un problema al ginocchio, pare destinato alla tribuna (come El Shaarawy e D’Ambrosio).

Ottimismo da “Ace”. Quello che più colpisce, però, ascoltando Ventura e gli azzurri in questi giorni, è il “passiamo noi” ripetuto come un mantra, quasi servisse ad auto-convincersi ogni giorno di più del valore di questa Italia, e della superiorità tecnica rispetto all’avversario scandinavo. La vigilia, a Solna, non fa eccezione e Ventura garantisce: “Rispetto la Svezia, che è una buona squadra e partirà nelle nostre stesse condizioni. Ma l’ho detto e lo ripeto, anche se con umiltà, l’Italia vuole andare al Mondiale e ci andrà. Non c’è il rischio di sbagliare partita, l’abbiamo preparata nel modo giusto”. Ribadiamo il nostro, speriamo.

Ottimista anche capitan Buffon: “Rispetto per la Svezia, ma siamo abbonati al Mondiale”. Il portierone azzurro, presente in conferenza con Ventura ribadisce: “I playoff sono eccitanti, a noi la pressione serve per far bene. Però loro senza Ibra sono più squadra”. Gigi Buffon in cuor suo lo sa, queste potrebbero essere le ultime partite di una lunga e gloriosa carriera in Nazionale. Ma non vuole nemmeno prendere in considerazione l’ipotesi eliminazione. Gigione vuole assolutamente partecipare all’ultimo Mondiale in carriera e dice: “Quelli come me vivono per i traguardi importanti, per le partite che si sognano da bambini. Finché le motivazioni resteranno tali, io continuerò ad andare in campo, poi la Nazionale andrà avanti senza di me. Quella di domani è una partita che, se dovesse andar bene, mi darà grande gioia. All’altro caso non penso, non ne voglio parlare”. Anche noi, a una Italia fuori dai Mondiali non vogliamo nemmeno pensarci. Ma aver ragione dell’organizzata Svezia non sarà facile.

 

Commenta per primo

Lascia un commento