ORA DI PUNTA/ Il polverone

di GIOVANNI PEREZ -Dopo il gran polverone sollevato nei mesi scorsi dall’annuncio dei drastici tagli ai compensi da parte della Rai, secondo i quali non avrebbero potuto superare i 240mila euro all’anno e le plateali minacce di cambiare casacca da parte dei vari Fazio, Clerici, Insinna e l’immancabile Vespa, è calato il silenzio. Secondo qualche indiscrezione da parte di fonte degna di fede, sembra che nei prossimi giorni la Rai si rimangerà l’iniqua intenzione di non pagare più annualmente milioni di euro ai suoi pupilli. Una marcia indietro condivisa, forse ispirata, dagli uomini di Renzi impegnati a scucire gli ultimi spiccioli ai pensionati italiani che, pensate, guadagnano anche mille euro (al massimo due) al mese.
Quindi star del teleschermo,  state tranquille davanti ai fornelli o davanti al vostro pubblico che viene pagato per applaudirvi: le minacciate sanzioni, ideate in un momento di delirio, stanno per rientrare; potrete tranquillamente contare annualmente su quei milioni che qualcuno sostiene vi meritiate. La commedia all’italiana  mandata in onda sta per finire. Chi ha avuto la balzana idea di toccare i compensi a gente costretta a vivere in lussuose ville,  sarà chiamato a risponderne: a lui i toccherà il licenziamento, ovviamente con una milionaria buonauscita che non si nega a nessuno che si consideri “divo” in Rai.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*