ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO-SERIE A

Vincono Juve e Milan

E' bagarre terzo posto

boatengdi Marco Valerio 

Consueto botta e risposta a distanza tra Juventus e Milan in questo turno infrasettimanale del 25 aprile. Contro Cesena in Romagna e Genoa al "Meazza", bianconeri e milanisti soffrono più del previsto. La Vecchia Signora spreca subito (9') un calcio di rigore concesso per un fallo di mano di Moras (fallo che pare essere commesso fuori area,anche se di pochissimo); dal dischetto Pirlo colpisce il palo. Il gol vittoria arriva soltanto all'80': sponda di testa di Vucinic e gran sinistro di controbalzo di Borriello (attaccante schierato titolare da Antonio Conte). Come detto grande sofferenza anche per il Milan; anzi, una sofferenza maggiore di quella juventina perchè la rete che decide il match di San Siro col Genoa si registra al minuto 86: Ibrahimovic "sporca" il cross di Emanuelson dalla sinistra smarcando Boateng che di destro trafigge Frey (foto). Contestato l'arbitraggio di Gervasoni che all'8' non concede il rigore ai grifoni per un fallo di mano di Nesta in area, poi al 72' riduce il Genoa in 10 uomini espellendo Jankovic per doppia ammonizione. La Juve dunque rimane capolista in solitudine con 3 punti di vantaggio sul Milan a 4 giornate dal termine. Il Novara si regala un bel pranzo per festeggiare il 25 aprile: una vittoria per 2-1 ai danni della Lazio terza in classifica. Al “Silvio Piola” per l’anticipo delle 12.30 della 33° giornata di serie A, brutta battuta d’arresto per i biancocelesti di Reja impegnati nella lotta per la conquista dei preliminari di Champions League. I piemontesi, ormai condannati alla serie B, rinviano la matematica retrocessione. Botta e risposta nel primo tempo a cavallo del 35’ e del 36’. Ma in realtà fa tutto la Lazio perché il vantaggio del Novara nasce da un’autorete di Diakite che devìa nella propria porta un cross di Mazzarani. Pareggia Candreva con un tap-in su una corta respinta del portiere dei padroni di casa Fontana. In chiusura di primo tempo clamorosa palla gol fallita dal laziale Cana. E così al 79’ Mascara pesca il jolly su calcio di punizione regalando i tre punti al Novara. Splendida la punizione vincente battuta dall’ex attaccante di Catania e Napoli.

Balzo Napoli e Inter. Partenopei e nerazzurri approfittano del passo falso della Lazio e si avvicinano al terzo posto. Entrambe corsare Napoli e Inter: gli azzurri vincono 2-0 a Lecce, mentre la squadra di Stramaccioni espugna Udine per 3-1 grazie a una doppietta di Sneijder e alla rete di Alvarez. Nuovo crollo Roma: giallorossi sconfitti in casa dalla Fiorentina, 2-1 per i viola che ottengono tre punti preziosi in chiave salvezza. Giallorossi contestati dai tifosi. Colpo esterno anche del Parma a Palermo: 2-1 per i ducali. Finisce 1-1 Siena-Bologna.  

Gli anticipi di martedi 24 aprile. Nel giorno della semifinale stellare di Champions League Barcellona-Chelsea, la serie A comincia a recuperare le partite della 33° giornata, quella saltata per la morte di Piermario Morosini. Due anticipi alle 18.30 di martedi: Cagliari-Catania 3-0 (a Trieste per l’indisponibilità del “Sant’Elia”), Atalanta-Chievo 1-0. Due vittorie che consentono a sardi e orobici di allontanarsi dalla zona pericolosa. Il Catania invece rischia di dover abbandonare del tutto il sogno Europa. Al “Nereo Rocco”, la squadra di Ficcadenti ritrova la vittoria grazie alle reti di Thiago Ribeiro al 21’, Pinilla al 34’, e Ibarbo dopo 4 minuti della ripresa. Catania meno brillante del solito; Cagliari col coltello tra i denti. Tra gli etnei, Terracciano non poteva mancare all’appello dei portieri rossoazzurri che in questa stagione hanno commesso errori clamorosi: i tanti portieri rossoazzurri che si sono avvicendati tra i pali del Catania. Andujar, Campagnolo, Kosicky e Carrizo. La compagine di Vincenzo Montella paga anche la scarsa vena di Bergessio in attacco: l’argentino si è “pappato” due incredibili occasioni da rete.

A Bergamo ricordato Piermario Morosini. Vittoria meritata per l’Atalanta che contro il Chievo ha giocato con cuore e generosità. Su tutti: Schelotto e Moralez (foto). Quest’ultimo, al di là della straordinaria prova, centra anche il gol partita al 27’ del secondo tempo con un gran tiro dalla distanza. Per la prima volta, lo stadio “Atleti Azzurri d'Italia” ha ospitato una partita con una curva intitolata a Piermario Morosini, bergamasco. Osservato un minuto di silenzio in memoria del giocatore del Livorno morto in campo il 14 aprile scorso. In sottofondo, le note di Elvis. Colantuono alla fine deve rinunciare a Bellini e nella difesa a 4 dell'Atalanta c'è Raimondi. Di Carlo ridisegna il Chievo con un 4-3-1-2, con Vacek, Rigoni e Bradley a centrocampo: Hetemaj va in panchina. Cruzado trequartista dietro Théréau e Pellissier. Finisce 1-0 per l’Atalanta ed è giusto così.

La classifica dopo 34 giornate

Juventus 74; Milan 71; Lazio 55; Napoli 54; Udinese e Inter 52; Roma 50; Catania 46; Parma 44; Atalanta (-6), Chievo e Siena 43; Bologna 42; Cagliari, Fiorentina e Palermo 41; Genoa 36, Lecce 35; Novara 28; Cesena 22.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014