ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

RIFORMA DEL LAVORO

A tu per tu all'Alenia

Fornero e lavoratori

Confronto serrato ma costruttivo promosso dalla Fiom. Contestazioni

 Un ministro viene invitato da oltre mille lavoratori di una grande azienda a confrontarsi in fabbrica con loro su una riforma del mercato del lavoro presentata in parlamento dal governo; un sindacato, il più battagliero del settore metalmeccanico, la Fiom, avalla l'iniziativa ritenendola giusta ed opportuna. Ebbene, la segretaria della Cgil storce la bocca, gli altri sindacati si irritano e invitano i loro iscritti a disertare l'incontro, altri addirittura manifestano davanti alla fabbrica. Ma l'assemblea si è svolta con un confronto serrato ma civile durato due ore. E' accaduto all'Alenia di Torino. Il ministro è Elsa Fornero. Vale la pena di farne la cronaca, anche se sommaria.

ESODATI_mappa"Non è la riforma perfetta, lo sappiamo. Ma per noi è quella giusta. Lavorerò con il Parlamento da oggi pomeriggio perché la riforma venga approvata in tempi brevi", dice il ministro Fornero. "La riforma - aggiunge - non guarda a 'qualcuno', siano le imprese siano i lavoratori. Si propone di guardare al futuro del Paese e di restituirgli il futuro per fargli rimettere in moto l'economia, per fare in modo che ci sia più lavoro per i giovani, tutele per tutti e non limitate a pochi". "Sulla flessibilità in uscita, cioè la materia dell'articolo 18, la soluzione che abbiamo dato è quella che riteniamo equilibrata", spiega il ministro ricordando "che non è piaciuta alle imprese né a una parte del sindacato". Ma, ha precisato, "il compito del governo era trovare una soluzione equilibrata in vista di permettere alle imprese di non considerare più il dogma: assumo e non posso più licenziare". Quanto alla riforma delle pensioni "è severa? Certo che sì. Sono 20 anni che si fanno riforme delle pensioni e tutte le volte c'era un motivo per bloccarla perché erano graduali. Questa è stata una botta. Lo ammetto. Ma quando il malato è grave, non ci sono alternative", dice il ministro, consapevole di poter avere anche dure reazioni. Gli interventi sul fronte previdenziale la Fornero li definisce "lo sforzo più recidivo che sia stato fatto per ripristinare un equilibrio tra le generazioni". "Ci siamo trovati con una crisi finanziaria che significava essere di punto in bianco senza la possibilità di pagare le pensioni". Anche all'Alenia ci sono gli "esodati" e sono molti. "Faremo una ricognizione", dice la Fornero. Ma, spiega, "non credo che i dipendenti di Alenia rientrino tra i 65mila già calcolati perché questi comprendono quelli che sono già fuori. Per gli altri servono nuovi provvedimenti".

Elsa Fornero termina tra gli applausi degli operai presenti. E' un applauso di cortesia ma non ha convinto gli operai, dice Giorgio Arnaudo, uno dei segretari nazionali della Fiom, che ha sostenuto l'iniziativa di incontrare il ministro. ''Siamo usciti da questa assemblea con una convinzione precisa, non rinunciare a tentare di far cambiare idea a questo ministro e a questo governo - aggiunge Airaudo - Pensiamo che serva uno sciopero generale, che bisogna bloccare tutto il Paese perché non possono pagare solo i lavoratori''.

 In apertura di assemblea un delegato ha consegnato ufficialmente al ministro Fornero la lettera di invito a partecipare all'incontro con le firme di oltre un migliaio di lavoratori. Davanti ai cancelli dello stabilimento c'era un presidio promosso da Fim, Fismic, Ugl e Associazione Quadri, per protestare contro l'incontro. E cartelli di questo tenore: "Fornero, la riforma non va spiegata ma cambiata", "Ci faccia la cortesia, prenda ripetizioni sul lavoro". ''Giudichiamo la decisione del ministro Fornero inopportuna e abbiamo promosso questa protesta perché non vogliamo delegare la rappresentanza dei lavoratori al ministro'', dice il segretario della Fim torinese, Claudio Chiarle. E insiste: "Pensiamo che il posto del ministro sia a Roma a discutere con Cgil, Cisl e Uil anziché partecipare a iniziative che dividono il mondo sindacale. Aderire alla richiesta di una singola categoria pone problemi nel difficile percorso di unità sindacale che Cgil, Cisl e Uil stanno provando a costruire''.

Alla fine ciascuno tenta di mantenere il ruolo e lo spazio che si è dato, al di là dei contenuti, rifiutandosi di guardare oltre il proprio orto, come invece hanno tentato di fare i mille lavoratori dell'Alenia e, con loro, un ministro di questa repubblica.

Luca Della Monica

Commenti  

 
0 #1 giuseppeciferri 2012-04-24 10:00
:lol:Quei mille lavoratori non riuscivano più a leggere il pensiero di chi li ha sempre rappresentati. il pensiero che le problematiche tra le aziende e i lavoratori,oltr e alle oggettive difficoltà,veni vano dilatate dai rappresentanti di settore, spesso per porre un proprio "scranno parassitario" nel punto più devastante: cioè tra la convergenza delle necessità vitali di lavoratori e aziende.
A mio modesto parere,parlare, pubblicizzare, come evento particolare questo incontro tra lavoratori di settori diversi entrambi orientati alla produzione,appa re come l'ennesima zeppa classista che si vuol mettere in scena come alimento per chi vive perpetuando etichette culturali e di appartenenza,re taggio che grazie al cielo si sta allontanando: la civiltà è più vicina, si parla tra uomini che fanno mestieri diversi. complimenti a tutti. non spacciamolo come evento,anche questa è retribuzione......
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014