ORA DI PUNTA

Respingere

il ricatto

di Renzi

di Ennio Simeone

Con la compiacente accoglienza di Lilli Gruber e il flaccido fiancheggiamento di Marcello Sorgi, Matteo Renzi ha lanciato nuovamente, dalla tribuna televisiva di "Otto e mezzo" su La7, il suo ricatto sulla legge elettorale: se l’Italicum non passa, ha detto, il governo va a casa e quindi - questo il messaggio ricattatorio - vanno a casa anche i parlamentari. E’ come se avesse posto già il voto di fiducia. Un comportamento scandaloso che il presidente della Repubblica - se vuol tener fede a quanto affermò all’atto del suo insediamento al Quirinale - non può lasciar passare. Un comportamento ancor più scandaloso perché in assoluto contrasto con quanto lo stesso Renzi affermò un anno fa, e cioè che la legge elettorale va cambiata con il più largo consenso e che non la si può imporre. Anche perché non sono i governi che fanno le leggi elettorali ma il parlamento. Questo è un principio che è stato recentemente ribadito da Enrico Letta, ma Renzi non glielo perdona, perciò lo attacca direttamente lui  e lo fa attaccare dall’ambasciatrice del Pd presso Verdini, cioè la ministra Maria Elena Boschi. Come attacca e fa attaccare Romano Prodi, colpevole di aver detto a chiare lettere che tra Renzi e Letta la sua preferenza va al secondo per la sua serietà. 

Purtroppo il ricatto funziona se è vero, come fanno notare alcuni osservatori,  che il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capo presunto dei “riformisti” del Pd, si orienterebbe a ritirare le sue dimissioni e, in nome di non si sa qual senso di responsabilità, a votare la fiducia sulla al governo legge elettorale, pur non condividendola. Un atto che metterebbe nelle mani del capo del governo uno strumento di ricatto permanente per i prossimi tre anni e gli conferirebbe un potere pericoloso. E’ il momento di capire che al ricatto si può rispondere in un solo modo: respingendolo con fermezza perché è l’unico modo per costringere Renzi a cambiare rotta o, in alternativa, a togliere il disturbo. E sarebbe il male minore per l’Italia rispetto alla sua pericolosa ulteriore permanenza, con i poteri attuali, a Palazzo Chigi e, contemporaneamente, nel palazzo di via del Nazareno. Meglio una crisi di governo che una crisi della democrazia.

 

  Venerdì 24 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Carenza politica e strategica europea difronte alla catastrofe *...
La Cina vuole un ruolo maggiore nelle istituzioni...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA Monti: crescita dopo il 2013


Il pareggio si allontana

Riforme_e_crescitaSmentite comunque le previsioni pessimistiche del Fondo europeo. Sulle frequenze tv volgare attacco di Cicchitto a Passera. Intanto via libera dalla Camera al decreto fiscale. E domani l'Udc cambia look

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Documento di Economia e Finanza (Def) 2012 - il secondo presentato dall'Italia nel quadro del ''Semestre Europeo'' di coordinamento delle politiche macroeconomiche e di bilancio - di cui fanno parte il Programma Nazionale di Riforma 2012 (PNR), il Programma di Stabilità (PdS) e il Documento di analisi e tendenze della finanza pubblica. E' quanto si legge nel comunicato di Palazzo Chigi. Il Def prevede che il debito pubblico - al netto dei prestiti diretti alla Grecia e della quota di pertinenza al Efsf e al capitale del Esm - scenderà dal 120,3% nel 2012 al 110,8% nel 2015. Il governo stima che il Pil nel 2012 si contrarrà di 1,2% per tornare positivo nel 2013 (+0,5%) e accelerare ulteriormente nel biennio successivo (1,0 e 1,2 rispettivamente). Nel 2013, spiega il comunicato di Palazzo Chigi, l'Italia dovrebbe raggiungere una posizione di bilancio in valore nominale di -0,5% del Prodotto interno lordo. Nella nota si legge poi che nel Piano nazionale di riforme per il 2012 ''resta essenziale la prosecuzione del risanamento dei conti pubblici, in particolare attraverso la spending review e il rafforzamento della lotta all'evasione fiscale''. Nel frattempo alla Cameraè arrivato il via libera  al decreto fiscale, dopo che il governo questa mattina aveva incassato la fiducia di Montecitorio sullo stesso testo. I voti a favore sono stati 445, i contrari 69, le astensioni 14. Il provvedimento passa ora all'esame del Senato per l'ok definitivo. Il decreto deve essere convertito in legge entro il primo maggio, pena la decadenza.

CRESCITA NEL 2013. ''Sul piano interno la crescita non tornerà fino al 2013'' è l'indicazione arrivata dal premier Mario Monti nella relazione che ha accompagnato la bozza del Def. ''Il disagio occupazionale tocca direttamente o indirettamente quasi la metà delle famiglie italiane. E' necessario agire con determinazione per completare la sequenza di riforme e mettere il Paese in grado di ripartire contribuendo attivamente a far tornare la ripresa economica", scrive Monti. Nella relazione si legge inoltre che ''in futuro i proventi della lotta all'evasione fiscale dovranno essere utilizzati anche per ridurre le aliquote fiscali''. Quanto alla crisi, il premier ha spiegato che se finora ''è stato evitato uno shock distruttivo'', adesso "non è possibile aspettare che la tempesta passi e la parentesi si chiuda". Perché "la crisi che viviamo dal 2008 può avere un impatto duraturo''. Poi, nel corso della conferenza stampa, ha sottolineato: ''Vediamo ogni giorno gli effetti drammatici di crisi che si prolunga da quattro anni, che sta imponendo un prezzo altissimo alle famiglie, ai giovani, ai lavoratori e alle imprese che chiudono''. ''Qualche volta - ha aggiunto - alcune vite che si chiudono nella disperazione. Sappiamo però quale sarebbe stata la disperazione se l'Italia fosse caduta nel baratro del fallimento e del default del suo debito sovrano". E, secondo Monti, "anche la qualità delle relazioni tra le persone è un fattore di crescita su cui bisogna lavorare, per esempio contrastando la corruzione, il lavoro nero, l'evasione fiscale''.

Il raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2013 è "una meta ambiziosa" ha detto il presidente del Consiglio nel corso del suo intervento. Il professore ha anche evidenziato che "il compito di questo ristabilimento di un'Italia capace di crescere è appena cominciato. Abbiamo voluto evitare, e ci battiamo ogni giorno per continuare ad evitare, un drammatico destino come quello della Grecia". "Siamo un governo breve chiamato a svolgere un compito lunghissimo" e "se le forze politiche che sostengono il governo, con grande senso di responsabilità, dovessero condividere questa piattaforma triennale e farla propria, in tutto o in parte - sono state le parole di Monti - sarebbe un punto importante e una leva di fiducia nel lungo periodo nei confronti dell'Italia".

I partiti sono stati uno dei temi affrontati dal premier. "Per un'Italia ormai indirizzata nel senso che tutti vorremmo, occorre la riforma della politica, della governance del Paese - ha osservato - Quindi quei cantieri ai quali finora i partiti hanno messo il loro impegno dialogando tra loro (la riforma elettorale, la riduzione del numero dei parlamentari, la riforma del finanziamento dei partiti, ecc) sono temi nei quali è primaria la responsabilità dei partiti, ma non pensino i partiti che questi temi siano cosa diversa, separata e irrilevante dai temi del recupero di credibilità del Paese".

In conferenza stampa il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, ha detto che il governo sta mettendo in campo ''opere per 70-80 miliardi, per un investimento annuo pari al 20%'' e che dalle banche è arrivata la disponibilità ad anticipare miliardi di debiti della Pubblica amministrazione. Nei prossimi giorni ''incontreremo il sistema bancario, siamo convinti che ci sia una disponibilità per anticipare qualcosa intorno ai 20-30 miliardi'' ha affermato Passera. Quanto ai carburanti, ''è verosimile che quando si parlerà di sgravi si valuterà se tornare parzialmente indietro'' rispetto all'incremento delle accise.

Passera ha parlato anche dell'emendamento che introduce l'asta per le frequenze. ''E' stato per parecchie ore a disposizione di tutti e poi consegnato in commissione Finanze. La chiarificazione nel testo non impedisce in alcun modo di partecipare alla gara'', ha precisato il ministro per lo Sviluppo economico. Passera su questo argomento è stato pesantemente e volgarmente attaccato dal capogruppo del Pdl alla Camera, Cicchitto, che lo ha definito "ministro mediocre", tanto che Berlusconi ha ritenuto prudente rinviare il pranzo fissato con Monti.

UDC DOMANI AZZERA VERTICI -  La 'novita' per il Terzo Polo annunciata da Pierferdinando Casini è la ''riorganizzazione del partito'' che il segretario Udc Lorenzo Cesa annuncerà domani, nella riunione della Costituente presieduta da Savino Pezzotta. Di fatto, l'azzeramento dei vertici e l'avvio di una struttura snella in vista della nascita del Partito della Nazione.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015