ORA DI PUNTA

Dal "cambio

di passo" al "passo

dopo passo"

di Nuccio Fava

Ci ritroviamo in un clima internazionale  che, se guardiano all’Ucraina, è peggiore di quello degli ultimi anni della guerra fredda, quasi non ci fosse stato il crollo dell’impero sovietico. Si era superficialmente parlato di fine della storia, che ha invece bisogno di più tempo per essere davvero umanizzata e metabolizzata con mutamenti culturali e civili profondi. All’Europa spetta un ruolo strategico in ogni direzione. Dovrebbe essere il capo del nostro governo, presidente europeo di turno, a farsene deciso promotore già al vertice di Bruxelles. Il consiglio dei ministri definito “storico” per caratterizzarlo come avvio dell’orizzonte dei 1000 giorni abbondantemente annunciato da Renzi ha avuto un andamento per certi versi singolare. L’ordine del  giorno è stato abbondantemente prosciugato, dopo l’incontro di Renzi con il presidente Napolitano ed una serie di contatti preparatori fino alla tarda mattinata. Resta in piedi il provvedimento sblocca Italia, fantasioso per giornali e tv, ma frutto essenzialmente della utilizzazione intelligente di fondi già disponibili, compresi quelli europei gestiti in modo pessimo. Nulla si conosce però del piano di lavoro e di iniziative significative per le imprese, punti fondamentali per quella ripresa che purtroppo segna la fiacca come i dati sui consumi dimostrano.

 Renzi naturalmente non ha resistito ai colpi di scena prima facendo un giro con un gelato in mano nel cortile di palazzo Chigi e presentandosi subito dopo all’incontro con i giornalisti. Con la solita verve e brillantezza, tornando a usare le slide, ha difeso la misura degli ottanta euro ribadendo che sarà proseguita ed allargata già dal 2015. Ha ribadito l’orizzonte dei 1000 giorni e indicato come metodo di lavoro “passo dopo passo” che rappresenta un radicale cambio di metodo rispetto all'impetuosità seguita sinora. La decisione più importante riguarda la riforma della giustizia che arriva però frammentata nonostante il lavoro del ministro Orlando. L’Italia rispetterà i suoi impegni con l’Europa richiamando tutti i Paesi a valorizzare la crescita e le riforme, confermando la sintonia con Draghi. Scarsi o nulli i riferimenti all’impegnativo e preoccupante quadro internazionale, anche se Renzi dà appuntamento con una nuova conferenza stampa (la seconda in 48 ore!) per oggi pomeriggio, dopo il vertice europeo. Non si smentisce mai e l’ennesimo show davanti alle telecamere si spera possa in qualche misura rassicurare gli italiani che di fiducia non ne hanno troppa se addirittura risparmiano sull’acquisto dei generi di prima necessità.

  Lunedì 01 Settembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Il tentativo di un "Mare nostrum" alla californiana *...
Banche centrali: nulla di nuovo sotto il cielo *...
  L'import-export in passivo che mortifica il nostro campionato *Dal...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

RICERCA EURES Quello che le cronache di questi giorni non dicono


LE VERE CIFRE DEI SUICIDI

Suicidi_imprenditoriNon è un fenomeno di oggi: c'è stato un crescendo dal 2008 al 2010 (quando si è arrivati a 362 casi riconducibili alla disoccupazione o alle difficoltà d'impresa). Gli indici più alti tra gli uomini e nelle regioni del Nord

di Romano Lusi

Le cronache in questi giorni raccontano purtroppo con crescente frequenza di piccoli imprenditori in difficoltà o di disoccupati e persone rimaste senza lavoro che decidono di togliersi la vita in preda alla disperazione. A parte il fatto che in parecchi casi le motivazioni che hanno spinto al tragico gesto sono più d'una (sovente di natura familiare), sommandosi l'una all'altra nel determinare lo sconforto e il gesto estremo, emerge da una ricerca dell'Eures che il fenomeno ha fatto registrare anche negli anni scorsi indici purtroppo molto elevati, anche se le cronache di giornali, tv e reti internet - in passato più prudenti nel trattare dei suicidi - non li hanno segnalati. E vediamo che cosa ci dice il Secondo Rapporto dell'Eures ("Il suicidio in Italia al tempo della crisi"). Nel 2009 i suicidi riconducibili alla perdita del lavoro o della propria attività sono stati 357, nel 2010 ancora di più: 362 con una forte impennata rispetto alla media annua del triennio precedente, quando erano stati 270.

La fredda aridità delle statistiche dice inoltre che a livello territoriale, al di là delle ragioni più strettamente legate al lavoro, è il Centro-Nord a detenere il triste scettro dei casi di suicidio in genere, con la Lombardia al primo posto, con un  netto primato tra gli uomini. Il numero dei suicidi tra i lavoratori disoccupati tra il 2008 e il 2010 si attesta complessivamente al 39,2% del totale, salendo poi al 44,7%. Considerando la sola componente maschile, l'aumento appare ancora più preoccupante (da 213 casi nel 2008 a 303 nel 2009, a 310 nel 2010), attestandosi a +45,5% tra il 2008 e il 2010, "confermando così - sostengono gli analisti - la centralità della variabile occupazionale nella definizione dell'identità e del ruolo sociale degli uomini". Ma la crisi si fa sentire soprattutto sui cosiddetti esodati (categoria non creata dunque sotto il governo in carica), vale a dire tra coloro che hanno tra i 45 e i 64 anni, con un incremento nel 2010 del 12,6% rispetto al 2009 e del 16,8% rispetto al 2008.

Ma la disoccupazione, informa l'Eures, è anche alla base dei suicidi nelle fasce di età tra 45 e i 54 anni, aumentati nel 2010 del 13,3% rispetto al 2009, e in quella 55-64 anni (+10,5%); il tutto a fronte di una crescita complessiva dell'8,1%. Tuttavia, come confermano anche le cronache di queste ultime settimane, a sentire il fiato sul collo della gelata economica sono anche gli artigiani e i commercianti. E secondo l'Eures nel 2010 ben 336 tra questi hanno deciso di farla finita (contro i 343 del 2009). Lo studio definisce "molto alto il rischio suicidario" in questo ambito: in particolare nel 2010 si sono contate 192 vittime tra i lavoratori in proprio (artigiani e commercianti) e 144 tra gli imprenditori e i liberi professionisti (151 nel 2009), nel 90% dei casi uomini.

Secondo la ricerca dell'Eures sono aumentati nel 2010 i suicidi nelle regioni del Centro-Nord; ma a livello territoriale - come si è detto - il primato se l'é aggiudicato la Lombardia (con 496 casi, +3% rispetto al 2009), seguita dal Veneto (320, pari al 10,5% del totale, con un aumento del 16,4% sul 2009) e l'Emilia Romagna (278, 9,1%). Più della metà dei suicidi censiti in Italia si verifica in una regione del Nord (1.628 casi nel 2010, pari al 53,4% del totale), a fronte del 20,5% al Centro (624 casi) e del 26,1% al Sud (796 casi). Anche in termini relativi il Nord conferma i valori più alti, con 5,9 suicidi ogni 100 mila abitanti, contro i 5,3 del Centro e dei 3,8 del Sud. Ma è il Centro Italia a registrare nel 2010 la crescita più consistente, con un +11,2% sul 2009, che sale a +27,3% nel Lazio, con 266 suicidi.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

DON CIOTTI: "La lotta alla mafia
è atto di fedeltà al Vangelo"1 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

EUROPEI DI NUOTO: L'ORO DELLA PELLEGRINI NEI 200 SL23 AGOSTO 2014