ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

mafai_miriam_002_jpg_tfzuLA RAGAZZA ROSSAUn'immensa folla ha partecipato oggi ai funerali della "ragazza rossa". La cerimonia si è svolta nella Promoteca del Campidoglio. Numerosi i colleghi, il mondo delle istituzioni, ma tantissimi i semplici cittadini che hanno assistito all'ultimo saluto a Miriam Mafai.  Oltre al fondatore e al direttore di Repubblica, Eugenio Scalfari ed Ezio Mauro, hanno assistito tantissimi colleghi e amici e poi il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, l'ex presidente del Consiglio, Giuliano Amato, l'ex sindaco di Roma, Walter Veltroni, l'ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta. E ancora il vicepresidente del Senato, Emma Bonino, il giornalista Enrico Mentana, Franco Marcoaldi e Claudia Mancina.

"In questi giorni - ha detto la figlia di Miriam Mafai, Sara, nel corso della cerimonia - sono state scritte cose bellissime su mia madre, che è stata una grande donna nella vita e nella morte, e anche una donna divertente. La stampa ha parlato molto della sua risata forte e sferzante, ma mia madre è stata anche una donna nascostamente romantica: sentimentale mai, ma romantica sì. Grazie a lei - ha proseguito Sara - io conosco ogni angolo di Roma, da Monteverde a piazza Bologna, da Trastevere a San Lorenzo. A dispetto di un'eccessiva concretezza, Miriam amava la poesia: trascriveva su diversi taccuini citazioni di alcuni poeti, come Giuseppe Gioacchino Belli. È stata una donna generosa e che non conosceva l'invidia. Buon viaggio mamma...". È intervenuto anche il figlio della Mafai, Luciano.

Una perdita per il giornalismo

per la cultura e per la politica

Il giornalismo, la cultura e la politica hanno perduto una delle figure più brillanti, più vivaci e più acute dell'Italia uscita dal fascismo: è morta a Roma, all'età di 86 anni, Miriam Mafai. Ancora qualche mese fa, nonostante avesse dovuto interrompere per motivi di salute la sua attività di editorialista di Repubblica, dopo esserne stata inviata speciale, era stata invitata in trasmissioni televisive per dire la sua opinione, per portare il contributo delle sue conoscenze e delle sue esperienze sugli argomenti di attualità o sulla storia dell'Italia moderna. Figlia del pittore Mario Mafai, era nata a Firenze il 2 febbraio 1926.

Giovanissima aveva partecipato alla Resistenza antifascista entrando poi nelle file del Pci e dedicandosi immediatamente all'impegno politico militante, soprattutto nel movimento per l'emancipazione femminile. Questa attività la portò a Pescara, dove dal 1951 al 1956 fu assessore al Comune. Qui sposò Umberto Scalia, segretario regionale del Pci. Poi fu assorbita dall'attività giornalistica: andò a lavorare al settimanale "Vie Nuove" (allora diretto da Luigi Longo, vice segretario, poi segretario, del Pci) che nel '57 la inviò come corrispondente a Parigi, città di cui era originaria la madre.

Mafai_e_PajettaNel 1960 passò all'Unità come redattore parlamentare. E iniziò la sua lunga convivenza (che fu anche sodalizio politico) con Gian Carlo Pajetta, uno dei massimi e più brillanti dirigenti nella storia del Pci (foto a lato). Nominata nel 1965 direttore del settimanale "Noi Donne", vi rimase fino al 1970, quando passò a "Paese Sera" con il ruolo di inviato speciale, nel quale esordì raccontando la "rivolta di Reggio Calabria" per il titolo di capoluogo della Regione.

Chiamata da Eugenio Scalfari a far parte nel febbraio '76 della squadra di giornalisti che parteciparono alla fondazione e poi al successo editoriale di "Repubblica", Miriam Mafai ricoprì dal 1983 al 1986 la carica di presidente della Federazione nazionale della stampa senza tuttavia mai interrompere la sua attività di penetrante cronista e commentatrice della realtà italiana. (Nella foto a destra l'omaggio del presidente  Napolitano e della signora Clio alla salma).

Napolitano_camera_ard._MafaiUna nuova parentesi di attività politica se la concesse partecipando alla vita parlamentare nella veste di deputato nelle file del Pds, ma continuando instancabilmente a scrivere, non solo per i giornali: è stata autrice di libri che hanno lasciato il segno nell'approfondimento critico, libero, disincantato, del costume e della politica italiana, tra cui "Pane nero. Donne e vita quotidiana nella seconda guerra mondiale" (Mondadori), "Botteghe oscure, addio. Com'eravamo comunisti" (Mondadori), "Dimenticare Berlinguer. La sinistra italiana e la tradizione comunista" (Donzelli).

Ecco perché tanta commozione, tanta partecipazione, tanto dolore per la sua scomparsa.

Ennio Simeone

La Fnsi. "La morte di Miriam Mafai è un immenso lutto per il giornalismo italiano e per il sindacato unitario dei giornalisti, la Fnsi, di cui è stata la prima giornalista donna chiamata a essere presidente (1983-1986)": così la Federazione nazionale della stampa ricorda Miriam Mafai


Commenti  

 
0 #1 fatuzzo paolo 2012-04-09 20:25
una grande donna, partigiana e comunista.
ci mancherai
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014