ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO-SERIE A Turno infrasettimanale: 32° giornata

Scudetto, il Milan batte un colpo

Una rete di Muntari consente al Milan di battere il Chievo

muntaridi Fabio Camillacci

Verona stavolta per il Milan non è "fatal": controsorpasso rossonero alla Vecchia Signora riuscito. Almeno fino a domani sera, quando la Juventus proverà a rispondere contro la Lazio a Torino. Al "Bentegodi", l'anticipo del 32° turno Chievo-Milan finisce 1-0 per la squadra di Massimiliano Allegri. Decide Sulley Muntari all'8' con un gran tiro di sinistro da 30 metri. Palla all'incrocio dei pali, alla destra del portiere Sorrentino (nella foto Muntari esulta con Ibrahimovic). "Giustizia è fatta, parzialmente; ha segnato Muntari", mormora qualcuno in casa Milan ripensando al "gol-fantasma" del ghanese in Milan-Juve (con palla che oltrepassa nettamente la linea di porta). Un lampo nel buio quello di Muntari, in un primo tempo in cui il Chievo crea due seri pericoli per la porta difesa da Abbiati.Una rete che i rossoneri rimaneggiatissimi difendono con le unghie e con i denti, come una provinciale. Una vittoria molto più sofferta del previsto, ma tre punti fondamentali nella corsa al titolo. Adesso il Milan ha nuovamente due lunghezze di vantaggio sulla Juve.

Le partite del mercoledi, fischio d'inizio alle 20.45

Roma-Udinese
Catania-Lecce
Fiorentina-Palermo
Genoa-Cesena
Inter-Siena
Napoli-Atalanta
Parma-Novara

Giovedi alle 20.45 Bologna-Cagliari

31° giornata, il film del campionato. La Juventus mette la freccia e sorpassa il Milan. La Vecchia Signora, nel primo posticipo della 31° giornata, vince 2-0 a Palermo e torna in testa alla classifica con un punto di vantaggio sui rossoneri. Contro i rosanero rimaneggiati, la squadra di Antonio Conte fa la partita fin dall’inizio ma sbatte contro il muro alzato da Bortolo Mutti. Nella ripresa punteggio sbloccato al 55’ da Bonucci che di testa su corner di Pirlo infila Viviano. Al 69’ Quagliarella con un sinistro angolato chiude il conto. La Juventus resta così imbattuta.

Caduta Milan. Nel pomeriggio sorpresa amara nell'uovo di Pasqua del Milan, anzi sorpresa Amauri. L'attaccante italo-brasiliano all'89' gela il "Meazza" e fa un regalo a se stesso (non segnava dal 23 aprile dell'anno scorso), alla Fiorentina (che respira in chiave lotta salvezza) e alla sua ex squadra, la Juventus. Sulla rete di Amauri gravissimo errore di Mexes. A San Siro finisce 2-1 per i gigliati. Dunque, settimana da tregenda per i rossoneri: dopo l'eliminazione dalla Champions League, scudetto a rischio. E dire che la squadra di Allegri era passata in vantaggio al 31' grazie ad un calcio di rigore trasformato da Ibrahimovic e concesso dall'arbitro Celi per un fallo di Nastasic su Maxi Lopez (23° sigillo per Ibra, capocannoniere con 23 reti). Al 2' della ripresa il pareggio di Jovetic in contropiede: difesa milanista in tilt, Abate sbaglia la tattica del fuorigioco salendo in ritardo e il montenegrino realizza. Ritorno in campo per Antonio Cassano dopo il piccolo intervento al cuore: "fantantonio" è entrato all'84' al posto di Zambrotta.

Nella lotta per il terzo posto, l'Udinese al "Friuli" batte 3-1 il Parma: doppietta di Asamoah e strepitoso gol di Di Natale (20° rete). A Trieste (lo stadio "Sant'Elia" è inagibile causa lavori) Cagliari-Inter 2-2. La Roma crolla incredibilmente a Lecce, 4-2 per i salentini di Cosmi, terz'ultimi ma ora a 4 punti da Genoa e Parma, quart'ultime. Grifoni fermati sull'1-1 a Novara; non porta frutti il cambio in panchina col ritorno di Malesani al posto dell'esonerato Marino. Genoa contestato duramente dai tifosi rossoblu. I liguri hanno la difesa più battuta della serie A. Sempre in chiave lotta per non retrocedere, preziosa vittoria del Siena che in "zona Cesarini" espugna il campo dell'Atalanta.  Il Chievo interrompe la serie positiva del Catania: 3-2. Gli etnei si fermano dopo 8 risultati utili consecutivi ma pagano l'espulsione di Spolli dopo 19 minuti di gioco. Squallido 0-0 nel derby emiliano-romagnolo Cesena-Bologna. Nel posticipo serale Lazio-Napoli 3-1 con i biancocelesti che tornano terzi in solitudine a +3 sull’Udinese e a +6 sui partenopei. Botta e risposta nel primo tempo: vantaggio laziale con Candreva (in passato fischiato dai tifosi per le sue simpatie romaniste), pareggio di Pandev su grande giocata di Lavezzi. Primi 45 minuti equilibrati. Nella ripresa parte bene il Napoli, poi sale in cattedra la Lazio che si prende i tre punti grazie alle reti di Mauri (autentico capolavoro in sforbiciata) e di Ledesma su rigore concesso dall’arbitro Mazzoleni per fallo di Britos su Rocchi. Una vittoria dedicata a Giorgio Chinaglia ricordato con commozione prima del match.

La classifica

Juventus 65, Milan 64, Lazio 54, Udinese 51, Napoli 48, Roma 47, Inter 45, Catania 43, Chievo 42, Siena e Palermo 39, Cagliari 38, Atalanta e Bologna 37, Fiorentina 36, Parma e Genoa 35, Lecce 31, Novara 25, Cesena 20.  

  

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014