ORA DI PUNTA

Respingere

il ricatto

di Renzi

di Ennio Simeone

Con la compiacente accoglienza di Lilli Gruber e il flaccido fiancheggiamento di Marcello Sorgi, Matteo Renzi ha lanciato nuovamente, dalla tribuna televisiva di "Otto e mezzo" su La7, il suo ricatto sulla legge elettorale: se l’Italicum non passa, ha detto, il governo va a casa e quindi - questo il messaggio ricattatorio - vanno a casa anche i parlamentari. E’ come se avesse posto già il voto di fiducia. Un comportamento scandaloso che il presidente della Repubblica - se vuol tener fede a quanto affermò all’atto del suo insediamento al Quirinale - non può lasciar passare. Un comportamento ancor più scandaloso perché in assoluto contrasto con quanto lo stesso Renzi affermò un anno fa, e cioè che la legge elettorale va cambiata con il più largo consenso e che non la si può imporre. Anche perché non sono i governi che fanno le leggi elettorali ma il parlamento. Questo è un principio che è stato recentemente ribadito da Enrico Letta, ma Renzi non glielo perdona, perciò lo attacca direttamente lui  e lo fa attaccare dall’ambasciatrice del Pd presso Verdini, cioè la ministra Maria Elena Boschi. Come attacca e fa attaccare Romano Prodi, colpevole di aver detto a chiare lettere che tra Renzi e Letta la sua preferenza va al secondo per la sua serietà. 

Purtroppo il ricatto funziona se è vero, come fanno notare alcuni osservatori,  che il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capo presunto dei “riformisti” del Pd, si orienterebbe a ritirare le sue dimissioni e, in nome di non si sa qual senso di responsabilità, a votare la fiducia sulla al governo legge elettorale, pur non condividendola. Un atto che metterebbe nelle mani del capo del governo uno strumento di ricatto permanente per i prossimi tre anni e gli conferirebbe un potere pericoloso. E’ il momento di capire che al ricatto si può rispondere in un solo modo: respingendolo con fermezza perché è l’unico modo per costringere Renzi a cambiare rotta o, in alternativa, a togliere il disturbo. E sarebbe il male minore per l’Italia rispetto alla sua pericolosa ulteriore permanenza, con i poteri attuali, a Palazzo Chigi e, contemporaneamente, nel palazzo di via del Nazareno. Meglio una crisi di governo che una crisi della democrazia.

 

  Venerdì 24 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Carenza politica e strategica europea difronte alla catastrofe *...
La Cina vuole un ruolo maggiore nelle istituzioni...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO-SERIE A Turno infrasettimanale: 32° giornata

Scudetto, il Milan batte un colpo

Una rete di Muntari consente al Milan di battere il Chievo

muntaridi Fabio Camillacci

Verona stavolta per il Milan non è "fatal": controsorpasso rossonero alla Vecchia Signora riuscito. Almeno fino a domani sera, quando la Juventus proverà a rispondere contro la Lazio a Torino. Al "Bentegodi", l'anticipo del 32° turno Chievo-Milan finisce 1-0 per la squadra di Massimiliano Allegri. Decide Sulley Muntari all'8' con un gran tiro di sinistro da 30 metri. Palla all'incrocio dei pali, alla destra del portiere Sorrentino (nella foto Muntari esulta con Ibrahimovic). "Giustizia è fatta, parzialmente; ha segnato Muntari", mormora qualcuno in casa Milan ripensando al "gol-fantasma" del ghanese in Milan-Juve (con palla che oltrepassa nettamente la linea di porta). Un lampo nel buio quello di Muntari, in un primo tempo in cui il Chievo crea due seri pericoli per la porta difesa da Abbiati.Una rete che i rossoneri rimaneggiatissimi difendono con le unghie e con i denti, come una provinciale. Una vittoria molto più sofferta del previsto, ma tre punti fondamentali nella corsa al titolo. Adesso il Milan ha nuovamente due lunghezze di vantaggio sulla Juve.

Le partite del mercoledi, fischio d'inizio alle 20.45

Roma-Udinese
Catania-Lecce
Fiorentina-Palermo
Genoa-Cesena
Inter-Siena
Napoli-Atalanta
Parma-Novara

Giovedi alle 20.45 Bologna-Cagliari

31° giornata, il film del campionato. La Juventus mette la freccia e sorpassa il Milan. La Vecchia Signora, nel primo posticipo della 31° giornata, vince 2-0 a Palermo e torna in testa alla classifica con un punto di vantaggio sui rossoneri. Contro i rosanero rimaneggiati, la squadra di Antonio Conte fa la partita fin dall’inizio ma sbatte contro il muro alzato da Bortolo Mutti. Nella ripresa punteggio sbloccato al 55’ da Bonucci che di testa su corner di Pirlo infila Viviano. Al 69’ Quagliarella con un sinistro angolato chiude il conto. La Juventus resta così imbattuta.

Caduta Milan. Nel pomeriggio sorpresa amara nell'uovo di Pasqua del Milan, anzi sorpresa Amauri. L'attaccante italo-brasiliano all'89' gela il "Meazza" e fa un regalo a se stesso (non segnava dal 23 aprile dell'anno scorso), alla Fiorentina (che respira in chiave lotta salvezza) e alla sua ex squadra, la Juventus. Sulla rete di Amauri gravissimo errore di Mexes. A San Siro finisce 2-1 per i gigliati. Dunque, settimana da tregenda per i rossoneri: dopo l'eliminazione dalla Champions League, scudetto a rischio. E dire che la squadra di Allegri era passata in vantaggio al 31' grazie ad un calcio di rigore trasformato da Ibrahimovic e concesso dall'arbitro Celi per un fallo di Nastasic su Maxi Lopez (23° sigillo per Ibra, capocannoniere con 23 reti). Al 2' della ripresa il pareggio di Jovetic in contropiede: difesa milanista in tilt, Abate sbaglia la tattica del fuorigioco salendo in ritardo e il montenegrino realizza. Ritorno in campo per Antonio Cassano dopo il piccolo intervento al cuore: "fantantonio" è entrato all'84' al posto di Zambrotta.

Nella lotta per il terzo posto, l'Udinese al "Friuli" batte 3-1 il Parma: doppietta di Asamoah e strepitoso gol di Di Natale (20° rete). A Trieste (lo stadio "Sant'Elia" è inagibile causa lavori) Cagliari-Inter 2-2. La Roma crolla incredibilmente a Lecce, 4-2 per i salentini di Cosmi, terz'ultimi ma ora a 4 punti da Genoa e Parma, quart'ultime. Grifoni fermati sull'1-1 a Novara; non porta frutti il cambio in panchina col ritorno di Malesani al posto dell'esonerato Marino. Genoa contestato duramente dai tifosi rossoblu. I liguri hanno la difesa più battuta della serie A. Sempre in chiave lotta per non retrocedere, preziosa vittoria del Siena che in "zona Cesarini" espugna il campo dell'Atalanta.  Il Chievo interrompe la serie positiva del Catania: 3-2. Gli etnei si fermano dopo 8 risultati utili consecutivi ma pagano l'espulsione di Spolli dopo 19 minuti di gioco. Squallido 0-0 nel derby emiliano-romagnolo Cesena-Bologna. Nel posticipo serale Lazio-Napoli 3-1 con i biancocelesti che tornano terzi in solitudine a +3 sull’Udinese e a +6 sui partenopei. Botta e risposta nel primo tempo: vantaggio laziale con Candreva (in passato fischiato dai tifosi per le sue simpatie romaniste), pareggio di Pandev su grande giocata di Lavezzi. Primi 45 minuti equilibrati. Nella ripresa parte bene il Napoli, poi sale in cattedra la Lazio che si prende i tre punti grazie alle reti di Mauri (autentico capolavoro in sforbiciata) e di Ledesma su rigore concesso dall’arbitro Mazzoleni per fallo di Britos su Rocchi. Una vittoria dedicata a Giorgio Chinaglia ricordato con commozione prima del match.

La classifica

Juventus 65, Milan 64, Lazio 54, Udinese 51, Napoli 48, Roma 47, Inter 45, Catania 43, Chievo 42, Siena e Palermo 39, Cagliari 38, Atalanta e Bologna 37, Fiorentina 36, Parma e Genoa 35, Lecce 31, Novara 25, Cesena 20.  

  

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015