ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Alfiero Grandi

MANOMETTERE L'ART. 18

NON FA BENE ALLO SPREAD

- Un dato merita di essere analizzato attentamente. Il governo ha insistito nell’attacco all’articolo 18 ritenendo che avrebbe contribuito a ridurre lo spread sui titoli pubblici. In realtà l’iniziativa di Monti sull’articolo 18 ha messo a rischio la tenuta stessa del Governo ma non ha contribuito a ridurre ulteriormente lo spread, come il Presidente del Consiglio aveva preannunciato per tentare di giustificare l’iniziativa intrapresa. Forse anche per questo più recentemente la modifica dell’articolo 18 è stata collegata più al bisogno di attrarre investimenti esteri

I tassi del debito pubblico italiano sono diminuiti sui debiti a breve, scontando la credibilità del debito pubblico italiano nel breve periodo dopo la cura da cavallo dei provvedimenti del Governo, diversamente lo spread sui titoli a lungo termine non è diminuito ulteriormente ed è rimasto attorno ai 300 punti.

Come si spiega questa situazione? I mercati finanziari, ormai assurti a punto di riferimento delle iniziative del Governo Monti, apprezzano le misure di contenimento del debito pubblico che hanno efficacia nel breve periodo, ma contemporaneamente manifestano dubbi crescenti sulle potenzialità dell’Italia su un periodo più lungo. Non tanto per ragioni finanziarie ma per questioni di fondo riguardanti le prospettive dell’economia italiana.

Infatti gli analisti finanziari dopo avere preteso le misure di contenimento del debito pubblico ora sottolineano che proprio queste misure peggiorano le prospettive dell’economia  italiana, di cui le notizie sull’aumento della disoccupazione oltre il 9 % e dei fallimenti di imprese sono una drammatica conferma. Purtroppo non c’è ripresa economica all’orizzonte. Politiche restrittive drastiche possono mettere sotto controllo il debito pubblico nel breve periodo, ma poi se non vengono bilanciate da altre iniziative per la crescita, finanziate da interventi sulle classi abbienti, finiscono con il creare un avvitamento nella recessione che porta il debito a crescere in rapporto al Pil e in termini assoluti. Una sottolineatura si potrebbe fare a questo proposito sullo studio della Banca d’Italia che ha affermato che 10 persone hanno la stessa richhezza di 3 milioni di persone.  La ripresa è indispensabile perché è stessa la ragione che porta molti a ritenere che la Grecia non ce la farà, malgrado gli interventi, perché avrà comunque un debito oltre il 120 % del Pil mentre lo stesso sarà pesantemente diminuito con gravi conseguenze sociali.

Senza una politica di sostegno alla ripresa anche l’Italia rischia di trovarsi nella situazione di stallo provocato dalla recessione che porta alla diminuzione del Pil mentre il debito è destinato a crescere comunque. Quindi si sta dimostrando errata anche dal punto di vista del Governo l’insistenza salvifica attribuita ad un intervento sull’articolo 18 perché senza ripresa economica non ci sarà contenimento del debito nel lungo periodo e paradossalmente proprio questo porterà ad avere meno credibilità sui mercati finanziari.

E’ proprio la debolezza della risposta sulla ripresa economica e sull’occupazione che porta a dubbi nel mondo finanziario sulla capacità dell’Italia di farcela.

Certo la ripresa economica non può essere affrontata solo con le forze nazionali. C’è un evidente problema di politiche europee per la ripresa che va affrontato mentre fino ad ora la discussione europea si è concentrata in realtà sul debito e sulle misure di salvataggio dei paesi più colpiti. Troppo poco di fronte alle esigenze.

Proprio il risanamento del debito pubblico italiano, per ridurre l’esposizione ai ricatti dei mercati finanziari, impone di non rinviare ulteriormente le misure a sostegno della ripresa. Malgrado le ristrettezze attuali è ancora possibile reperire risorse per dare impulso alla ripresa economica con una particolare attenzione ai risvolti occupazionali. Certo occorre decidere interventi. Non si può rimanere in attesa per timore delle reazioni. In sostanza occorre prendere le risorse da chi le ha, non c’è alternativa.

Queste risorse debbono essere utilizzate in parte per sostenere la domanda interna ridando fiducia e reddito anzitutto agli strati sociali più colpiti e in difficoltà e in parte per sostenere ricerca e innovazione produttiva stabilendo su questo un preciso patto con le imprese. In altre parole l’Italia deve cercare di individuare il suo ruolo nella divisione internazionale del lavoro, né più né meno di quanto hanno fatto la Germania ed altri paesi. E’ proprio in questo quadro che la revisione al ribasso del sostegno alle fonti di energia rinnovabili preannunciata dal Ministro Passera va esattamente nella direzione opposta. Non solo perché è falso che il sostegno al fotovoltaico sia solo un costo visto che contribuisce a ridurre le tariffe elettriche perché l’energia prodotta viene immessa nella rete nelle ore centrali e contribuisce a tenere in stand by centrali elettriche più costose. Quindi il sostegno non è solo un costo ma anche un beneficio, altrimenti l’energia elettrica costerebbe di più proprio nelle ore di maggiore consumo. Ancora di più perché è finalmente cresciuto un settore produttivo e di installazione in Italia che ha almeno 120.000 addetti e che grazie allo slancio che ha preso il fotovoltaico, per dire di un solo settore, inizia a svolgere un ruolo importante nella produzione di alcuni componenti come gli inverter che sono indispensabili nel sistema di produzione. Il Ministro Passera dimostra purtroppo di essere subalterno alle scelte dell’Enel e degli altri gruppi energetici che insistono sulle grandi centrali e ora vorrebbero rilanciare la produzione di energia elettrica da carbone, fingendo di dimenticare che così il nostro paese dovrà pagare salatissime multe per l’eccedenza di produzione di CO2, mentre le rinnovabili sono settori del futuro, che potrebbero offrire prospettive occupazionali e di ricerca e di innovazione produttiva. Proprio quello che il Ministro Passera sembra ignorare seguendo pedissequamente le indicazioni conservatrici e dispendiose dell’Enel e dei grandi gruppi produttori di energia.

In realtà il limite più grave delle scelte del Governo è che tutto viene affidato alle regole del mercato, mentre sia le politiche di sviluppo che la loro qualità ambientale e sociale, oggi ineludibile, richiedono interventi del Governo attraverso programmi e intese mirate con le parti sociali, esattamente quello che si vuole dismettere.

Alfiero Grandi

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: OLYMPIAKOS-JUVENTUS 1-022 OTTOBRE 2014