ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

90° MINUTO

Sempre più Milan-Juve 

Il film del campionato

milan-juvedi Marco Valerio

Juventus, tre squilli per lo scudetto. La Vecchia Signora sfrutta il mezzo passo falso del Milan (1-1 a Catania) e grazie ad un grande secondo tempo, batte 3-0 il Napoli nel posticipo della 30° giornata e si porta a -2 dai rossoneri. Prima frazione di gioco brutta e noiosa: gara bloccata, le due squadre vanno a sprazzi. Spenti gli attaccanti scelti da Conte: Vucinic e Borriello. I partenopei perdono ancora Maggio per infortunio, bianconeri pericolosi con Vidal e Pirlo. Si accendono a intermittenza i tre tenori napoletani: Cavani, Lavezzi e Hamsik. Nella ripresa scende in campo un’altra Juve che passa in vantaggio al 54’: sugli sviluppi di un calcio di punizione Vucinic calcia di destro da appena dentro l’area, decisiva la deviazione di Bonucci. Rete casuale del difensore juventino (foto). Al 70’ fuori Borriello, al suo posto Quagliarella, il grande ex. Cinque minuti dopo arriva il raddoppio: splendida azione personale di Vidal che supera De Sanctis con un sinistro da posizione defilata. Del Piero rileva Vucinic e all’83 proprio “Pinturicchio” ispira con un assist il tris firmato Quagliarella che in spaccata di destro insacca e non esulta per rispetto della sua ex squadra. All’86’ il Napoli rimane in 10: espulso Zuniga per gioco scorretto.

Le gare della domenica pomeriggio. Girandola di emozioni al “Meazza” per l’esordio di Andrea Stramaccioni sulla panchina dell’Inter: 5-4. Grande protagonista l’arbitro Valeri che fischia 4 rigori (tre al Genoa e uno ai nerazzurri) ed espelle il rossoblu Belluschi e l’interista Julio Cesar. Tripletta di Milito, doppietta del genoano Gilardino dal dischetto. A segno anche Samuel, Palacio, Moretti e Zarate rilanciato dal neo tecnico dell’Inter. Per Maurito primo gol in maglia nerazzurra. Udinese sconfitta 1-0 a Siena: decide una rete di Mattia Destro. I toscani fanno un bel passo avanti verso la salvezza, i friulani restano a -3 dal terzo posto. Mezza stecca del Lecce che in casa non riesce a battere il Cesena fanalino di coda: 0-0. Adesso i salentini hanno nel mirino la Fiorentina, quart’ultima dopo la nuova sconfitta interna. Il Lecce, contestato dai tifosi, è a 5 punti dai gigliati. Viola sconfitti 2-1 dal Chievo: reti di Pellissier, Ljajic e Rigoni. Sale la tensione a Firenze; durissima contestazione dei tifosi contro squadra, allenatore e società. Palermo corsaro a Bologna: felsinei avanti con Sorensen; Budan, Hernandez e Ilicic ribaltano il punteggio in favore dei rosanero. Daniele Conti e Pinilla firmano il 2-0 al “Sant’Elia”: Cagliari-Atalanta 2-0. .

Roma-Novara 5-2. Nel cosiddetto "lunch match" (l'anticipo domenicale delle 12.30) i giallorossi strapazzano i piemontesi penultimi in classifica. E dire che il Novara era passato in vantaggio con Caracciolo al 17'. Pareggio di Marquinho al 25'. Ribalta il punteggio Osvaldo al 34'. Nella ripresa Simplicio al 56' arrotonda, Bojan fa poker al 62'. Morimoto al 78' accorcia le distanze ma Lamela al 92' centra il pokerissimo. Roma efficace e cinica in attacco, fragile come sempre in difesa. Va detto però che la squadra di Luis Enrique era in piena emergenza nel reparto arretrato per le tante assenze causa infortuni e squalifiche; infatti come centrale ha giocato Daniele De Rossi, ruolo non suo. Con questa vittoria la Roma torna a vedere il terzo posto, ora lontano 4 punti.

Gli anticipi del sabato. Prosegue il momento magico del Catania di Vincenzo Montella. Gli etnei fermano il Milan al "Massimino", ex "Cibali". Per il primo anticipo della 30° giornata, 1-1 al termine di una partita molto intensa e ricca di emozioni. Rossoneri in vantaggio al 34' con Robinho, destro da favorevole posizione a chiudere una bella manovra. Prima del gol di Binho due clamorose occasioni per il Milan con Emanuelson e Ibrahimovic. Gli isolani replicano con una traversa colpita da Gomez. Pari firmato Spolli al 57': tocco vincente da due passi. In mezzo, una rete annullata a Gomez per fuorigioco. I milanisti dal canto loro gridano al gol su un tiro dello stesso Robinho: gol, non gol, gol fantasma. Difficile da vedere ma il pallone supera la linea di porta, prima dell'intervento di Marchese.

Furia Allegri. Nel dopo partita duro sfogo dell’allenatore milanista che accusa l’arbitro Bergonzi: "Era difficile da vedere, ma era rete. E il gol di Muntari vale tutto il campionato". Poi rivolto al dirigente della Juventus Marotta, Massimiliano Allegri dice: "Se da Torino fanno polemiche, se questo è l'andamento, allora ci adeguiamo". Laconico l’amministratore delegato del Milan Galliani: "Speriamo che questi episodi non alterino il risultato finale del campionato". (nella foto Ibrahimovic contrastato da Almiron).

Parma-Lazio 3-1. Nell’anticipo delle 20.45, il Parma, trascinato da un super Giovinco, supera 3-1 la Lazio al “Tardini” e incamera tre punti fondamentali per la salvezza. I biancocelesti invece mettono a rischio il terzo posto in solitudine. La solita Lazio che sbaglia l’approccio alla partita: in 11 minuti subisce l’uno-due dei ducali. Apre Mariga di sinistro al 5’, raddoppia l’ex Floccari: Marchetti allontana su un corner, Paletta tenta da fuori area ma svirgola, il pallone finisce sulla testa dell’attaccante che di testa insacca a porta praticamente vuota. In casa Lazio piove sul bagnato: Edy Reja perde per infortunio il difensore centrale Dias. Al suo posto Scaloni che al 36’ riapre il match: tiro da 25 metri deviato da Gobbi che inganna il portiere Mirante. Nella ripresa al 71’ ancora Floccari chiude il conto firmando la doppietta personale con un tocco ravvicinato. Con questa vittoria il Parma di Donadoni si porta a +8 dal Lecce terz’ultimo. I salentini giocano domenica al “Via del Mare” contro il Cesena. Curiosità: Parma-Lazio è stata sospesa per alcuni minuti per un problema all’impianto di illuminazione dello stadio “Tardini”.

Seguiranno aggiornamenti

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014