ORA DI PUNTA

Respingere

il ricatto

di Renzi

di Ennio Simeone

Con la compiacente accoglienza di Lilli Gruber e il flaccido fiancheggiamento di Marcello Sorgi, Matteo Renzi ha lanciato nuovamente, dalla tribuna televisiva di "Otto e mezzo" su La7, il suo ricatto sulla legge elettorale: se l’Italicum non passa, ha detto, il governo va a casa e quindi - questo il messaggio ricattatorio - vanno a casa anche i parlamentari. E’ come se avesse posto già il voto di fiducia. Un comportamento scandaloso che il presidente della Repubblica - se vuol tener fede a quanto affermò all’atto del suo insediamento al Quirinale - non può lasciar passare. Un comportamento ancor più scandaloso perché in assoluto contrasto con quanto lo stesso Renzi affermò un anno fa, e cioè che la legge elettorale va cambiata con il più largo consenso e che non la si può imporre. Anche perché non sono i governi che fanno le leggi elettorali ma il parlamento. Questo è un principio che è stato recentemente ribadito da Enrico Letta, ma Renzi non glielo perdona, perciò lo attacca direttamente lui  e lo fa attaccare dall’ambasciatrice del Pd presso Verdini, cioè la ministra Maria Elena Boschi. Come attacca e fa attaccare Romano Prodi, colpevole di aver detto a chiare lettere che tra Renzi e Letta la sua preferenza va al secondo per la sua serietà. 

Purtroppo il ricatto funziona se è vero, come fanno notare alcuni osservatori,  che il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capo presunto dei “riformisti” del Pd, si orienterebbe a ritirare le sue dimissioni e, in nome di non si sa qual senso di responsabilità, a votare la fiducia sulla al governo legge elettorale, pur non condividendola. Un atto che metterebbe nelle mani del capo del governo uno strumento di ricatto permanente per i prossimi tre anni e gli conferirebbe un potere pericoloso. E’ il momento di capire che al ricatto si può rispondere in un solo modo: respingendolo con fermezza perché è l’unico modo per costringere Renzi a cambiare rotta o, in alternativa, a togliere il disturbo. E sarebbe il male minore per l’Italia rispetto alla sua pericolosa ulteriore permanenza, con i poteri attuali, a Palazzo Chigi e, contemporaneamente, nel palazzo di via del Nazareno. Meglio una crisi di governo che una crisi della democrazia.

 

  Venerdì 24 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Carenza politica e strategica europea difronte alla catastrofe *...
La Cina vuole un ruolo maggiore nelle istituzioni...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CRISI ITALIA-INDIA E  OSTAGGI UCCISI IN NIGERIA 

Lamolinara, in campo i servizi segreti

Marò. Terzi: basta con le speculazioni

Raid_NigeriaI funerali dell'ingegnere morto nel raid delle forze inglesi. D'Alema: "Non è stato un blitz ma una battaglia di oltre un'ora". Per i militari italiani detenuti in India chiesto l'intervento di Usa, Russia e Inghilterra

Redazione

Continuano a rimanere in primo piano anche sulla scena politica nazionale, con tentativi da varie parti (non solo dell'opposizione) di mettere sotto accusa la politica estera del governo, due episodi che hanno visto l'Italia in difficoltà in India - per la vicenda dei due fucilieri arrestati per aver sparato a due pescatori del luogo scambiati per pirati all'assalto di un nostro mercantile - e in Nigeria (per il blitz deciso dall'Inghilterra d'intesa con le truppe nigeriane per liberare due ostaggi di un gruppo terroristico, finito con la morte sia dell'ostaggio inglese, sia dell'italiano ingegnere Franco Lamolinara. Su entrambi il ministro degli esteri Terzi ha invitato, in una lettera al Corriere della sera, ad evitare squallide speculazioni.

Il caso nigeriano. A Gattinara c'è stato l'ultimo addio a Franco Lamolinara. La moglie Anna è stata colta da malore. Anche il giorno precedente era rimasta soltanto pochi minuti vicino alla bara del marito, nella camera ardente allestita nella cittadina veneta. Poi, con la Mercedes bianca che l'aveva portata in Comune, la vedova dell'ingegnere aveva dovuto far ritorno a casa. "Il suo dolore è fortissimo - ha detto un amico che era con lei - è stata una roccia per 10 mesi, ma adesso fa molta fatica". Nel pomeriggio di ieri era andato a Gattinara il presidente Monti a rendere omaggio alla salma.

Il caso indiano. Per venire a capo dell'intricato caso che coinvolge in India i due fucilieri arrestati con l'accusa di aver sparato a dei pescatori scambiandoli per pirati si è appreso che il ministro Terzi avrebbe sollecitato anche l'intervento di Usa, Russia e Inghilterra, mentre il sottosegretario Staffan de Mistura  si è incontrato ancora una volta con il 'chief minister' dello Stato del Kerala, Oommen Chandy, per esaminare insieme lo scenario che si presenterà nei prossimi giorni e settimane, soprattutto dopo lo svolgimento delle elezioni suppletive di sabato. In India dal 22 febbraio, De Mistura rientrerà mercoledì a Roma per consultazioni dirette con il governo, e sarà sostituito a Trivandrum dall'ambasciatore d'Italia, Giacomo Sanfelice e dal Direttore centrale per i paesi dell'Asia e dell'Oceania della Farnesina, Andrea Perugini.

L'intervento del Copasir. Comunque sia, le due vicende sono diventate casi politici. Per l'uccisione degli ostaggi in Nigeria e sulla querelle dei marò il governo Monti  è stato più volte rimproverato soprattutto dalla Lega, ma anche dal Pdl, che ha avviato una pemosa strumentalizzazione. E sul banco degli imputati finisce Adriano Santini, il direttore dell'Aise. La sua audizione al Copasir rischia di trasformarsi nella resa dei conti sull'operatività della struttura di intelligence che ha competenza sull'estero. Perché - è questa la contestazione che viene mossa a livello politico - avrebbe dovuto essere in prima linea per riportare a casa Franco Lamolinara. E invece - almeno secondo quanto è stato accertato sino ad ora - nonostante la presenza di 007 italiani ad Abuja, la guida dell'operazione è sempre stata britannica e anche le informazioni trasmesse al vertice della struttura sono arrivate dai servizi collegati raramente da fonte diretta. È stato il presidente del Copasir Massimo D'Alema, neanche un'ora dopo la notizia del raid fallito, a evidenziare la necessità di «chiarire il ruolo dei nostri servizi segreti".  Massimo D'Alema ha poi spiegato che l'intervento per liberare l'ingegnere di Gattinara "non è stata un blitz ma una battaglia di un'ora e mezzo e quindi serve un ulteriore chiarimento con le autorità inglesi riguardo un'operazione condotta in modo non ragionevole".

Commenti  

 
0 #1 giuseppe 2012-03-10 20:21
:D Perche non perdiamo mai l'occasione di parlare e comportarci da giudici sportivi del lunedì ? ergo;lavoriamo in italia e in giro per il mondo nelle professioni più disparate, sempre bravi e lodati, sia che le nostre imprese siano civili oppure militari, non parliamo di quelle sportive se hanno esito positivo, non appena insorge qualche inciampo tragico, scatta la caccia alla responsabilità da addossare a qualcuno. è qui che il nostro orgoglio nazionale si spezza e genera una miriade di "becchini" politici in cerca di un cadavere da seppellire o di un appiglio politico per addossare la responsabilità all'altra parte politica, non ha impirtanza quale.Come facciamo a formarci un opinione obbiettiva quando,il ministro al quale siera data fiducia,appena sceso momentaneamente dallo scranno,senza neanche riflettere dice: è colpa loro, se ci fossimo stati noi non sarebbe successo . è piccolo sfogo
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015