ORA DI PUNTA

Basta con

i "tribunali

spettacolo"

di Ennio Simeone

Speriamo che dal pestaggio della sorella genella di Bossetti traggano insegnamento le direzioni giornalistiche, i curatori e i conduttori dei vari talk show televisivi, che continuano con quotidiana, assillante insistenza ad occuparsi della uccisione di Yara Gambirasio (come hanno fatto per circa due anni con quella di Sarah Scazzi ad Avetrana) dando spazio, oltre che a servizi ripetitivi di giornalisti o pseudo tali armati di microfoni e di telecamere, ad improvvisati "esperti" ed "esperte" in cerca di pubblicità e di notorietà (anche per le loro attività private) che rimbalzano da uno studio televisivo all'altro emettendo giudizi e sentenze che influenzano l'opinione pubblica, ma anche l'opinione degli inquirenti. 

E nessuno venga ad ergersi a tuore della libertà di informazione perché questa non è informazione, ma cinico sfruttamento a fini commerciali di vicende umane su cui la magistratura e le forze dell'ordine devono indagare in serenità e con serietà. Finalmente lo ha ammesso e vigorosamente sottolineato, in uno dei programmi televisivi del poneriggio appena qualche giorno fa, anche il professor Meluzzi, che pure è un frequentatore assiduo di questi biechi "tribunali popolari" dove non c'è limite allo sconfinamento dei diritti degli imputati, della privacy e del segreto istruttorio. E' mai possibile che nessuno di coloro che hanno il dovere di intervenire per porre fine a questo scempio della correttezza, del buon gusto e dei codici (sia penale che etico) si decida ad intervenire? 

PS - In coerenza con quanto abbiamo scritto qui sopra e ripetiamo da tempo, abbiamo pubblicato con scarsa evidenza, e per puro dovere di cronaca, la notizia dell'avviso di garanzia inviato al padre di Matteo Renzi, anche se qualche giornale ha avanzato il sospetto che il "rottamatore a fasi alterne" sapesse già della vicenda giudiziaria paterna prima dell'ultimo attacco alla magistratura. 

  Venerdì 19 Settembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
  Rischi e sospetti dopo il discorso di Renzi *...
La scivolata di Benitez: quella in conferenza stampa *...
Perché la Casa Bianca frena sui latinos "dreamers"  *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Oggi il presidente Napolitano ha partecipato a Torino a una manifestazione conclusiva delle celebrazioni dei 150 anni dell'unità d'Italia. In questa occasione alcuni sindaci della Val di Susa avevano chiesto di incontrarlo. Ma lui ha detto di no: "Non posso", perché sarebbe come andare oltre le prerogative del capo dello Stato e non è certo sua intenzione scavalcare ruolo e compiti del governo. Ma Napolitano ha fatto di più: ha diramato una dichiarazione personale (non un asettico comunicato) in cui spiega: 1. nessun incontro è possibile con i sindaci anti-Tav; 2. basta con le violenze, che tolgono legittimità democratica ad un dissenso altrimenti più che legittimo; 3. l'Italia deve restare ancorata all'Europa anche fisicamente, e la Torino-Lione serve proprio a questo: rinunciarvi sarebbe come rinunciare ad un pezzo importante dello sviluppo prossimo venturo.

Confermando il viaggio a Torino, dice: "Sono ben consapevole della gravità delle tensioni insorte in quella realtà, con pesanti riflessi sull'ordine pubblico in altre parti del paese. Ma non posso aderire a incontri in cui si discutano decisioni come quelle relative alla linea Torino-Lione. Il perché è presto detto: si tratta di decisioni che non mi competono, che sono state via via assunte dalle istanze di governo responsabili e che hanno già formato oggetto, nel corso di parecchi anni, di molte discussioni e mediazioni".

"Considero mio dovere riaffermare il principio di legalità, il rispetto delle leggi e delle forze poste a presidio dello Stato democratico, come supremo valore costituzionale e fondamento della convivenza civile", prosegue la dichiarazione. Una evidente sottolineatura che ben poco è piaciuto al Quirinale lo spettacolo di quel "pecorella" gettato in faccia ad un carabiniere, così come le scritte dedicate al giudice Caselli. Gesti che Napolitano, ex ministro degli interni, non ama e non apprezza. E lo scrive: "L'espressione del sacrosanto diritto al dissenso su qualsiasi scelta e decisione politica e di governo, deve escludere il ricorso a violazioni di legge, violenze, intolleranze e intimidazioni, come quelle che si sono purtroppo verificate anche negli scorsi giorni in nome dell'opposizione al progetto TAV Torino-Lione". Gesti che lo fanno concludere con un appello che non suona accorato, ma deciso: "Rivolgo perciò il più caldo appello a quanti restano non convinti della pur rilevante importanza, per l'Italia e per l'Europa, di quell'opera, affinchè desistano da comportamenti inammissibili". Questa la chiusura: "C'è bisogno nel paese di un clima costruttivo, nel quale l'attenzione e gli sforzi si concentrino sull'impegno a garantire sviluppo, occupazione, giustizia sociale".

 

In prima serata un centinaio di manifestanti No Tav hanno occupato nuovamente l'autostrada A32 Torino-Bardonecchia. L'azione è stata decisa al termine dell'assemblea del pomeriggio, ma ha avuto breve durata «per dire che non ci hanno spaventati», afferma un leader del movimento.

Intanto Luca Abbà migliora costantemente, respira autonomamente e si alimenta. Il dimostrante che lo aveva arrampicandosi sul traliccio dal quale Abbà era caduto rovinosamente per una scossa elettrica ne è disceso ieri mattina.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

BENIGNI alla 1° puntata di BALLARO'
con GIANNINIRai3 del 16 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: ROMA-CSKA MOSCA 5-117 SETTEBRE 2014