ORA DI PUNTA

Spirito

di guerra

di Nuccio Fava

I morti a Gaza hanno ormai superato il numero di 800, in maggioranza civili , donne e bambini, sotto le macerie di case distrutte. La tregua di sole 12 ore non è stata neppure pienamente rispettata e da Gaza sono partiti razzi  contro Israele. Prevale la volontà di scontro e l’illusione di potere trovare giustificazioni alla carneficina scaricando ogni colpa e responsabilità sull’avversario.  

Accade lo stesso nella tormentata aerea di confine tra l’Ucraina e la Russia. Le forze di Kiev avrebbero guadagnato terreno con l’obbiettivo di riconquistare Donetsk capitale della regione. I militanti separatisti sostenuti dai russi ormai vengono ritenuti i responsabili dell’abbattimento dell’aereo malese con 298 passeggeri e membri dell’equipaggio. Neppure dinnanzi a tanta tragedia si tentano percorsi condivisi per superare una crisi tanto grave nel cuore dell’Europa. Il rischio è che si ripiombi in una nuova guerra fredda peggiore di quella dei tempi di Breznev e di Regan, precedente alla caduta del muro . Eppure in quel contesto dominato dall’equilibrio del terrore furono firmati i trattati di Helsinki con la straordinaria mediazione di Aldo Moro in rappresentanza della Comunità europea. Moro certo era uno statista eccezionale che credeva fortemente nella mediazione politica e nel dovere di cercare sempre di costruire l’amicizia tra i popoli. Del resto anche sul fronte del Mediterraneo e dei rapporti con il mondo arabo insieme a Mattei e Fanfani si costruiva una difficile politica di amicizia con i Paesi del Medio Oriente senza mai contrapporsi ad Israele e senza trascurare le ragioni di sicurezza o addirittura di sopravvivenza. Lo spessore degli uomini conta anche in politica: la mia generazione ha lavorato in Parlamento e ha ben presente la statura della presidente Nilde Jotti o di Tina Anselmi, prima ministro del lavoro e coraggiosa presidente della commissione P2. Anche al Senato funzionari e commessi ricordano le presidenze di Fanfani e Spadolini, la loro statura ed autorevolezza.

Anche questi aspetti possono aiutare a capire certe difficoltà e certe tensioni che si possono determinare nel corso dei lavori. Specie se l’assemblea è eccitata e particolarmente rissosa come avvenuto al Senato. Il presidente Grasso si è trovato in contestazione da parte del suo partito di provenienza. Un suo colloquio istituzionale col presidente Napolitano ha addirittura suscitato sospetti circa pressioni che il presidente della Repubblica avrebbe compiuto. Si è arrivati a sostenere da parte di giornali e forze di opposizione che Napolitano avrebbe così voluto dare sostegno al governo in un momento così delicato. Incontrando i giornalisti per la cerimonia del ventaglio il presidente Grasso riteneva doveroso chiarire tutto: “mi sono sentito a disagio e talvolta indignato per l’asprezza del contrasto, mi spetta garantire maggioranza e opposizione. Tutti però dovrebbero contribuire ad un confronto sereno e costruttivo nell’interesse del Paese”.

Nei limiti della vicenda italiana rispetto alle grandi tragedie del mondo è pur sempre positivo se la tensione si rallenta e si arriva  a considerare da una parte e dall’altra gli 8000 emendamenti uno sproposito e uno ostruzionismo smisurato. Anche il presidente Renzi è parso meno aggressivo nell’intervista a Canale 5 parlando anche di comprensibile orgoglio italiano per l’operazione Concordia che aveva provocato dolore e vergogna. Anche il trionfo di Nibali è un segnale straordinario per l’immagine dell’Italia, straordinario esempio positivo per i più giovani, mentre papa Francesco rilancia dalla reggia di Caserta riflessioni di speranza e di lotta alla criminalità e alla corruzione.

  Lunedì 28 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

IL PD E LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI PRIMAVERA

 

PRIMARIE ALLA SICILIANA

candidati-primarie_pd_PalermoPer un soffio Ferrandelli (sostenuto dal Pd regionale, espulso dall'Idv) prevale su Rita Borsellino (candidata di Pd nazionale, Idv e Sel), terzo un altro Pd, appoggiato dal "rottamatore" Renzi.

La procura indaga. Il riconteggio delle schede conferma: spoglio regolare. A L'Aquila vince Cialente, a Oristano Tendas

di Romano Lusi

Le primarie della discordia. Continuano a procurare lacerazioni nel Pd e argomenti a chi punta a denigrare questo partito. Spesso a torto, grazie a una artificiosa distorsione di dati e situazioni. Il caso di Palermo tiene banco (mentre nessuno si occupa della situazione dell'Aquila, dove pure si sono svolte le stesse primarie, ma con esito diverso). Vediamo che cosa è accaduto domenica a Palermo. C'erano quattro candidati (nella foto) che si contendevano la designazione a competere per il centrosinistra alla carica di sindaco del capoluogo siciliano: Rita Borsellino, 66 anni, sorella del magistrato assassinato dalla mafia, indicata dalle segreterie nazionali di Pd, Italia dei Valori e la Sinistra di Niki Vendola; Davide Faraone, 36 anni, laureando in Scienze politiche, consigliere comunale e deputato regionale del Pd, fregiatosi del titolo di "rottamatore" perché legato al sindaco di Firenze Matteo Renzi; Fabrizio Ferrandelli, 31 anni, bancario, laureato in Lettere, sbarcato in politica con il Partito umanista,  poi nel 2007 eletto consigliere comunale nella lista «Sindaco Orlando», quindi passato all'Idv, diventandone capogruppo, ma successivamente espulso dell'Idv per essersi contrapposto ad Orlando, sostenuto dal cartello «Palermo più», che raduna 39 associazioni, e indicato da quella parte del Pd siciliano che fa capo al senatore Giuseppe Lumia e al capogruppo del Pd all'Assemblea regionale Antonello Cracolici, favorevoli all'alleanza con il Terzo polo e l'Mpa di Raffaele Lombardo; infine Antonella Monastra, 55 anni, ginecologa, tra le fondatrici di Liberacqua, un passato nel Pci, eletta due volte al Comune di Palermo da indipendente nella lista di Rifondazione comunista, infine aderente al gruppo "Un'Altra Storia", vicino alle posizioni della Borsellino.

Alle primarie partecipano ben trentamila persone con questo  risultato:  Ferrandelli 9.945 preferenze, Rita Borsellino 9.878,  Faraone 7.975, Antonella Monastra 1.750 voti. La differenza tra i primi due è talmente esigua che si decide di fare una nuova conta delle schede, conclusasi all'alta di oggi (martedì) con la conferma del risultato e il confortante riconoscimento che non c'è stato alcun imbroglio, ma ciò che balza agli occhi è che la candidata proposta da Bersani, Di Pietro e Vendola non vince e viene sorpassata, sia pur per un pugno di voti, da altro candidato dello stesso Pd. La gran parte dei mass media (e non solo) dicono che è "una sconfitta del Pd"; altri che "è una sconfitta di Bersani" (dimenticando gli altri due partner); c'è chi invece sottolinea, un po' più correttamente, che ne esce battuta "la foto di Vasto" (che immortalò la stretta di mano tra Bersani, Di Pietro e Vendola nell'estate scorsa).Intanto, la Procura di Palermo ha aperto un fascicolo per fare luce sui presunti brogli nel seggio del quartiere Zen alle primarie del centrosinistra che si sono svolte domenica scorsa. Il procuratore aggiunto Maurizio Scalia, che coordina l'indagine, ha disposto oggi degli accertamenti e ha inviato i carabinieri ad eseguire dei controlli.

Addirittura l'ex membro dell'Antimafia, Lumia, esponente del Pd siciliano, ipotizza la richiesta di dimissioni di Bersani, come se le primarie non fossero una consultazione democratica aperta ad ogni tipo di esito e come se gli altri competitori non fossero anch'essi aderenti allo stesso partito di Bersani. Il vincitore, Ferrandelli, si esalta e proclama che il suo successo significa che "i palermitani non si sono voluti piegare all'imposizione da Roma". Chissà che cosa dirà ora il "rottamatore" Renzi, scavalcato dall'altro "rottamatore". Più realisticamente, per fortuna, c'è chi commenta che la situazione siciliana (e storie recenti e antiche lo dimostrano) è anomala e non rapportabile a canoni nazionali e che, con queste divisioni, la vittoria del candidato di centrodestra avrà il percorso di molto facilitato.

cialente-massimo-ansa-258E L'Aquila? - Quasi sotto silenzio, come si diceva, è passato l'esito dello stesso voto per le primarie a L'Aquila, dove il sindaco in carica, Massimo Cialente (a sinistra nella foto), ha vinto le primarie del centrosinistra con l'appoggio di Pd, socialisti e Comunisti italiani, sconfiggendo il candidato di Sel, Vittorio Festuccia, con una percentuale del 68% contro il 32%.

E Oristano? Anche a Oristano si è votato per le primarie del centrosinistra, il candidato alla carica di sindaco sarà Guido Tendas del Pd, che ha ottenuto 720 preferenze, superando gli altri due candidati sempre del Pd, Francesco Federico (224 voti) e Giuseppe Obinu (296), mentre gli altri due contendenti della coalizione del centrosinistra, Giampaolo Lilliu, sostenuto da Sel e dall'associazione Essere Oristanesi, ed Erminia Tanda dell'Idv, hanno attenuto rispettivamente 264 e 130 voti.

Dice Bersani. Giustamente il segretario del Pd fa notare: «Quest'anno abbiamo fatto 23 primarie nei capoluoghi. Su 23 il candidato del Pd ha vinto 18 volte. Ma se uno fa le primarie di coalizione presuppone che il candidato del Pd non sempre vinca. Comunque, dovremo fare in modo che le primarie non siano, com'è giusto, dei pranzi di gala ma che non diventino neanche delle rese dei conti».

Insomma le primarie sono utili e sono un mezzo altamente democratico per scegliere i candidati, ma c'è bisogno di una politica più matura per parteciparvi e, forse, anche di una stampa più equilibrata per valutarle.

Commenti  

 
0 #1 giuseppe 2012-03-06 20:03
:oops: 8)sulla strada delle primarie si stanno accumulando troppe macerie,superia mo le scorie,una sociatà che grazie ai nuovi modi di appropriarsi della conoscenza,ha allargato il quorum di cittadinanza che non può più essere soddisfatta con dispute DESTRA-SNISTRA, ma con atti concreti, come:sistema elettorale, legislazine del lavoro,giustizi a, conoscenza e concorrenza, finanze pubbliche.Aver fissato il massimo della retribuzione in funzione della prestazione per alte cariche pubbliche,una speranza di legalità magari piccola piccola, si può concepire anche per l'ultimo tapino.
il nuovo acronimo potrebbe essere NOVO POD,popoli(tutt i) orientati al progresso(socia le,economico, culturale)democ ratico(valorizz azione di tutte le espressioni di conoscenza e capacità per togliere la gente da quella atavica soggezione di sudditanza, che la porta ad allertare i sensori di difesa ed offesa contro tutto ciò che gli è distante.
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014