ORA DI PUNTA

Il primo

della classe

di Nuccio Fava

L’euforia e la baldanza dei renziani fedeli al segretario-presidente usque ad mortem è comprensibile, ma ricorda molto la vittoria in un derby quando ancora il campionato è lungo. Tornano in primo piano, dopo la sbornia sulla legge elettorale, i grandi problemi del Paese. Subito la grande vertenza scuola con le piazze affollate di insegnanti, studenti e tanti genitori. Dopo 7 anni il movimento scolastico, unitariamente con Cgl Cisl e Uil, contesta  radicalmente il progetto di riforma strombazzato in ogni modo dal presidente del Consiglio e con qualche insicurezza e dichiarazione di troppo dal ministro Stefania Giannini. Non ha evidentemente funzionato il sistema di consultazione on line e di slide colorate che sono state propagandate sin dalla prima conferenza stampa. Oltre alla scarsità dei fondi, l’imponente movimento di protesta critica la scarsa democraticità e l’inadeguato coinvolgimento delle diverse componenti nel governo e nelle responsabilità per la gestione, la definizione e la valutazione degli obbiettivi formativi. Era stato lo stesso Renzi ad indicare ripetutamente nella riforma della scuola la priorità massima, la sua centralità anche ai fini del rinnovamento generale del Paese, della sua crescita culturale, civile ed economica. Evidentemente il mondo della scuola è restato insoddisfatto delle proposte del governo, ed è stato costretto a manifestare in piazza la propria delusione e insoddisfazione profonde.                                                                                                 

Intanto proseguono numerosi gli sbarchi dei disperati del mare, con la morte di quelli che non ce la fanno o vengono annegati da scafisti senza scrupoli che alleggeriscono l’eccessivo carico o buttano in acqua con spietatezza chi cerca di reagire alla violenza e ai soprusi dei mercanti di uomini. Il governo italiano resta però inascoltato sostanzialmente dall’Europa anche se si sprecano gli attestati di comprensione e solidarietà, privi di risultati concreti.                                                                                                                                                                                    Il governo deve dare finalmente risposte, non continuare in modo insopportabile a fare dichiarazioni su dichiarazioni in ogni sede. La vittoria del "renzellum" che continuiamo a ritenere negativa per il futuro politico e l’assetto democratico, concede però già una condizione di favore esorbitante, o ”debordante” come preferisce definirlo il professor Pasquino. Lo usi come ritiene giusto il presidente del Consiglio, riconoscendo finalmente che è urgente un vero dialogo con le parti sociali. Senza la supponenza di chi racconta in ogni sede che quello che fa il governo è sempre il meglio possibile, in Italia e in Europa.     

  Mercoledì 06 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Ma davvero Jeb Bush è un “falso” repubblicano? *...
Quella mamma nera durante gli scontri di Baltimora *...
I derivati e il fallimento del metodo economico *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

ORA DI PUNTA

Lacrime per

"Mani pulite"

di Stefano Clerici

A Milano, sul palco della manifestazione organizzata dall'Idv per ricordare i vent'anni dell'inchiesta "Mani Pulite", ad Antonio Di Pietro sono venute le lacrime agli occhi. Si è commosso al pensiero di quel periodo di duro lavoro e di sofferenza anche personale, volendo ricordare a tutti (in primis al sedicente perseguitato Berlusconi) che lui, Di Pietro, è finito 27 volte sotto inchiesta per quella sua attività e ringraziando per questo la magistratura, al cui giudizio, ha precisato, non si è mai sottratto.
Personalmente, oggi ci capita spesso di non condividere le scelte e gli atteggiamenti dell'onorevole Di Pietro. Ma crediamo che al magistrato Di Pietro si debba riconoscenza. Perché ebbe il coraggio - insieme con i suoi colleghi del pool milanese - di affondare per la prima volta il bisturi nel cancro della corruzione, che tutti ben conoscevano ma che nessuno dei "dottori" della politica aveva avuto la voglia e la forza di estirpare.
Oggi sentiamo Maria Teresa Arganelli, procuratore generale aggiunto della Corte dei Conti, in sede di apertura dell'anno giudiziario 2012, affermare che ancor oggi la corruzione ci costa 60 miliardi di euro e lo stesso presidente della Corte, Luigi Giampaolino, spiegare a chiare lettere che corruzione e malaffare sono "fenomeni ancora notevolmente presenti nel Paese" con dimensioni che, presumibilmente, "sono di gran lunga superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce". E aggiungete, poi, a tutto ciò i 120 miliardi stimati di evasione fiscale.
Vent'anni dopo, anche a noi vengono le lacrime agli occhi. Per la rabbia.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA


tit passaparola

BENIGNI celebra in Senato
IL PARTITO DI DANTE (PD)
4 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO DELLA VERGOGNA: ORA BASTA!6 MAGGIO APRILE 2015