ORA DI PUNTA 

Dalle stelle 

alle celle

di Stefano Clerici

La parabola di Forza Italia è arrivata al suo punto di non ritorno. Aspettando una quanto mai improbabile Pasqua di resurrezione il 25 maggio (elezioni europee) la creatura di Silvio Berlusconi vive oggi i suoi giorni di passione. Il leader e fondatore, l'ex Cavaliere, pare aver evitato gli arresti domiciliari (sempre che non continui come sua abitudine a gettare fango sulla magistratura) ma subirà l'onta di dover passare qualche ora alla settimana (e gli è andata di lusso) in qualche ospizio di vecchiette o in qualche comunità di recupero.

Il suo sodale di sempre Marcello Dell'Utri, ex senatore e braccio operativo del partito azzurro, è stato arrestato a Beirut su mandato di cattura internazionale perché dovrà scontare (martedì la sentenza definitiva) una condanna a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Per la giustizia era un latitante. Per i suoi avvocati solo un signore malato che aveva bisogno di cure all'estero.

Nel frattempo, un altro "pezzo da novanta" del fu Pdl, Nicola Cosentino, già sottosegretario e coordinatore "azzurro" in Campania, è finito nelle patrie galere con l'accusa di essere un "referente" dello spietato clan dei Casalesi. E un altro "pezzo da novanta", Denis Verdini, dopo l'autorizzazione del Senato all'uso delle intercettazioni che lo riguardano, rischia di venire pesantemente coinvolto nell'inchiesta sulla P3.

In questo scenario da "day after" s'aggira (come un avvoltoio, dicono i fedelissimi berlusconiani) il presidente del consiglio. Pronto a spolpare ciò che resterà della gioiosa macchina da guerra dell'ex Cavaliere. La sortita di Renzi al Salone del Mobile di Milano, dove Berlusconi veniva sempre accolto come un re, è tutta un programma. Sorrisi, strette di mano, invocazioni alla lotta "violenta" alla burocrazia, promesse di riforme a piene mani hanno incantato - stando alle cronache -  folle di imprenditori e artigiani. E' tornato il Grande Seduttore. E ha la metà degli anni di quell'altro.

  Sabato 12 Aprile 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Domenico Maceri Commenti Autori
Se il terzo Bush strizza l'occhio ai clandestini *...
La crescita della nuova bolla dei mercati valutari...
Alfiero Grandi Commento Autori
Il governo Renzi torna ai "compiti a casa" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



SERIE A

Milan sempre capolista

Crollo Lazio. Roma 5°

muntari_2di Fabio Camillacci

Grazie al successo per 3-1 in casa del Cesena, il Milan torna in vetta alla classifica dopo 24 giornate, scavalcando la Juventus di un solo punto (ricordiamo però che la Juve deve ancora recuperare la partita al "Dall'Ara" contro il Bologna rinviata per neve). Domenica prossima dirà molto in chiave scudetto proprio la sfida del "Meazza": Milan-Juventus. Sale al 5° posto (zona Europa League) la Roma, che batte 1-0 il Parma con un gol di Borini, mentre il Chievo espugna il campo del Genoa (1-0, rete di Thereau). In chiave salvezza, importante il successo del Lecce, che dopo lo svantaggio iniziale fa quattro gol al Siena (4-1), si porta a -2 dal quart'ultimo posto e riapre il discorso salvezza; finisce 0-0 tra Novara e Atalanta. Nei due posticipi, la Lazio crolla a Palermo (5-1), l'Udinese pareggia in casa col Cagliari (0-0) e la aggancia al terzo posto.

I tabellini delle partite della domenica.

Cesena-Milan 1-3. Gara a senso unico nel primo tempo con i rossoneri padroni del campo. La compagine di Allegri sblocca il punteggio al 29’: punizione bomba di Thiago Silva, Antonioli non trattiene e il neoacquisto Muntari (ex Inter) ribadisce in rete (nella foto Muntari festeggiato dai compagni). Il colpo del ko arriva 2 minuti dopo grazie ad una prodezza di Emanuelson che realizza con un gran tiro dal limite dell’area. Nel secondo tempo al 55’ il Milan mette il punto esclamativo sulla gara con Robinho: il brasiliano riceve da Abate, penetra in area e incrocia nell’angolo opposto. Il Cesena accorcia le distanze al 65’ con Pudil: gran tiro da fuori area del difensore ceco arrivato a gennaio dal Granada. Abbiati sorpreso.

Roma-Parma 1-0. Match-winner l’ex parmense Borini che al 26’ infila il portiere Mirante con un diagonale chirurgico dalla destra su lancio di Gago. Ducali troppo rinunciatari nella prima frazione di gioco, Roma praticamente sempre all’attacco anche se a ritmo compassato. La squadra di Luis Enrique, come le capita spesso, fallisce molte occasioni da rete e rischia di subire il pareggio dall’ex Okaka che però si fa ipnotizzare da Stekelenburg. Prima della partita Francesco Totti è stato premiato con una targa per le 700 partite da professionista, tutte con la maglia della Roma.

Genoa-Chievo 0-1. Grifoni liguri spenti; Chievo brillante soprattutto nel primo tempo quando al 30’ costruisce il gol vittoria: cross dalla destra di Pellissier e Thereau non ha difficoltà a battere il portiere Frey. Sterile la reazione genoana frenata anche dalle parate di Sorrentino: splendida quella su Jankovic.

Novara-Atalanta 0-0. Nella prima frazione di gioco predominio dei padroni di casa vicini al vantaggio in un paio di occasioni. Clamorosa, però, la palla-gol fallita dall’atalantino Denis che dopo un grande inizio di stagione fatica a ritrovare la via della rete. Stesso discorso nella ripresa: grande intensità, occasioni da una parte e dall’altra ma porte inviolate. Al 93' espulso Pesce del Novara per doppia ammonizione.

Lecce-Siena 4-1. Nel primo tempo meglio i toscani dei salentini. Bianconeri in vantaggio con Del Grosso al 25’: Angelo si sovrappone a Brienza sulla destra, cross sul secondo palo e piattone vincente di Del Grosso. Il pari leccese arriva al 32’: mischia sugli sviluppi di un corner, ribattuto un primo tentativo di Di Michele, poi Muriel insacca. Al 68’ la squadra di Serse Cosmi ribalta il punteggio grazie ad un calcio di rigore concesso dall’arbitro per fallo di Gazzi su uno scatenato Muriel bravo a saltare ben 4 avversari prima di essere atterrato. Dal dischetto Di Michele trasforma. All’82’ il capolavoro di Cuadrado che si fa mezzo campo palla al piede ubriacando in dribbling i difensori senesi prima di superare il portiere Pegolo con un “cucchiaio” delizioso. Al 91’ fallo di reazione di Blasi su Destro e cartellino rosso per il centrocampista. Nonostante l’inferiorità numerica, il Lecce fa poker al 95’: punizione sul secondo palo che sorprende Pegolo.

Palermo-Lazio 5-1. I biancocelesti in piena emergenza causa infortuni, si arenano al “Barbera”. Primo tempo shock per la squadra di Edy Reja, in totale confusione e letteralmente surclassata dai rosanero che passano in vantaggio dopo 9 minuti di gioco: Barreto calcia da 20 metri e Marchetti non ci arriva. In fotocopia il raddoppio al 19’ di Donati: gran tiro dai 20 metri. Lazio in bambola, difesa inesistente e al 41’ Silvestre cala il tris andando a segno di testa su calcio d’angolo. Si va al riposo sul 3-0. Poker palermitano a inizio ripresa con Budan lanciato in solitudine da Barreto. Al 50’ in posizione di fuorigioco, Miccoli fa cinquina. La Lazio non c’è più e al 73’ resta anche in 10: espulso Dias per doppia ammonizione. All’82’ l’arbitro De Marco caccia un nervoso Edy Reja per proteste. Nonostante piova sul bagnato, la Lazio trova il gol dell’orgoglio all’84’ con Kozak che sfrutta un rimpallo per beffare il portiere Viviano.

Udinese-Cagliari 0-0. Nel primo tempo gara bloccata. Occasioni per Armero e Fernandes; gran parata di Handanovic su Pinilla. Nella ripresa i friulani accelerano ma senza Di Natale non riescono a sfondare come in passato. Piccola consolazione: agganciata la Lazio al terzo posto a quota 42 punti. Anche se Guidolin e i suoi recriminano per aver fallito il controsorpasso.

Il sabato di campionato.

La Juventus soffre in casa col Catania, ma alla fine riesce ad avere ragione dei siciliani per 3-1. Ospiti avanti con Barrientos. Pareggia Pirlo su calcio di punizione. Nella ripresa risulta decisiva l’espulsione dell’ex bianconero Marco Motta per doppio giallo. Chiellini e Quagliarella regalano il sucesso alla Vecchia Signora.

Il tabellino.

Juventus-Catania 3-1. Partenza sprint degli etnei che si portano in vantaggio dopo 4 minuti: magia di Barrientos, sinistro tagliato sul palo lungo. Al 22’ pareggio di Pirlo su calcio di punizione. Sempre nel primo tempo una traversa per parte: Quagliarella e Bergessio. La svolta nella ripresa al 65’: il Catania resta in 10 per l’espulsione di Motta, doppia punizione. Chiellini firma il sorpasso bianconero al 74’: colpo di testa vincente su punizione di Pirlo. Quagliarella chiude il conto all’81’ sfruttando un rinvio sbagliato del portiere catanese Kosicky.

Gli anticipi del venerdi.

Nuovo capitombolo Inter a San Siro; e questo è più pesante di quello col Novara 0-3. Il Bologna passa al “Meazza” grazie alla doppietta di Di Vaio e al gol di Acquafresca. Un’altra mazzatta per la squadra di Ranieri in piena crisi di identità. Nell'altro anticipo del venerdi valido per la 24° giornata, con lo stesso risultato il Napoli passa a Firenze: doppietta di Cavani e sigillo di Lavezzi. Un successo che infonde morale in vista della gara di Champions League col Chelsea per l’andata degli ottavi di finale e che consente al Napoli di salire al 5° posto in classifica scavalcando l’Inter: 37 punti per gli azzurri, 36 per i nerazzurri.

I tabellini.

Inter-Bologna 0-3. Partenza veemente dei nerazzurri, il portiere bolognese Gillet si esalta in un paio di occasioni. E’ invece micidiale l’uno-due del Bologna dal 37’ al 38’, in un minuto Di Vaio affonda l’Inter. Prima salta Nagatomo  e di sinistro batte Julio Cesar, poi approfitta di una corta respinta di Ranocchia per superare il portiere brasiliano in uscita. All’85’ Acquafresca si trasforma in Maradona: salta 4 interisti e insacca.

Fiorentina-Napoli 0-3. Pronti via e partenopei subito a segno con Cavani, al 3’: Hamsik imbecca l’uruguaiano che scatta sul filo del fuorigioco e trafigge Boruc. Sempre per il Napoli, Maggio coglie il palo, così come Natali per i viola. Hamsik ammonito salterà la sfida con l’Inter. Al 55’ raddoppio azzurro in fotocopia: Hamsik per Cavani tenuto in gioco da Cassani, il matador ancora una volta non sbaglia. Lavezzi mette il punto esclamativo sul match al 91’: fuga solitaria e destro vincente del “pocho”.

Classifica: Milan 50 punti; Juventus* 49; Lazio 42 e Udinese 42; Roma 38; Napoli 37; Inter 36; Palermo 34; Cagliari 31; Chievo 30 e Genoa 30; Fiorentina**, Atalanta (-6) e Parma* 28; Catania** 27; Bologna** 25; Siena* 23; Lecce 21; Novara 17; Cesena* 16. (*: una gara in meno. **: 2 in meno).

 


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

 

 

Articoli Correlati



tit passaparola

LUCIANA LITTIZZETTO
a "Che tempo che fa"14 aprile 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

JUVENTUS-LIONE 2-110 APRILE 2014