ORA DI PUNTA

Basta con

i "tribunali

spettacolo"

di Ennio Simeone

Speriamo che dal pestaggio della sorella genella di Bossetti traggano insegnamento le direzioni giornalistiche, i curatori e i conduttori dei vari talk show televisivi, che continuano con quotidiana, assillante insistenza ad occuparsi della uccisione di Yara Gambirasio (come hanno fatto per circa due anni con quella di Sarah Scazzi ad Avetrana) dando spazio, oltre che a servizi ripetitivi di giornalisti o pseudo tali armati di microfoni e di telecamere, ad improvvisati "esperti" ed "esperte" in cerca di pubblicità e di notorietà (anche per le loro attività private) che rimbalzano da uno studio televisivo all'altro emettendo giudizi e sentenze che influenzano l'opinione pubblica, ma anche l'opinione degli inquirenti. 

E nessuno venga ad ergersi a tuore della libertà di informazione perché questa non è informazione, ma cinico sfruttamento a fini commerciali di vicende umane su cui la magistratura e le forze dell'ordine devono indagare in serenità e con serietà. Finalmente lo ha ammesso e vigorosamente sottolineato, in uno dei programmi televisivi del poneriggio appena qualche giorno fa, anche il professor Meluzzi, che pure è un frequentatore assiduo di questi biechi "tribunali popolari" dove non c'è limite allo sconfinamento dei diritti degli imputati, della privacy e del segreto istruttorio. E' mai possibile che nessuno di coloro che hanno il dovere di intervenire per porre fine a questo scempio della correttezza, del buon gusto e dei codici (sia penale che etico) si decida ad intervenire? 

PS - In coerenza con quanto abbiamo scritto qui sopra e ripetiamo da tempo, abbiamo pubblicato con scarsa evidenza, e per puro dovere di cronaca, la notizia dell'avviso di garanzia inviato al padre di Matteo Renzi, anche se qualche giornale ha avanzato il sospetto che il "rottamatore a fasi alterne" sapesse già della vicenda giudiziaria paterna prima dell'ultimo attacco alla magistratura. 

  Venerdì 19 Settembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
  Rischi e sospetti dopo il discorso di Renzi *...
La scivolata di Benitez: quella in conferenza stampa *...
Perché la Casa Bianca frena sui latinos "dreamers"  *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

ORA DI PUNTA

Celentanate

al 49 per cento

di Ennio Simeone

Sono stati 14 milioni e 175.000 i telespettatori che hanno seguito, nel momento di massimo ascolto, la prima serata del Festival di Sanermo. Quindi in termini numerici si può dire che Gianni Morandi ha superato se stesso con uno share del 48,5% contro il 45,2 dell'anno scorso. La seconda parte è stata vista da 8 milioni e 451 mila spettatori con il 55,2% di share. La media della serata è stata del 49,5%. Va detto che l'anno scorso non c'era Celentano, il quale però, nonostante tutto il battage  che ha preceduto la sua esibizione, a conti fatti ha aggiunto solo un 3% al plafond già garantito della trasmissione. Naturalmente alle polemiche della vigilia ne sono subito seguite - e ne seguiranno ancora - altre, per ciò che ha detto di provocatorio ma soprattutto di farneticante, sia pur condito da effetti speciali e dalla partecipazione al mega-intermezzo dello stesso Morandi, del simpaticissimo Rocco Papaleo, della Canalis e di un Pupo nel ruolo dello spettatore sconcertato. 

Ma il frastuono maggiore lo ha provocato, oltre agli effetti speciali introduttivi, ciò che il molleggiato ha detto nelle vesti di santone, tanto da annacquare e persino disturbare le bellissime performance canore che ci ha regalato tra un paradosso e l'altro, tra una baggianata e l'altra, insomma tra una celentanata e l'altra. E ne ha dette parecchie, come - per esempio - quella della Corte costituzionale che avrebbe "tolto la sovranità al popolo" per aver dichiarato inammissibili i due referendum sulla legge elettorale chiesti da un milione e duecentomila cittadini (su 40 milioni che hanno diritto di voto), la stessa Corte costituzionale che, però, ha respinto l'eccezione imposta alla Camera da Lega e Pdl contro il normale processo a Berlusconi per il caso Ruby. Per non citare quella che i giornali "Famiglia cristiana" e "Avvenire" andrebbero chiusi perché "non parlano del paradiso", al quale probabilmente l'ex ragazzo della via Gluk aspira ardentemente, sognando magari di prendere il posto del titolare. Su questa amenità "Avvenire" e "Famiglia Cristiana" replicano con ironia, c'è chi si indigna e chi se ne astiene, come Aldo Grasso, il giornalista del "Corriere della sera", definito da Celentano "imbecille che scrive idiozie" per aver espresso poco lusinghieri apprezzamenti su di lui. Il reato di Grasso? Lampante: lesa sovranità.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA


tit passaparola

BENIGNI alla 1° puntata di BALLARO'
con GIANNINIRai3 del 16 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: ROMA-CSKA MOSCA 5-117 SETTEBRE 2014