ORA DI PUNTA

Il Papa

seminatore 

di Nuccio Fava

Scelta felice far coincidere la chiusura del Sinodo sulla famiglia voluto da papa Francesco con la beatificazione di Paolo VI, il papa che il Sinodo dei vescovi l’aveva istituito a conclusione del Concilio Vaticano II  cinquant’anni fa. Un evento fondamentale per l’ammodernamento della Chiesa e la sua apertura come mai prima alle istanze e ai drammi del mondo contemporaneo. Papa Francesco l’ha definito uomo della semina e della coscienza, umile servitore della chiesa e di tutta l’umanità. Per la nostra generazione di universitari della Fuci, Montini è stato soprattutto l’educatore alla responsabilità della cultura e dell’intellettuale, dell’impegno personale di fronte alle difficoltà e alle novità del processo storico. Della Fuci Paolo VI era stato assistente per oltre dieci anni rimosso per quieto vivere dalla curia romana a seguito delle pressioni sempre più insostenibili da parte del regime fascista.

Era insopportabile per il Duce l’azione formativa di questo piccolo prete bresciano, figlio di un deputato del partito popolare di don Sturzo, che svolgeva con efficacia la promozione di valori di libertà e di responsabilità personale incompatibili con ogni forma di dittatura. Per la nostra generazione sono rimasti tratti indelebili nel legame di gratitudine e di affetto verso Paolo VI, che si sono rinnovati con profonda emozione nelle tragiche giornate del rapimento di Aldo Moro, della lettera agli uomini delle Brigate Rosse e dell’omelia nella basilica di san Giovanni.

Il tratto del dialogo è stato cifra costante dell’azione di Paolo VI , che coglieva nell’urgenza di un nuovo rapporto chiesa-mondo la domanda e le responsabilità nuove per i cristiani in una condizione storica di continuo e profondo mutamento. E’ stato Paolo VI ad aprire i viaggi papali con la visita in Terra Santa e lo storico incontro con il patriarca Atenagora; l’enciclica Populorum Progressio e l’intervento all’assemblea dell’Onu e la definizione “Lo sviluppo e il nuovo nome della pace”. C’è una sapiente regia della chiesa nel governo dello stesso cerimoniale, a cominciare dalla presenza in piazza san Pietro del papa emerito Benedetto XVI chiamato a Roma come cardinale da Paolo VI e ulteriore segno di quello spirito di collegialità così vivamente auspicato da papa Montini. Valori a cui ha dato espressione e concretezza papa Francesco sottolineando il carattere di collegialità e di servizio a tutti gli uomini manifestati nella prima fase del sinodo romano che avrà la sessione conclusiva il prossimo anno.

Non sono mancati i contrasti tra i padri sinodali che papa Bergoglio ha voluto ricordare e che significativamente fossero resi pubblici. Non solo un metodo nuovo ma, se possibile, una nuova sostanza di vicinanza della Chiesa alle speranze e alle attese di tutto il mondo come auspicato per la sua intera esistenza da Paolo VI.

  Domenica 19 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Summit Asia-Europa di Milano: occasione unica per l'Italia *Il...
Se in uno stadio irrompono ataviche rivalità etniche *Uno...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Fabio Camillacci

CALCIO, METEO, ARBITRI E VELENI - 

Ci risiamo. Come puntualmente accade ogni anno a questo punto della stagione, ecco gli immancabili veleni che da sempre allignano nel calcio italiano. Motivo? Ovvio, si sta entrando nella fase calda del campionato, anche se fa un freddo siberiano. Quasi sempre è questo il momento in cui un episodio può incidere sulla lotta scudetto, su quella per non retrocedere, e sull’annata di una squadra. E allora presidenti, giocatori, dirigenti e allenatori perdono la testa e urlano. Alzano la voce. E’ quasi una gara a chi urla di più, a chi è più bravo ad intimorire arbitri e istituzioni. Le proteste sono a tutto campo; si protesta contro tutto e tutti, a prescindere. Dagli arbitraggi ai terreni ghiacciati, dalle notturne alle decisioni del giudice sportivo.Insomma, di questi tempi ne vediamo e ne sentiamo delle belle. La sagra dell’incoerenza. Ognuno guarda nel proprio orticello.

E così la Juve meritatamente capolista, si lamenta perché l’arbitro Peruzzo non le concede un rigore per un evidente fallo di mano di Vergassola. Il direttore generale Giuseppe Marotta chiede “più rispetto” per la Vecchia Signora. Il portiere Gianluigi Buffon critica lo stesso fischietto di Schio (provincia di Vicenza) perché: “Chiedono collaborazione, l’arbitro mi ha chiesto un parere su un corner, ma non mi ha creduto. E poi chiedono collaborazione….”. L’allenatore Antonio Conte rincara la dose con un’affermazione sibillina: “Siamo in testa alla classifica ma siamo i meno tutelati visto che finora a fronte di tre rigori contro, ne abbiamo avuto solo uno a favore”. E dopo tutta questa baraonda, lo stesso tecnico juventino, rispondendo ad un giornalista che chiedeva ulteriori lumi su queste lamentele, è stato capace di dire: “Oh precisiamo una cosa, qui nessuno si lamenta; nessuno si sta lamentando”. Mah. Bravo chi ci capisce. Al di là di tutto, i bianconeri dimenticano gli “aiutini” ricevuti nelle partite precedenti. Cagliari docet.

Niente di nuovo nemmeno sul fronte rossonero. Il Milan protesta per l’espulsione di Ibrahimovic: un episodio tanto grave dal punto di vista disciplinare, quanto comico per la dinamica. Diego Abatantuono lo ha ribattezzato: “Totò, Peppino e Nocerino”. Risate a parte, c’è da piangere nel sentire l’allenatore milanista Allegri ridurre a “buffetto” lo schiaffone di Zlatan al napoletano Aronica. Splendido, invece, l’amministratore delegato Adriano Galliani che nel dopo partita anticipa la sentenza del giudice sportivo dicendo: “E’ un episodio da due giornate di squalifica; Ibra giocherà Milan-Juve”. Quanta sicumera vostro onore.

Il simpatico “Zio Fester” del nostro calcio viene puntualmente smentito dal giudice: tre turni di stop e addio Milan-Juve. Adesso è partita la “task force” di legulei rossoneri per ottenere lo sconto in appello. Si punta su questo: derubricare la “condotta violenta” come scritto nel referto di Rizzoli, a “condotta gravemente antisportiva” che comporterebbe una giornata in meno di squalifica. Se lo sconto non dovesse arrivare, sarà il Milan a gettare benzina sul fuoco delle polemiche, in caso contrario sarà la Juventus a chiedere giustizia. Veleni, ricorsi, accuse reciproche, dossier. A proposito di dossier, nei giorni scorsi è stato il Napoli di De Laurentiis e Mazzarri (prefiche di professione) a presentare una documentazione con tutti gli episodi arbitrali che avrebbero danneggiato i partenopei dall’inizio del campionato ad oggi.

Ma come detto, gli eroi del nostro calcio si lamentano anche con la Lega per le gare condizionate dal meteo. Ha cominciato sempre la Juventus una settimana fa per il rinvìo di Parma-Juventus. Hanno proseguito via via le altre fino a Lazio e Udinese. I biancocelesti perdono a Marassi contro il Genoa e al termine gridano che non si doveva giocare su un campo reso impraticabile dal ghiaccio. Il tecnico Reja preferisce non rilasciare dichiarazioni limitandosi ad un, “meglio che non parli, altrimenti farei un danno alla Lazio”. Il presidente Lotito e il ds Tare parlano di “scandalo”, e aggiungono, “la Lega non ci rispetta, avevamo chiesto il rinvìo della partita, anche perché a causa della nevicata su Roma abbiamo avuto problemi nel raggiungere Genova, e non ci siamo potuti allenare regolarmente dopo aver giocato mercoledi col Milan”. Il patron genoano Preziosi ha replicato con un ironico, “volevano il rinvìo solo per recuperare alcuni giocatori infortunati che hanno”. Ci risiamo. Anche la Lazio come la Juventus dice di non sentirsi rispettata dalla Lega calcio. Tutti contro tutti. Si vedono complotti ovunque.

Ma se avessimo un “tapiro d’oro” da consegnare, lo consegneremmo all’allenatore dell’Udinese Guidolin. Dopo la sconfitta rimediata a Firenze il tecnico dei friulani (anche lui dalla lacrima facile) ha dichiarato che, “c’era troppo vento, certe partite andrebbero sospese”. Incredibile.

Certe cose accadono solo nel campionato italiano. Ricordo un Barcellona che non fiatò quando la squadra fu costretta a raggiungere Milano in pullman perché gli aeroporti europei erano in tilt per colpa dell’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull. Ma è sufficiente seguire con attenzione quanto accade nella Premier League inglese, nella Liga Spagnola, nella Ligue 1 francese e nella Bundesliga tedesca, per rendersi conto che lamentele, polemiche, piagnistei e veleni, sono tipici prodotti “Made in Italy”. D’altronde, ognuno ha il calcio che si merita. E allora prepariamoci ad un nuovo turno “spezzatino” con tante gare previste in notturna: si comincia giovedi 9 e si chiude lunedi 13. In mezzo, i 25 minuti di Catania-Roma di campionato, e le semifinali di andata di Coppa Italia. Nuovo spezzatino gelato, nuove polemiche? Teniamoci leggeri per l’abbuffata.

                                                                                                                                                                                                                                              Fabio Camillacci

.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014