ORA DI PUNTA

Pirro da

Pontassieve

di Ennio Simeone

L'11 gennaio Matteo Renzi compirà 40 anni: è il più giovane presidente del Consiglio della Repubblica  nata dal referendum del 1946, ma ha già alle spalle (oltre agli anni da scout a Pontassieve e ai 48 milioni vinti alla "Ruota della fortuna" di Mike Bongiorno nel '94) cinque anni da presidente della Provincia di Firenze e altrettanti da sindaco di quella città. Non è un principiante, anzi è ormai, oltre che un brillante comunicatore televisivo, un consumato politico. Eppure la scorsa notte, appena conosciuti i primi dati delle elezioni regionali di Calabria e Emilia Romagna, si è lasciato andare, con la solita fretta, sul solito twitter, a un commento da principiante: "Male affluenza, bene risultati: 2-0 netto. 4 regioni su 4 strappate alla destra in 9 mesi. Lega asfalta Forza Italia e Grillo. Pd sopra il 40%".

Non ce ne sarebbe bisogno, ma forse è il caso di ricordare, e non solo a Matteo Renzi, che già 280 anni prima di Cristo, Pirro, re dell'Epiro, allora anche lui quarantenne, cantò vittoria per aver sconfitto nella battaglia di Eraclea il potente esercito romano senza curarsi delle enormi perdite subite, in uomini e armamenti lasciati sul terreno, che gli avrebbero fatto perdere la guerra. Quella battaglia è passata alla storia come "la vittoria di Pirro".

Sul "terreno" della battaglia elettorale in Emilia Romagna (dove il candidato "renziano" Stefano Bonaccini ha ottenuto il 49% contro il 30% del leghista Fabbri) sono rimasti il 63 per cento degli elettori, che hanno rinunciato a recarsi alle urne, mentre poco meno, il 56 per cento, hanno rinunciato a votare in Calabria (dove il Pd ha vinto con il 61% ottenuto da un candidato "non renziano", Mario Oliverio, uomo della "vecchia guardia" da "rottamare").

Una fuga dalle urne che è una Caporetto della democrazia, una prova di sfiducia che non ha precedenti  nella storia politica italiana: non era immaginabile fino a un anno fa che il presidente di una delle regioni più "politicizzate", come l'Emilia Romagna, venisse eletto con il consenso di meno del 19% del corpo elettorale.

Colpa solo della esasperata personalizzazione della politica, scivolata verso l'imperante demagogia qualunquista del "berlusconismo" in salsa "renziana" enfatizzato dalle televisioni? Certamente sì. Ma non solo: colpa anche di chi non ha saputo finora contrastare questa deriva, inducendo alla rinuncia e alla rassegnazione coloro che non sono disposti ad accettarla. Perciò è urgente offrire loro un'alternativa. In nome, almeno, di valori che stanno finendo anch'essi nel tritacarne della rottamazione: giustizia sociale, equità, rispetto del lavoro e delle istituzioni, concretezza, serietà. Non c'è bisogno di elencarli. Sono scritti nella Costituzione.

 

  Lunedì 24 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Tassi Forex, grandi banche e manipolazione dei mercati *...
Il cemento che tiene unito questo nostro paese *...
Democratici incapaci di valorizzare i successi di Obama...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Il nucleare, bocciato dal referendum, continua a preoccupare

Il referendum del giugno scorso ha bloccato il tentativo del governo Berlusconi di tornare al nucleare, in Italia. Oggi sappiamo che i reattori francesi Epr che avremmo dovuto costruire in Italia (almeno 4) sono troppo costosi. La Corte dei Conti della Francia, che li costruisce e che ha provato a rifilarli all’Italia, riconosce che costano troppo.  La Corte dei Conti francese ha così reso evidente che gli Epr sono impianti costosissimi, al punto che rendono non conveniente produrre elettricità. Inoltre la Corte dei Conti francese afferma che per mettere in sicurezza (si fa per dire) e mantenere in servizio gli impianti nucleari già esistenti in Francia occorreranno altre risorse ingenti. La Corte dei Conti francese ha indicato due sole possibilità per proseguire l’avventura nucleare in Francia: la prima è quella di allungare la vita delle centrali nucleari esistenti a 60 anni, la seconda è un massiccio investimento nelle energie da fonti rinnovabili. Ovviamente la Corte dei conti francese affronta solo l’aspetto dei costi e non si esprime sulla possibilità di raddoppiare la vita degli impianti nucleari esistenti in piena sicurezza, anche se deve avere parecchi dubbi visto che ritiene necessari ingenti investimenti per adeguare - dopo l’incidente di Fukushima - gli impianti nucleari esistenti.

Gli stress-test sulle centrali nucleari esistenti, di cui si era parlato dopo l’incidente di Fukushima, si stanno rivelando fin troppo blandi. L’impegno alle verifiche è stato preso più per rassicurare l’opinione pubblica nella fase di massimo allarme che per fare un serio esame delle condizioni delle centrali nucleari in Europa. L’Aiea ha dovuto inviare in Giappone i suoi tecnici perché l’opinione pubblica non si fida dei controlli del Governo sulle centrali nucleari dopo Fukushima. Il programma per le prossime presidenziali del socialista Hollande prevede un ripensamento francese sul nucleare e pone con forza l’accento sullo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili.

Quindi è ormai affermato da più parti che gli investimenti nel nucleare civile sono talmente ingenti da renderli non convenienti. Dunque l’Italia stava per cadere in una trappola finanziaria che avrebbe gravato pesantemente sulla situazione economica. Senza dimenticare che il primo problema resta quello della sicurezza e su questo piano le cose non vanno affatto bene. Anche se non se ne parla quasi più l’area di sicurezza in Giappone resta deserta, così i rischi nelle aree circostanti e non c’è la messa in sicurezza delle centrali di Fukushima e degli altri siti. L’Italia con il risultato del referendum di giugno ha quindi evitato sia un enorme danno economico che i rischi relativi al nucleare.

Tuttavia restano aperti 2 problemi molto seri anche dopo il referendum. In Europa ci sono ancora molte centrali nucleari e èer di più forti poteri economici e finanziari spingeranno per riprendere gli investimenti nel nucleare. In fondo anche il neo ministro Clini ha fatto all’inizio dichiarazioni improvvide sul nucleare, poi smentite secondo tradizione. Va chiarito che questo governo è nell’impossibilità di riprendere oggi il discorso perché dopo un referendum vittorioso la pausa legislativa è imposta almeno fino alla fine della legislatura.

Bene ha fatto invece il governo a chiudere l’Agenzia per la sicurezza nucleare. In verità ha sciolto l’intenzione di costituirla perchè l’Agenzia era di fatto inesistente. Tuttavia un problema di sicurezza nucleare esiste perché il rischio di incidenti in Europa resta e perché parte della medicina usa questi mezzi anche in Italia. Quindi andrebbe chiarito con precisione chi se ne occupa, con quali compiti e con quali mezzi. Ispra ? Può essere un’idea. L’importante è decidere perché il vuoto in una materia così delicata non è ammissibile.

Anche un orizzonte europeo è necessario. Non basta nel nucleare essere padroni a casa propria. Il “condominio” europeo ci obbliga a porre il problema del superamento del nucleare a livello europeo. Del resto quando l’Europa si è preoccupata per le deplorevoli condizioni di sicurezza di una centrale in un paese baltico ha aiutato il suo smantellamento con cospicui finanziamenti. Una decisione europea sul nucleare è necessaria, anche graduale, anche ragionevole, ma non si possono lasciare le cose come stanno. Con paesi come la Germania che decidono di chiudere con questa avventura pericolosa e altri che invece pensano di proseguire. Un’Europa senza nucleare è un obiettivo che è la logica conseguenza del nostro referendum abrogativo e in questo caso le condizioni politiche in Europa potrebbero evolvere in modo interessante, ora che anche in Francia c’è il tarlo del dubbio e perfino la convenienza economica non c’è, come ha dimostrato la Corte dei conti francese.

L’altro aspetto su cui non si può avere disattenzione è la questioni dei rifiuti nucleari. L’articolo 24 del decreto del Governo Monti prevede una normativa inaccettabile. Anzitutto prevede che la Sogin, con la sola approvazione del ministero, si occupi dello smantellamento degli impianti dismessi e della soluzione della custodia delle scorie saltando verifiche e controlli. C’è poco da semplificare, il rischio concreto è che la Sogin decida sopra la testa delle popolazioni interessate, dei Comuni e delle Regioni.

Il Senato deve modificare profondamente l’articolo 24. Meglio ancora se venisse tolto per lasciare il passo ad una proposta legislativa discussa con il tempo necessario. Che cosa c’entra l’emergenza finanziaria con l’eliminazione delle procedure di garanzia sulla sicurezza e sul rispetto dell’ambiente? Questa è una forzatura, contro lo spirito del referendum del giugno scorso e contro i poteri locali, nonché contro il diritto dei cittadini ad essere informati su quanto riguarda la loro salute, la loro stessa esistenza.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: ITALIA-ALBANIA 1-018 NOVEMBRE 2014