ORA DI PUNTA

Spirito

di guerra

di Nuccio Fava

I morti a Gaza hanno ormai superato il numero di 800, in maggioranza civili , donne e bambini, sotto le macerie di case distrutte. La tregua di sole 12 ore non è stata neppure pienamente rispettata e da Gaza sono partiti razzi  contro Israele. Prevale la volontà di scontro e l’illusione di potere trovare giustificazioni alla carneficina scaricando ogni colpa e responsabilità sull’avversario.  

Accade lo stesso nella tormentata aerea di confine tra l’Ucraina e la Russia. Le forze di Kiev avrebbero guadagnato terreno con l’obbiettivo di riconquistare Donetsk capitale della regione. I militanti separatisti sostenuti dai russi ormai vengono ritenuti i responsabili dell’abbattimento dell’aereo malese con 298 passeggeri e membri dell’equipaggio. Neppure dinnanzi a tanta tragedia si tentano percorsi condivisi per superare una crisi tanto grave nel cuore dell’Europa. Il rischio è che si ripiombi in una nuova guerra fredda peggiore di quella dei tempi di Breznev e di Regan, precedente alla caduta del muro . Eppure in quel contesto dominato dall’equilibrio del terrore furono firmati i trattati di Helsinki con la straordinaria mediazione di Aldo Moro in rappresentanza della Comunità europea. Moro certo era uno statista eccezionale che credeva fortemente nella mediazione politica e nel dovere di cercare sempre di costruire l’amicizia tra i popoli. Del resto anche sul fronte del Mediterraneo e dei rapporti con il mondo arabo insieme a Mattei e Fanfani si costruiva una difficile politica di amicizia con i Paesi del Medio Oriente senza mai contrapporsi ad Israele e senza trascurare le ragioni di sicurezza o addirittura di sopravvivenza. Lo spessore degli uomini conta anche in politica: la mia generazione ha lavorato in Parlamento e ha ben presente la statura della presidente Nilde Jotti o di Tina Anselmi, prima ministro del lavoro e coraggiosa presidente della commissione P2. Anche al Senato funzionari e commessi ricordano le presidenze di Fanfani e Spadolini, la loro statura ed autorevolezza.

Anche questi aspetti possono aiutare a capire certe difficoltà e certe tensioni che si possono determinare nel corso dei lavori. Specie se l’assemblea è eccitata e particolarmente rissosa come avvenuto al Senato. Il presidente Grasso si è trovato in contestazione da parte del suo partito di provenienza. Un suo colloquio istituzionale col presidente Napolitano ha addirittura suscitato sospetti circa pressioni che il presidente della Repubblica avrebbe compiuto. Si è arrivati a sostenere da parte di giornali e forze di opposizione che Napolitano avrebbe così voluto dare sostegno al governo in un momento così delicato. Incontrando i giornalisti per la cerimonia del ventaglio il presidente Grasso riteneva doveroso chiarire tutto: “mi sono sentito a disagio e talvolta indignato per l’asprezza del contrasto, mi spetta garantire maggioranza e opposizione. Tutti però dovrebbero contribuire ad un confronto sereno e costruttivo nell’interesse del Paese”.

Nei limiti della vicenda italiana rispetto alle grandi tragedie del mondo è pur sempre positivo se la tensione si rallenta e si arriva  a considerare da una parte e dall’altra gli 8000 emendamenti uno sproposito e uno ostruzionismo smisurato. Anche il presidente Renzi è parso meno aggressivo nell’intervista a Canale 5 parlando anche di comprensibile orgoglio italiano per l’operazione Concordia che aveva provocato dolore e vergogna. Anche il trionfo di Nibali è un segnale straordinario per l’immagine dell’Italia, straordinario esempio positivo per i più giovani, mentre papa Francesco rilancia dalla reggia di Caserta riflessioni di speranza e di lotta alla criminalità e alla corruzione.

  Lunedì 28 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO

Chievo corsaro a Novara

Ritorno no per "Mondo"

il_pioladi Fabio Camillacci

In un "Silvio Piola" ghiacciato e innevato, (foto) il Chievo per il posticipo della 21° giornata di serie A, batte 2-1 il Novara con reti di Pellissier e Thereau; di Mascara il gol dei piemontesi. Per il Novara fanalno di coda quinta sconfitta di fila; non è servito l'arrivo in panchina di Emiliano Mondonico al posto di Attilio Tesser. La decisione di far disputare la partita è stata presa appena le condizioni meteo sono migliorate. Il sintetico (peraltro protetto dai teloni) seppur gelato ha risposto bene.

Il tabellino di Novara-Chievo. Ospiti in vantaggio al 33’ con Pellissier che entra in area e di destro batte Ujkani. Per Pellissier si tratta del 100° gol in A. Raddoppio dei veronesi al 78’: Thereau finalizza completando una bella triangolazione con Pellissier e Sammarco. Un minuto dopo Mascara di destro in acrobazia su cross di Rigoni riapre la partita. Ma il risultato non cambia.

Le altre gare.

La Juventus rimane al comando della classifica senza giocare. I bianconeri ringraziano la Lazio che all'Olimpico batte 2-0 il Milan con le reti di Hernanes  e Rocchi. Vince anche l'Udinese che al "Friuli" supera 2-1 il Lecce. Nella ghiacciaia di San Siro spettacolare 4-4 tra Inter e Palermo: 4 reti di Milito e tre di Miccoli. La Roma affonda a Cagliari: 4-2 per i sardi. Il Napoli continua a non vincere: in casa contro il Cesena i partenopei non vanno oltre lo 0-0. I giorni della merla hanno comunque stravolto questo turno infrasettimanale di campionato, valido per la 21° giornata. Dopo Parma-Juventus, rinviate per neve: Atalanta-Genoa, Bologna-Fiorentina e Siena-Catania.

Lazio-Milan 2-0. Nuova battuta d’arresto per i rossoneri contro una delle prime della classe. E dire che i biancocelesti sono stati costretti a rinunciare al loro uomo migliore, Klose alle prese con l’infortunio rimediato domenica a Verona contro il Chievo (ginocchiata alla coscia). All’Olimpico primo tempo anonimo caratterizzato solo da un colpo di testa ravvicinato di Nocerino respinto dal portiere Marchetti. Nella ripresa subito un giallo: al 2’ l’arbitro Damato assegna il rigore al Milan per un netto fallo di mano di Dias in area laziale; poi su segnalazione del guardalinee (secondo il quale il tocco è stato di El Shaarawy) torna sui suoi passi dopo un lungo e confuso colloquio con l’assistente Maggiani. Niente penalty. Al 76’ la Lazio passa: Rocchi favorisce l’inserimento in area milanista di Hernanes e il brasiliano batte Abbiati in diagonale. A questo punto Allegri manda in campo il nuovo acquisto Maxi Lopez: l’attaccante prende il posto di Van Bommel. All’85’ la squadra di Reja mette il punto esclamativo sul match con un’azione splendida tutta di prima: Hernanes per Lulic che dalla sinistra mette in mezzo per Rocchi, sinistro vincente all’incrocio dei pali. Nel finale c’è spazio pure per l’esordio in A del giovanissimo Antonio Rozzi, classe ’94. Dentro anche il neoacquisto Candreva, fischiato dal pubblico laziale per aver dichiarato tempo fa di essere un accanito tifoso romanista e di Totti. Con questa vittoria la Lazio consolida il quarto posto: +3 sull’Inter.

Udinese-Lecce 2-1. Dopo lo stop di Torino contro la Juve, l’Udinese torna a correre. Ora i friulani sono a due punti dal Milan secondo in classifica. Pronti via e il nuovo arrivato Pazienza va a segno di testa su calcio di punizione battuto da Di Natale. Al 26’ i salentini pareggiano grazie ad un fantastico tiro di sinistro di Di Michele dal limite dell’area. Al 36’ il solito Di Natale con l’ennesima prodezza riporta in vantaggio l’Udinese. Totò aggancia Ibrahimovic in testa alla classifica dei marcatori con 15 reti.

Inter-Palermo 4-4. Gara pazza come la “pazza Inter”. Il campo è una lastra di ghiaccio, nevica, ma si gioca lo stesso e va in scena la partita più spettacolare della serata. Ospiti in vantaggio al 17’ col difensore Mantovani che in scivolata su corner di Miccoli infila Julio Cesar. Al 22’ Silvestre di testa sbaglia il rinvìo, serve Milito che pareggia. Si va al riposo sull’1-1. Al 52’ con un capolavoro Miccoli riporta avanti i rosanero: splendido sinistro a incrociare. Al 55’ fallo di Nagatomo su Milito, è rigore: dal dischetto lo stesso “principe” trasforma. Al 61’ ancora Milito va via in posizione di fuorigioco, salta Viviano e appoggia in porta per il 3-2. Tra i nerazzurri esordio del neoacquisto Palombo in sostituzione di Poli. Le emozioni non sono finite: minuto 66, tiro cross di Balzaretti di sinistro e Miccoli in tuffo di testa fa 3-3. Tutto molto bello. Passano tre minuti e il poker personale di Milito è servito: Javier Zanetti va via sulla destra e scarica al centro per la deviazione sotto porta dell’argentino. Sembra fatta per l’Inter ma all’85’ ancora Miccoli con un maligno tiro mancino fissa il punteggio sul 4-4 finale. Dunque, tanti errori difensivi, 8 reti e grande spettacolo. Nel 4-4-2 di Ranieri, Sneijder rimane un corpo estraneo.

Cagliari-Roma 4-2. I giallorossi cadono in campionato dopo 6 risultati utili. Il “Sant’Elia” si conferma stregato per la Roma: non vince in Sardegna da oltre 16 anni. Solita Roma: tanto possesso palla, tante occasioni da gol non concretizzate, difesa imbarazzante. Dopo 6’ la compagine di Luis Enrique è già sotto: azione personale di Thiago Ribeiro e destro che fulmina Stekelenburg. Juan di testa su calcio d’angolo pareggia al 13’. Al 34’ Borini illude i giallorossi segnando il 2-1 dopo una corta respinta di Agazzi su tiro di Pjanic. Pari cagliaritano al 41’: la difesa romanista sbaglia la tattica dell’off side e il nuovo arrivato Pinilla sigla la sua prima rete in maglia rossoblù. Nella ripresa dopo appena tre minuti, ancora Thiago Ribeiro ribalta la situazione: fuga sulla fascia destra e conclusione dal basso in alto, la palla tocca il montante e si infila. A questo punto la Roma si sveglia e crea almeno 4 palle gol, ma l’attacco si conferma sterile. Simplicio chiede il rigore per un fallo di Agazzi in uscita a valanga. In pieno recupero, al 92’, il cavallone colombiano Ibarbo si beve la difesa della Roma e serve Ekdal che solo soletto realizza il 4-2.

Napoli-Cesena 0-0. I partenopei non sanno più vincere: solo 3 successi nelle ultime 13 partite di campionato. Napoli fermato dalle belle parate del 42enne Antonioli, dalla sfortuna e dall’imprecisione dei suoi attaccanti. Palo di Cavani.

Classifica: Juventus* 44; Milan 43; Udinese 41; Lazio 39; Inter 36; Roma* 31; Napoli 30; Palermo 28; Chievo  e Genoa* 27; Cagliari 26; Fiorentina* 25; Parma* 24; Atalanta* (-6) e Catania* 23; Bologna* 21; Siena* 19; Lecce e Cesena 16; Novara 12 punti.


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014