ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO

Chievo corsaro a Novara

Ritorno no per "Mondo"

il_pioladi Fabio Camillacci

In un "Silvio Piola" ghiacciato e innevato, (foto) il Chievo per il posticipo della 21° giornata di serie A, batte 2-1 il Novara con reti di Pellissier e Thereau; di Mascara il gol dei piemontesi. Per il Novara fanalno di coda quinta sconfitta di fila; non è servito l'arrivo in panchina di Emiliano Mondonico al posto di Attilio Tesser. La decisione di far disputare la partita è stata presa appena le condizioni meteo sono migliorate. Il sintetico (peraltro protetto dai teloni) seppur gelato ha risposto bene.

Il tabellino di Novara-Chievo. Ospiti in vantaggio al 33’ con Pellissier che entra in area e di destro batte Ujkani. Per Pellissier si tratta del 100° gol in A. Raddoppio dei veronesi al 78’: Thereau finalizza completando una bella triangolazione con Pellissier e Sammarco. Un minuto dopo Mascara di destro in acrobazia su cross di Rigoni riapre la partita. Ma il risultato non cambia.

Le altre gare.

La Juventus rimane al comando della classifica senza giocare. I bianconeri ringraziano la Lazio che all'Olimpico batte 2-0 il Milan con le reti di Hernanes  e Rocchi. Vince anche l'Udinese che al "Friuli" supera 2-1 il Lecce. Nella ghiacciaia di San Siro spettacolare 4-4 tra Inter e Palermo: 4 reti di Milito e tre di Miccoli. La Roma affonda a Cagliari: 4-2 per i sardi. Il Napoli continua a non vincere: in casa contro il Cesena i partenopei non vanno oltre lo 0-0. I giorni della merla hanno comunque stravolto questo turno infrasettimanale di campionato, valido per la 21° giornata. Dopo Parma-Juventus, rinviate per neve: Atalanta-Genoa, Bologna-Fiorentina e Siena-Catania.

Lazio-Milan 2-0. Nuova battuta d’arresto per i rossoneri contro una delle prime della classe. E dire che i biancocelesti sono stati costretti a rinunciare al loro uomo migliore, Klose alle prese con l’infortunio rimediato domenica a Verona contro il Chievo (ginocchiata alla coscia). All’Olimpico primo tempo anonimo caratterizzato solo da un colpo di testa ravvicinato di Nocerino respinto dal portiere Marchetti. Nella ripresa subito un giallo: al 2’ l’arbitro Damato assegna il rigore al Milan per un netto fallo di mano di Dias in area laziale; poi su segnalazione del guardalinee (secondo il quale il tocco è stato di El Shaarawy) torna sui suoi passi dopo un lungo e confuso colloquio con l’assistente Maggiani. Niente penalty. Al 76’ la Lazio passa: Rocchi favorisce l’inserimento in area milanista di Hernanes e il brasiliano batte Abbiati in diagonale. A questo punto Allegri manda in campo il nuovo acquisto Maxi Lopez: l’attaccante prende il posto di Van Bommel. All’85’ la squadra di Reja mette il punto esclamativo sul match con un’azione splendida tutta di prima: Hernanes per Lulic che dalla sinistra mette in mezzo per Rocchi, sinistro vincente all’incrocio dei pali. Nel finale c’è spazio pure per l’esordio in A del giovanissimo Antonio Rozzi, classe ’94. Dentro anche il neoacquisto Candreva, fischiato dal pubblico laziale per aver dichiarato tempo fa di essere un accanito tifoso romanista e di Totti. Con questa vittoria la Lazio consolida il quarto posto: +3 sull’Inter.

Udinese-Lecce 2-1. Dopo lo stop di Torino contro la Juve, l’Udinese torna a correre. Ora i friulani sono a due punti dal Milan secondo in classifica. Pronti via e il nuovo arrivato Pazienza va a segno di testa su calcio di punizione battuto da Di Natale. Al 26’ i salentini pareggiano grazie ad un fantastico tiro di sinistro di Di Michele dal limite dell’area. Al 36’ il solito Di Natale con l’ennesima prodezza riporta in vantaggio l’Udinese. Totò aggancia Ibrahimovic in testa alla classifica dei marcatori con 15 reti.

Inter-Palermo 4-4. Gara pazza come la “pazza Inter”. Il campo è una lastra di ghiaccio, nevica, ma si gioca lo stesso e va in scena la partita più spettacolare della serata. Ospiti in vantaggio al 17’ col difensore Mantovani che in scivolata su corner di Miccoli infila Julio Cesar. Al 22’ Silvestre di testa sbaglia il rinvìo, serve Milito che pareggia. Si va al riposo sull’1-1. Al 52’ con un capolavoro Miccoli riporta avanti i rosanero: splendido sinistro a incrociare. Al 55’ fallo di Nagatomo su Milito, è rigore: dal dischetto lo stesso “principe” trasforma. Al 61’ ancora Milito va via in posizione di fuorigioco, salta Viviano e appoggia in porta per il 3-2. Tra i nerazzurri esordio del neoacquisto Palombo in sostituzione di Poli. Le emozioni non sono finite: minuto 66, tiro cross di Balzaretti di sinistro e Miccoli in tuffo di testa fa 3-3. Tutto molto bello. Passano tre minuti e il poker personale di Milito è servito: Javier Zanetti va via sulla destra e scarica al centro per la deviazione sotto porta dell’argentino. Sembra fatta per l’Inter ma all’85’ ancora Miccoli con un maligno tiro mancino fissa il punteggio sul 4-4 finale. Dunque, tanti errori difensivi, 8 reti e grande spettacolo. Nel 4-4-2 di Ranieri, Sneijder rimane un corpo estraneo.

Cagliari-Roma 4-2. I giallorossi cadono in campionato dopo 6 risultati utili. Il “Sant’Elia” si conferma stregato per la Roma: non vince in Sardegna da oltre 16 anni. Solita Roma: tanto possesso palla, tante occasioni da gol non concretizzate, difesa imbarazzante. Dopo 6’ la compagine di Luis Enrique è già sotto: azione personale di Thiago Ribeiro e destro che fulmina Stekelenburg. Juan di testa su calcio d’angolo pareggia al 13’. Al 34’ Borini illude i giallorossi segnando il 2-1 dopo una corta respinta di Agazzi su tiro di Pjanic. Pari cagliaritano al 41’: la difesa romanista sbaglia la tattica dell’off side e il nuovo arrivato Pinilla sigla la sua prima rete in maglia rossoblù. Nella ripresa dopo appena tre minuti, ancora Thiago Ribeiro ribalta la situazione: fuga sulla fascia destra e conclusione dal basso in alto, la palla tocca il montante e si infila. A questo punto la Roma si sveglia e crea almeno 4 palle gol, ma l’attacco si conferma sterile. Simplicio chiede il rigore per un fallo di Agazzi in uscita a valanga. In pieno recupero, al 92’, il cavallone colombiano Ibarbo si beve la difesa della Roma e serve Ekdal che solo soletto realizza il 4-2.

Napoli-Cesena 0-0. I partenopei non sanno più vincere: solo 3 successi nelle ultime 13 partite di campionato. Napoli fermato dalle belle parate del 42enne Antonioli, dalla sfortuna e dall’imprecisione dei suoi attaccanti. Palo di Cavani.

Classifica: Juventus* 44; Milan 43; Udinese 41; Lazio 39; Inter 36; Roma* 31; Napoli 30; Palermo 28; Chievo  e Genoa* 27; Cagliari 26; Fiorentina* 25; Parma* 24; Atalanta* (-6) e Catania* 23; Bologna* 21; Siena* 19; Lecce e Cesena 16; Novara 12 punti.


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014