ORA DI PUNTA

Abbassate

la Costituzione!

 di Luigi Covatta

 “Colleghi di Sel, abbassate la Costituzione!”: così la presidente della Camera si è rivolta ai suoi compagni di gruppo che, in occasione della votazione della riforma del Senato, agitavano ciascuno un libretto blu (neanche rosso) col testo della Carta del ’48. Un’espressione evidentemente scappata di bocca nella concitazione di una seduta particolarmente movimentata: “Abbassate la Costituzione” è quasi un vilipendio. Ma un’espressione singolarmente significativa della riduzione della Costituzione ad oggetto da alzare ed abbassare secondo convenienza.

    Conclusione più degna, peraltro, non avrebbe potuto avere quella seduta: la stessa in cui Brunetta ha denunciato la “deriva autoritaria” cui avrebbe portato un testo già votato dai suoi colleghi senatori; la stessa in cui i deputati a cinque stelle – che spesso confondono la coerenza con la coazione a ripetere – abbandonavano l’aula; la stessa in cui Bersani, Cuperlo e la Bindi annunciavano che era “l’ultima volta” (stilema spesso frequentato da parte della “minoranza dem”) che votavano una legge che rischiava di alterare “l’equilibrio democratico”.

    La storia racconta di due incongruenze. Innanzitutto, se una deriva autoritaria altera l’equilibrio democratico, non si agitano i libretti né si tentano baratti con la legge elettorale: si va in montagna. In secondo luogo, risulta confermato il dubbio sulla opportunità (e sulla possibilità) che un potere costituito (il Parlamento) si faccia potere costituente, dubbio che per primo avanzò Cossiga nel suo messaggio alle Camere del 1991, ed a cui da allora non sono state opposte obiezioni convincenti.

    Ora, magari, quelli che agitano libretti e minacciano sfracelli prossimi venturi, invece di sacrificare sull’altare all’articolo 138, potrebbero cogliere l’occasione per chiedere loro l’elezione di quella assemblea costituente che per noi resta la via maestra di una profonda revisione costituzionale. Ma non c’è da preoccuparsi: come spesso accade in Italia la situazione è grave ma non seria.

  Lunedì 23 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
AIIB: un passo verso una nuova governance monetaria *...
Salerno-Reggio Calabria: chi soffre, chi dorme, chi lucra  *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Domenico Maceri

GIOVERA' A ROMNEY

LA DICHIARAZIONE PUBBLICA

DEI REDDITI?

- “Scommettiamo 10.000 dollari?”. Ecco cosa disse Romney a Rick Perry in un dibattito per la nomination repubblicana alcune settimane fa. È una grossa cifra ma non per Romney, ex governatore del Massachusetts, uno dei più ricchi candidati alla presidenza di tutta la storia americana. Si sapeva già qualcosa della situazione finanziaria di Romney ma la recente dichiarazione del suo reddito degli ultimi due anni ci ha permesso di vedere meglio. Secondo i documenti rilasciati l’ex governatore ha guadagnato una quarantina di milioni di dollari negli ultimi due anni. Il reddito è venuto tutto dagli investimenti fatti a nome di Romney da un gruppo che si occupa dei suoi affari.
Come ha affermato il candidato, ha pagato le sue tasse. Giusto. Quanto ha pagato? Meno di ciò che paga un americano medio. L’aliquota di Romney equivale al 13,9% nel 2010, molto più bassa del massimo che in America raggiunge solo il 35%. Una comparazione superficiale con il presidente Barack Obama rivela che l’inquilino della Casa Bianca ha pagato un’aliquota del 26% mentre l’altro candidato principale repubblicano Newt Gingrich ha sborsato il  31%. La media in America è  il 18%.
Romney è stato generoso con i suoi soldi ed ha fatto notevoli sottoscrizioni caritatevoli specialmente alla Chiesa Mormone riducendo in tal modo i suoi oneri fiscali. 
L’aliquota di Romney è stata bassa in parte per gli sgravi fiscali approvati dall’ex presidente George Bush nel 2011 e 2003. Inoltre le tasse per i dividendi e la plusvalenza (capital gains) godono di un’aliquota del 15%, inferiore a quella dei salari regolari. Nel passato ogni tipo di reddito era tassato allo stesso modo ma poi per incoraggiare gli investimenti le plusvalenze ed i dividendi sono stati agevolati. Chi riceve benefici da queste agevolazioni? Ovviamente non l’americano medio ma quelli che guadagnano soldi a Wall Street.
Nel suo recente discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione il presidente Barack Obama ha dichiarato che le leggi dovrebbero applicarsi a tutti in modo equo. Ha insistito sulla “regola Buffett” che dovrebbe impedire ai milionari di pagare meno tasse del cittadino medio. Come si sa, Warren Buffett è il secondo miliardario più ricco in America e paga un’aliquota più bassa di quella della sua segretaria, presente in aula durante il discorso come simbolo evidente dei benefici fiscali dei ricchi.
È tipico che i candidati alla presidenza rilascino la dichiarazione del loro reddito. Romney lo ha fatto  a malincuore solo dopo insistenze della stampa e del suo avversario più diretto, Gingrich. Altri candidati in passato hanno rilasciato le dichiarazioni dei redditi in totale ma Romney lo ha limitato agli ultimi due anni. Si sospettava già che qualcosa non quadrasse con la sua situazione finanziaria. Difatti, alcuni dei suoi investimenti hanno suscitato sospetti come il suo conto in Svizzera, adesso chiuso, ma pur sempre imbarazzante. In parte perché l’americano medio non ha conti all’estero e soprattutto in Svizzera dove spesso i conti in banca creano l’immagine di soldi non troppo puliti.
Altri investimenti in paradisi fiscali come le Cayman Islands, il Lussemburgo e l’Irlanda del Nord hanno aggiunto altre inquietudini perché non quadrano con il cliché patriottico repubblicano di investire negli Stati Uniti.
La dichiarazione del reddito di Romney è stata resa nota lo stesso giorno in cui Obama ha fatto il suo discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione. Pura coincidenza? Forse, ma l’effetto è stato di sminuire l’attenzione mediatica su un tema scottante che non mette in buona luce Romney.
“Non chiederò scusa a nessuno per avere avuto successo” ha dichiarato Romney in un dibattito poco prima della primaria in Florida. “Io e mia moglie non abbiamo ereditato  i nostri beni. Ciò che possediamo lo abbiamo guadagnato con il lavoro”. Forse. Ma l’unico lavoro che Romney ha fatto negli ultimi anni consiste solo nella campagna elettorale per la nomination repubblicana che sembrava sua fino a qualche settimana fa ma che gli potrebbe sfuggire in parte per il suo “successo finanziario”. Voteranno gli americani per un uomo che negli ultimi due anni ha guadagnato 57.000 dollari al giorno mediante i suoi investimenti? Può una persona in tale situazione finanziaria capire i problemi dell’americano medio?

Domenico Maceri

docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LE DIMISSIONI DEL MINISTRO
MAURIZIO LUPI
Camera dei Deputati
20 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

JUVENTUS-GENOA: IL SUPER GOL DI TEVEZ22 MARZO 2015