ORA DI PUNTA

Il Papa

seminatore 

di Nuccio Fava

Scelta felice far coincidere la chiusura del Sinodo sulla famiglia voluto da papa Francesco con la beatificazione di Paolo VI, il papa che il Sinodo dei vescovi l’aveva istituito a conclusione del Concilio Vaticano II  cinquant’anni fa. Un evento fondamentale per l’ammodernamento della Chiesa e la sua apertura come mai prima alle istanze e ai drammi del mondo contemporaneo. Papa Francesco l’ha definito uomo della semina e della coscienza, umile servitore della chiesa e di tutta l’umanità. Per la nostra generazione di universitari della Fuci, Montini è stato soprattutto l’educatore alla responsabilità della cultura e dell’intellettuale, dell’impegno personale di fronte alle difficoltà e alle novità del processo storico. Della Fuci Paolo VI era stato assistente per oltre dieci anni rimosso per quieto vivere dalla curia romana a seguito delle pressioni sempre più insostenibili da parte del regime fascista.

Era insopportabile per il Duce l’azione formativa di questo piccolo prete bresciano, figlio di un deputato del partito popolare di don Sturzo, che svolgeva con efficacia la promozione di valori di libertà e di responsabilità personale incompatibili con ogni forma di dittatura. Per la nostra generazione sono rimasti tratti indelebili nel legame di gratitudine e di affetto verso Paolo VI, che si sono rinnovati con profonda emozione nelle tragiche giornate del rapimento di Aldo Moro, della lettera agli uomini delle Brigate Rosse e dell’omelia nella basilica di san Giovanni.

Il tratto del dialogo è stato cifra costante dell’azione di Paolo VI , che coglieva nell’urgenza di un nuovo rapporto chiesa-mondo la domanda e le responsabilità nuove per i cristiani in una condizione storica di continuo e profondo mutamento. E’ stato Paolo VI ad aprire i viaggi papali con la visita in Terra Santa e lo storico incontro con il patriarca Atenagora; l’enciclica Populorum Progressio e l’intervento all’assemblea dell’Onu e la definizione “Lo sviluppo e il nuovo nome della pace”. C’è una sapiente regia della chiesa nel governo dello stesso cerimoniale, a cominciare dalla presenza in piazza san Pietro del papa emerito Benedetto XVI chiamato a Roma come cardinale da Paolo VI e ulteriore segno di quello spirito di collegialità così vivamente auspicato da papa Montini. Valori a cui ha dato espressione e concretezza papa Francesco sottolineando il carattere di collegialità e di servizio a tutti gli uomini manifestati nella prima fase del sinodo romano che avrà la sessione conclusiva il prossimo anno.

Non sono mancati i contrasti tra i padri sinodali che papa Bergoglio ha voluto ricordare e che significativamente fossero resi pubblici. Non solo un metodo nuovo ma, se possibile, una nuova sostanza di vicinanza della Chiesa alle speranze e alle attese di tutto il mondo come auspicato per la sua intera esistenza da Paolo VI.

  Domenica 19 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Summit Asia-Europa di Milano: occasione unica per l'Italia *Il...
Se in uno stadio irrompono ataviche rivalità etniche *Uno...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Domenico Maceri

GIOVERA' A ROMNEY

LA DICHIARAZIONE PUBBLICA

DEI REDDITI?

- “Scommettiamo 10.000 dollari?”. Ecco cosa disse Romney a Rick Perry in un dibattito per la nomination repubblicana alcune settimane fa. È una grossa cifra ma non per Romney, ex governatore del Massachusetts, uno dei più ricchi candidati alla presidenza di tutta la storia americana. Si sapeva già qualcosa della situazione finanziaria di Romney ma la recente dichiarazione del suo reddito degli ultimi due anni ci ha permesso di vedere meglio. Secondo i documenti rilasciati l’ex governatore ha guadagnato una quarantina di milioni di dollari negli ultimi due anni. Il reddito è venuto tutto dagli investimenti fatti a nome di Romney da un gruppo che si occupa dei suoi affari.
Come ha affermato il candidato, ha pagato le sue tasse. Giusto. Quanto ha pagato? Meno di ciò che paga un americano medio. L’aliquota di Romney equivale al 13,9% nel 2010, molto più bassa del massimo che in America raggiunge solo il 35%. Una comparazione superficiale con il presidente Barack Obama rivela che l’inquilino della Casa Bianca ha pagato un’aliquota del 26% mentre l’altro candidato principale repubblicano Newt Gingrich ha sborsato il  31%. La media in America è  il 18%.
Romney è stato generoso con i suoi soldi ed ha fatto notevoli sottoscrizioni caritatevoli specialmente alla Chiesa Mormone riducendo in tal modo i suoi oneri fiscali. 
L’aliquota di Romney è stata bassa in parte per gli sgravi fiscali approvati dall’ex presidente George Bush nel 2011 e 2003. Inoltre le tasse per i dividendi e la plusvalenza (capital gains) godono di un’aliquota del 15%, inferiore a quella dei salari regolari. Nel passato ogni tipo di reddito era tassato allo stesso modo ma poi per incoraggiare gli investimenti le plusvalenze ed i dividendi sono stati agevolati. Chi riceve benefici da queste agevolazioni? Ovviamente non l’americano medio ma quelli che guadagnano soldi a Wall Street.
Nel suo recente discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione il presidente Barack Obama ha dichiarato che le leggi dovrebbero applicarsi a tutti in modo equo. Ha insistito sulla “regola Buffett” che dovrebbe impedire ai milionari di pagare meno tasse del cittadino medio. Come si sa, Warren Buffett è il secondo miliardario più ricco in America e paga un’aliquota più bassa di quella della sua segretaria, presente in aula durante il discorso come simbolo evidente dei benefici fiscali dei ricchi.
È tipico che i candidati alla presidenza rilascino la dichiarazione del loro reddito. Romney lo ha fatto  a malincuore solo dopo insistenze della stampa e del suo avversario più diretto, Gingrich. Altri candidati in passato hanno rilasciato le dichiarazioni dei redditi in totale ma Romney lo ha limitato agli ultimi due anni. Si sospettava già che qualcosa non quadrasse con la sua situazione finanziaria. Difatti, alcuni dei suoi investimenti hanno suscitato sospetti come il suo conto in Svizzera, adesso chiuso, ma pur sempre imbarazzante. In parte perché l’americano medio non ha conti all’estero e soprattutto in Svizzera dove spesso i conti in banca creano l’immagine di soldi non troppo puliti.
Altri investimenti in paradisi fiscali come le Cayman Islands, il Lussemburgo e l’Irlanda del Nord hanno aggiunto altre inquietudini perché non quadrano con il cliché patriottico repubblicano di investire negli Stati Uniti.
La dichiarazione del reddito di Romney è stata resa nota lo stesso giorno in cui Obama ha fatto il suo discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione. Pura coincidenza? Forse, ma l’effetto è stato di sminuire l’attenzione mediatica su un tema scottante che non mette in buona luce Romney.
“Non chiederò scusa a nessuno per avere avuto successo” ha dichiarato Romney in un dibattito poco prima della primaria in Florida. “Io e mia moglie non abbiamo ereditato  i nostri beni. Ciò che possediamo lo abbiamo guadagnato con il lavoro”. Forse. Ma l’unico lavoro che Romney ha fatto negli ultimi anni consiste solo nella campagna elettorale per la nomination repubblicana che sembrava sua fino a qualche settimana fa ma che gli potrebbe sfuggire in parte per il suo “successo finanziario”. Voteranno gli americani per un uomo che negli ultimi due anni ha guadagnato 57.000 dollari al giorno mediante i suoi investimenti? Può una persona in tale situazione finanziaria capire i problemi dell’americano medio?

Domenico Maceri

docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LEZIONE DI D'ALEMA A RENZI
nella Direzione del Pd:
"Meno balle e meno spot!"Roma 29 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MALTA-ITALIA 0-113 OTTOBRE 2014