ORA DI PUNTA

Maratone notturne

e Ue da cambiare

di Nuccio Fava

Abbiamo portato a casa il “trofeo” della nomina della Mogherini in un quadro internazionale carico di guerre e tensioni in aree prossime all’Europa con in primo piano la questione ucraina, molto rilevante anche per i rapporti Russia-Stati Uniti. Nell’est dell’Ucraina è ormai guerra aperta tra i separatisti filo russi, sostenuti da Mosca, e l’esercito di Kiev.  Il conflitto si porta dietro il ricatto di Putin per i rifornimenti di gas in un clima di tensione con la Nato, al cui  vertice di mercoledì interverrà lo stesso Obama. Con tutta questa materia incandescente all'esame del vertice di Bruxelles, poco spazio hanno avuto i temi della crisi economica, dell'occupazione e della crescita. Condivisione generale ha avuto la proposta di Renzi per una apposita conferenza a Roma in ottobre, passaggio fondamentale del semestre italiano per affrontare i temi di occupazione e crescita. E' urgente un cambio di passo e un nuovo dinamismo per fare uscire l'Europa dal rischio recessione con costi sociali grandissimi, specie per famiglie e giovani, il calo dei consumi e la stasi produttiva. La stabilità rigida non può essere un totem intoccabile specie quando i risultati si traducono in non sviluppo e danni enormi di stagnazione. Spetterà dunque a Renzi farsi promotore di una nuova fase della politica europea , recuperando lo spirito originario dei trattati che proprio a Roma videro la luce.

 La materia complessa e le relative grandi difficoltà da affrontare non dovrebbero impedire una considerazione attenta sulle procedure e i meccanismi di funzionamento e di decisione delle istituzioni europee. Una ulteriore spia della necessità di un cambiamento emerge chiaramente da queste interminabili sedute notturne, con comunicati e indiscrezioni che si accavallano tra conferme e smentite. Più sostanzialmente c'è il problema dei tempi, non della fretta, elemento costitutivo della buona politica e del servizio da rendere ai cittadini. E' insomma problema politico istituzionale per una Europa più capace di rispondere ai suoi compiti e alle sue responsabilità globali. E' quello che efficacemente Mario Draghi suggerisce ai singoli governi, al fine di rendere più efficaci le politiche per riforme urgenti e indispensabili. Singolari sotto questo profilo le preoccupazioni della Merkel e del suo ministro delle finanze nei confronti del responsabile della Bce. Anche su questo tema il presidente del semestre Europeo potrebbe formulare, con tutto il rispetto dovuto, qualche riflessione e ribadire che l'Europa è molto più larga della sola Germania.

  Martedì 02 Settembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Il tentativo di un "Mare nostrum" alla californiana *...
Banche centrali: nulla di nuovo sotto il cielo *...
  L'import-export in passivo che mortifica il nostro campionato *Dal...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Domenico Maceri

GIOVERA' A ROMNEY

LA DICHIARAZIONE PUBBLICA

DEI REDDITI?

- “Scommettiamo 10.000 dollari?”. Ecco cosa disse Romney a Rick Perry in un dibattito per la nomination repubblicana alcune settimane fa. È una grossa cifra ma non per Romney, ex governatore del Massachusetts, uno dei più ricchi candidati alla presidenza di tutta la storia americana. Si sapeva già qualcosa della situazione finanziaria di Romney ma la recente dichiarazione del suo reddito degli ultimi due anni ci ha permesso di vedere meglio. Secondo i documenti rilasciati l’ex governatore ha guadagnato una quarantina di milioni di dollari negli ultimi due anni. Il reddito è venuto tutto dagli investimenti fatti a nome di Romney da un gruppo che si occupa dei suoi affari.
Come ha affermato il candidato, ha pagato le sue tasse. Giusto. Quanto ha pagato? Meno di ciò che paga un americano medio. L’aliquota di Romney equivale al 13,9% nel 2010, molto più bassa del massimo che in America raggiunge solo il 35%. Una comparazione superficiale con il presidente Barack Obama rivela che l’inquilino della Casa Bianca ha pagato un’aliquota del 26% mentre l’altro candidato principale repubblicano Newt Gingrich ha sborsato il  31%. La media in America è  il 18%.
Romney è stato generoso con i suoi soldi ed ha fatto notevoli sottoscrizioni caritatevoli specialmente alla Chiesa Mormone riducendo in tal modo i suoi oneri fiscali. 
L’aliquota di Romney è stata bassa in parte per gli sgravi fiscali approvati dall’ex presidente George Bush nel 2011 e 2003. Inoltre le tasse per i dividendi e la plusvalenza (capital gains) godono di un’aliquota del 15%, inferiore a quella dei salari regolari. Nel passato ogni tipo di reddito era tassato allo stesso modo ma poi per incoraggiare gli investimenti le plusvalenze ed i dividendi sono stati agevolati. Chi riceve benefici da queste agevolazioni? Ovviamente non l’americano medio ma quelli che guadagnano soldi a Wall Street.
Nel suo recente discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione il presidente Barack Obama ha dichiarato che le leggi dovrebbero applicarsi a tutti in modo equo. Ha insistito sulla “regola Buffett” che dovrebbe impedire ai milionari di pagare meno tasse del cittadino medio. Come si sa, Warren Buffett è il secondo miliardario più ricco in America e paga un’aliquota più bassa di quella della sua segretaria, presente in aula durante il discorso come simbolo evidente dei benefici fiscali dei ricchi.
È tipico che i candidati alla presidenza rilascino la dichiarazione del loro reddito. Romney lo ha fatto  a malincuore solo dopo insistenze della stampa e del suo avversario più diretto, Gingrich. Altri candidati in passato hanno rilasciato le dichiarazioni dei redditi in totale ma Romney lo ha limitato agli ultimi due anni. Si sospettava già che qualcosa non quadrasse con la sua situazione finanziaria. Difatti, alcuni dei suoi investimenti hanno suscitato sospetti come il suo conto in Svizzera, adesso chiuso, ma pur sempre imbarazzante. In parte perché l’americano medio non ha conti all’estero e soprattutto in Svizzera dove spesso i conti in banca creano l’immagine di soldi non troppo puliti.
Altri investimenti in paradisi fiscali come le Cayman Islands, il Lussemburgo e l’Irlanda del Nord hanno aggiunto altre inquietudini perché non quadrano con il cliché patriottico repubblicano di investire negli Stati Uniti.
La dichiarazione del reddito di Romney è stata resa nota lo stesso giorno in cui Obama ha fatto il suo discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione. Pura coincidenza? Forse, ma l’effetto è stato di sminuire l’attenzione mediatica su un tema scottante che non mette in buona luce Romney.
“Non chiederò scusa a nessuno per avere avuto successo” ha dichiarato Romney in un dibattito poco prima della primaria in Florida. “Io e mia moglie non abbiamo ereditato  i nostri beni. Ciò che possediamo lo abbiamo guadagnato con il lavoro”. Forse. Ma l’unico lavoro che Romney ha fatto negli ultimi anni consiste solo nella campagna elettorale per la nomination repubblicana che sembrava sua fino a qualche settimana fa ma che gli potrebbe sfuggire in parte per il suo “successo finanziario”. Voteranno gli americani per un uomo che negli ultimi due anni ha guadagnato 57.000 dollari al giorno mediante i suoi investimenti? Può una persona in tale situazione finanziaria capire i problemi dell’americano medio?

Domenico Maceri

docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

DON CIOTTI: "La lotta alla mafia
è atto di fedeltà al Vangelo"1 settembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

PRIMA DI CAMPIONATO: ROMA-FIORENTINA 2-030 AGOSTO 2014