ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

RIFORME  Meno burocrazia, meno costi, più modernità dello Stato

Risparmi per 500 milioni di euro

Le semplificazioni "migliorano la vita degli italiani"

mario_montiI provvedimenti del decreto semplificazioni "migliorano la qualità della vita dei cittadini che hanno rapporti con la Pa e migliorano anche la competitività dell'economia". Lo ha detto il premier Mario Monti. Il ministro della Pubblica amministrazione, Patroni Griffi, aggiunge che porterà risparmi che "saranno superiori ai 500mln" e inciderà "su settori in cui i costi attuali superano il miliardo". Ciò significa che ci sarà "un cospicuo risparmio per cittadini, imprese e per la PA". Invece il Consiglio dei ministri ha rinviato la norma sul valore legale  della laurea e degli altri titoli di studio:  "non è stato affrontato nel dl semplificazioni pur essendoci dei legami. Ma avendo osservato che il tema era delicato abbiamo deciso di aprire una consultazione pubblica", ha aggiunto. Il nuovo decreto sulle semplificazioni appena varato in Cdm sarà "utile per il consolidamento di bilancio", ha detto ancora  Monti. "L'Ue, gli osservatori internazionali e i mercati danno sempre maggiore importanza alle riforme strutturali per la crescita per giudicare la sostenibilità nel consolidamento dei bilanci pubblici"

 LE PRINCIPALI NOVITA' CONTENUTE NEL DECRETO

 Per gli immigrati sarà più facile rinnovare il permesso di soggiorno

"Fermo restando il limite di nove mesi, l'autorizzazione al lavoro stagionale si intende prorogato e il permesso di soggiorno può essere rinnovato in caso di nuova opportunità di lavoro stagionale offerta dallo stesso o da altro datore di lavoro", si legge nel documento. Inoltre è stato inserito anche un articolo che introduce i viaggi low-cost per giovani, anziani e disabili.


Ai giovani i beni confiscati alla mafia, affinché li utilizzino per scopi turistici
"I beni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata che hanno caratteristiche tali da consentirne un uso agevole per scopi turistici possono essere dati in concessione a cooperative di giovani di età non superiore a 35 anni".



Da maggio versamenti Inps senza cash
Da maggio tutti i versamenti nei confronti dell'Inps dovranno essere fatti con strumento di pagamento elettronici. Per "favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante e degli assegni, a decorrere dal primo maggio 2012 tutti i pagamenti e tutti i versamenti delle somme dovute a qualsiasi titolo nei confronti dell'Inps sono effettuati esclusivamente con strumenti di pagamento elettronici bancari o postali".


Piano di messa in sicurezza per le scuole
E' in arrivo un Piano di messa in sicurezza degli edifici scolastici esistenti e di costruzione di nuovi edifici "al fine di assicurare il tempestivo avvio di interventi prioritari e immediatamente realizzabili". Più in generale, la bozza del decreto prevede che il Cipe approvi un Piano nazionale di edilizia scolastica. Il Cipe, sempre su proposta del Ministro dell'istruzione di concerto con il Ministro delle infrastrutture, dovrà approvare "un Piano di messa in sicurezza degli edifici scolastici esistenti e di costruzione di nuovi edifici scolastici, anche favorendo interventi diretti al risparmio energetico e all'eliminazione delle locazioni a carattere oneroso, nell'ambito delle risorse già destinate agli scopi con delibera del 20 gennaio 2012 e di quelle assegnate al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca dall'articolo 33, comma 8, della legge 12 novembre 2011, n. 183, pari a cento milioni di euro per l'anno 2012".


Più banda larga a cittadini e imprese per innovare
Più connessioni a banda larga per cittadini e imprese nell'uso di servizi digitali per promuovere la crescita di capacità industriali a sostegno di sviluppo di prodotti e servizi innovativi. Nella disposizione si precisa che il governo "persegue l'obiettivo prioritario della modernizzazione dei rapporti tra pubblica amministrazione, cittadini e imprese, attraverso azioni coordinate dirette a favorire lo sviluppo di domanda e offerta di servizi digitali innovativi".


Più facile ricordarsi di rinnovare il proprio documento
Più facile anche ricordarsi di rinnovare il proprio documento di identità, perché basterà far riferimento al compleanno: la carta avrà infatti una validità maggiore rispetto ad oggi, la scadenza sarà estesa fino alla data di nascita del titolare.


Appalti, prevista una banca dati per i requisiti
Dal primo gennaio 2013, la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per la partecipazione alle procedure disciplinate dal Codice dei contratti è acquisita presso la Banca dati nazionale dei contratti pubblici, istituita presso l'Autorità. In materia di appalti, arriva poi la "responsabilità solidale" tra datore di lavoro, appaltatore ed eventuali subappaltatori. Mentre le piccole e medie aziende potranno avvalersi della dichiarazione unica ambientale. Controlli meno asfissianti e soprattutto più trasparenti: le amministrazioni dovranno pubblicare sul proprio sito e su www.impresainungiorno.gov.it la lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese. Si semplifica la procedura per l'astensione anticipata delle donne dal lavoro in caso di gravidanze più complesse. Così come le procedure per l'assunzione di lavoratori extra-europei.


Pubblica amministrazione più agevole con l'agenda digitale
Rapporti più moderni tra pubblica amministrazione, cittadini e imprese. E' l'obiettivo del governo Monti, nel quadro delle indicazioni dell'agenda digitale europea. "Con decreto del ministro dello Sviluppo economico, di concerto con il Ministro per la Pubblica amministrazione e la semplificazione, il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca e il ministro dell'Economia e delle finanze - si legge nella bozza - è istituita, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, una cabina di regia per l'attuazione dell'agenda digitale italiana, coordinando gli interventi pubblici volti alla medesime finalità da parte di regioni, province autonome ed enti locali".

Tessere di riconoscimento valgono 10 anni
"Le tessere di riconoscimento rilasciate dalle amministrazioni dello Stato hanno durata decennale: le tessere quinquennali in scadenza sono prorogate per un quinquennio". E' una delle novità del Dl Semplificazioni all'esame del Cdm.


Accelerare procedure di verifica dell'interesse culturale
Entro 60 giorni dall'entrata in vigore del decreto "nel rispetto delle esigenze di tutela del patrimonio culturale, con decreto non avente natura regolamentare del ministro per i Beni e le attività culturali, di concerto con il ministro dell'Economia" sono "definite modalità tecniche operative, anche informatiche, idonee ad accelerare le procedure di verifica dell'interesse culturale". Lo prevede l'ultima bozza del dl Semplificazioni facendo riferimento alla parte del Codice dei beni culturali e del paesaggio secondo cui gli uffici del ministero "d'ufficio o su richiesta formulata dai soggetti cui le cose appartengono e corredata dai relativi dati conoscitivi, verificano la sussistenza dell'interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico nelle cose" al "fine di assicurare uniformità di valutazione".

Più facile diventare autotrasportatore
Il decreto semplificazioni varato oggi dal Consiglio dei ministri prevede una semplificazione dell'accesso "alla professione di autotrasportatore, esentando dall'obbligo dell'esame di idoneità professionale chi ha superato un corso di istruzione secondaria o chi ha diretto in maniera continuativa, per almeno dieci anni, un'impresa del settore". Lo si legge nella nota emessa dopo il Consiglio dei ministri.

Per gli agricoltori sarà più semplice la vendita diretta
Acquistare frutta e verdura direttamente dal contadino sarà più facile. Lo prevede una norma del decreto semplificazioni che 'sfronda' gli adempimenti necessari per l'avvio dell'attivita' di vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli. Anche in forma itinerante. D'ora in poi bastera' una semplice comunicazione. "L'imprenditore agricolo - si legge - potrà iniziare l'attività contestualmente all'invio della comunicazione, fermo restando gli obblighi igienico-sanitari".

Appalti, verranno risparmiati almeno 1,3 miliardi di euro
Con il nuovo decreto "le amministrazioni avranno la possibilità di consultare rapidamente il fascicolo elettronico di ciascuna impresa ed effettuare i controlli necessari, con un risparmio stimato di circa 1,3 mld l'anno".

Più facile rinnovare le patenti degli 80enni
"Sarà piuù semplice e veloce, per i guidatori ultraottantenni, rinnovare la patente". Lo prevede il decreto semplificazioni. Secondo quanto si legge nella nota del Cdm, "il rinnovo, di durata biennale, potrà essere effettuato direttamente presso un medico monocratico e non più presso una commissione medica locale".

Certificati in tempo reale

Grazie allo scambio di dati online tra le diverse amministrazioni, sarà possibile ottenere immediatamente il cambio di residenza, i certificati di nascita e di matrimonio.

 

Vertice Monti-Merkel-Sarkozy

Summit dei capi di Stato e di governo dei 27 Paesi Ue a Bruxelles per parlare di austerity, di crescita e occupazione. La Commissione Ue ha già annunciato l'intenzione di riprogrammare gli 83 mld di fondi 2007-13 proprio sull'occupazione. In agenda anche l'adozione del "fiscal impact". Ma è certo che ufficiosamente si parlerà anche di rafforzamento del Fondo salva-Stati e della questione greca. E poi c'è il nodo della Polonia, che non accetterà il "fiscal compact", che prevede almeno due eurogruppo l'anno e la partecipazione dei Paesi firmatari non euro ad almeno uno. Prima del summit, trilaterale di Monti con Merkel e Sarkozy.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014