ORA DI PUNTA

Respingere

il ricatto

di Renzi

di Ennio Simeone

Con la compiacente accoglienza di Lilli Gruber e il flaccido fiancheggiamento di Marcello Sorgi, Matteo Renzi ha lanciato nuovamente, dalla tribuna televisiva di "Otto e mezzo" su La7, il suo ricatto sulla legge elettorale: se l’Italicum non passa, ha detto, il governo va a casa e quindi - questo il messaggio ricattatorio - i parlamentari vanno tutti a casa. E’ come se avesse posto già il voto di fiducia. Un atto scandaloso che il presidente della Repubblica - se vuol tener fede a quanto affermò all’atto del suo insediamento al Quirinale - non può lasciar passare liscio. Un atto ancor più scandaloso perché in assoluto contrasto con quanto lo stesso Renzi affermò un anno fa, e cioè che la legge elettorale va cambiata con il più largo consenso e che non la si può imporre. Anche perché non sono i governi che fanno le leggi elettorali ma il parlamento. Questo è un principio che è stato recentemente ribadito da Enrico Letta, ma Renzi non glielo perdona, perciò lo attacca direttamente lui  e lo fa attaccare dall’ambasciatrice del Pd presso Verdini, cioè la ministra Maria Elena Boschi. Come attacca e fa attaccare Romano Prodi, colpevole di aver detto a chiare lettere che tra Renzi e Letta la sua preferenza va al secondo per la sua serietà. 

Purtroppo il ricatto funziona se è vero, come fanno notare alcuni osservatori,  che il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capo dei “riformisti” del Pd si orienterebbe a ritirare le sue dimissioni e, in nome di non si sa qual senso di responsabilità, a votare la fiducia sulla  sulla legge elettorale, pur non condividendola. Un atto che metterebbe nelle mani del capo del governo uno strumento di ricatto permanente per i prossimi tre anni e gli conferirebbe un potere pericoloso. E’ il momento di capire che al ricatto si può rispondere in un solo modo: respingendolo con fermezza perché è l’unico modo per costringere Renzi a cambiare rotta o, in alternativa, a togliere il disturbo. E sarebbe il male minore per l’Italia rispetto alla sua pericolosa ulteriore permanenza, con i poteri attuali, a Palazzo Chigi e nel palazzo di via del Nazareno. Meglio una crisi di governo che una crisi della democrazia.

  Venerdì 24 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Carenza politica e strategica europea difronte alla catastrofe *...
La Cina vuole un ruolo maggiore nelle istituzioni...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIOMERCATO

Tevez-novela infinita

Lazio vicina a Honda

tevez-lopezdi Fabio Camillacci

Martedi 31 gennaio, giorno di chiusura di questa sessione invernale del calciomercato, potrebbe arrivare il colpo di scena. I soliti ben informati sostengono che per Tevez al Milan c’è ancora uno spiraglio. L’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani starebbe cercando di convincere Silvio Berlusconi a fare uno sforzo economico per convincere il Manchester City a cedere l’attaccante argentino.

Lazio, parte Cissè, arriva Honda? Sempre più probabile la cessione del francese destinazione Londra, sponda Queen’s Park Rangers. Domani Cissè dovrebbe lasciare la Capitale. Intanto, Lotito ha trovato l’accordo col Cska Mosca per il trasferimento in Italia del centrocampista giapponese Keisuke Honda. Secondo la stampa nipponica l’intesa sarebbe stata raggiunta sulla base di 14 milioni di euro

Fiorentina molto attiva. I viola vogliono provare a prendere in extremis Antonio Candreva. Il centrocampista è dato in partenza da Cesena; peraltro, oggi non è stato nemmeno convocato per la gara di campionato con l'Atalanta. Candreva piace anche a Napoli e Juventus. Nel frattempo, Cosmi dopo Lecce-Inter ha confermato la partenza di Olivera destinazione Firenze: “Abbiamo già pronto un sostituto egualmente valido in Bertolacci". 

Genoa tra Immobile e Cerci. Al termine della vittoriosa partita di campionato col Napoli, il presidente rossoblu Enrico Preziosi ha annunciato una serie di affari fatti o prossimi alla conclusione: presa la metà di Ciro Immobile "senza scambi" (si era ipotizzata una omologa contropartita per la Juventus, proprietaria dell'attaccante, con la metà di Boakye); confermato l'arrivo del difensore brasiliano Robert Carvalho della Figueirense. Molto avanti inoltre la trattativa con la Fiorentina per Cerci.

Serie B, Pasquato al Torino. I granata comunicano sul proprio sito internet "di aver acquisito a titolo temporaneo dalla Juventus F.C. il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Cristian Pasquato".

 

Le trattative e le notizie di calciomercato dei giorni scorsi. The end, o meglio, per dirla con la lingua di Carlitos Tevez: final, almeno per gennaio. Niente “apache” per il Milan. Per tutto il pomeriggio di oggi (venerdi) Galliani ha trattato direttamente con Al Mubarak, braccio destro dello sceicco Mansour, proprietario del Manchester City. Telefonate, fax, mail; i rossoneri hanno insistito per avere Tevez con la formula del prestito gratuito, ma il patron dei Citizens ha detto ancora una volta no. Kia Joorabchian, agente del giocatore ha dichiarato: "Carlitos resterà al Manchester City fino alla prossima estate. Abbiamo trattato con tre grandi club, ma non è stato raggiunto l'accordo con il City. Tevez, quindi, resterà al City fino a giugno, nonostante che il club inglese avrebbe anche voluto venderlo ma solo a un certo prezzo. In ogni caso, a questo punto, sono abbastanza sicuro che si trasferirà in estate quando riaprirà il mercato, e sarà un mercato diverso con tanti altri grandi club che si interesseranno a lui". E così il Milan ha virato come previsto su un altro argentino, Maxi Lopez: il contratto dell’ex attaccante del Catania è stato depositato in Lega pochi minuti prima delle 19. Prestito con diritto di opzione per l’acquisto definitivo e per il giocatore contratto fino al 30 giugno 2015 .

Juve, Caceres è ufficiale. La Juventus comunica le cifre dell'affare. Il difensore portoghese torna a Torino in prestito, per 1,5 milioni di euro da versare entro 5 giorni dal rilascio del transfer internazionale. Il contratto prevede che, se la Juve termini il campionato tra le prime sei squadre, avrà l'obbligo di esercitare, entro il 30 maggio 2012, il diritto di opzione per l'acquisizione a titolo definitivo pagando 8 milioni. Se la Juve invece non raggiungesse questo piazzamento non avrà l'obbligo di esercitare il diritto di opzione, ma dovrà riconoscere al Siviglia una penale di 1,5 milioni.

Roma, nodo Marquinho. Il cartellino del centrocampista brasiliano è al 30% di proprietà della Fluminense, mentre il restante 70% è in mano al suo agente Marcio Rivelino. L'accordo col giocatore però c'è: ha firmato un contratto quadriennale da circa 2 milioni lordi (più premi). Marquinho arriverebbe in prestito con diritto di riscatto, ma qui spuntano i problemi perché la Fluminense per cederlo definitivamente vuole circa 8 milioni, mentre la Roma (pagato il prestito 3-400 mila euro) non vuole andare oltre i 4 milioni. I dirigenti giallorossi comunque restano ottimisti sull'esito della trattativa. Intanto, il d.s. romanista Sabatini è in pressing su Josè Bosingwa, 29 anni, difensore esterno del Chelsea. Il portoghese, svincolato a giugno, per ora non intende rinnovare con i blues. Può arrivare subito, ma è più probabile che arrivi a giugno. In estate, per proseguire la politica dei giovani, potrebbero arrivare anche: il talentino del River Plate German Alejo Pezzella, 20 anni, il suo compagno di squadra Facundo Piriz e il baby del Pescara, Marco Perrotta. Per quanto riguarda il capitolo De Rossi, il centrocampista della Nazionale starebbe per firmare il rinnovo; ma sul contratto ci sarà una clausola rescissoria non alta, da esercitare probabilmente in una finestra temporale di mercato ben precisa. Nel frattempo, la Roma si cautela cercando di acquistare il cartellino di Fernando Gago. Secondo la stampa spagnola però i giallorossi non vogliono spendere più di 5 milioni di euro.

Pinilla dal Palermo al Cagliari. L’attaccante cileno arriva in Sardegna con la formula del prestito oneroso (300mila euro) con diritto di riscatto fissato a 3 milioni. Ufficializzata anche la cessione del difensore argentino Mauro Cetto al Lilla.

Serie B. Ufficiale il ritorno di Massimo Maccarone all’Empoli. Il club toscano ha reso noto l'acquisto di Big Mac dalla Sampdoria. Il centrocampista Bentivoglio invece è ormai un giocatore del Padova: lascia la Sampdoria in prestito con diritto di riscatto.

Estero. Una voce dalla Germania, il Bayern Monaco su Riccardo Montolivo. Così scrive almeno il sito 4-4-2.com, secondo il quale i bavaresi avrebbero presentato un'offerta da 7 milioni di euro alla Fiorentina. Ricordiamo che su Montolivo c’è il Milan; i rossoneri hanno già l’accordo col giocatore che dovrebbe arrivare a Milanello in estate a parametro zero, visto che non ha rinnovato il contratto con la Fiorentina.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015