ORA DI PUNTA

Il Papa

seminatore 

di Nuccio Fava

Scelta felice far coincidere la chiusura del Sinodo sulla famiglia voluto da papa Francesco con la beatificazione di Paolo VI, il papa che il Sinodo dei vescovi l’aveva istituito a conclusione del Concilio Vaticano II  cinquant’anni fa. Un evento fondamentale per l’ammodernamento della Chiesa e la sua apertura come mai prima alle istanze e ai drammi del mondo contemporaneo. Papa Francesco l’ha definito uomo della semina e della coscienza, umile servitore della chiesa e di tutta l’umanità. Per la nostra generazione di universitari della Fuci, Montini è stato soprattutto l’educatore alla responsabilità della cultura e dell’intellettuale, dell’impegno personale di fronte alle difficoltà e alle novità del processo storico. Della Fuci Paolo VI era stato assistente per oltre dieci anni rimosso per quieto vivere dalla curia romana a seguito delle pressioni sempre più insostenibili da parte del regime fascista.

Era insopportabile per il Duce l’azione formativa di questo piccolo prete bresciano, figlio di un deputato del partito popolare di don Sturzo, che svolgeva con efficacia la promozione di valori di libertà e di responsabilità personale incompatibili con ogni forma di dittatura. Per la nostra generazione sono rimasti tratti indelebili nel legame di gratitudine e di affetto verso Paolo VI, che si sono rinnovati con profonda emozione nelle tragiche giornate del rapimento di Aldo Moro, della lettera agli uomini delle Brigate Rosse e dell’omelia nella basilica di san Giovanni.

Il tratto del dialogo è stato cifra costante dell’azione di Paolo VI , che coglieva nell’urgenza di un nuovo rapporto chiesa-mondo la domanda e le responsabilità nuove per i cristiani in una condizione storica di continuo e profondo mutamento. E’ stato Paolo VI ad aprire i viaggi papali con la visita in Terra Santa e lo storico incontro con il patriarca Atenagora; l’enciclica Populorum Progressio e l’intervento all’assemblea dell’Onu e la definizione “Lo sviluppo e il nuovo nome della pace”. C’è una sapiente regia della chiesa nel governo dello stesso cerimoniale, a cominciare dalla presenza in piazza san Pietro del papa emerito Benedetto XVI chiamato a Roma come cardinale da Paolo VI e ulteriore segno di quello spirito di collegialità così vivamente auspicato da papa Montini. Valori a cui ha dato espressione e concretezza papa Francesco sottolineando il carattere di collegialità e di servizio a tutti gli uomini manifestati nella prima fase del sinodo romano che avrà la sessione conclusiva il prossimo anno.

Non sono mancati i contrasti tra i padri sinodali che papa Bergoglio ha voluto ricordare e che significativamente fossero resi pubblici. Non solo un metodo nuovo ma, se possibile, una nuova sostanza di vicinanza della Chiesa alle speranze e alle attese di tutto il mondo come auspicato per la sua intera esistenza da Paolo VI.

  Domenica 19 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Solo ipotesi

Piano liberalizzazioni

corporazioni in guerra

Più farmacie, taxi, più notai, via le tariffe minime per le professioni, servizio ferroviario più 'allargato' alla concorrenza, stop alle polizze assicurative imposte dalle banche sui mutui. Sono solo alcuni degli interventi - ma da Palazzo Chigi si afferma che le notizie sono inesatte - che arriveranno via decreto sul tavolo del Consiglio dei Ministri del prossimo 20 gennaio. Anche se un primo esame, ha annunciato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, potrebbe già svolgersi in settimana. Noti i punti della ricetta Catricalà-Antitrust sui quali è  già stata depositata una memoria dell'autorità. Ma le corporazioni sono già sul piede di guerra e forti resistenze si incontrano tra i partiti, anche in alcuni settori di quelli che sostengono il governo. Infatti i tassisti hanno annunciato per il 23 uno sciopero nazionale. La decisione assunta dai sindacati nazionali riuniti oggi in centinaia a Bologna. Delegazioni da Torino, Milano, Roma, Genova, Sanremo. 

Ecco, comunque i capitoli di intervento:

- FARMACIE E FARMACI: Sulle farmacie - secondo Catricala' - ''non si tratta di ampliare i mercati ma di ridurre i prezzi''. Inoltre ''serve un ampliamento della pianta organica particolarmente rilevante''. Si ipotizza cosi' di rivedere il numero di abitanti per l'apertura di nuovi esercizi e di vendere anche nella grande distribuzione e nelle parafarmacie alcuni farmaci di fascia C. E tra le richieste c'e' anche quella di intervenire sull' 'ereditarieta'' delle farmacie.

- ACQUA: Nel mirino delle liberalizzazioni finira' anche l'acqua, nonostante il referendum contro la privatizzazione: ''pensiamo di fare modifiche - dice Catricala' - che non vadano contro il risultato referendario ma non vogliamo che sia un escamotage'' per aggirare la scelta degli italiani.

- TAXI: E' uno dei capitoli piu' spinosi che ha molto agitato le acque gia' a partire dalle 'lenzuolate' di Bersani. L'ipotesi e' la liberalizzazione con licenze 'compensative'. In particolare, l'Antitrust suggerisce di dare la possibilita' agli attuali titolari delle licenze di vedersene assegnata un'altra gratuitamente.

- BENZINA: I gestori potranno vendere benzina insieme ad altri beni di consumo. Potrebbero poi essere rispolverati gli interventi per eliminare l'esclusiva dei distributori. Si punta a misure che favoriscano lo sviluppo di operatori indipendenti, anche attraverso forme di aggregazione di piccoli gestori.

- SERVIZI PUBBLICI: Oltre che l'apertura alle gare, allo studio potrebbero esserci anche misure per facilitare la fusione tra piccole aziende.

- FERROVIE: Ci saranno norme che aiuteranno la facilita' di accesso alla rete in attesa che la nuova autorita', istituita con la recente manovra, inizi ad occuparsi del settore anche dal punto di vista della concorrenza.

- BANCHE: Stop ai contratti di assicurazione che le banche fanno sottoscrivere contemporaneamente all'erogazione di un mutuo o di un prestito.

- ORDINI: abolire qualsiasi tariffario, ampliare la pianta organica dei notai, in modo da aumentare significativamente il numero dei posti. Per tutti gli Ordini va infine abrogata la norma che prevede il controllo, da parte degli Ordini stessi, sulla trasparenza e veridicità dei messaggi pubblicitari veicolati dai professionisti.

- ENERGIA: Rispetto al mercato elettrico, la liberalizzazione del settore del gas e' sempre stata monca, visto che la proprieta' della rete e degli stoccaggi resta in capo ad Eni. Catricala' spiega che ''separare l'Eni dalla Snam non e' una priorita''' e che ''esistono tanti altri rimedi che consentono alle imprese energivore di pagare meno il gas''.

- POSTE: La proposta dell'Antitrust e' di scorporare Banco Posta da Poste Italiane, ridefinire il servizio universale, limitandolo ai servizi veramente essenziali e ridurre la durata dell'affidamento a Poste, attualmente fissata a 15 anni.

- INCENTIVI IMPRESE: Tra gli interventi allo studio del governo per rilanciare la crescita e riqualificare allo stesso tempo la spesa pubblica si pensa infatti ad una drastica semplificazione degli incentivi, passando dalle attuali 90 leggi di incentivazione a sole tre tipologie.

Commenti  

 
0 #1 Donato Robilotta 2012-01-11 21:41
Credo che un partito che ha nel suo logo la parola “Libertà” debba essere per definizione favorevole alle liberalizzazion i senza se e senza ma, perché mercato e concorrenza dovrebbero far parte del suo Dna.
Fa bene per esempio Gasparri a chiedere che si parti dalle liberalizzazion i sui servizi pubblici locali, come la gestione del trasporto pubblico, dei rifiuti e dell’energia, e bisognerebbe avere da parte del governo Monti anche il coraggio e l’onestà intellettuale di mettere in discussione il referendum imbroglio sull’acqua, che tanti problemi sta creando alla maggior parte degli enti locali che non hanno risorse per sostituirsi ai privati.
Non bisogna però avere remore né dare a volte l’impressione di difendere corporazioni forti che avversano qualsiasi forma di liberalizzazion e come il settore delle professioni e dei taxi.
Proprio sulla questione dei taxi l’Antitrust ha lanciato tempo fa la proposta di regalare ad ogni tassista un’altra licenza, in modo da aumentare il numero vetture in circolazione e allo stesso tempo venire incontro ai tassisti sull’esigenza del fatto che la licenza rappresenta un capitale per il proprio tfr.
Questa era esattamente la proposta fatta dall’Istituto Bruno Leoni, e da me presentata in consiglio Regionale nella scorsa legislatura, cui il Pdl non potrà restare indifferente se venisse presa in considerazione dal disegno di legge del Governo Monti sulle liberalizzazion i.
Donato Robilotta
coordinatore dei “Socialisti Riformisti del PdL”.
già Consigliere Regionale del Lazio
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014