ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE Tutti la vogliono ma non per loro

La Cortina delle facce di bronzo

Vip con auto di lusso e redditi da... impiegati

befera_258Le scoperte degli 007 del fisco ora fanno gridare allo "Stato di polizia". Eppure risulta che nei giorni del blitz degli ispettori gli affari sono lievitati fino al 400% in più

di Romano Lusi

Tutti invocano le liberalizzazioni, ma guai se toccano la propria categoria o corporazione. E così tutti invocano la caccia agli evasori fiscali, ma coloro che finiscono nel mirino dei "cacciatori" e i loro amici alzano subito barricate e lamenti al cielo. E' ciò che sta accadendo in queste ore dopo che si è appreso che l'Agenzia delle Entrate ha inviato tra il 30 dicembre e Capodanno a Cortina d'Ampezzo 80 ispettori con l'incarico di andare a vedere se i vip arrivati in auto di lusso, in alberghi di lusso, e andati a fare acquisti in negozi di lusso, risultano negli elenchi di coloro che pagano regolarmente le tasse. I primi ad insorgere sono stati gli albergatori e i commercianti della località dolomitica, preoccupati che l'attenzione sui loro ospiti possa far calare gli incassi e distogliere i frequentatori dal ritornare a trascorrere vacanze a Cortina. Poi è stata la volta del sindaco, che ha rilasciato interviste di fuoco contro l'iniziativa dell'Agenzia delle Entrate, cui ha fatto eco l'assessore municipale al commercio, Luca Alfonsi: "E' uno shock per la località - dice - che così perde anche in immagine". E invece le cose sono andate diversamente, molto diversamente: L'Agenzia delle Entrate del Veneto (ricordiamo che Cortina è in provincia di Belluno) fa sapere che gli incassi degli esercizi commerciali della località turistica dolomitica (alberghi, bar, ristoranti, gioiellerie, boutique, farmacie, saloni di bellezza), nel giorno dei controlli fiscali, ''sono lievitati rispetto sia al giorno precedente sia allo stesso periodo del 2010. Addirittura i ristoranti hanno registrato incrementi fino al 300% rispetto allo stesso giorno del 2010, i commercianti di beni di lusso fino al 400% rispetto allo stesso giorno dell'anno prima''. Bisognerà approfondirne le ragioni, anche se si può immaginare che ciò sia dovuto anche ad un maggiore rispetto delle regole fiscali per la presenza degli ispettori.

Sono dati che stridono con il racconto fatto con toni allarmati da una albergatrice: "Gli ispettori sono arrivati alle 8 del mattino e se ne sono andati dieci minuti dopo mezzanotte - si lamenta la titolare di un noto hotel cortinese -. Ho firmato il verbale che ero già in camicia da notte. Un blitz del genere in queste date è un attentato a chi lavora". E aggiunge: "I miei clienti hanno detto che se ne vanno a Saint Moritz. Questo stato poliziesco nessuno lo vuole accettare".
Alla indignazione dei cortinesi si è associato subito il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto: "Coloro che sovrintendono alla lotta all'evasione fiscale e quindi fra essi in primo luogo il dottor Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate (foto), devono avere la consapevolezza che operazioni come quella fatta a Cortina, con controlli a tappeto rispetto a tutta un'area perché presumibilmente popolata in queste vacanze da ricchi, sono del tutto inaccettabili e chiaramente ispirate ad una concezione ideologica del controllo fiscale". Lo stesso Cicchitto aveva severamente criticato una indecente sortita del comico Beppe Grillo, che aveva invitato a "comprendere" (pur dissociandosi genericamente dalla violenza) i ripetuti attentati dinamitardi di questi giorni contro Equitalia.  "Non si può scherzare con il fuoco e neanche con le parole - aveva detto l'esponente del Pdl - e quindi ieri Grillo ha commesso un gravissimo errore anche perché ci troviamo a fare i conti con un inizio di operazioni terroristiche fatte nei confronti di Equitalia". Però poi si è ritrovato di fatto in sintonia con il comico-politico arringapopolo, il quale è per la lotta all'evasione, ma poi è per la tolleranza nei confronti di chi manda pacchi esplosivi a chi dà la caccia agli evasori. Ma che diranno tutti questi critici dopo che si conosceranno i risultati degli accertamenti? 

Eccone alcuni: gli 007 di Equitalia hanno controllato i possessori di 251 auto di lusso di grossa cilindrata ed è emerso che su 133 auto intestate a persone fisiche, 42 appartengono a cittadini che fanno fatica a "sbarcare il lunario", avendo dichiarato meno di 30 mila euro lordi di reddito sia nel 2009 sia nel 2010, mentre 16 auto sono intestate a contribuenti che hanno dichiarato meno di 50mila euro lordi. Gli altri 118 superbolidi sono intestati a società che sia nel 2009 sia nel 2010 hanno dichiarato in 19 casi di essere in perdita, mentre in 37 casi hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi.

Insomma l'operazione messa in campo a Cortina con controlli in soli 35 esercizi commerciali (su un totale di quasi 1.000), ha portato risultati e informazioni abbastanza illuminanti. Come si è detto, gli incassi degli esercizi commerciali sono lievitati notevolmente. In particolare, i ristoranti hanno registrato incrementi negli incassi fino al 300% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+110% rispetto al giorno prima), i commercianti di beni di lusso fino al 400% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+106% rispetto al giorno prima), i bar fino al 40% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+104% rispetto al giorno prima). Non sono mancati, informa l'Agenzia, singoli episodi particolarmente significativi: un commerciante deteneva beni di lusso in conto vendita per più di 1,6 milioni di euro, senza alcun documento fiscale.

Commenti  

 
0 #2 Pasquale Lorusso 2012-01-06 21:43
Equitalia, come tutti sappiamo, è la società per azioni, incaricata dell’esercizio dell’attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi e ha come fine quello di contribuire a realizzare una maggiore equità fiscale, riducendo i costi a carico dello Stato e semplificando il rapporto con il contribuente...a conti fatti però..tralasciando le definizioni....Equitalia sta attanagliando le categorie lavorative,e quindi produttive, più importanti sul piano sociale e tutte le categorie più deboli sul piano giuridico, nel tentativo di estorcere piccole somme di denaro, per venire incontro alla crisi economica.
Una crisi, in cui i colpevoli non sono gli italiani, bensì una politica sciatta e incompetente...per non dire fantasma.
Questo sistema, anti-sociale ed usuraio, sta portando sul lastrico milioni di famiglie, che non potendo pagare i propri debiti ,e per questo, avvolti nella disperazione più totale, si rivolgono a usurai o in situazioni più estreme e preoccupanti arrivano al suicidio"
Queste sono le parole di Vito Nicola Bruno Cantacessi (Forza Nuova) 
In effetti è cronaca ormai nota quella rigurdante casi di suicidio in aumento come l'imprenditore tranese, che dopo essersi rivolto agli strozzini, e con ciò, aver reso la propria situazione ancora più insostenibile, ha deciso di suicidarsi; ricordiamo anche il settantaquattre nne di Bari che i il giorno di Capodanno si è gettato dal balcone della propria abitazione per paura che gli venisse confiscata la casa, dopo aver ricevuto una cartella di 5000 euro da Equitalia per conto dell'Inps.
"E' giunta l'ora in cui lo Stato, Equitalia o chi per loro la smettano di adoperare questa politica anti-sociale ed usuraia e che tornino a fare gli interessi dei cittadini....Che invece di essere tutelati dal proprio Stato ed essere considerati il fine di ogni manovra politica...sembrano considerati ormai un mezzo di guadagno"
Pasquale Lorusso
Citazione
 
 
0 #1 ryky 2012-01-06 18:48
tutti quelli che hanno sempre pagato e continuano a pagare fino all'ultimo euro,
auspicano che tutta l'Italia diventi cortina d'ampezzo. al sig. cicchito, vecchio socialista, vorrei ricordare che,
se le tasse le pagheranno tutti, potremo
sperare un giorno, di pagarne di meno tutti, non solo i furbetti.
al presidente della regione veneto,
che grida allo scandalo, vorrei ricordare
che, se tutti pagano il dovuto, va bene
anche per la regione, che può così offrire
più servizi ai suoi concittadini, o no!
con queste manifestazioni (di gran-
de simpatia) verso l'agenzia delle entrate, da parte di esponenti politici,
qualcuno potrebbe pensare che a proteggere gli evasori ci sia una specifica parte politica! saluti e alla prossima ryky
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: OLYMPIAKOS-JUVENTUS 1-022 OTTOBRE 2014