ORA DI PUNTA

La corsa

verso il PdR

di Nuccio Fava

Il travaglio maggiore è nel partito di Renzi, anche se il segretario presidente sembra fare orecchie da mercante. Per chi aveva proclamato ai quattro venti che le riforme si fanno insieme con la più larga maggioranza possibile - a cominciare dal “lodo del Nazareno” redatto all’insaputa di tutti, tranne Verdini - non si tratta comunque di un risultato esaltante.

Berlusconi ha problemi infiniti, ma non è difficile spiegare la sua giravolta difronte al gioco abile ordito da Renzi per avere il consenso unanime del suo partito in occasione della elezione del nuovo presidente della Repubblica. Ritrovarsi però con tutte le opposizioni schierate contro sulla legge elettorale e minacciare ciononostante di proseguire imperterrito fino a decidere di porre la questione di fiducia, ci pare una missione suicida destinata comunque a conseguenze negative.

 L’Italicum ci pare discutibile dalle fondamenta per lo spropositato premio di maggioranza attribuito per giunta non a una coalizione ma al singolo partito che raccolga un voto in più del concorrente al ballottaggio. Ci sono poi i 100 capolista decisi dal centro dai capo partiti; l’assenza sostanziale di vera possibilità di scelta da parte del cittadino elettore. Insomma una minestra precotta o il salto dalla finestra, come recita il detto popolare. Renzi però ostenta piglio imperterrito e rafforza l’ostentazione della sua sicurezza facendo minacciare di continuo dai suoi fedelissimi il voto fiducia. Ha del resto buttato fuori dalla commissione che esaminava la legge dieci commissari della minoranza interna, e ignorato completamente le dimissioni del capogruppo Speranza, colpevole agli occhi dei renziani di volere tentare un’estrema mediazione nel gruppo al fine di evitare – così l’ha chiamato – un insulto al Parlamento. 

Non sono mancati errori e, in particolare, la sinistra interna è apparsa divisa e priva di una strategia chiara e convincente. Criteri e metodi seguiti appaiono in ogni caso fortemente discutibili anche se, in apparenza, non scalfiscono le certezze del segretario presidente. Il problema maggiore riguarda certamente la minoranza Pd, ma è il Partito Democratico nel suo complesso e tutta la società Italiana a trovarsi in un passaggio cruciale. Non riguarda infatti un attraversamento ordinario della nostra vita politica, ma la definitiva trasformazione del Pd in PdR: quel partito della Nazione auspicato dai seguaci renziani dopo l’entusiasmante risultato delle elezioni europee. Con il rischio però che il renzismo, come scrive da tempo il professor Ilvo Diamanti, diventi un formidabile blocco di potere lideristico per i prossimi anni.

  Martedì 28 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
La campagna elettorale repubblicana ripiega su "Obamacare light" *...
Prima e dopo il 25 aprile: continuare a...
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

EXTRA  MANOVRE SULLA MANOVRA 


L'ORA DEGLI IRRESPONSABILI

E Napolitano li richiama energicamente alla realtà

Manovra_in_cifreCome gli interessi di bottega stanno prevalendo in alcune forze politiche mentre tra i sindacalisti c'è una gara a chi cavalca meglio la demagogia per non farsi scavalcare dall'altro

di Romano Lusi

Avete mai sentito parlare di manovre economiche d'emergenza, mirate alla riduzione del deficit pubblico, che non impongano sacrifici un po' a tutti? Avete mai visto una sola categoria o una sola persona che, di fronte al taglio dei suoi emolumenti o all'aggravamento dell'onere fiscale, faccia salti di gioia? Ritenete che ci sia una sola categoria sociale o una sola persona che venga risparmiata, anche nel caso che stiamo vivendo, dal dover sopportare, chi più chi meno, un sacrificio economico? La risposta è inevitabilmente: no, a tutte e tre le domande. E allora, se tutti gli organismi che sono investiti della rappresentanza di una o più categorie colpite dalle misure anti-crisi - che il governo Monti ha dovuto adottare nel giro di pochissimi giorni - decidono di scendere in campo per opporsi ai provvedimenti che toccano la propria categoria può scaturirne una vera e propria rivoluzione di massa, cioè il caos, con conseguenze inimmaginabili per la stabilità del nostro paese. Sarebbero degli irresponsabili. Ebbene questi irresponsabili si stanno prendendo la scena, ogni giorno di più, in una pericolosa quanto ridicola corsa a chi scavalca l'altro nello spararla più grossa.

Ma pare che in molti, in troppi, non se ne rendano conto o, pur rendendosene conto, se ne infischiano, cavalcando il motto "tanto peggio tanto meglio", dove il "tanto meglio" si riferisce ai loro interessi di bottega. Una bottega, però, che vive alla giornata, senza alcuna cura del futuro.

Ed ecco i sindacati chiudersi a testuggine intorno alla loro bottega e  aizzare le piazze contro il ministro del Lavoro Elsa Fornero, colpevole di essersi limitata a rispondere, a domanda di un giornalista, che forse sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori "si può anche discutere". E' una frase detta a supporto del principio, che i sindacati dovrebbero apprezzare e far proprio, che bisogna puntare alla fine del precariato dei giovani, garantendo loro assunzioni con contratti a tempo indeterminato anche se partendo con salari bassi da far gradualmente lievitare. Una reazione che quegli stessi sindacati non avevano avuto quando il precedente governo aveva parlato esplicitamente di cancellazione dell'articolo 18. E allora alla Fornero che sostiene la necessità di alzare i livelli salariali Bonanni-Cisl risponde sfidandola ad alzare quelli dei precari, e la Camusso-Cgil, per non essere da meno, va alla scoperta dell'acqua calda, dichiarando che nessun lavoratore deve essere licenziato perché è antipatico al datore di lavoro, e accusa la signora ministro di essere "peggio di Berlusconi".

Invitare costoro a un po' di serietà non serve. Perché ecco sull'altro fronte la Lega mobilitarsi, a protezione della propria bottega, per una "secessione fiscale" affidando ai sindaci di propria fede la missione di non applicare nei loro comuni l'Imu (riedizione parziale e corretta dell'Ici sulla prima casa).  Lo stesso Berlusconi ha ricordato che l'Imu era prevista proprio nell'ipotesi federalista pianificata da Pdl e Lega nel precedente governo. Ma ai dirigenti del Carroccio con cravatta e fazzoletto verde nel taschino non gliene importa affatto. Sono convinti che evitare alla gente di pagare una tassa li aiuti a recuperare i voti perduti.

Cercano di non essere da meno di esponenti della variegata sinistra: un barricadiero Di Pietro a difesa della propria bottega, scavalcato solo in oratoria da Vendola, Ferrero, Diliberto, i quali non hanno fatto tesoro della lezione subita nelle ultime elezioni che ne segnò la sparizione dal parlamento.

Già, le elezioni. L'ultimo sondaggio diffuso dal tg di Mentana dice che, tutto sommato, l'opinione pubblica è più saggia e prudente di quanto si immagini perché Di Pietro e la Lega non ricavano consensi  dalla loro opposizione, anzi li perdono (a vantaggio dello spregiudicato Grillo), le sinistre non ne guadagnano gran che, Pd e Pdl pagano, ma molto meno di quanto si potesse preventivare, il loro sostegno al governo Monti. Che, pur perdendo quel plebiscitario consenso di cui fu gratificato appena nominato, continua ad avere un gradimento superiore al 53 per cento, nonostante la durezza della manovra adottata. E potrà consolidarsi se gli si dà il tempo e l'opportunità di preparare misure mirate alla crescita economica. Tempo e opportunità minacciati dalla irresponsabilità galoppante.

L'intervento di Napolitano. E Giorgio Napolitano striglia energicamente queste forme di irresponsabilità e queste contrapposizioni, invitando tutti a sostenere lo sforzo del governo Monti. Lo ha fatto al Quirinale in occasione della cerimonia dello scambio di auguri natalizi con le istituzioni, ricordando che "la lunga, irriducibile contrapposizione, al limite dell'incomunicabilità  che si era determinata tra le forze politiche ha reso impraticabile ogni ipotesi di larga coalizione di governo, come il presidente incaricato ha potuto ben presto constatare''. "La soluzione della crisi aperta con le dimissioni di Berlusconi - ha sottolineato - non si è collocata nei binari di un ordinario succedersi alla guida del Paese di schieramenti che hanno ottenuto la maggioranza nelle elezioni, ma né forzature né strappi ci sono stati rispetto nell'ordinamento costituzionale".

D'altronde, ha fatto notare, il 2011 "é l'anno in cui è stato scosso e messo alla prova il progetto europeo e si sono concretizzati per il nostro paese rischi assai gravi, dinanzi ai quali non hanno retto i preesistenti equilibri politici e si sono fatte sempre più stringenti nostre antiche e recenti contraddizioni e insufficienze. Perciò intervenire per far sì che in Italia non ci fosse un immediato scioglimento delle Camere e il ricorso alle urne, vista la crisi che c'era in Europa era un mio preciso dovere istituzionale. E la fiducia accordata al governo Monti é avvenuta perché occorreva scongiurare "in una fase così critica una paralisi dell'attività di governo e parlamentare e uno scontro elettorale devastante".

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015