ORA DI PUNTA

Bersani,

finalmente

di Matteo Cosenza


Bersani ha detto la sua chiaramente: non sono un figurante e non vado, quindi, a fare la comparsa da Renzi. Poi ha ricordato che con il jobs act si costringono i lavoratori (ricordate la parola?) agli anni pre Settanta. Era ora. Sento spesso parlare di abilità del presidente del Consiglio. Io chiederei: ma c’è da fidarsi?

Non è una domanda da poco perché è vero che in politica tattiche e strategie non sempre convergono ma è pur vero che un minimo di affidabilità e di credibilità è necessario nella vita come nella politica. Io di Renzi non mi fido. Le prove ormai sono tante e il jobs act, al di là del giudizio che se ne possa dare, forse è più grave dello “stai sereno” che fregò Enrico Letta e che rientrava per certi versi nel rapporto tra due persone.

L’abolizione dell’articolo 18 non era la naturale conclusione di un iter molto complesso e tormentato, e la delega decisa dal Parlamento non affidava questo compito al governo. Invece lui, Renzi, se n’è fregato, ha deciso, come probabilmente voleva dall’inizio, e poi ha sfacciatamente annunciato che aveva abolito un elemento cruciale dello Statuto dei Lavoratori. Ora c’è in ballo la faccenda delle antenne Rai. Lui, Renzi, assicura che il controllo attraverso il 51 per cento delle azioni resterà in mano pubblica e non finirà in quelle di Berlusconi. Probabilmente sarà così, ma quanta credibilità si può dare ad uno che con le parole - e la Parola - gioca con disinvoltura?

Non saprei dire ma a me questo signore, che ha in questo momento nelle sue mani le sorti del Paese, mi piace molto poco. E prendo atto che finalmente, per quanto troppo tardi, anche una persona per bene come Bersani dimostri di pensarla allo stesso modo.

  Domenica 01 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
HSBC, la banca al centro delle frodi fiscali *...
Walmart aumenta il salario minimo: luci e ombre *...
Tutti d'accordo: è indispensabile salvare la rete dell'indotto *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

EXTRA  MANOVRE SULLA MANOVRA 


L'ORA DEGLI IRRESPONSABILI

E Napolitano li richiama energicamente alla realtà

Manovra_in_cifreCome gli interessi di bottega stanno prevalendo in alcune forze politiche mentre tra i sindacalisti c'è una gara a chi cavalca meglio la demagogia per non farsi scavalcare dall'altro

di Romano Lusi

Avete mai sentito parlare di manovre economiche d'emergenza, mirate alla riduzione del deficit pubblico, che non impongano sacrifici un po' a tutti? Avete mai visto una sola categoria o una sola persona che, di fronte al taglio dei suoi emolumenti o all'aggravamento dell'onere fiscale, faccia salti di gioia? Ritenete che ci sia una sola categoria sociale o una sola persona che venga risparmiata, anche nel caso che stiamo vivendo, dal dover sopportare, chi più chi meno, un sacrificio economico? La risposta è inevitabilmente: no, a tutte e tre le domande. E allora, se tutti gli organismi che sono investiti della rappresentanza di una o più categorie colpite dalle misure anti-crisi - che il governo Monti ha dovuto adottare nel giro di pochissimi giorni - decidono di scendere in campo per opporsi ai provvedimenti che toccano la propria categoria può scaturirne una vera e propria rivoluzione di massa, cioè il caos, con conseguenze inimmaginabili per la stabilità del nostro paese. Sarebbero degli irresponsabili. Ebbene questi irresponsabili si stanno prendendo la scena, ogni giorno di più, in una pericolosa quanto ridicola corsa a chi scavalca l'altro nello spararla più grossa.

Ma pare che in molti, in troppi, non se ne rendano conto o, pur rendendosene conto, se ne infischiano, cavalcando il motto "tanto peggio tanto meglio", dove il "tanto meglio" si riferisce ai loro interessi di bottega. Una bottega, però, che vive alla giornata, senza alcuna cura del futuro.

Ed ecco i sindacati chiudersi a testuggine intorno alla loro bottega e  aizzare le piazze contro il ministro del Lavoro Elsa Fornero, colpevole di essersi limitata a rispondere, a domanda di un giornalista, che forse sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori "si può anche discutere". E' una frase detta a supporto del principio, che i sindacati dovrebbero apprezzare e far proprio, che bisogna puntare alla fine del precariato dei giovani, garantendo loro assunzioni con contratti a tempo indeterminato anche se partendo con salari bassi da far gradualmente lievitare. Una reazione che quegli stessi sindacati non avevano avuto quando il precedente governo aveva parlato esplicitamente di cancellazione dell'articolo 18. E allora alla Fornero che sostiene la necessità di alzare i livelli salariali Bonanni-Cisl risponde sfidandola ad alzare quelli dei precari, e la Camusso-Cgil, per non essere da meno, va alla scoperta dell'acqua calda, dichiarando che nessun lavoratore deve essere licenziato perché è antipatico al datore di lavoro, e accusa la signora ministro di essere "peggio di Berlusconi".

Invitare costoro a un po' di serietà non serve. Perché ecco sull'altro fronte la Lega mobilitarsi, a protezione della propria bottega, per una "secessione fiscale" affidando ai sindaci di propria fede la missione di non applicare nei loro comuni l'Imu (riedizione parziale e corretta dell'Ici sulla prima casa).  Lo stesso Berlusconi ha ricordato che l'Imu era prevista proprio nell'ipotesi federalista pianificata da Pdl e Lega nel precedente governo. Ma ai dirigenti del Carroccio con cravatta e fazzoletto verde nel taschino non gliene importa affatto. Sono convinti che evitare alla gente di pagare una tassa li aiuti a recuperare i voti perduti.

Cercano di non essere da meno di esponenti della variegata sinistra: un barricadiero Di Pietro a difesa della propria bottega, scavalcato solo in oratoria da Vendola, Ferrero, Diliberto, i quali non hanno fatto tesoro della lezione subita nelle ultime elezioni che ne segnò la sparizione dal parlamento.

Già, le elezioni. L'ultimo sondaggio diffuso dal tg di Mentana dice che, tutto sommato, l'opinione pubblica è più saggia e prudente di quanto si immagini perché Di Pietro e la Lega non ricavano consensi  dalla loro opposizione, anzi li perdono (a vantaggio dello spregiudicato Grillo), le sinistre non ne guadagnano gran che, Pd e Pdl pagano, ma molto meno di quanto si potesse preventivare, il loro sostegno al governo Monti. Che, pur perdendo quel plebiscitario consenso di cui fu gratificato appena nominato, continua ad avere un gradimento superiore al 53 per cento, nonostante la durezza della manovra adottata. E potrà consolidarsi se gli si dà il tempo e l'opportunità di preparare misure mirate alla crescita economica. Tempo e opportunità minacciati dalla irresponsabilità galoppante.

L'intervento di Napolitano. E Giorgio Napolitano striglia energicamente queste forme di irresponsabilità e queste contrapposizioni, invitando tutti a sostenere lo sforzo del governo Monti. Lo ha fatto al Quirinale in occasione della cerimonia dello scambio di auguri natalizi con le istituzioni, ricordando che "la lunga, irriducibile contrapposizione, al limite dell'incomunicabilità  che si era determinata tra le forze politiche ha reso impraticabile ogni ipotesi di larga coalizione di governo, come il presidente incaricato ha potuto ben presto constatare''. "La soluzione della crisi aperta con le dimissioni di Berlusconi - ha sottolineato - non si è collocata nei binari di un ordinario succedersi alla guida del Paese di schieramenti che hanno ottenuto la maggioranza nelle elezioni, ma né forzature né strappi ci sono stati rispetto nell'ordinamento costituzionale".

D'altronde, ha fatto notare, il 2011 "é l'anno in cui è stato scosso e messo alla prova il progetto europeo e si sono concretizzati per il nostro paese rischi assai gravi, dinanzi ai quali non hanno retto i preesistenti equilibri politici e si sono fatte sempre più stringenti nostre antiche e recenti contraddizioni e insufficienze. Perciò intervenire per far sì che in Italia non ci fosse un immediato scioglimento delle Camere e il ricorso alle urne, vista la crisi che c'era in Europa era un mio preciso dovere istituzionale. E la fiducia accordata al governo Monti é avvenuta perché occorreva scongiurare "in una fase così critica una paralisi dell'attività di governo e parlamentare e uno scontro elettorale devastante".

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

MAURIZIO CROZZA
"NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE"
su La7
del 27 febbraio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO, SERGIO BRIO: PREVISIONI SUL CAMPIONATO02 MARZO 2015