ORA DI PUNTA

La squadra

del cuore

di Stefano Clerici

Era prevedibile e naturale che Matteo Renzi commentasse come ha commentato i risultati delle elezioni regionali in Emila-Romagna e in Calabria. Mettendo fortemente l'accento sull'esito finale del voto ("Negli ultimi otto mesi ci sono state cinque elezioni regionali, che il mio partito ha vinto 5 a 0") e facendo invece spallucce sul devastante astensionismo ("La non grande affluenza è un elemento che deve preoccupare ma che è secondario"). Perché se avesse voluto soffermarsi sulle cifre assolute del consenso avrebbe dovuto riconoscere che il "suo" Pd ha subito una micidiale emorragia di voti, come mai avvenuta a memoria d'uomo: dimezzati rispetto alle precedenti regionali e finanche rispetto al mitico risultato delle ultime europee. E avrebbe dovuto anche riconoscere, il prode Matteo, che la sua ostinata volontà di rottamare tutto e tutti, di cambiare pelle e perfino storia a decenni di tradizione democratica, non può essere un'operazione indolore. Ma tant'è.
Matteo Renzi sta tentando un'acrobazia che neppure uno statista del calibro e del peso di Aldo Moro, con le sue "convergenze parallele", avrebbe mai osato pensare: sta dando vita a un partito democristiano collocato nell'area del socialismo europeo. Quella di schierare finalmente il Pd nella famiglia del Pse - cancellando con un deciso tratto di penna i mille ostacoli ideologici frapposti per anni dai miopi esponenti dell'ex Margherita - è stata una mossa tanto coraggiosa quanto astuta. Mai colpevolmente portata a termine dagli eredi della sinistra democratica. I fu democristiani avevano tanta paura di doversi infilare la "camicia rossa"? Bene, ha pensato la Volpe fiorentina, noi entriamo lo stesso nella casa "rossa" (che in verità è solo un rosa pallido) e poi ci vestiamo tutti di bianco. Biancofiore. Geniale, non c'è che dire.
Lui potrà pure vincere 5 a zero, ma non può pretendere di riempire lo stadio, se per molti tifosi quella che lui mette in campo non è più la squadra del cuore.

  Martedì 25 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Da Brisbane la grande sfida delle infrastrutture globali *Abbiamo...
Rispondere alla domanda che arriva dal massiccio non-voto *Sottovalutare...
La coraggiosa sfida di Obama al Congresso sull'immigrazione *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

CALCIO SERIE A

Juve sola al comando

Risorgono Inter e Roma

quagliarelladi Fabio Camillacci

Juve da sola in vetta grazie alla vittoria per 2-0 sul Novara. A Torino dopo 55 anni torna questo derby piemontese. Dopo soli 4 minuti bianconeri in vantaggio grazie a Pepe. Raddoppia Quagliarella al 75’ (foto), l’ex attaccante del Napoli ritrova la vita rete dopo un anno (causa il grave infortunio al ginocchio). Quindi: Juventus al comando con 33 punti; due più di Milan e Udinese; 4 più della Lazio.

Lazio-Udinese 2-2: i friulani perdono il primato per questo pareggio all’Olimpico, ma dimostrano di essere una grande squadra. Ospiti in gol con Floro Flores al 27’, pari di Lulic al 42’. Nella ripresa biancocelesti avanti col solito Klose al 50’. Pareggio definitivo di Pinzi (scuola Lazio) al 75’.

Napoli-Roma 1-3: i giallorossi ritrovano i tre punti proprio sul difficile campo dei partenopei. Luis Enrique respira grazie ad un autogol del portiere napoletano De Sanctis dopo appena 3 minuti di gioco. Il raddoppio porta la firma di Osvaldo al 59’. Hamsik riapre la partita all’82’, Simplicio la chiude al 90’.

Cesena-Inter 0-1: prosegue la rimonta dei nerazzurri (ora 5° con 23 punti davanti a Napoli, Roma, Genoa e Catania). Il gol del successo è di Ranocchia di testa al 63’. Nel finale Julio Cesar salva l’Inter con alcune grandi parate.

Catania-Palermo 2-0: agli etnei il caldo derby siciliano. Il primo gol è un capolavoro di Lodi direttamente su calcio di punizione al 32’. Raddoppio di Maxi Lopez al 61’ su calcio di rigore: dopo la rete l’argentino saluta il pubblico catanese commosso, a gennaio andrà al Milan. Gara nervosa con ben 8 ammoniti. Sempre più a rischio la panchina del tecnico rosanero Devis Mangia.

Genoa-Bologna 2-1: Malesani, contrariamente a Mangia, salva la panchina battendo i felsinei. Marco Rossi firma il vantaggio al 39’. Pari di Ramirez al 6’ della ripresa. Il match-winner è Pratto che va in rete all’85’.

Parma-Lecce 3-3: emozioni, errori, gol, ribaltoni e primo punto da allenatore dei salentini per Serse Cosmi. Ducali in vantaggio col redivivo Floccari al 18’. Poi si scatena Di Michele che con un uno-due al 58’ e al 61’ ribalta la situazione. Cuadrado al 77’ segna il 3-1 per il Lecce. Sembra fatta per i pugliesi, e invece prima Pellè all’86’, poi Galloppa in pieno recupero al 93’, fissano il pareggio finale.

Gli anticipi del sabato. Il Milan batte il Siena al “Meazza” 2-0 e, almeno per una notte, è da solo in testa alla classifica con 31 punti. I rossoneri faticano a superare il muro messo su dal tecnico del toscani Sannino. Il punteggio viene sbloccato dal solito Nocerino in versione bomber: è il 54’, angolo di Seedorf, sponda di Robinho e botta dal limite dell’ex centrocampista del Palermo. Il raddoppio arriva al 64’: l’arbitro Bergonzi assegna il rigore per un fallo del portiere Brkic su Boateng. Dal dischetto, Ibrahimovic è implacabile.

Gli altri due anticipi della 16° giornata (la 15° effettiva):

Fiorentina-Atalanta 2-2: anche al “Franchi” come a Milano si è giocato di sera. Viola avanti con Gilardino dopo 9 minuti di gioco: splendido il tocco d’esterno destro al volo su cross di Vargas. Behrami può raddoppiare ma coglie il palo. Si arriva con questo parziale fino all’81’ quando Masiello con un tiro dalla distanza sorprende il portiere Boruc regalando il pari ai bergamaschi. All’86’ l’Atalanta si porta addirittura in vantaggio col solito capocannoniere Denis (11° centro) che in scivolata insacca un assist di Schelotto. Tifosi viola gelati. Ma all’88’ Jovetic salva la Fiorentina in acrobazia dopo un involontario passaggio di De Silvestri. Proteste atalantine. Il tecnico Colantuono parla di “errore gigante, era un gol da annullare”.

Chievo-Cagliari 2-0 (anticipo delle 18): successo veronese costruito con una rete per tempo. Al 36’ Thereau sfrutta al massimo un assist di Paloschi. Nella ripresa, al 12’, lo stesso Thereau costruisce il raddoppio: cross basso a tagliare la difesa cagliaritana, e Sardo infila la porta di Agazzi.

In classifica marcatori guida Denis con 11 reti; Ibrahimovic aggancia Di Natale a quota 10.

E martedi 20 dicembre si torna in campo: si recupera la prima giornata saltata per lo sciopero dei calciatori. Si comincia con due anticipi:

alle 18 il derby toscano Siena-Fiorentina e alle 20.45 Cagliari-Milan.

Mercoledi 21 alle 18 il big-match Udinese-Juventus e alle 20.45 il resto del programma:

Atalanta-Cesena

Bologna-Roma

Inter-Lecce

Lazio-Chievo

Napoli-Genoa

Novara-Palermo

Parma-Catania

 


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

I GUASTI DEL SISTEMA CALCIO ITALIA25 NOVEMBRE 2014