ORA DI PUNTA

Noi, la Spagna

e la Polonia

di Nuccio Fava

Era previsto il successo di “Podemos”, la sinistra sociale spagnola movimentista ed espressione di ceti e componenti in grave difficoltà economica e di lavoro. Non solo però movimento di protesta ma di una nuova sinistra anche politica che va oltre il partito socialista. Erode naturalmente anche l’elettorato del partito popolare, i democristiani spagnoli, che hanno perso più di tutti. “Podemos” ha conquistato Madrid e Barcellona, con consensi invece molto scarsi nelle provincie e negli elettorati delle città minori. Per certi versi il successo di questa nuova formazione politica, frutto della grave crisi che si è abbattuta sulla Spagna, non era forse immaginabile così forte e impetuosa. La novità è rilevante, perché mette tra l’altro in crisi la diarchia e l’alternanza tra democristiani e socialisti, alternanza che ha accompagnato sino ad ora la democrazia spagnola del dopo franchismo. Si tratta inoltre di un voto di sinistra che sarebbe errato considerare antieuropeista nel senso in cui altri populismi contrari all’Europa si manifestano anche in Italia, come ad esempio la Lega di Salvini. Nello stesso senso i “podemos” di Iglesias contestano le attuali politiche dell’Ue e la lunga fase di ristrettezze e austerità, ma sarebbero forse disponibili per politiche europee di profonde riforme specialmente sociali e del lavoro, in grado di affrontare i nodi dei forti squilibri territoriali e dei ceti sociali, attraverso iniziative di crescita solidale e di strenua lotta alla disoccupazione.

 Di altro segno la vittoria dei populisti in Polonia, dove il nuovo presidente Duda rappresenta una linea sorretta da un esasperato nazionalismo e da posizioni fortemente anti europee. Spinte opposte dunque e diverse, che indeboliscono tuttavia il quadro politico dell’Europa che ha già i suoi seri problemi riguardo alla questione della Grecia.

 Su altro piano, non ci pare che il quadro politico dell’Italia sia sereno e stabile. Pesano tra l’altro le incertezze del voto regionale, che potrebbe dare non poche sorprese. C’è innanzitutto la crisi profonda dell’istituto regionale e dell’ondata di scandali che ne hanno ridotto al lumicino la considerazione da parte dei cittadini. Ci sono poi i differenti travagli all’interno delle diverse forze politiche che non risparmiano nessun partito, specie per quanto riguarda i criteri di formazione delle liste che hanno portato alla luce lotte di potere e personalismi che sono all’opposto della buona politica che i cittadini vorrebbero vedere praticata per la soluzione dei gravi problemi che persistono sia riguardo alla crisi economico sociale, sia riguardo alla tragedia della disoccupazione che non mostra ancora segni di superamento. Al di là dei timidi segnali di ripresa, indicati con percentuali modeste anche dal Fondo monetario e dall’Ocse, non muta il quadro di un paese ancora sfiduciato, insicuro e alle prese con la paura del futuro. Oltre ogni altra considerazione vale la conferma di una non crescita dei consumi, proprio perché la gente ha timore di spendere e preferisce, quando può farlo, risparmiare e mettere qualcosa da parte proprio perché il futuro è incerto e precario. Basta del resto considerare che nell’ultimo anno in metà delle famiglie italiane  c’è qualcuno che ha perduto il lavoro oppure l’ha cercato senza trovarlo.

La conseguenza è che, ben oltre le statistiche e i dati, la “percezione” della crisi, il rischio del declino non si è arrestato. Soprattutto il ceto medio è stato investito da questa percezione della crisi, come uno scivolamento verso il basso. Le donne in particolare per il 55% si sentono appartenere alle classi popolari e ritengono inutile se non impossibile formulare progetti per la propria famiglia perché incerto è il futuro e carico di rischi. Ricavo sinteticamente questi elementi da uno studio, come sempre attento, di Ilvo Diamanti che aggiunge conclusivamente che “resta forte il senso di frustrazione e risentimento verso la classe politica”. E’ su questa base che il Movimento 5 stelle appare nonostante tutto il più appetibile per i giovani, ma anche per le persone anziane. Chissà, conclusivamente, quanto questo contesto economico sociale di rabbia per una condizione di corruzione diffusa e inarrestabile peserà sul prossimo voto regionale. C’è da temere una disaffezione crescente al voto con una percentuale di astensione che potrebbe superare il 50 per cento.

 

  Martedì 26 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Los Angeles: la sfida dell'aumento del salario minimo * "L’aumento...
Comunicazione a senso unico e dialettica degli opposti *...
Too-big-too-fail: paghi la multa e via come prima *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: Sito in aggiornamento

In queste settimane - con l'approssimarsi del compimento del 6° anno di vita -  stiamo aggiornando il sito de "l'Altro quotidiano" per renderlo più snello nella grafica, più celermente visualizzabile e più facilmente interattivo con i lettori. Ci scusiamo pertanto se dovessero verificarsi in questa fase dei piccoli inconvenienti tecnici.

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Ma il "salva-Italia" non può diventare "l'ammazza-centrosinistra"

La manovra del governo Monti è già approvata dalla Camera dei deputati. La fiducia è la modalità preferita per approvare la manovra senza troppi rischi.

Riassumendo.

La situazione finanziaria dell’Italia è certamente grave. E’ una responsabilità gravissima del governo Berlusconi avere negato l’evidenza della crisi fino al luglio scorso. Eppure tutti i segnali confermavano la gravità della crisi. Anche una parte dell’opposizione si è cullata in alternative inesistenti, fino a preferire il default, le cui conseguenze sarebbero molto gravi, anzitutto per gli strati più deboli. Il default si subisce - se non c’è alternativa - non si auspica. La manovra ha la dimensione necessaria per mettere in ordine i conti pubblici. Purtroppo la divisione in 2 tempi - prima il risanamento e poi lo sviluppo - lascia scoperto il problema della ripresa economica e ancora di più della sua qualità.

L’Italia è in recessione, come ormai ammette anche Confindustria. Una recessione del 2% è un’enormità. Difficilmente i cassaintegrati verranno assorbiti e si apriranno ulteriori varchi nell’occupazione e per di più, dopo la manovra, la pensione è una possibilità che per tanti si allontana nel tempo.

Anche questo avrebbe consigliato maggiore prudenza e gradualità. Diminuiranno le possibilità di lavoro per i giovani - che già stanno subendo una forte mortificazione - perché i più anziani saranno costretti a restare al lavoro per molti anni in più. Quindi i giovani non potranno occupare neppure quei posti. Perché si insiste a dire che ritardare la pensione degli occupati - in una fase come questa - andrebbe a favore dei giovani è un vero mistero. In futuro i posti di lavoro saranno tanti in più da consentire ai più anziani di restare al lavoro e ai giovani di entrarvi? Certo è che ora e ancora per molti anni l’Italia avrà meno posti di lavoro e questo non avverrà

Per disgiungere risanamento e ripresa?- Avere disgiunto la ripresa economica dal risanamento ha reso la situazione più difficile. Il governo Monti ha dato priorità ai conti da risanare. Tuttavia questa manovra non è l’unica possibile. L’argomento usato dal presidente Monti che o questa manovra veniva accettata o era il diluvio non è accettabile. Un’altra manovra era e sarebbe tuttora possibile. Se qualcuno avesse voglia di ascoltare la dimostrazione non sarebbe difficile. Un solo esempio perché l’intervento sui capitali scudati non è stato del 15 %, sostituendo la metà della manovra ? Per di più la manovra contiene ancora delle vere e proprie iniquità malgrado il percorso parlamentare abbia limato alcune asprezze. Troppo poco per cambiare giudizio su questa manovra che resta troppo iniqua nella sua distribuzione, sia nell’insieme che in alcune sue parti non secondarie.

Il voto di fiducia non ce la fa a nascondere questa verità. Pur con il temperamento della gravità della situazione lasciata dal governo Berlusconi. Per questo i sindacati, questa volta uniti, hanno ragioni da vendere nel criticare la manovra e proseguire nella mobilitazione. Del resto i pifferi delle liberalizzazioni son tornati largamente ridimensionati dalle reazioni delle corporazioni che hanno ridotto pesantemente gli interventi.

Purtroppo lavoratori e pensionati non hanno ottenuto altrettanto. L’ascolto delle loro ragioni, ben più importanti di quelle dei farmacisti o dei taxisti, non è stato paragonabile. Questo conferma che qualcosa non è andato come avrebbe dovuto e quindi la battaglia per affermare il punto di vista dei lavoratori e dei pensionati deve continuare, altrimenti l’influsso neloliberale su questo governo potrebbe indurre ad insistere anche su altre materie, come i diritti dei lavoratori e in particolare sull’articolo 18.

I segnali che il governo può dare. Il governo ha un modo per correggere questa impressione. Accolga la richiesta sindacale, della Cgil in particolare, e riveda l’articolo 19 dello Statuto dei diritti dei lavoratori, ripristinando la sostanza originaria che consentirebbe alla Fiom, sindacato molto rappresentativo alla Fiat, di avere piena agibilità nell’azienda anche se non ha firmato il contratto come hanno fatto altri. Anche l’abrogazione del famigerato articolo 8 sarebbe un bel segnale.

Se il governo non darà questi segnali resterà l’impressione lasciata dalla manovra sulle pensioni, che anche dopo che è stato alzato il tetto della tutela dall’inflazione costerà comunque molto salata alle pensioni superiori a 1400 euro lordi al mese. La manovra sull’età pensionabile ha invaso il terreno delicatissimo delle prospettive di vita costringendo a restare lontani dalla pensione centinaia di migliaia di persone senza neppure la certezza di avere ancora un lavoro e quindi con il rischio concreto in molti casi di essere né lavoratori né pensionati. In questo caso Bonanni ha ragione, un conto è scrivere dispense universitarie, altro è la vita reale delle persone.

Una sola osservazione: perché gli interventi a favore dell’occupazione non hanno premiato le nuove assunzioni, aggiuntive agli organici precedenti? Questa sarebbe stata una misura per fare crescere l’occupazione. Il governo ha avuto un crollo di consensi e circola il dubbio che la manovra non sarà neppure sufficiente a bloccare la speculazione diretta contro l’Italia, perché il compito va oltre le forze di un solo paese. Anche le decisioni europee non è detto siano in grado di bloccare l’attacco all’Euro, tanto più che alcune sue parti sono in discussione, come l’aumento di 200 miliardi dell’intervento del FMI. Anche l’Europa ha messo al centro il risanamento finanziario degli Stati ma ha trascurato pesantemente lo sviluppo e non basterà immettere liquidità non sarà sufficiente in presenza di caduta della domanda e degli investimenti.

La svolta della Tobiun tax. Per di più la ripresa non può essere vista come il mitico ritorno a prima della crisi. L’uscita dalla crisi non può che essere diversa da prima e purtroppo anche le conclusioni delle trattative internazionali sul clima sono state deludenti, confermando che la crisi non ha agito da propulsore del cambiamento ma da fattore di ripiegamento dalle ambizioni del protocollo di Kyoto. Nel 2020 non è affatto detto che il clima sarà ancora come lo conosciamo, come confermano anche le convulsioni climatiche. Naturalmente le dichiarazioni di Monti che ora il governo italiano è favorevole alla Tobin tax sono una svolta dopo un decennio di opposizione tremontiana. Suggerisco di recuperare il lavoro già fatto dalla Camera tra il 2001 e il 2006 e quello iniziato dal 2° governo Prodi: è tutto pronto.

Occorre parlare chiaro su un punto: l’opposizione al governo Berlusconi sta rischiando grosso. Se la cultura emergenziale riuscirà a bloccarla, a sottoporla al logoramento della cultura neloiberale, a farle votare solo medicine amare, il rischio della deflagrazione della coalizione alternativa, che potremmo definire centro sinistra, è reale. Monti ha definito il decreto “salva Italia”. Chiarito che questo testo di legge non è l’unico possibile e che anzi contiene misure discutibili, va chiarito che non può essere una manovra ammazza centro sinistra. Per questo occorre che l’opposizione riprenda a lavorare insieme e in questo c’è evidentemente un bel tasso di ottimismo, visto che già le forze presenti in parlamento come Pd e Idv hanno preso posizioni molto diverse.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

CROZZA-RENZI ALLA LAVAGNA
per spiegare #labuonascuola
15 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS LEAGUE: IL FILM DI REAL MADRID-JUVENTUS13 MAGGIO 2015