ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Sconcertante solidarietà col boss in provincia di Caserta

A Casapesenna gente che protesta

per l'arresto del camorrista Zagaria

ZAGARIA_la_cattura«Ci dispiace, e adesso chi ci darà il pane?». Nel covo tecnologico anche un computer, un Ipad, e i libri di un giudice anti-camorra. Le congratulazioni di Napolitano e Monti a polizia e magistratura. L'esultanza di Saviano

Nella piazza principale di Casapesenna in tanti, oggi, parlano dell'arresto del boss Michele Zagaria. Quasi tutti esprimono rammarico per quanto avvenuto, "ora qui nessuno ci darà il pane". Ma c'é anche chi se la prende con Vittorio Pisani, ex capo della squadra mobile di Napoli, coinvolto in un'inchiesta su presunti legami con un imprenditore che è considerato vicino alla camorra. "Lepore (procuratore di Napoli, ndr) questo non lo doveva fare - urla un cittadino davanti al bar Palma - perché ha fatto ritornare Pisani che anche lui è accusato in un'inchiesta della magistratura. Non è giusto". E mentre l'uomo pronunciava queste parole, diversi concittadini, intorno a lui lo hanno applaudito. Poi la difesa, senza se e senza ma, di Zagaria. "Anche a carico di Berlusconi, di Dell'Utri, di ministri vari ci sono pesanti accuse - spiega un cittadino - la differenza tra loro e Zagaria è che i ministri e i politici se ne possono andare in giro, Zagaria no". E poi, "lui era un nostro amico ci stava vicino, era un poveretto che lo Stato ha bloccato".

A Casapesenna il giorno dopo la cattura del boss Michele Zagaria inizia così, con una richiesta: "Scrivete che ci dispiace che lo hanno arrestato, lo dovete scrivere". Davanti alla villa dove, in un bunker, Michele Zagaria si nascondeva non c'é più niente se non un cartello dove si legge che l'immobile è stato posto sotto sequestro. Nessuno ha voglia di parlare. In una casa di fronte, dove qualcuno dice di aver visto la sorella del boss, una signora si affaccia e inizia ad urlare. E poi la richiesta 'dovete dire a tutti che ci dispiace'. In piazza la storia non cambia. Zagaria? "A noi non ci ha fatto nulla di male".

Non solo un computer ma anche un Ipad e un telefono cellulare potranno aiutare gli inquirenti a conoscere i segreti del boss. Questi oggetti sono stati sequestrati nel covo blindato ricavato sotto una villetta di Casapesenna e stanno per essere esaminati dalla polizia. Nel nascondiglio c'erano anche documenti che i pm ritengono molto importanti, si tratterebbe in particolare di elenchi di persone e imprese taglieggiate. Zagaria aveva con sé anche due orologi di marca, tra cui un Rolex, 6800 euro in contanti e un ricco guardaroba di cui facevano parte quattro giubbotti griffati. Gli investigatori ritengono che il boss tenesse con sé computer, telefono e Ipad perché assolutamente certo di non essere catturato.  Nel bunker c'erano anche i libri del magistrato Raffaele Cantone della Dda di Napoli, per anni impegnato nella caccia ai camorristi. Oltre ai libri del magistrato, anche il libro del giornalista Gigi Di Fiore, "L' impero" (Traffici, storie e segreti dell'occulta e potente mafia dei Casalesi), e la biografia di Steve Jobs.

La latitanza di Michele Zagaria, la primula rossa di Gomorra, e' finita intorno a mezzogiorno di una bella giornata di dicembre a Casapesenna, comune di poco piu' di seimila anime del Casertano. Il capo dei Casalesi, l'ultimo anello che mancava alla giustizia per considerare chiusa la stagione di Gomorra, si nascondeva in un bunker ricavato sotto terra, cinque metri sotto il pavimento della villetta al centro del paese in cui da anni aveva trovato rifugio. I poliziotti, una volta certi di averlo individuato, per arrivare a lui hanno dovuto scavare nel cemento armato con una trivella. L'operazione e' stata condotta dalla Squadra Mobile di Napoli, insieme a quella di Caserta e allo Sco della polizia.

Il boss, 53 anni, era latitante dal 1995, ed era ricercato per associazione di tipo mafioso, omicidio, estorsione, rapina e altri reati. Era con lui, il volto imprenditoriale del clan, che la camorra dei Casalesi aveva fatto il salto di qualita' entrando negli appalti che contano a Milano e in altre citta' del Nord. Zagaria ha capito che per lui era finita e si e' arreso quando gli agenti hanno staccato la corrente elettrica che garantiva l'aerazione nel covo. Il boss ha temuto di morire soffocato e ha cominciato a urlare per segnalare la propria presenza. Dopo l'arresto, ha raccontato quei momenti di paura agli uomini in divisa: ''Vi chiamavo e non mi sentivate...''. ''Avete vinto voi, ha vinto lo Stato'' le prime parole che il boss ha rivolto ai pm della Dda che l'hanno raggiunto nel bunker. Quindi l'uscita tra due ali di folla, con i poliziotti festanti, ben 150 quelli che hanno messo sotto assedio Casapesenna, e i compaesani indifferenti. Il boss, occhialetti da professore e testa bassa, e' apparso piuttosto invecchiato rispetto agli ultimi identikit diffusi negli ultimi tempi. Nella questura di Caserta Zagaria e' giunto accompagnato da una ventina di auto dalle quali spuntavano i pugni alzati dei poliziotti in segno di festa. All'esterno tanta folla, e molti ad incitare i poliziotti. Il superboss - secondo i magistrati della Dda - viveva in quel rifugio da anni, limitando moltissimo le uscite e salendo di tanto in tanto nella villetta in superficie di proprieta' di un suo fiancheggiatore. Il covo si trovava sotto una camera della casa, il cui pavimento si sposta su binari per lasciare accesso al bunker.

Un rifugio insomma ''di ultima generazione'', munito anche di telecamere di protezione e televisori. Nel bunker i libri del magistrato Raffaele Cantone e di Roberto Saviano, tante foto di famiglia sistemate a comporre un cuore su una parete, alcuni poster di auto di Formula 1 e un crocifisso. Alle operazioni che hanno portato alla cattura di Michele Zagaria ha partecipato anche il vicequestore Vittorio Pisani, a lungo capo della squadra mobile di Napoli, per il quale la procura partenopea ha chiesto il rinvio a giudizio nell'ambito dell'inchiesta su riciclaggio e ristorazione in citta'. Dopo la notifica del divieto di dimora in provincia di Napoli, Pisani e' stato trasferito al Servizio centrale operativo. Secondo i magistrati della Dda, ha dato un contributo importante al lavoro svolto a Casapesenna. Zagaria deve scontare diversi ergastoli e sara' detenuto nel carcere di Novara in regime di 41 bis. Unanimi i commenti delle istituzioni e di tutti i partiti, a partire dal Capo dello stato Giorgio Napolitano che, informato a Milano dell'arresto del boss, ha espresso vivo apprezzamento ''per l'importante risultato conseguito nel contrasto alla criminalita' organizzata''.

Il presidente del Consiglio Mario Monti ha chiesto ai ministri dell'Interno e della Giustizia di complimentarsi con le donne e gli uomini della Polizia di Stato e della magistratura:''E' una bella giornata per la Campania e per tutte le persone oneste'' ha commentato. Congratulazioni dal presidente del Senato Renato Schifani e da quello della Camera Gianfranco Fini. L'arresto di Michele Zagaria ''e' un grandissimo successo dello Stato'' dice il ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri sottolineando che si tratta di un colpo ''non solo al clan dei Casalesi ma all'intera organizzazione camorristica''. Da New York esulta Roberto Saviano: ''Oggi e' una bella giornata, ma la battaglia contro la criminalita' imprenditoriale e' ancora lunga''. Mentre per l'ex pm della Dda Raffaele Cantone che per otto anni ha indagato sui Casalesi ''il clan e' stato sconfitto e ora cambiera' pelle''. ''E' la liberazione da un incubo e da un mito'' sottolinea il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso e festeggia anche il procuratore di Napoli Giandomenico Lepore prossimo alla pensione: ''Un meraviglioso regalo'', dice. ''Ora - sottolinea il capo della Polizia Antonio Manganelli - deve iniziare una fase di liberazione'' dei cittadini, che prevede il ''totale ripristino della legalita''' nelle zone controllate dai Casalesi.

servizio Ansa

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014