ORA DI PUNTA

Noi, la Spagna

e la Polonia

di Nuccio Fava

Era previsto il successo di “Podemos”, la sinistra sociale spagnola movimentista ed espressione di ceti e componenti in grave difficoltà economica e di lavoro. Non solo però movimento di protesta ma di una nuova sinistra anche politica che va oltre il partito socialista. Erode naturalmente anche l’elettorato del partito popolare, i democristiani spagnoli, che hanno perso più di tutti. “Podemos” ha conquistato Madrid e Barcellona, con consensi invece molto scarsi nelle provincie e negli elettorati delle città minori. Per certi versi il successo di questa nuova formazione politica, frutto della grave crisi che si è abbattuta sulla Spagna, non era forse immaginabile così forte e impetuosa. La novità è rilevante, perché mette tra l’altro in crisi la diarchia e l’alternanza tra democristiani e socialisti, alternanza che ha accompagnato sino ad ora la democrazia spagnola del dopo franchismo. Si tratta inoltre di un voto di sinistra che sarebbe errato considerare antieuropeista nel senso in cui altri populismi contrari all’Europa si manifestano anche in Italia, come ad esempio la Lega di Salvini. Nello stesso senso i “podemos” di Iglesias contestano le attuali politiche dell’Ue e la lunga fase di ristrettezze e austerità, ma sarebbero forse disponibili per politiche europee di profonde riforme specialmente sociali e del lavoro, in grado di affrontare i nodi dei forti squilibri territoriali e dei ceti sociali, attraverso iniziative di crescita solidale e di strenua lotta alla disoccupazione.

 Di altro segno la vittoria dei populisti in Polonia, dove il nuovo presidente Duda rappresenta una linea sorretta da un esasperato nazionalismo e da posizioni fortemente anti europee. Spinte opposte dunque e diverse, che indeboliscono tuttavia il quadro politico dell’Europa che ha già i suoi seri problemi riguardo alla questione della Grecia.

 Su altro piano, non ci pare che il quadro politico dell’Italia sia sereno e stabile. Pesano tra l’altro le incertezze del voto regionale, che potrebbe dare non poche sorprese. C’è innanzitutto la crisi profonda dell’istituto regionale e dell’ondata di scandali che ne hanno ridotto al lumicino la considerazione da parte dei cittadini. Ci sono poi i differenti travagli all’interno delle diverse forze politiche che non risparmiano nessun partito, specie per quanto riguarda i criteri di formazione delle liste che hanno portato alla luce lotte di potere e personalismi che sono all’opposto della buona politica che i cittadini vorrebbero vedere praticata per la soluzione dei gravi problemi che persistono sia riguardo alla crisi economico sociale, sia riguardo alla tragedia della disoccupazione che non mostra ancora segni di superamento. Al di là dei timidi segnali di ripresa, indicati con percentuali modeste anche dal Fondo monetario e dall’Ocse, non muta il quadro di un paese ancora sfiduciato, insicuro e alle prese con la paura del futuro. Oltre ogni altra considerazione vale la conferma di una non crescita dei consumi, proprio perché la gente ha timore di spendere e preferisce, quando può farlo, risparmiare e mettere qualcosa da parte proprio perché il futuro è incerto e precario. Basta del resto considerare che nell’ultimo anno in metà delle famiglie italiane  c’è qualcuno che ha perduto il lavoro oppure l’ha cercato senza trovarlo.

La conseguenza è che, ben oltre le statistiche e i dati, la “percezione” della crisi, il rischio del declino non si è arrestato. Soprattutto il ceto medio è stato investito da questa percezione della crisi, come uno scivolamento verso il basso. Le donne in particolare per il 55% si sentono appartenere alle classi popolari e ritengono inutile se non impossibile formulare progetti per la propria famiglia perché incerto è il futuro e carico di rischi. Ricavo sinteticamente questi elementi da uno studio, come sempre attento, di Ilvo Diamanti che aggiunge conclusivamente che “resta forte il senso di frustrazione e risentimento verso la classe politica”. E’ su questa base che il Movimento 5 stelle appare nonostante tutto il più appetibile per i giovani, ma anche per le persone anziane. Chissà, conclusivamente, quanto questo contesto economico sociale di rabbia per una condizione di corruzione diffusa e inarrestabile peserà sul prossimo voto regionale. C’è da temere una disaffezione crescente al voto con una percentuale di astensione che potrebbe superare il 50 per cento.

 

  Martedì 26 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Los Angeles: la sfida dell'aumento del salario minimo * "L’aumento...
Comunicazione a senso unico e dialettica degli opposti *...
Too-big-too-fail: paghi la multa e via come prima *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: Sito in aggiornamento

In queste settimane - con l'approssimarsi del compimento del 6° anno di vita -  stiamo aggiornando il sito de "l'Altro quotidiano" per renderlo più snello nella grafica, più celermente visualizzabile e più facilmente interattivo con i lettori. Ci scusiamo pertanto se dovessero verificarsi in questa fase dei piccoli inconvenienti tecnici.

caro_altro_ti_scrivo



 

 

FISCO Ma dove sono i proprietari di auto e barche di lusso?

I ricchi, questi sconosciuti. Sono tanti

Fisco_9_mesiUno studio della Uil sulla grande evasione fiscale: almeno 100 miliardi l'anno. Appena lo 0,17% dei contribuenti dichiara un reddito superiore ai 200.000 euro. Riuscirà Monti a portarci verso l'equità?

di Romano Lusi

Ma di chi sono le migliaia e migliaia di auto di lusso che circolano per le nostre strade e le migliaia e migliaia di barche di extralusso ormeggiate nei nostri porti? Ce lo chiediamo ogni volta che vengono diffusi i dati sui redditi dichiarati dagli italiani: elenchi che contengono un numero di contribuenti con oltre duecento milioni annui ridicolo rispetto a quello dei possessori di beni ostentati tranquillamente (a parte quelli che non si vedono e di cui non si conosce l'appartenenza). Se lo è chiesto di nuovo la Uil, che, di fronte all'ostilità proclamata e insistita del Pdl e del suo fondatore per la parola "patrimoniale", ha svolto una indagine per capire, almeno sommariamente, come stanno le cose. Ne è venuta fuori una "cartolina" dell'Italia che mostra come complessivamente la macchina del fisco produca effetti incredibili di iniquità. Una cosa che balza agli occhi soprattutto oggi quando è ancor più indispensabile utilizzare la leva del fisco per uscire dalla crisi e far ripartire la crescita. E ancora una volta emerge che i più tartassati sono i lavoratori dipendenti (quelli che hanno un sostituto d'imposta) e i pensionati. Lo studio della Uil parte dall'assunto che la pressione fiscale in Italia oggi è pari al 43,4%. Un livello molto alto. Ma la vera anomalia è che questa pressione fiscale ricade prevalentemente sui redditi da lavoro e da pensione, che contribuiscono al reddito Irpef per l'86,2%. Inoltre dalle dichiarazioni del 2010 si evince un altro dato emblematico: i soggetti che dichiarano più di 200.000 euro sono appena lo 0,17% del totale e per di più oltre la metà di questi (58,8%) sono lavoratori dipendenti, un terzo (27,7%) sono pensionati, e soltanto il 13,7% sono contribuenti che dichiarano altri tipi di redditi.

Ma a parte la composizione di questo 0,17% della nostra società, quello che dallo studio della Uil emerge è l'anomala diffusione di beni di lusso. Per esempio le auto: nel 2010 sono state vendute 206.000 auto di fascia superiore, per un prezzo medio di 103.000 euro. A fronte di questo dato occorre rilevare appunto che solo 71.989 contribuenti, pari al 0,17% del totale, hanno dichiarato al fisco più di 200.000 euro, il reddito disponibile congruo ad un acquisto di questo livello. Quindi come fanno gli altri 137.011 possessori di Ferrari, Lamborghini, Mercedes, Bmw e Audi di grossa cilindrata a possedere auto che valgono metà del loro reddito annuo? Anche perché i 'non ricchi', cioè il restante 90,2% dei contribuenti dichiara meno di 35.000 euro e il 49,07% (20.4 milioni di soggetti) meno di 15.000 euro l'anno. Cioè gli ci vorrebbe lo stipendio di una decina d'anni per acquistare la 'supercar'. Ma altre sorprese e incongruenze compaiono nell'analisi dei redditi medi fatta dalla Uil: nel 2008 (ultimo dato disponibile) il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è stato di 19.640 euro e quello dei pensionati 13.940 euro.

Ma a sorpresa i proprietari di discoteche, centri benessere e istituti di bellezza hanno dichiarato addirittura perdite. I negozi di abbigliamento e calzature un reddito molto più basso: 8.000 euro. Fino ad un massimo dei bar (16.200 euro) e degli orafi (16.300 euro). Si tratta sempre comunque di meno di quanto guadagna un dipendente. Chiaramente questo dato è strettamente collegato all'evasione: la base imponibile evasa ogni anno - sostiene la Uil - ammonta a circa 200 miliardi di euro, mentre le imposte evase supererebbero ormai i 100 miliardi di euro. Stima rilevante ma giudicata prudenziale da tutti gli altri studi che ritengono che il livello dell'evasione fiscale superi i 130 miliardi di euro. Insomma il sistema è ''iniquo e inefficace''.

La Uil chiede perciò di creare un "Forum nazionale" che si impegni ad affermare "la legalità fiscale" nel nostro Paese e propone provvedimenti che segnino ''una svolta epocale nella lotta all'evasione''. Tra questi la tracciabilità per le operazioni sopra i 500 euro; l'incrocio tra le banche dati dell'amministrazione finanziaria, enti locali e servizi pubblici; il potenziamento delle procedure e degli strumenti di controllo; il rafforzamento del contrasto di interessi. Insomma introdurre, a cominciare proprio dal fisco, quei criteri di giustizia sociale che possano invogliare il cittadino per bene a fare i sacrifici che gli verranno richiesti per rimettere in sesto l'economia del paese. E' "l'equità" di cui parla Mario Monti? Speriamo di sì.

Commenti  

 
+1 #3 giuseppe 2011-12-04 09:59
Lo sconforto di Giuseppe e di "vogliolaricevut afiscale.it è anche il mio,la lamentala di comparazione porta solo a mettere in evidenza la macerazione dell'ineguaglianza che non si appianerà mai(le lezioni russo-cinesi) sono ancora intrise ditristezza. Quello che a mio parere servirebbe,è educare gli italiani a comportamenti civili e responsabili verso tutte le manifestazioni della vita individuale e collettiva.Speriamo che ci venga in aiuto la tecnica, creando un esercito di "robot",quindi non corrittibile,ch e ci possa sorvegliare e costringerci a comportamenti consoni in tutte le manifestazioni pubbliche e private:pagare le tasse ,non sporcare, raccolta differenziata, non frodare in commercio , fare la fila e affidarsi senza sospetto agli operatori degli uffici pubblici,(utopi a super=poggiolini guarguaglini comparini conoscenti e simili malefici intermediari),s ono panacee dell'incertezza che ci è stata instillata dalla storia politica e civile che per mantenerci a pelo d'acqua si è rifiutata diredigere una guida e soprattutto di applicarla. masochismo che tristezza.
Citazione
 
 
+1 #2 Giuseppe 2011-12-02 15:56
E si!questi ricchi son proprio "POVERI".Poveri a tal punto da non poter permettersi quasi niente...!!!
Dichiarano 200.000mila Euro annui e posseggono mezzi e immobili che ne valgono almeno il quadruplo(QUELL I CHE SI CONOSCONO,EH!), non contando i tanti prestanome che probabilmente fanno dei favori per pochi soldi.
Potremmo anche pensare che c'è chi lavora come dipendente in un'impresa di famiglia,che dichiara al fisco come se fosse un semplice lavoratore dipendente,e poi va in giro con una BMW o MERCEDES o anche auto molto più lussuose di queste.
Gli evasori fiscali in Italia sono tantissimi e saranno sempre in grado di aggirare il sistema a mio modesto parere...!Credo proprio che questa situazione non potrà mai cambiare.Anzi,saremo noi "GIOVANI",aiutati dai sempre presenti LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI,a pagarne le conseguenze in un futuro ormai prossimo.
Perciò,cerchiam o di far sì che escano tutti allo scoperto e che paghino tutto ciò che non hanno pagato sino ad ora.
Citazione
 
 
0 #1 Vogliolaricevuta.it 2011-12-01 16:33
Sono veramente "poveri" questi ricchi. Guadagnano meno dei lavoratori dipendenti, poco più dei pensionati, e per un miracolo vanno in giro in una Ferrari, o hanno uno yacht "piccolino". E poi violano anche le regole sulle strade. Non dobbiamo lasciarla passar liscia a questa gente. Secondo voi è giusto che quelli che guadagnano di meno devono pagare anche per questa gente mentre loro ridono dietro le nostre spalle, dicendo quanto siamo ingenui. Violare le regole diventa un vizio. Bisogna comminciare da qualche parte. Bisogna togliere questi vizi finche non e diventato troppo tardi.
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

CROZZA-RENZI ALLA LAVAGNA
per spiegare #labuonascuola
15 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS LEAGUE: IL FILM DI REAL MADRID-JUVENTUS13 MAGGIO 2015