ORA DI PUNTA

Pirro da

Pontassieve

di Ennio Simeone

L'11 gennaio Matteo Renzi compirà 40 anni: è il più giovane presidente del Consiglio della Repubblica  nata dal referendum del 1946, ma ha già alle spalle (oltre agli anni da scout a Pontassieve e ai 48 milioni vinti alla "Ruota della fortuna" di Mike Bongiorno nel '94) cinque anni da presidente della Provincia di Firenze e altrettanti da sindaco di quella città. Non è un principiante, anzi è ormai, oltre che un brillante comunicatore televisivo, un consumato politico. Eppure la scorsa notte, appena conosciuti i primi dati delle elezioni regionali di Calabria e Emilia Romagna, si è lasciato andare, con la solita fretta, sul solito twitter, a un commento da principiante: "Male affluenza, bene risultati: 2-0 netto. 4 regioni su 4 strappate alla destra in 9 mesi. Lega asfalta Forza Italia e Grillo. Pd sopra il 40%".

Non ce ne sarebbe bisogno, ma forse è il caso di ricordare, e non solo a Matteo Renzi, che già 280 anni prima di Cristo, Pirro, re dell'Epiro, allora anche lui quarantenne, cantò vittoria per aver sconfitto nella battaglia di Eraclea il potente esercito romano senza curarsi delle enormi perdite subite, in uomini e armamenti lasciati sul terreno, che gli avrebbero fatto perdere la guerra. Quella battaglia è passata alla storia come "la vittoria di Pirro".

Sul "terreno" della battaglia elettorale in Emilia Romagna (dove il candidato "renziano" Stefano Bonaccini ha ottenuto il 49% contro il 30% del leghista Fabbri) sono rimasti il 63 per cento degli elettori, che hanno rinunciato a recarsi alle urne, mentre poco meno, il 56 per cento, hanno rinunciato a votare in Calabria (dove il Pd ha vinto con il 61% ottenuto da un candidato "non renziano", Mario Oliverio, uomo della "vecchia guardia" da "rottamare").

Una fuga dalle urne che è una Caporetto della democrazia, una prova di sfiducia che non ha precedenti  nella storia politica italiana: non era immaginabile fino a un anno fa che il presidente di una delle regioni più "politicizzate", come l'Emilia Romagna, venisse eletto con il consenso di meno del 19% del corpo elettorale.

Colpa solo della esasperata personalizzazione della politica, scivolata verso l'imperante demagogia qualunquista del "berlusconismo" in salsa "renziana" enfatizzato dalle televisioni? Certamente sì. Ma non solo: colpa anche di chi non ha saputo finora contrastare questa deriva, inducendo alla rinuncia e alla rassegnazione coloro che non sono disposti ad accettarla. Perciò è urgente offrire loro un'alternativa. In nome, almeno, di valori che stanno finendo anch'essi nel tritacarne della rottamazione: giustizia sociale, equità, rispetto del lavoro e delle istituzioni, concretezza, serietà. Non c'è bisogno di elencarli. Sono scritti nella Costituzione.

 

  Lunedì 24 Novembre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Tassi Forex, grandi banche e manipolazione dei mercati *...
Il cemento che tiene unito questo nostro paese *...
Democratici incapaci di valorizzare i successi di Obama...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Calcio, serie A

Ora Lazio e Juve

guidano appaiate

lazio-juventusdi Fabio Camillacci

Dopo 12 giornate, 11 effettive, con alcune gare da recuperare, cambia la coppia di vertice: la Lazio resta prima grazie al pareggio di Napoli, la Juventus la aggancia rifilando un 3-0 al Palermo. E sabato prossimo per il 13° turno è in programma Lazio-Juventus. Lascia la vetta l’Udinese che cade a Parma. In chiave salvezza, colpo grosso del Chievo che espugna Catania. Divisione della posta con reti e spettacolo tra Siena e Atalanta. Il Genoa affonda il Novara nel finale. Nell’anticipo dell’ora di pranzo prima vittoria stagionale per il Cesena che si aggiudica il derby emiliano-romagnolo col Bologna. Nel posticipo Roma-Lecce 2-1. Secondo successo consecutivo per la squadra di Luis Enrique che sale al 5° posto.

I tabellini delle gare di domenica

Bologna-Cesena 0-1: nell'anticipo delle 12,30, prima vittoria stagionale dei bianconeri romagnoli. Il successo arriva proprio nel derby con gli emiliani rossoblu. Decide un gol di Parolo all'83': gran tiro da fuori.

Catania-Chievo 1-2: ospiti in vantaggio al 46’ del primo tempo grazie ad un calcio di rigore trasformato da Pellissier (gol numero 99 in carriera per l’attaccante) e concesso per un dubbio fallo di Spolli sullo stesso bomber clivense. Il Catania potrebbe pareggiare al 68’ ma Lodi si fa parare da Sorrentino il rigore assegnato per un fallo di Mandelli su Maxi Lopez. Raddoppio dei veneti al 73’: assist di Pellissier e rete di Sammarco. La partita sembra chiusa, Almiron la riapre al 78’: destro dalla distanza deviato da un giocatore del Chievo.

Genoa-Novara 1-0: padroni di casa in 10 uomini dal 43’ del primo tempo a causa del cartellino rosso ad Antonelli, espulso per fallo da ultimo uomo su Mazzarani. Novara padrone del campo: traversa di Rigoni. Assediata la porta di Frey. La svolta all’81’: parità numerica in campo ristabilita: fuori Meggiorini che in un minuto si fa ammonire due volte, per gioco scorretto e proteste. Il Genoa respira e colpisce all’86’: Veloso dal limite trova l’angolino.

Juventus-Palermo 3-0: tutto facile per i bianconeri anche se nel primo tempo i siciliani fanno correre qualche brivido a Buffon che si fa trovare pronto. Juve in vantaggio al 20’: cross di Chiellini dalla sinistra e incornata vincente di Pepe lasciato solo a centroarea da una spaesata difesa rosanero. Il raddoppio in apertura di ripresa al 48’: destro incrociato di Matri su passaggio in profondità di Lichtsteiner. Passano 17 minuti e la Vecchia Signora cala il tris: velo di Matri e destro chirurgico di Marchisio.

Parma-Udinese 2-0: dopo un palo di Galloppa, ducali a segno con Biabiany al 58’: corner battuto da Giovinco e colpo di testa vincente del francese sfuggito ai difensori friulani. La seconda rete parmense arriva su rigore al 76’: fallo di Basta su Biabiany e dal dischetto Giovinco non sbaglia. Seconda sconfitta in campionato per l’Udinese.

Siena-Atalanta 2-2: bergamaschi avanti al 15’ con Denis su rigore: fallo del portiere Pegolo sullo stesso attaccante argentino lanciato in area da Moralez. Il pari dei toscani arriva sempre su penalty, concesso per un fallo di Manfredini su Larrondo. Trasforma D'Agostino. Atalanta nuovamente in vantaggio all’8’: cross di Raimondi e colpo di testa di Denis che si infila tra Rossettini e Vitiello. Rocambolesco il pareggio del Siena all’87’: mischia sugli sviluppi di un corner, Reginaldo batte a rete, batti e ribatti fino al tocco decisivo di Gazzi. Migliore in campo: il portiere atalantino Consigli.

IL POSTICIPO

Roma-Lecce 2-1: torna Totti dopo 50 giorni di assenza per l'infortunio muscolare. Ma il capitano parte dalla panchina. Luis Enrique si affida al tridente Lamela-Bojan-Osvaldo. A sinistra c'è Taddei. Possesso palla, gioco di prima, calcio spumeggiante, occasioni da gol a ripetizione; questa è la Roma che in difesa balla paurosamente. Al 24' sblocca il punteggio Pjanic che finalizza da due passi una splendida azione con la palla che viaggia da De Rossi a Taddei prima di arrivare al bosniaco. Nella ripresa dopo 8 minuti arriva il raddoppio di Gago: bel destro dalla distanza. La Roma colleziona altre occasioni da rete ma gli attaccanti non riescono a concretizzare. E così al 60' Bertolacci riapre il match con un tocco vellutato da due passi. Annullato ingiustamente un gran gol di Osvaldo in acrobazia. La Roma chiude in affanno una gara a tratti dominata. Alla fine tre punti meritati e 5° posto in classifica.

Gli anticipi del sabato.

Arbitri e, soprattutto, guardalinee sotto accusa. Nel mirino della critica, quanto accaduto negli anticipi del sabato. Clamorosi errori sulle valutazioni dei fuorigioco. Il gol di Thiago Motta che ha spianato la strada all'Inter nella gara contro il Cagliari, era da annullare. Mentre erano regolari le reti annullate a Cavani in Napoli-Lazio e a Seedorf in Fiorentina-Milan. In questo match peraltro ai rossoneri manca un rigore per un fallo di mano in area giudicato involontario.

Tanto rumore per nulla. Si attendevano i fuochi d'artificio da Fiorentina-Milan e Napoli-Lazio, e invece questi due anticipi della 12° giornata sono terminati 0-0. Al "San Paolo" i partenopei regalano un tempo ai biancocelesti; forse la testa era già al Manchester City. Nella ripresa forcing del Napoli che va più volte vicino al gol con Lavezzi: bravissimo il portiere laziale Marchetti. Il punticino strappato a Fuorigrotta senza Klose e Dias, consente ai biancocelesti di portarsi in solitudine in testa alla classifica con 22 punti: uno più dell'Udinese che domani è di scena a Parma. Reti bianche anche al "Franchi". Milan padrone del campo ma gli attaccanti rossoneri non pungono.

Inter-Cagliari 2-1. Ossigeno puro per i nerazzurri che al “Meazza” battono 2-1 il Cagliari e si tolgono dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Un successo sofferto quello della squadra di Ranieri. Il vantaggio arriva soltanto al 54’ dopo un primo tempo in cui Pazzini e compagni confermano la loro sterilità offensiva, anche se proprio il “Pazzo” e Zarate colpiscono una traversa a testa. In altre occasioni è bravo il portiere dei sardi Agazzi a sventare le minacce interiste. Nella ripresa allora ci pensa Thiago Motta a togliere le castagne dal fuoco: punizione di Alvarez, Pazzini sfiora e il centrocampista, in posizione di fuorigioco, insacca. Grandi proteste dei giocatori del Cagliari secondo i quali Motta si è pure aggiustato il pallone con la mano. Al 61’ il raddoppio: contropiede di Alvarez che serve Coutinho, preciso il rasoterra del brasiliano tascabile. Nel finale all’89’, il Cagliari prova a riaprire il match grazie al gol di Larrivey: tocco sotto porta a beffare Julio Cesar. Finisce 2-1 per l’Inter. Agli isolani non basta il cambio in panchina con l'arrivo di Ballardini per invertire la tendenza negativa di questi ultimi tempi, in tema di risultati.

La classifica:

Lazio e Juventus 22 punti

Milan e Udinese 21

Roma 17

Palermo 16

Napoli, Genoa, Parma, Chievo 15

Siena e Catania 14

Atalanta (-6), Fiorentina e Cagliari 13

Inter 11

Bologna 10

Lecce 8

Novara 7

Cesena 6

Juventus, Napoli, Inter e Genoa una gara in meno.

Classifica marcatori:

Denis 9

Di Natale 8 reti

Giovinco e Klose 6

Calaiò, Osvaldo, Ibrahimovic, Palacio e Jovetic 5

 


Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

Il giuramento degli affiliati
della 'ndrangheta al Nord
18 novembre 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: ITALIA-ALBANIA 1-018 NOVEMBRE 2014