ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

PRIMOPIANO   CONCORDATA LA LISTA CON NAPOLITANO

Ecco il governo Monti

SOLO MINISTRI TECNICI

mario-monti-111109091928_mediumEcco i loro incarichi. Esteri: Giulio Terzi, Interni:  Annamaria Cancellieri, Giustizia: Paola Severino, Difesa: Giampaolo De Paola,  Sviluppo economico e infrastrutture: Corrado Passera,  Agricoltura: Mario Catania, Ambiente: Corrado Clini, Lavoro e politiche sociali: Elsa Fornero, Salute: Renato Balduzzi, Pubblica istruzione: Francesco Profumo, Beni culturali: Lorenzo Ornaghi.  Ministri senza portafoglio: Moavero Milanesi (Politiche comunitarie); Gnudi (Turismo),  Lorenzo Barca (Coesione territoriale), Giarda (Rapporti con il parlamento), Andrea Riccardi (Cooperazione e integrazione). Il presidente ha denuto per sé l'interim per l'Economia. Sottosegretario alla presidenza del Consiglio sarà nominato Antonio Catricalà

Ma quale sospensione della democrazia? Commento di Nuccio Fava

di Romano Lusi

Il professore e senatore a vita Mario Monti ha sciolto la riserva e ha presentato al presidente della Repubblica la lista dei ministri riportata sopra. L'incontro, iniziato alle 11 in punto al Quirinale, si è protratto, in una sala riservata del palazzo, molto prossima all'appartamento privato di Napolitano, oltre il previsto: tra i due, a parte i nomi dei componenti del governo, evidentemente è stato concordato anche il modo in cui illustrare le scelte compiute, soprattutto dopo le pressioni del Pdl, continuate anche in un faccia a faccia notturno con Alfano, che si è fatto ostinato portatore della richiesta di Berlusconi di avere Gianni Letta nella compagine come suo "garante". E saranno state certamente concordate due sottolineature che ha fatto presentando la lista ai giornalisti: l'affidamento a donne di tre ministeri chiave e l'unificazione nelle mani di un solo ministro (Passera) sia dello Sviluppo economico sia delle Infrastrutture.

 Ieri quella del Pdl era stata l'ultima delegazioni di partito ad essere ricevuta da Monti e l'incontro era durato parecchio, più di quello con il Pd, di circa un'ora. I due maggiori partiti italiani hanno dato - con valutazioni diverse e anche riserve e  condizioni diverse -  un sostanziale via libera al presidente incaricato. Nel pomeriggio è stato il turno delle forze sociali (sindacati e Confindustria) e - fatto insolito - delle rappresentanze di giovani e donne. All'uscita dallo studio di Palazzo Giustiniani il segretario del Pd, Bersani, aveva detto: «Noi diamo pieno e convinto sostegno ad un governo di autorevole e forte caratura tecnica e non per sostenere meno ma per sostenere meglio Mario Monti. Abbiamo confermato - ha aggiunto Bersani - pieno e convinto sostegno a questo sforzo e quindi non abbiamo posto termini al governo. Occorre consegnare alla politica e ai gruppi parlamentari il compito di organizzare un percorso per costruire qualche urgente riforma come la riforma elettorale, la riduzione del numero dei parlamentari, la riforma dei regolamenti parlamentari». Infine Bersani ha sotolineato che queste riforme «si devono affiancare ovviamente alle misure del governo per affrontare l'emergenza».

Poi Alfano, segretario del Pdl: «Stiamo lavorando - ha spiegato  al termine dell'incontro - come auspicato da Berlusconi per il bene dell'Italia e nell'interesse nazionale. Pensiamo, alla luce dei fatti, che il tentativo del professor Monti di formare un governo possa andare a buon esitoE' stato un incontro positivo e abbastanza lungo perché articolato. Si è discusso di tutto, anche del programma». 

In una conferenza stampa serale Monti aveva detto: "Le parti sociali hanno dato la propria disponibilità a contibuti concreti che possano causare sacrifici parziali per il bene comune". Un discorso molto breve, chiaro, ma che sottintendeva l'accettazione dell'incarico a formare il governo.  "È stato un lavoro soddisfacente e proficuo - ha spiegato l'ex commissario europeo - voglio trasmettervi la mia fiducia nella solidità delle nostre istituzione e nella partecipazione alla società civile. Sono colpito dal senso di responsabilità e dalla volontà di dare risposte efficaci alla crisi. Esprimo la mia assoluta serenità, fiducia e convinzione nelle capacità del nostro Paese di fronteggiare questo momento difficile". Poi ha voluto sottolineare che per la prima volta sono state fatte consultazioni anche con rappresentanze di giovani e delle donne.

L'unico partito che si è schierato per l'opposizione è stata la Lega. Ma stamattina il sindaco leghista di Verona, Flavio Tosi, ha fatto sapere che si dissocia dal no preconcetto a Monti: bisogna valutare, ha detto, di volta in volta le proposte del governo.

IL COMMENTO

Ma quale sospensione della democrazia?

di Nuccio Fava

Mario Monti l’Italia ha cominciato ad apprezzarlo da subito: stile, modestia, chiarezza di linguaggio, uniti a sicurezza e competenza. Ma l’elemento più importante è stato quel sentimento di serena fiducia, quel “possiamo farcela “ pronunciato insieme alla consapevolezza delle grandi difficoltà da affrontare. Enormi difficoltà del resto che hanno costretto le principali  forze politiche a collaborare, consentendo una vera e propria non belligeranza in vista del bene superiore dell’Italia.

L’apparente sospensione della politica o addirittura del gioco democratico – come con enfasi catastrofista  e del tutto impropria è stato sostenuto da qualche parte – non è in alcun modo il vero pericolo. Al contrario è la politica nel senso più alto, sia pure costretta da uno stato di necessità, che con la formazione del governo Monti riesce a prevalere. Vi si è giunti a causa dei ritardi, degli errori, della perdita impressionante di credibilità accumulata e l’assenza di numeri sufficienti in Parlamento nel momento in cui decisioni indifferibili andavano assunte.

Con Monti cambia la cornice e l’inquadramento delle misure che l’Europa ci chiede perché finalizzate in modo strutturale alla crescita ed allo sviluppo, tali da offrire opportunità di futuro alle nuove generazioni. Con tutti i suoi interlocutori Monti ha voluto sottolineare il binomio rigore e crescita, risanamento e sviluppo, rifiutando esplicitamente formule abusate del tipo “lacrime e sangue”. La fatica del nuovo presidente corrisponde dunque alla fase straordinaria in cui l’Italia si trova e l’assenza di ministri “politici” ne è una conferma  che segnala una difficoltà ma anche una opportunità positiva. Con l’eccezione della Lega, che conferma la sua natura egoistica ed anti-nazionale, tutte le forze politiche, a cominciare dalle maggiori, avranno l’occasione di esprimersi al meglio, finalmente di confrontarsi costruttivamente ed operare anche quella rigenerazione di cui c’è urgente bisogno.

 


Commenti  

 
0 #1 gioia 2011-11-16 12:50
Tagli dei privilegi: i vitalizi ai politici, ultimo proprio quello del Sig. Monti dove sono? Riforma delle pensioni subito ma non di quelle d'oro solo dei poveracci
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014