ORA DI PUNTA

Il modello Sarko

visto dall'Italia

di Nuccio Fava

Il secondo turno delle amministrative francesi, con la ferma regola dei ballottaggi, ha confermato l’esito politico del voto di due settimane fa. Ne ha anzi rafforzato il significato, esprimendo la grande vittoria di Sarkosy, la grande crisi della famiglia socialista del presidente Hollande, i limiti strutturali della pur rilevante forza elettorale di Marine LePen i cui candidati nei mandamenti non sono riusciti a vincere da nessuna parte. Se da un lato dunque la Francia vede chiarificarsi il quadro politico, mantiene tuttavia un carico di difficoltà e di problemi non destinati a facile soluzione. Anche in Francia la crisi della politica è profonda. La stessa organizzazione istituzionale e il semi presidenzialismo non sono di per sé una strada facile.  Del resto in tutta Europa la lontananza dei giovani e la enorme diffidenza a impegnarsi e partecipare politicamente, sono causa soprattutto della crisi ideale e morale che affligge in varia misura tutta l’Europa . Condizione che va ben oltre lo stesso notevole astensionismo e si ricollega fondamentalmente alle precarietà e paura per il lavoro che non c’è, la mancanza di prospettive e progetti realistici e credibili.

C’è qui soprattutto la ragione del tracollo socialista col Presidente Hollande quasi ridotto a tagliare nastri e a partecipare a cerimonie e manifestazioni contro il terrorismo. Momenti e funzioni importanti anche queste per la forte carica simbolica di partecipazione e condivisione di valori di democrazia e di solidarietà. Dagli attentati di Parigi e Bruxelles fino al più recente dentro il museo Bardo a Tunisi, hanno visto Hollande con accanto spesso il nostro presidente Renzi e altri leader, testimoniare il no al terrorismo e il valore fondamentale di una risposta corale contro ogni tentazione xenofoba e/o di restringimento delle libertà fondamentali e irrinunciabili. Come naturale, un voto per quanto amministrativo non è privo di rilievo politico e non solo per i francesi . L’acutezza  della matita di Giannelli sul Corriere della sera di lunedì 30 marzo riassumeva significativamente il senso del voto con la sua vignetta in prima pagina. Sarkosy esce tutto arzillo da un sarcofago egizio, sottolineandone il carattere di mummia, che ritorna vispo a riprendere il proprio ruolo. Accanto, nell’altro sarcofago, Berlusconi ammirato si ripromette di poter tornare in campo.

 Il modello Sarko fa dunque breccia nel cuore dei berlusconiani che sono però tentati fortemente dall’alleanza con la Lega di Salvini, ammiratore ‘sfegatato’ della LePen che nonostante il successo di voti è rimasta fuori da ogni prospettiva politicamente rilevante rispetto al governo di tutti i territori di Francia. Non solo per Berlusconi il voto francese rappresenta occasione propizia di riflessione ed iniziativa. Anche Renzi, come presidente del Consiglio e segretario del Pd, non può restare indifferente. Nella stessa direzione Pd nessun approfondimento si è tentato a proposito della batosta riservata a Hollande e ai socialisti francesi, che pure fanno parte della stessa famiglia europea. Eppure intorno ai temi cari alla sinistra e al socialismo italiano in molti temono una deriva a destra del Pd e del governo. Oltre la minoranza interna, attenzione e rispetto senza confondersi naturalmente, richiederebbero le forze interessate alla iniziativa di Landini, e a larghi settori della società civile che in qualche modo cominciano a farvi riferimento.                                                

Inoltre c'è sempre aperta la questione dei 5 Stelle. Il dialogo è stato tentato più volte ma sempre in modo infruttuoso, non solo da Bersani, ma dallo stesso Renzi. Eppure il fenomeno 5 Stelle esprime la difficoltà maggiore che tutta la politica italiana incontra sul terreno della democrazia, della lotta alla corruzione e alla poca trasparenza che qualunque governo serio dovrebbe affrontare con ben maggiore e determinazione.

Nuccio Fava 

  Mercoledì 01 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
L'Italikum, una riforma che deforma la nostra democrazia *...
La "guerra" nel Gop e le due Camere *...
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

PRIMOPIANO   CONCORDATA LA LISTA CON NAPOLITANO

Ecco il governo Monti

SOLO MINISTRI TECNICI

mario-monti-111109091928_mediumEcco i loro incarichi. Esteri: Giulio Terzi, Interni:  Annamaria Cancellieri, Giustizia: Paola Severino, Difesa: Giampaolo De Paola,  Sviluppo economico e infrastrutture: Corrado Passera,  Agricoltura: Mario Catania, Ambiente: Corrado Clini, Lavoro e politiche sociali: Elsa Fornero, Salute: Renato Balduzzi, Pubblica istruzione: Francesco Profumo, Beni culturali: Lorenzo Ornaghi.  Ministri senza portafoglio: Moavero Milanesi (Politiche comunitarie); Gnudi (Turismo),  Lorenzo Barca (Coesione territoriale), Giarda (Rapporti con il parlamento), Andrea Riccardi (Cooperazione e integrazione). Il presidente ha denuto per sé l'interim per l'Economia. Sottosegretario alla presidenza del Consiglio sarà nominato Antonio Catricalà

Ma quale sospensione della democrazia? Commento di Nuccio Fava

di Romano Lusi

Il professore e senatore a vita Mario Monti ha sciolto la riserva e ha presentato al presidente della Repubblica la lista dei ministri riportata sopra. L'incontro, iniziato alle 11 in punto al Quirinale, si è protratto, in una sala riservata del palazzo, molto prossima all'appartamento privato di Napolitano, oltre il previsto: tra i due, a parte i nomi dei componenti del governo, evidentemente è stato concordato anche il modo in cui illustrare le scelte compiute, soprattutto dopo le pressioni del Pdl, continuate anche in un faccia a faccia notturno con Alfano, che si è fatto ostinato portatore della richiesta di Berlusconi di avere Gianni Letta nella compagine come suo "garante". E saranno state certamente concordate due sottolineature che ha fatto presentando la lista ai giornalisti: l'affidamento a donne di tre ministeri chiave e l'unificazione nelle mani di un solo ministro (Passera) sia dello Sviluppo economico sia delle Infrastrutture.

 Ieri quella del Pdl era stata l'ultima delegazioni di partito ad essere ricevuta da Monti e l'incontro era durato parecchio, più di quello con il Pd, di circa un'ora. I due maggiori partiti italiani hanno dato - con valutazioni diverse e anche riserve e  condizioni diverse -  un sostanziale via libera al presidente incaricato. Nel pomeriggio è stato il turno delle forze sociali (sindacati e Confindustria) e - fatto insolito - delle rappresentanze di giovani e donne. All'uscita dallo studio di Palazzo Giustiniani il segretario del Pd, Bersani, aveva detto: «Noi diamo pieno e convinto sostegno ad un governo di autorevole e forte caratura tecnica e non per sostenere meno ma per sostenere meglio Mario Monti. Abbiamo confermato - ha aggiunto Bersani - pieno e convinto sostegno a questo sforzo e quindi non abbiamo posto termini al governo. Occorre consegnare alla politica e ai gruppi parlamentari il compito di organizzare un percorso per costruire qualche urgente riforma come la riforma elettorale, la riduzione del numero dei parlamentari, la riforma dei regolamenti parlamentari». Infine Bersani ha sotolineato che queste riforme «si devono affiancare ovviamente alle misure del governo per affrontare l'emergenza».

Poi Alfano, segretario del Pdl: «Stiamo lavorando - ha spiegato  al termine dell'incontro - come auspicato da Berlusconi per il bene dell'Italia e nell'interesse nazionale. Pensiamo, alla luce dei fatti, che il tentativo del professor Monti di formare un governo possa andare a buon esitoE' stato un incontro positivo e abbastanza lungo perché articolato. Si è discusso di tutto, anche del programma». 

In una conferenza stampa serale Monti aveva detto: "Le parti sociali hanno dato la propria disponibilità a contibuti concreti che possano causare sacrifici parziali per il bene comune". Un discorso molto breve, chiaro, ma che sottintendeva l'accettazione dell'incarico a formare il governo.  "È stato un lavoro soddisfacente e proficuo - ha spiegato l'ex commissario europeo - voglio trasmettervi la mia fiducia nella solidità delle nostre istituzione e nella partecipazione alla società civile. Sono colpito dal senso di responsabilità e dalla volontà di dare risposte efficaci alla crisi. Esprimo la mia assoluta serenità, fiducia e convinzione nelle capacità del nostro Paese di fronteggiare questo momento difficile". Poi ha voluto sottolineare che per la prima volta sono state fatte consultazioni anche con rappresentanze di giovani e delle donne.

L'unico partito che si è schierato per l'opposizione è stata la Lega. Ma stamattina il sindaco leghista di Verona, Flavio Tosi, ha fatto sapere che si dissocia dal no preconcetto a Monti: bisogna valutare, ha detto, di volta in volta le proposte del governo.

IL COMMENTO

Ma quale sospensione della democrazia?

di Nuccio Fava

Mario Monti l’Italia ha cominciato ad apprezzarlo da subito: stile, modestia, chiarezza di linguaggio, uniti a sicurezza e competenza. Ma l’elemento più importante è stato quel sentimento di serena fiducia, quel “possiamo farcela “ pronunciato insieme alla consapevolezza delle grandi difficoltà da affrontare. Enormi difficoltà del resto che hanno costretto le principali  forze politiche a collaborare, consentendo una vera e propria non belligeranza in vista del bene superiore dell’Italia.

L’apparente sospensione della politica o addirittura del gioco democratico – come con enfasi catastrofista  e del tutto impropria è stato sostenuto da qualche parte – non è in alcun modo il vero pericolo. Al contrario è la politica nel senso più alto, sia pure costretta da uno stato di necessità, che con la formazione del governo Monti riesce a prevalere. Vi si è giunti a causa dei ritardi, degli errori, della perdita impressionante di credibilità accumulata e l’assenza di numeri sufficienti in Parlamento nel momento in cui decisioni indifferibili andavano assunte.

Con Monti cambia la cornice e l’inquadramento delle misure che l’Europa ci chiede perché finalizzate in modo strutturale alla crescita ed allo sviluppo, tali da offrire opportunità di futuro alle nuove generazioni. Con tutti i suoi interlocutori Monti ha voluto sottolineare il binomio rigore e crescita, risanamento e sviluppo, rifiutando esplicitamente formule abusate del tipo “lacrime e sangue”. La fatica del nuovo presidente corrisponde dunque alla fase straordinaria in cui l’Italia si trova e l’assenza di ministri “politici” ne è una conferma  che segnala una difficoltà ma anche una opportunità positiva. Con l’eccezione della Lega, che conferma la sua natura egoistica ed anti-nazionale, tutte le forze politiche, a cominciare dalle maggiori, avranno l’occasione di esprimersi al meglio, finalmente di confrontarsi costruttivamente ed operare anche quella rigenerazione di cui c’è urgente bisogno.

 


Commenti  

 
0 #1 gioia 2011-11-16 12:50
Tagli dei privilegi: i vitalizi ai politici, ultimo proprio quello del Sig. Monti dove sono? Riforma delle pensioni subito ma non di quelle d'oro solo dei poveracci
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

L'avvocato Giulia Bongiorno
e Raffaele Sollecito commentano l'assoluzione in Cassazione
Roma
30 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

VERSO EURO 2016: BULGARIA-ITALIA 2-228 MARZO 2015