ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

PRIMOPIANO POLI DIVISI SUL GOVERNO DI COESIONE NAZIONALE 

 

Monti sì, Monti no: scontro

mario-monti-111109091928_mediumNel centrodestra Lega e parte del Pdl non mollano su elezioni subito; nel centrosinistra stessa linea di Idv mentre Sel sollecita un esecutivo a termine

Di Pietro: «Voterò contro»

Rotondi: «Mi dimetterò»

Di seguito il commento di Nuccio Fava:  "Ricordarsi della lezione di De Gasperi"

di Romano Lusi

Monti sì, Monti no, cioè appoggio a un governo di "coesione nazionale" - come lo ha definito Napolitano - che prenda le misure necessarie a tirare fuori l'Italia dal disastro economico, faccia una nuova legge elettorale, e poi accompagni il paese alle elezioni; oppure tenace difesa della linea "elezionji subito"? Su questa alternativa la scorsa notte lo scontro nel centrodestra si è fatto durissimo in "vertice" a Palazzo Grazioli. Da una parte Lega e il nocciolo duro degli ex An La Russa, Giorgia Meloni e Altero Matteoli (quest'ultino sarebbe arrivato a minacciare addirittura una scissione aggiungendo che almeno 30 parlamentari la pensano come lui) sostenitori - con una fetta di esponenti Pdl  - di elezioni subito a tutti i costi; dall'altra una consistente parte di Pdl favorevoli al governo di emergenza; in mezzo Berlusconi che fa fa da arbitro ma propende, pare, per un sostegno alla soluzione Monti, con il quale si è complimentato subito Gianni Letta appena appresa la notizia della sua nomina a senatore a vita fatta ieri da  Napolitano. C'è stato, si apprende, scambio di accuse a Palazzo Grazioli tra Pdl e Lega sul governo tecnico. Silvio Berlusconi ha chiesto una decisione in tempi rapidi per definire la posizione del centrodestra sull'ipotesi di un esecutivo a guida Monti. Ma il Carroccio non ci sta e, come aveva detto ieri sera Umberto Bossi, preferisce stare piuttosto all'opposizione per rifarsi una "verginità". Comunque il vertice notturno non è stato risolutivo e il presidente del Consiglio ha alla fine chiesto tempo per riflettere ma per arrivare a una risposta al massimo entro venerdì. Poi sono arrivate altre prese di posizione contrarie a Monti. La più esagitata è del ministro Rotondi, che dice di parlare anche a nome di altri parlamentari: «Se si deciderà di dare la fiducia a un governo Monti  troveremo il modo di assicurargli questi voti senza darglieli noi direttamente: dimettendoci e facendo subentrare i primi non eletti". E' stata "ordita una congiura", serve "un gesto forte"

Sul fronte opposto la distinzione sembra essere più netta anche se può diventare anch'essa lacerante: favorevoli a un governo i larghe intese, con larga base parlamentare e comprendente la rappresentanza di tutte le forze politiche, sono il Pd e il Terzo polo; contrari Prc, Comunisti italiani e Verdi l'Idv di Di Pietro  mentre Sel di Vendola chiede un esecutivo a termine. Anzi Di Pietro rincara la dose: «Voterò contro un governo Monti, che avrebbe il sapore di un inciucio, perché bisogna essere eletti al parlamento su un programma». Comunque ciò su cui tutti sono d'accordo è che non si può andare a un "governicchio" di transizione, cioè un governo che abbia una maggioranza risicata e precaria, ma occorre un governo cvhe goda di un margine di almeno 40 voti alla Camera e altrettanti al Senato.

E intanto Napolitano preme per una soluzione la più rapida possibile. A tale scopo ha fatto con tempestività la mossa della nomina di Mario Monti senatore a vita.  

IL COMMENTO

Ricordarsi della lezione di De Gasperi

di Nuccio Fava

Berlusconi ha dovuto dimettersi e lo ha fatto a malincuore. Bastava osservare il suo viso livido e stralunato mentre controllava i tabulati delle votazioni. I traditori – come li ha chiamati il Cavaliere – hanno accettato la sfida nonostante fossero stati intimoriti· uno ad uno e osservati a vista dallo stesso presidente del Consiglio, che questa volta non ha mai abbandonato il banco del governo. Pensieri di rivalsa lo hanno accompagnato durante la salita al Quirinale dove ha formalizzato le dimissioni a partire però dalla approvazione della legge di stabilità. Un percorso inevitabile a cui seguiranno le consultazioni e le valutazioni del capo dello Stato per verificare gli orientamenti di tutte le forze politiche. Appare chiaro tuttavia che Berlusconi punta al voto anticipato, perché ritiene inammissibile che il Parlamento, dopo il suo, possa esprimere un governo diverso· in grado di affrontare l’emergenza e la nuova legge elettorale.

La concezione proprietaria della politica propria di Berlusconi prevede solo appelli populistici e investiture plebiscitarie. Per tutta la legislatura Berlusconi ha espresso questa sua concezione autoproclamandosi fino all’ultimo salvatore della patria e continuando a ritenersi tale per potersi proporre in questa veste agli elettori. Manca ogni riferimento consapevole agli interessi dell’Italia, alla tutela di quel bene comune dei cittadini nel bel mezzo di una tempesta economica e finanziaria che rischia di travolgerci. Sarebbe fondamentale da parte di tutte le opposizioni, ma non soltanto, compiere ogni atto di saggezza per favorire in ogni modo la nascita di un governo di emergenza e di salvezza nazionale, in grado di raccogliere il più largo consenso parlamentare. Non dovrebbe essere questo il tempo di preoccupazioni e di tornaconti elettorali. La posta in gioco va oltre l’interesse di questa o quella forza politica perché è in gioco il futuro stesso dell’Italia.

Acide De Gasperi usava dire che la differenza tra un politico del giorno per giorno e uno statista è costituita dal fatto che il politico pensa alle elezioni e lo statista al futuro del Paese. Anche oggi c’è molto da ricostruire e la lezione di De Gasperi è più che mai attuale.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014