ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

PRIMOPIANO POLI DIVISI SUL GOVERNO DI COESIONE NAZIONALE 

 

Monti sì, Monti no: scontro

mario-monti-111109091928_mediumNel centrodestra Lega e parte del Pdl non mollano su elezioni subito; nel centrosinistra stessa linea di Idv mentre Sel sollecita un esecutivo a termine

Di Pietro: «Voterò contro»

Rotondi: «Mi dimetterò»

Di seguito il commento di Nuccio Fava:  "Ricordarsi della lezione di De Gasperi"

di Romano Lusi

Monti sì, Monti no, cioè appoggio a un governo di "coesione nazionale" - come lo ha definito Napolitano - che prenda le misure necessarie a tirare fuori l'Italia dal disastro economico, faccia una nuova legge elettorale, e poi accompagni il paese alle elezioni; oppure tenace difesa della linea "elezionji subito"? Su questa alternativa la scorsa notte lo scontro nel centrodestra si è fatto durissimo in "vertice" a Palazzo Grazioli. Da una parte Lega e il nocciolo duro degli ex An La Russa, Giorgia Meloni e Altero Matteoli (quest'ultino sarebbe arrivato a minacciare addirittura una scissione aggiungendo che almeno 30 parlamentari la pensano come lui) sostenitori - con una fetta di esponenti Pdl  - di elezioni subito a tutti i costi; dall'altra una consistente parte di Pdl favorevoli al governo di emergenza; in mezzo Berlusconi che fa fa da arbitro ma propende, pare, per un sostegno alla soluzione Monti, con il quale si è complimentato subito Gianni Letta appena appresa la notizia della sua nomina a senatore a vita fatta ieri da  Napolitano. C'è stato, si apprende, scambio di accuse a Palazzo Grazioli tra Pdl e Lega sul governo tecnico. Silvio Berlusconi ha chiesto una decisione in tempi rapidi per definire la posizione del centrodestra sull'ipotesi di un esecutivo a guida Monti. Ma il Carroccio non ci sta e, come aveva detto ieri sera Umberto Bossi, preferisce stare piuttosto all'opposizione per rifarsi una "verginità". Comunque il vertice notturno non è stato risolutivo e il presidente del Consiglio ha alla fine chiesto tempo per riflettere ma per arrivare a una risposta al massimo entro venerdì. Poi sono arrivate altre prese di posizione contrarie a Monti. La più esagitata è del ministro Rotondi, che dice di parlare anche a nome di altri parlamentari: «Se si deciderà di dare la fiducia a un governo Monti  troveremo il modo di assicurargli questi voti senza darglieli noi direttamente: dimettendoci e facendo subentrare i primi non eletti". E' stata "ordita una congiura", serve "un gesto forte"

Sul fronte opposto la distinzione sembra essere più netta anche se può diventare anch'essa lacerante: favorevoli a un governo i larghe intese, con larga base parlamentare e comprendente la rappresentanza di tutte le forze politiche, sono il Pd e il Terzo polo; contrari Prc, Comunisti italiani e Verdi l'Idv di Di Pietro  mentre Sel di Vendola chiede un esecutivo a termine. Anzi Di Pietro rincara la dose: «Voterò contro un governo Monti, che avrebbe il sapore di un inciucio, perché bisogna essere eletti al parlamento su un programma». Comunque ciò su cui tutti sono d'accordo è che non si può andare a un "governicchio" di transizione, cioè un governo che abbia una maggioranza risicata e precaria, ma occorre un governo cvhe goda di un margine di almeno 40 voti alla Camera e altrettanti al Senato.

E intanto Napolitano preme per una soluzione la più rapida possibile. A tale scopo ha fatto con tempestività la mossa della nomina di Mario Monti senatore a vita.  

IL COMMENTO

Ricordarsi della lezione di De Gasperi

di Nuccio Fava

Berlusconi ha dovuto dimettersi e lo ha fatto a malincuore. Bastava osservare il suo viso livido e stralunato mentre controllava i tabulati delle votazioni. I traditori – come li ha chiamati il Cavaliere – hanno accettato la sfida nonostante fossero stati intimoriti· uno ad uno e osservati a vista dallo stesso presidente del Consiglio, che questa volta non ha mai abbandonato il banco del governo. Pensieri di rivalsa lo hanno accompagnato durante la salita al Quirinale dove ha formalizzato le dimissioni a partire però dalla approvazione della legge di stabilità. Un percorso inevitabile a cui seguiranno le consultazioni e le valutazioni del capo dello Stato per verificare gli orientamenti di tutte le forze politiche. Appare chiaro tuttavia che Berlusconi punta al voto anticipato, perché ritiene inammissibile che il Parlamento, dopo il suo, possa esprimere un governo diverso· in grado di affrontare l’emergenza e la nuova legge elettorale.

La concezione proprietaria della politica propria di Berlusconi prevede solo appelli populistici e investiture plebiscitarie. Per tutta la legislatura Berlusconi ha espresso questa sua concezione autoproclamandosi fino all’ultimo salvatore della patria e continuando a ritenersi tale per potersi proporre in questa veste agli elettori. Manca ogni riferimento consapevole agli interessi dell’Italia, alla tutela di quel bene comune dei cittadini nel bel mezzo di una tempesta economica e finanziaria che rischia di travolgerci. Sarebbe fondamentale da parte di tutte le opposizioni, ma non soltanto, compiere ogni atto di saggezza per favorire in ogni modo la nascita di un governo di emergenza e di salvezza nazionale, in grado di raccogliere il più largo consenso parlamentare. Non dovrebbe essere questo il tempo di preoccupazioni e di tornaconti elettorali. La posta in gioco va oltre l’interesse di questa o quella forza politica perché è in gioco il futuro stesso dell’Italia.

Acide De Gasperi usava dire che la differenza tra un politico del giorno per giorno e uno statista è costituita dal fatto che il politico pensa alle elezioni e lo statista al futuro del Paese. Anche oggi c’è molto da ricostruire e la lezione di De Gasperi è più che mai attuale.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014