ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

IL G20 E LA CRISI   Lagarde: ispettori entro fine mese

L'Italia messa sotto tutela dal Fmi

Berlusconi prima nega poi, smentito, confessa

Christine-lagardeE infine fa l'ottimista: «La crisi? Ma se aerei e  ristoranti sono sempre pieni...». Vendite di terreni statali per fare cassa

In "Passaparola" videocommento di Nuccio Fava

di Romano Lusi

L'Italia si è presentata  al G20 di Cannes con due volti: quello di Mario Draghi - che nel primo giorno di presidenza della Banca europea fa la mossa giusta per arginare il crollo delle Borse e invertirne l'andamento grazie all'abbassamento dei tassi - quello di Silvio Berlusconi, che, con un rabberciato maxiemendamento alla legge si stabilità da portare nei prossimi giorni in parlamento, ha annunciato che per farlo passare chiederà in Senato l'ennesimo voto di fiducia, convinto che a salvarlo ci saranno sempre pronti un paio di Scilipoti. 

FMI. La conseguenza è l'Europa non si fida e il Fondo monetario internazionale decide di "monitorare", cioè di mettere sotto controllo, il governo italiano. Berlusconi (affiancato da Tremonti) nega in una conferenza stampa del pomeriggio. Ma viene sbugiardato e alla fine confessa, sia pure solo a metà. Sta di fatto che in serata il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde (foto) annuncia ufficialmente che gli ispettori dell'Fmi per monitorare l'attuazione delle misure annunciate dal governo italiano saranno nel nostro paese "entro la fine del mese". La stessa Lagarde ha precisato che "il problema dell'Italia è la mancanza di credibilita". Perciò "verificheremo attraverso una analisi indipendente che le autorità italiane e l'Italia in generale faccia ciò che si é impegnata a fare presso l'Ue. Tutti i risultati saranno pubblicati. 

A sua volta il presidente della Commissione europea, Barroso, ha aggiunto: "Bisogna essere oggettivi: ci sono dubbi nei mercati" sulla capacità dell'Italia di attuare le misure promesse all'Ue. Comunque sia sia lui che il presidente del Consiglio europeo Van Rompuy (e poi lo stesso Sarkozy) hanno ammesso che "la situazione dell'Italia è completamente diversa dalla Grecia".

Napolitano. "Il momento è molto difficile e duro per il Paese. Quel che è essenziale è questa bella partecipazione di tutte le generazioni". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, partecipando a Bari alla commemorazione per l'eccidio di antifascisti avvenuto nel capoluogo pugliese, il 28 luglio 1943.

Ma il Cavaliere vede rosa. Un'analisi della situazione del tutto opposta a quella di Napolitano è stata fatta nella confereza stampa di Cannes dal Cavaliere di Arcore. Ecco alcune delle sue battute.

"Noi siamo al governo ed abbiamo una maggioranza solida e quindi continueremo a governare". 

* "Gli scontenti sono persone che ritengono di essere state scavalcate, sono reazioni molto umane e molto comprensibili ma sono sicuro che quando incontrerò queste persone ritorneranno sulle loro posizioni".

"Il Fondo monetario ci aveva offerto dei fondi che noi abbiamo rifiutato". Poi la Lagarde dirà - come abbiamo riferito sopra - di non aver mai offerto fondi all'Italia.

"Noi pensiamo che sia una moda passeggera il fatto che i mercati si avventano sui titoli del debito italiano". 

* "Con l'attuale architettura istituzionale italiana, che è fatta per rendere difficili le decisioni, io credo che il ricorso alla fiducia sia una fatto quasi obbligatorio e quindi continueremo a porre la fiducia".

* "Mi sembra che in Italia non ci sia una forte crisi. La vita in Italia è la vita di un Paese benestante, i consumi non sono diminuiti, per gli aerei si riesce a fatica a prenotare un posto, i ristoranti sono pieni". 

* "Con l'adozione dell'euro si sono verificati degli impoverimenti di una fascia consistente della popolazione italiana". Poi piccola correzione per prendersela con Prodi: "Non è colpa dell'euro ma è colpa del cambio euro-lira, fatto da quel governo che è stato penalizzante per l'Italia"

Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Lui nemmeno il pelo. Per il resto giudicate voi.

Fare cassa vendendo terreni statali. Nel maxiemendamento alla legge di stabilità sarebbe prevista una megadismissione di terreni agricoli statali per oltre 338mila ettari, con un introito presunto di 6 miliardi. La cessione - afferma la Coldiretti - godrebbe di benefici fiscali e sarebbe rivolta a giovani imprenditori anche con il ricorso a trattativa privata.

Commenti  

 
0 #1 Anonimo 2011-11-01 22:40
Ma come si fa a pensare ad un governo di unità nazionale a tre giorni del G20. La migliore cosa sarebbe che il Pd e l'opposizione appoggiassero cosa abbia in progetto il governo...e dopo l'approvazione si vede. Anche perchè come si fa a superare una crisi senza un esecutivo capace?...E' la solita campagna dei comunisti mangia bambini e dei sindacati...............
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014