ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Governo Berlusconi. Secondo Fini, Bossi farà votare a marzo
 

Una fiducia "a termine"

Grafico_voti_di_fiduciaQuesta (la 53°) è costata due nuovi viceministri e due nuovi sottosegretari (più altro) sul mercatino dell'usato di Montecitorio

Reazione

In una intervista alla "Stampa" il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha sostenuto che "Berlusconi proverà a vivacchiare fino a Natale, per ottenere il varo di nuove leggi ad personam, poi andrà alle elezioni. Sarà Bossi a staccare la spina. Andremo alle urne a marzo 2012". Fini si è detto poi convinto che "si voterà con la legge attuale.Tutti hanno capito che andrà così. La novità sarà il Terzo Polo,intercetterà gli scontenti". Poi: un governo di larghe intese era una "ipotesi ragionevole. E' franata per l'ostinazione di Berlusconi di non fare un passo indietro". Domanda: ora proverà a cavalcare l'antipolitica? Fini ha risposto: "rischierebbe di farsi ridere dietro, del teatrino della politica è la prima marionetta".

Comunque alla fine Berlusconi - tra promozioni di sottosegretari a vice ministri (Misiti e Catia Polidori, acquisiti recentemente sul mercatino dell'usato di Montecitorio) e la nomina di due nuovi sottosegretari (Galati e Viceconte, per tamponare falle in Calabria e Basilicata) - è riuscito ieri a mettere insieme i 316 voti (contro 301) che gli hanno consentito di assicurarsi anche il 53° voto fiducia in tre anni (Napolitano gli ha detto: adesso basta con questo trucco!). Alla fine è marginale se una mano gli sia stata data dai radicali di Pannella (geniale acquisto di Veltroni nella campagna elettorale del 2008) con la loro presenza in aula nella prima "chiama" (è controverso se siano serviti davvero ad assicurare il numero legale alla Camera). Lui va avanti, pur avendo perduto ieri alcuni pezzi, come i quattro deputati di centrodestra che non gli hanno votato la fiducia, alcuni dopo vari tentennamenti e trattative riservate.

Vittoria di Pirro?

 Vediamo un po' come la pensano gli oppositori in questo riepilogo di Cristina Ferrulli dell'Ansa.


Pier Ferdinando Casini, regista dei contatti degli ultimi giorni con i malpancisti del centrodestra, alla fine si consola citando Mao: "la strada è a zig zag ma il futuro è luminoso".Ma, al di là della pazienza, l'opposizione ha dato battaglia tentando di far mancare in Aula il numero legale per il voto di fiducia e mettendo in atto una strategia ostruzionistica che si assicura varrà anche in futuro. Perché, evidenziano Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini, "la vittoria del governo è di Pirro, la maggioranza perde pezzi e morirà di fiducia". La strategia di entrare in Aula solo in presenza del numero legale è stata decisa stamattina in una riunione dei capigruppo, quando, dai colloqui con scajoliani e 'responsabili', si è capito che la maggioranza era sul filo del numero legale dei 315 voti. L'incognita dei radicali era chiara a tutti già da ieri ma il tentativo era d'obbligo. E così, sia durante le dichiarazioni di voto sia durante la prima chiama, peones e big hanno stazionato in Transatlantico: qualcuno faceva di conto, altri impedivano ad alcuni deputati non informati della tattica parlamentare, come Arturo Parisi, di entrare in Aula. Bersani ha passato gran parte del tempo davanti allo schermo in Transatlantico e il segno che la speranza c'era è dato dall'arrivo di Francesco Rutelli da Palazzo Madama. L'incanto è stato rotto dall'ingresso dei radicali in Aula anche se, assicurano tutti, non sono stati determinanti. "Milo ha deciso la partita sul numero legale - spiega il segretario d'aula del Pd Roberto Giachetti - mentre Pisacane ha garantito al governo la maggioranza assoluta". Insomma, come chiosa Casini, nel 150/mo anniversario dell'Unità d'Italia "ci sta che a salvare il governo sia stato Pisacane". Resta la consolazione di quattro deputati di maggioranza che non hanno votato la fiducia e per Bersani la constatazione che "la costruzione di un'alternativa esce rafforzata".

Una considerazione che Casini stempera, sostenendo che "abbiamo tempo per riflettere". Anche se anche il leader Udc, senza perdere la speranza di un governo di transizione, vede le elezioni più vicine e assicura di essere pronto. "Certamente Berlusconi - è l'analisi di Bersani - ha voluto stoppare l'ipotesi di un governo di transizione, e si è visto che nel centrodestra ci sono parecchie timidezze. Berlusconi punta ad uno scontro ravvicinato con in campo lui stesso che fa la regia del centrodestra".

A differenza del leader centrista, il segretario Pd non nasconde che la strada è lunga prima di definire una coalizione di centrosinistra che non ripeta gli errori del passato. E solo dopo aver definito le alleanze sulla base di programmi, ribadisce Bersani, si faranno le primarie di coalizione per il candidato premier. Perché, ha chiarito ieri il leader Pd avvisando implicitamente Matteo Renzi e altri competitor, non si faranno le primarie di partito né luì sarà "candidato perché lo dice lo Statuto". Ma sarà il Pd a scegliere chi correrà per i democratici contro altri sfidanti del centrosinistra, come Nichi Vendola. Salvo che, spiegano nel Pd, "l'alleanza con Casini vada in porto e allora il candidato premier non uscirà né dalle primarie né dai partiti".

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014