ORA DI PUNTA

Il Papa

seminatore 

di Nuccio Fava

Scelta felice far coincidere la chiusura del Sinodo sulla famiglia voluto da papa Francesco con la beatificazione di Paolo VI, il papa che il Sinodo dei vescovi l’aveva istituito a conclusione del Concilio Vaticano II  cinquant’anni fa. Un evento fondamentale per l’ammodernamento della Chiesa e la sua apertura come mai prima alle istanze e ai drammi del mondo contemporaneo. Papa Francesco l’ha definito uomo della semina e della coscienza, umile servitore della chiesa e di tutta l’umanità. Per la nostra generazione di universitari della Fuci, Montini è stato soprattutto l’educatore alla responsabilità della cultura e dell’intellettuale, dell’impegno personale di fronte alle difficoltà e alle novità del processo storico. Della Fuci Paolo VI era stato assistente per oltre dieci anni rimosso per quieto vivere dalla curia romana a seguito delle pressioni sempre più insostenibili da parte del regime fascista.

Era insopportabile per il Duce l’azione formativa di questo piccolo prete bresciano, figlio di un deputato del partito popolare di don Sturzo, che svolgeva con efficacia la promozione di valori di libertà e di responsabilità personale incompatibili con ogni forma di dittatura. Per la nostra generazione sono rimasti tratti indelebili nel legame di gratitudine e di affetto verso Paolo VI, che si sono rinnovati con profonda emozione nelle tragiche giornate del rapimento di Aldo Moro, della lettera agli uomini delle Brigate Rosse e dell’omelia nella basilica di san Giovanni.

Il tratto del dialogo è stato cifra costante dell’azione di Paolo VI , che coglieva nell’urgenza di un nuovo rapporto chiesa-mondo la domanda e le responsabilità nuove per i cristiani in una condizione storica di continuo e profondo mutamento. E’ stato Paolo VI ad aprire i viaggi papali con la visita in Terra Santa e lo storico incontro con il patriarca Atenagora; l’enciclica Populorum Progressio e l’intervento all’assemblea dell’Onu e la definizione “Lo sviluppo e il nuovo nome della pace”. C’è una sapiente regia della chiesa nel governo dello stesso cerimoniale, a cominciare dalla presenza in piazza san Pietro del papa emerito Benedetto XVI chiamato a Roma come cardinale da Paolo VI e ulteriore segno di quello spirito di collegialità così vivamente auspicato da papa Montini. Valori a cui ha dato espressione e concretezza papa Francesco sottolineando il carattere di collegialità e di servizio a tutti gli uomini manifestati nella prima fase del sinodo romano che avrà la sessione conclusiva il prossimo anno.

Non sono mancati i contrasti tra i padri sinodali che papa Bergoglio ha voluto ricordare e che significativamente fossero resi pubblici. Non solo un metodo nuovo ma, se possibile, una nuova sostanza di vicinanza della Chiesa alle speranze e alle attese di tutto il mondo come auspicato per la sua intera esistenza da Paolo VI.

  Domenica 19 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

La bagarre sulla fiducia maschera il vuoto del governo sui problemi che incalzano

La prima responsabilità di questo governo è che sposta l’attenzione del paese sul suo strenuo attaccamento al potere. Dietro questo paravento sta accadendo qualcosa di molto serio e grave, di cui purtroppo il nostro paese non riesce ad occuparsi come dovrebbe, perché questo governo a tutto pensa tranne che a questi problemi.

Anzitutto il progressivo impoverimento del tessuto produttivo e sociale del nostro paese. Molte fabbriche chiudono. I lavoratori si oppongono con tutte le loro forze a questo impoverimento ma non trovano una sponda nel Governo, che al massimo parla di ammortizzatori sociali ma che non ha alcuna idea su come affrontare le crisi con proposte ed iniziative positive. Ad esempio un piano serio sulle energie da fonti rinnovabili e sul risparmio energetico potrebbe dare importanti risultati occupazionali e produttivi e potrebbe dare una speranza a tanti giovani e meno giovani.

E’ curioso che mentre tanto si parla di innalzamento dell’età pensionabile si continua in realtà a predisporre consistenti piani di accompagnamento alla pensione dei lavoratori coinvolti dalle crisi. La protesta dei giovani che sta coinvolgendo il nostro paese (indignados) esprime un profondo disagio per il distacco tra i gravi problemi del paese e l’assenza di scelte politiche adeguate per affrontarli. Colpisce che le questioni poste più ricorrenti siano la Scuola, l’Università, la Ricerca, la loro capacità di creare un futuro credibile per i giovani.

L’emarginazione dell’Italia sullo scenario internazionale ed in particolare europeo continua in modo preoccupante. Oggi l’Italia ha un governo screditato, che per di più pesa anche in termini di maggiori interessi sul debito pubblico, che pure è già di per sé molto pesante. Questa emarginazione dell’Italia fa velo su alcuni aspetti della discussione a livello europeo. Discussione che può avere conseguenze rilevanti anche per il nostro paese.

Solo alcune settimane fa la discussione sembrava concentrarsi su come fare pagare alle banche parte del risanamento finanziario per le responsabilità che hanno avuto nella crisi degli ultimi anni. Tremonti si era esercitato, come altri in Europa, su questo punto. Anche il Governo tedesco ha molto insistito sul convolgimento delle banche nel salvataggio della Grecia, e non solo. In realtà abbiamo assistito alla concessione degli aiuti alla Grecia con il contagocce, arrivati con ritardo e con la suspence finale del voto del parlamento slovacco sulla loro concessione.

Ma la novità più rilevante, che va sottolineata, è che nel giro di poco tempo si parla di aiuti alle banche, che non è esattamente la stessa cosa che sostenere gli Stati che hanno un debito pubblico molto alto. Le banche infatti sono coinvolte in quanto hanno acquistato titoli dei paesi considerati a rischio, Grecia in testa.

Se i prestiti alla Grecia verranno erogati come promesso, senza ritardi. Se finalmente l’Europa dimostrerà con i fatti di essere solidale con questo paese che si sta svenando per il risanamento del suo debito pubblico, al limite della tensione democratica, perché le banche dovrebbero avere bisogno di interventi pubblici ? Perchè di questo si sta parlando. Secondo la Bce e i Governi tedesco e francese, e non solo, le banche avrebbero bisogno di un nuovo sostegno pubblico. Se la Grecia verrà aiutata ad uscire dall’angolo e anche gli altri paesi più esposti continueranno ad avere il sostegno degli altri paesi europei perché le banche dovrebbero avere bisogno di questo sostegno ? Per di più sempre dagli Stati, che già hanno il gravame del debito pubblico ?

In realtà questo possibile, quanto brusco, cambio di destinazione degli interventi del costituendo fondo europeo di intervento si spiega con un dubbio crescente sulla possibilità di riuscire a bloccare l’attacco speculativo sui paesi europei più esposti sul debito pubblico, agendo sullo spread con i titoli tedeschi.

Questa situazione dovrebbe essere al centro della discussione in Italia, non solo per la necessaria attenzione alla Grecia, ma anche per i riflessi che il suo destino potrebbe avere anche sull’Italia.

Il governo Berlusconi ha avuto ancora una volta la fiducia, con i mezzi di convincimento a sua disposizione fin troppo noti, ma non è in grado di affrontare un problema di questa portata. Anzi lo scherma, lo nasconde. La questione italiana, da tempo, è quale risposta dare al problema del debito pubblico e all’esigenza di avere sviluppo e occupazione. Quale equilibrio stabilire tra questi 2 aspetti. Soprattutto quale equilibrio stabilire tra i 2 aspetti per evitare che il risanamento si trasformi in una dura recessione che si aggiungerebbe a quella da cui ancora non siamo usciti. Questo Governo non è in grado di rispondere se non continuando nella linea dei tagli (pesanti) a casaccio e nell’aumento delle tasse. La ripresa diventa una chimera.

Il rischio serio è che ad un aumento del costo del debito pubblico (di cui si vedrà un riflesso già nella legge di stabilità che dovrà prevedere più risorse per i maggiori interessi) si aggiunga l’emarginazione del nostro paese, se non peggio.

Il prezzo della pervicace volontà del governo di restare contro ogni ragionevolezza può diventare socialmente insopportabile e portare il nostro paese verso un salto nel buio.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

SERIE A: SASSUOLO-JUVENTUS 1-118 OTTOBRE 2014