ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

La bagarre sulla fiducia maschera il vuoto del governo sui problemi che incalzano

La prima responsabilità di questo governo è che sposta l’attenzione del paese sul suo strenuo attaccamento al potere. Dietro questo paravento sta accadendo qualcosa di molto serio e grave, di cui purtroppo il nostro paese non riesce ad occuparsi come dovrebbe, perché questo governo a tutto pensa tranne che a questi problemi.

Anzitutto il progressivo impoverimento del tessuto produttivo e sociale del nostro paese. Molte fabbriche chiudono. I lavoratori si oppongono con tutte le loro forze a questo impoverimento ma non trovano una sponda nel Governo, che al massimo parla di ammortizzatori sociali ma che non ha alcuna idea su come affrontare le crisi con proposte ed iniziative positive. Ad esempio un piano serio sulle energie da fonti rinnovabili e sul risparmio energetico potrebbe dare importanti risultati occupazionali e produttivi e potrebbe dare una speranza a tanti giovani e meno giovani.

E’ curioso che mentre tanto si parla di innalzamento dell’età pensionabile si continua in realtà a predisporre consistenti piani di accompagnamento alla pensione dei lavoratori coinvolti dalle crisi. La protesta dei giovani che sta coinvolgendo il nostro paese (indignados) esprime un profondo disagio per il distacco tra i gravi problemi del paese e l’assenza di scelte politiche adeguate per affrontarli. Colpisce che le questioni poste più ricorrenti siano la Scuola, l’Università, la Ricerca, la loro capacità di creare un futuro credibile per i giovani.

L’emarginazione dell’Italia sullo scenario internazionale ed in particolare europeo continua in modo preoccupante. Oggi l’Italia ha un governo screditato, che per di più pesa anche in termini di maggiori interessi sul debito pubblico, che pure è già di per sé molto pesante. Questa emarginazione dell’Italia fa velo su alcuni aspetti della discussione a livello europeo. Discussione che può avere conseguenze rilevanti anche per il nostro paese.

Solo alcune settimane fa la discussione sembrava concentrarsi su come fare pagare alle banche parte del risanamento finanziario per le responsabilità che hanno avuto nella crisi degli ultimi anni. Tremonti si era esercitato, come altri in Europa, su questo punto. Anche il Governo tedesco ha molto insistito sul convolgimento delle banche nel salvataggio della Grecia, e non solo. In realtà abbiamo assistito alla concessione degli aiuti alla Grecia con il contagocce, arrivati con ritardo e con la suspence finale del voto del parlamento slovacco sulla loro concessione.

Ma la novità più rilevante, che va sottolineata, è che nel giro di poco tempo si parla di aiuti alle banche, che non è esattamente la stessa cosa che sostenere gli Stati che hanno un debito pubblico molto alto. Le banche infatti sono coinvolte in quanto hanno acquistato titoli dei paesi considerati a rischio, Grecia in testa.

Se i prestiti alla Grecia verranno erogati come promesso, senza ritardi. Se finalmente l’Europa dimostrerà con i fatti di essere solidale con questo paese che si sta svenando per il risanamento del suo debito pubblico, al limite della tensione democratica, perché le banche dovrebbero avere bisogno di interventi pubblici ? Perchè di questo si sta parlando. Secondo la Bce e i Governi tedesco e francese, e non solo, le banche avrebbero bisogno di un nuovo sostegno pubblico. Se la Grecia verrà aiutata ad uscire dall’angolo e anche gli altri paesi più esposti continueranno ad avere il sostegno degli altri paesi europei perché le banche dovrebbero avere bisogno di questo sostegno ? Per di più sempre dagli Stati, che già hanno il gravame del debito pubblico ?

In realtà questo possibile, quanto brusco, cambio di destinazione degli interventi del costituendo fondo europeo di intervento si spiega con un dubbio crescente sulla possibilità di riuscire a bloccare l’attacco speculativo sui paesi europei più esposti sul debito pubblico, agendo sullo spread con i titoli tedeschi.

Questa situazione dovrebbe essere al centro della discussione in Italia, non solo per la necessaria attenzione alla Grecia, ma anche per i riflessi che il suo destino potrebbe avere anche sull’Italia.

Il governo Berlusconi ha avuto ancora una volta la fiducia, con i mezzi di convincimento a sua disposizione fin troppo noti, ma non è in grado di affrontare un problema di questa portata. Anzi lo scherma, lo nasconde. La questione italiana, da tempo, è quale risposta dare al problema del debito pubblico e all’esigenza di avere sviluppo e occupazione. Quale equilibrio stabilire tra questi 2 aspetti. Soprattutto quale equilibrio stabilire tra i 2 aspetti per evitare che il risanamento si trasformi in una dura recessione che si aggiungerebbe a quella da cui ancora non siamo usciti. Questo Governo non è in grado di rispondere se non continuando nella linea dei tagli (pesanti) a casaccio e nell’aumento delle tasse. La ripresa diventa una chimera.

Il rischio serio è che ad un aumento del costo del debito pubblico (di cui si vedrà un riflesso già nella legge di stabilità che dovrà prevedere più risorse per i maggiori interessi) si aggiunga l’emarginazione del nostro paese, se non peggio.

Il prezzo della pervicace volontà del governo di restare contro ogni ragionevolezza può diventare socialmente insopportabile e portare il nostro paese verso un salto nel buio.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014