ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

FEBBRE DA DERBY Rocchi: "Totti ormai fa il comico" 

Scintille e sfottò tra capitani

Il romanista: "L'aquila vada al mare con i gabbiani"

di Fabio Camillacci

rocchiIl “derby del Cupolone” si gioca domenica sera alle 20,45: posticipo e big-match della 7° di A (la sesta effettiva),totti_ok ma nella Capitale la febbre è già alta. Fino ad oggi sono stati venduti più di 50 mila biglietti. Ci sarà dunque una splendida cornice di pubblico. E’ la prima stracittadina per il tecnico romanista Luis Enrique, mentre Edy Reja è al suo 6° appuntamento dopo aver perso gli altri 5. Gara delicata per l’allenatore goriziano, finito nel mirino dei tifosi proprio per essere uscito sconfitto nelle precedenti 5 occasioni. Ecco perché in tema di sfottò i tifosi giallorossi dopo aver scherzato sulle 5 vittorie (“give me five laziale” e cose di questo genere), adesso dicono: “Forza ragazzi chiudiamo il set”. Chiaro riferimento al 6 che caratterizza i set nel tennis.

Qui Trigoria. Totti non ci sarà. In conferenza stampa, il capitano della Roma ha ribadito che l’infortunio muscolare che lo ha colpito (lesione tra il gluteo e l’adduttore della gamba destra) gli impedirà di scendere in campo: “Putroppo salterò il derby. Non so quando tornerò a disposizione del mister, spero di farcela per la partita col Palermo, valuteremo giorno dopo giorno”. Francesco Totti ha parlato anche del progetto Roma portato avanti dalla nuova società: “Quello della nuova Roma è un progetto da qui a 5 anni, ci vorrà del tempo, per una squadra giovane, prima di tornare a vincere. Di Benedetto vuole fare una grande squadra che torni a vincere. L’uomo-derby? Edy Reja”. E su questa battuta, Totti sfodera un sorrisetto beffardo.

Totti e Luis Enrique. Il Capitano dice la sua anche sul rapporto col tecnico asturiano, un rapporto difficile all’inizio: “Con Luis Enrique mi trovo bene, all'inizio le cose non quadravano, ma adesso abbiamo un buon rapporto. Forse all'inizio non ci siamo capiti, non so perché; non capivo cosa sbagliavo in quel momento. C'erano le dichiarazioni, ero al centro del progetto poi finivo in panchina: o non capivo io o mi prendevano in giro. Ne è seguito un colloquio con il tecnico e le cose si sono chiarite. A chi somiglia Luis Enrique? Lo paragonerei a Spalletti o a Zeman, per il gioco offensivo, perché pensa più a far giocare la sua squadra che agli avversari, e gli allenamenti sono duri”.

Totti e la “pigrizia”. Non è mancato un riferimento alle parole del nuovo direttore generale Franco Baldini: “Quando Franco arriverà a Roma spiegherà cosa voleva dire, ma io ho già accantonato la cosa: ho un buon rapporto con lui e spero di rivincere insieme. Spero di non essere mai un problema per la Roma. Ho sempre cercato di fare qualcosina in più e le parole che sono uscite all'inizio mi avevano dato un po' fastidio ma ogni anno ce n'è una su Totti. Si è detto che creavo problemi, che ero il male della Roma, che cerco di remare contro la società, che non volevo gli americani, che volevo solo la Sensi. Ormai ci sono abituato e non me la prendo più di tanto, anche se un po' di fastidio c'è stato. Ma ho avuto un chiarimento con Sabatini, ho chiesto quale fosse la verità sul mio conto, se facevo parte di questo progetto e mi hanno detto che sono al centro del progetto e fortunatamente sono cambiate tante cose”.

Totti in campo fino a 40 anni. Se Cassano e Ibrahimovic sono stanchi del calcio, Totti non ha nessuna voglia di pensione: “Voglio giocare fino a 40 anni, perché mi diverto, il calcio mi ha dato tutto e se sto bene voglio proseguire: quando vedrò che non ce la farò più getterò la spugna, ma adesso non ci penso proprio. Ho voglia di giocare, non penso al mio futuro da dirigente. Ho un altro contratto di 5 anni da dirigente alla Roma, se mi mettono alla guardiola o mi mandano da un'altra parte non lo so, con gli americani non ne ho parlato perché per ora penso solo a giocare. C'era la possibilità di andare ai Los Angeles Galaxy, ma non se n'è fatto nulla”.

Una battuta sull'aquila Olympia. Il rapace biancoceleste per motivi di sicurezza non volerà prima del derby e allora Totti dice: “Che vada al mare a farsi un giro con i gabbiani, no scherzo non so che dire”.

Formazione Roma. Al posto di Totti come trequartista dovrebbe giocare Pjanic. Ma Luis Enrique in quel ruolo sta provando anche Bojan e Pizarro (il cileno con Spalletti e Ranieri qualche volta ha giocato da rifinitore per le punte). Tra i pali dovrebbe tornare Stekelenburg. In difesa come centrali largo alla coppia d’acciaio Burdisso-Heinze.

Qui Formello. Rocchi punte Totti. In casa Lazio parla Tommaso Rocchi che però partirà dalla panchina. “Abbiamo una gran voglia di vincere questa partita. Ci stiamo preparando bene, sapendo che il derby è una partita diversa dalle altre”. L’assenza di Totti un vantaggio o uno svantaggio? “Sinceramente non mi pongo queste domande, preferisco pensare a quelli che giocano: ormai lui fa il comico in tv”. E alla battuta del romanista a proposito di Reja uomo derby, l’attaccante laziale replica: “Fa l'attore, per questo ci può stare, ma anche la mia è una battuta. Reja lo vedo piuttosto tranquillo. Del fatto che non abbia mai battuto la Roma di certo non può ritenersi soddisfatto. Vorrà dire che questa volta lo vincerà”.

Arbitrerà Tagliavento. Sul fischietto designato Rocchi dice: “L'arbitro? Spero che Tagliavento non venga condizionato come forse è successo in passato”. Poi il bomber che in passato ha segnato spesso alla Roma, sottolinea un aspetto importante: “Il fatto di arrivare al derby con due settimane di preparazione, ci ha permesso di staccare la spina. Non siamo mai riusciti a esprimerci al massimo nelle ultime sfide con la Roma: dobbiamo entrare convinti di centrare il risultato, non possiamo fallire, comunque vedo il gruppo molto concentrato”.

Klose ci sarà. Il centravanti tedesco pare aver recuperato pienamente dall’infortunio ed è tornato ad allenarsi col gruppo. Rocchi lo sprona: “Klose e Cisse hanno troppa esperienza per non capire cosa aspetterà loro. Io da capitano proverò a trasmettere le mie passioni e sensazioni, visto che di derby ne ho giocati tanti. Klose mi ha fatto una grandissima impressione. Ha un'intelligenza tattica fuori dal comune e la possibiltà di giocare accanto a campioni di questo calibro, non può che stimolarmi. La Roma più forte? No, forse diversa. Ha cambiato molto. Come si vince un derby? Penso che conti molto la concentrazione: è fondamentale. Poi la determinazione, perché ti devi far sentire in campo. Infine la volontà, caratteristica utile sia nel calcio che nella vita".

Formazione Lazio. Edy Reja che sabato porterà la squadra in ritiro, ha praticamente tutti gli uomini a disposizione. Due soli i ballottaggi: Biava-Stankevicius per il ruolo di centrale al fianco di Dias e Mauri-Hernanes come rifinitore.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014