ORA DI PUNTA

Napolitano e

'o bravo

guaglione

di Ennio Simeone

Il presidente Napolitano ha rivolto ai giornalisti, in occasione della “cerimonia del Ventaglio”, un discorso piuttosto sconcertante a proposito delle riforme, in particolare di quella del Senato. Sconcertante perché è il discorso fatto da un uomo che rappresenta - per la sua storia politica e per l’esemplare equilibrio con cui ha retto i ruoli istituzionali che ha ricoperto e ricopre - un solido punto di riferimento a cui generazioni di italiani si sono aggrappate nei momenti più difficili della nostra democrazia. Riferendosi alle polemiche di questi giorni sulla legge elettorale e sulla riforma del Senato, ha detto testualmente: «Non si agitino spettri di macchinazioni e insidie di autoritarismo. La discussione è stata libera, estremamente articolata, non c'è stata improvvisazione o improvvida frettolosità. Il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana». 

Una difesa d’ufficio del governo Renzi dettata da convinzione o da dovere istituzionale? In entrambe le ipotesi una difesa incauta per una persona ammirata per la capacità di misurare le parole. Perché tutti sanno, e lo sa bene lui per primo, che nella preparazione degli impianti di quelle riforme vi sono state sia improvvida frettolosità sia improvvisazione, furbescamente contrabbandate per “velocità”. E sia la frettolosità che l’improvvisazione non erano e non sono giustificate, soprattutto per quanto riguarda il Senato, poiché tutte le forze politiche, senza alcuna distinzione, sono perfettamente concordi sulla necessità e l’urgenza di superare l’ormai antistorico  “bicameralismo paritario” per accelerare e snellire l’attività legislativa e sulla improrogabilità dei tagli ai costi della politica, cominciando dalla decurtazione del numero dei parlamentari (ma in entrambe le Camere!). 

E allora il nodo del problema in che cosa consiste? Semplice: nel modo in cui il parlamento, secondo quella riforma, verrà composto in entrambe le Camere. Ebbene, dal famoso (o famigerato) “patto del Nazareno”, stretto tra il “vecchio Berlusconi” e il “nuovo Berlusconi” (interpretato con crescente verosimiglianza da Matteo Renzi), è venuta fuori una indigesta mistura tra nuova legge elettorale (l’Italicum) e modifica del Senato basata - per entrambe le Camere - sulla scelta dei membri per nomina inappellabile da parte dei vertici di partito. E se a ciò si aggiunge il grosso premio di maggioranza al partito che alle elezioni risulterà primo, sia pur di pochissimo, è ovvio che si finisce per conferire al segretario di questo partito (soprattutto se è anche capo del governo) uno strapotere assoluto, che si spinge fino alla nomina del capo dello Stato.

In tutto questo come si fa a dire che non c’è rischio di autoritarismo? Sol perché Renzi è tanto simpatico, stringe la mani alla gente per strada e indossa jeans e stivaletti, è ‘nu bravo guaglione? Difficile considerarlo tale, visto il modo piuttosto vile e cinico con cui ha fatto fuori Enrico Letta da Palazzo Chigi e, per... difetto di consenso, Corradino Mineo dalla commissione Affari costituzionali. Ma ammettiamo pure che lui non abbia mire autoritarie. C'è da chiedersi:  e se, invece del “buon Renzi”, le elezioni le vincesse uno che, invece che dai boy-scout, proviene da qualcosa di simile ai "figli della lupa"?

I commenti a "Ora di punta" vanno indirizzati a direttore@altroquotidiano.it 

  Martedì 22 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Boehner e la sua frivola denuncia di Obama *...
  Lacrime, sogni infranti, emozioni valgono più dei mercanti *...
L'impotenza delle diplomazie europee di fronte alla sciagura *La...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

FEBBRE DA DERBY Rocchi: "Totti ormai fa il comico" 

Scintille e sfottò tra capitani

Il romanista: "L'aquila vada al mare con i gabbiani"

di Fabio Camillacci

rocchiIl “derby del Cupolone” si gioca domenica sera alle 20,45: posticipo e big-match della 7° di A (la sesta effettiva),totti_ok ma nella Capitale la febbre è già alta. Fino ad oggi sono stati venduti più di 50 mila biglietti. Ci sarà dunque una splendida cornice di pubblico. E’ la prima stracittadina per il tecnico romanista Luis Enrique, mentre Edy Reja è al suo 6° appuntamento dopo aver perso gli altri 5. Gara delicata per l’allenatore goriziano, finito nel mirino dei tifosi proprio per essere uscito sconfitto nelle precedenti 5 occasioni. Ecco perché in tema di sfottò i tifosi giallorossi dopo aver scherzato sulle 5 vittorie (“give me five laziale” e cose di questo genere), adesso dicono: “Forza ragazzi chiudiamo il set”. Chiaro riferimento al 6 che caratterizza i set nel tennis.

Qui Trigoria. Totti non ci sarà. In conferenza stampa, il capitano della Roma ha ribadito che l’infortunio muscolare che lo ha colpito (lesione tra il gluteo e l’adduttore della gamba destra) gli impedirà di scendere in campo: “Putroppo salterò il derby. Non so quando tornerò a disposizione del mister, spero di farcela per la partita col Palermo, valuteremo giorno dopo giorno”. Francesco Totti ha parlato anche del progetto Roma portato avanti dalla nuova società: “Quello della nuova Roma è un progetto da qui a 5 anni, ci vorrà del tempo, per una squadra giovane, prima di tornare a vincere. Di Benedetto vuole fare una grande squadra che torni a vincere. L’uomo-derby? Edy Reja”. E su questa battuta, Totti sfodera un sorrisetto beffardo.

Totti e Luis Enrique. Il Capitano dice la sua anche sul rapporto col tecnico asturiano, un rapporto difficile all’inizio: “Con Luis Enrique mi trovo bene, all'inizio le cose non quadravano, ma adesso abbiamo un buon rapporto. Forse all'inizio non ci siamo capiti, non so perché; non capivo cosa sbagliavo in quel momento. C'erano le dichiarazioni, ero al centro del progetto poi finivo in panchina: o non capivo io o mi prendevano in giro. Ne è seguito un colloquio con il tecnico e le cose si sono chiarite. A chi somiglia Luis Enrique? Lo paragonerei a Spalletti o a Zeman, per il gioco offensivo, perché pensa più a far giocare la sua squadra che agli avversari, e gli allenamenti sono duri”.

Totti e la “pigrizia”. Non è mancato un riferimento alle parole del nuovo direttore generale Franco Baldini: “Quando Franco arriverà a Roma spiegherà cosa voleva dire, ma io ho già accantonato la cosa: ho un buon rapporto con lui e spero di rivincere insieme. Spero di non essere mai un problema per la Roma. Ho sempre cercato di fare qualcosina in più e le parole che sono uscite all'inizio mi avevano dato un po' fastidio ma ogni anno ce n'è una su Totti. Si è detto che creavo problemi, che ero il male della Roma, che cerco di remare contro la società, che non volevo gli americani, che volevo solo la Sensi. Ormai ci sono abituato e non me la prendo più di tanto, anche se un po' di fastidio c'è stato. Ma ho avuto un chiarimento con Sabatini, ho chiesto quale fosse la verità sul mio conto, se facevo parte di questo progetto e mi hanno detto che sono al centro del progetto e fortunatamente sono cambiate tante cose”.

Totti in campo fino a 40 anni. Se Cassano e Ibrahimovic sono stanchi del calcio, Totti non ha nessuna voglia di pensione: “Voglio giocare fino a 40 anni, perché mi diverto, il calcio mi ha dato tutto e se sto bene voglio proseguire: quando vedrò che non ce la farò più getterò la spugna, ma adesso non ci penso proprio. Ho voglia di giocare, non penso al mio futuro da dirigente. Ho un altro contratto di 5 anni da dirigente alla Roma, se mi mettono alla guardiola o mi mandano da un'altra parte non lo so, con gli americani non ne ho parlato perché per ora penso solo a giocare. C'era la possibilità di andare ai Los Angeles Galaxy, ma non se n'è fatto nulla”.

Una battuta sull'aquila Olympia. Il rapace biancoceleste per motivi di sicurezza non volerà prima del derby e allora Totti dice: “Che vada al mare a farsi un giro con i gabbiani, no scherzo non so che dire”.

Formazione Roma. Al posto di Totti come trequartista dovrebbe giocare Pjanic. Ma Luis Enrique in quel ruolo sta provando anche Bojan e Pizarro (il cileno con Spalletti e Ranieri qualche volta ha giocato da rifinitore per le punte). Tra i pali dovrebbe tornare Stekelenburg. In difesa come centrali largo alla coppia d’acciaio Burdisso-Heinze.

Qui Formello. Rocchi punte Totti. In casa Lazio parla Tommaso Rocchi che però partirà dalla panchina. “Abbiamo una gran voglia di vincere questa partita. Ci stiamo preparando bene, sapendo che il derby è una partita diversa dalle altre”. L’assenza di Totti un vantaggio o uno svantaggio? “Sinceramente non mi pongo queste domande, preferisco pensare a quelli che giocano: ormai lui fa il comico in tv”. E alla battuta del romanista a proposito di Reja uomo derby, l’attaccante laziale replica: “Fa l'attore, per questo ci può stare, ma anche la mia è una battuta. Reja lo vedo piuttosto tranquillo. Del fatto che non abbia mai battuto la Roma di certo non può ritenersi soddisfatto. Vorrà dire che questa volta lo vincerà”.

Arbitrerà Tagliavento. Sul fischietto designato Rocchi dice: “L'arbitro? Spero che Tagliavento non venga condizionato come forse è successo in passato”. Poi il bomber che in passato ha segnato spesso alla Roma, sottolinea un aspetto importante: “Il fatto di arrivare al derby con due settimane di preparazione, ci ha permesso di staccare la spina. Non siamo mai riusciti a esprimerci al massimo nelle ultime sfide con la Roma: dobbiamo entrare convinti di centrare il risultato, non possiamo fallire, comunque vedo il gruppo molto concentrato”.

Klose ci sarà. Il centravanti tedesco pare aver recuperato pienamente dall’infortunio ed è tornato ad allenarsi col gruppo. Rocchi lo sprona: “Klose e Cisse hanno troppa esperienza per non capire cosa aspetterà loro. Io da capitano proverò a trasmettere le mie passioni e sensazioni, visto che di derby ne ho giocati tanti. Klose mi ha fatto una grandissima impressione. Ha un'intelligenza tattica fuori dal comune e la possibiltà di giocare accanto a campioni di questo calibro, non può che stimolarmi. La Roma più forte? No, forse diversa. Ha cambiato molto. Come si vince un derby? Penso che conti molto la concentrazione: è fondamentale. Poi la determinazione, perché ti devi far sentire in campo. Infine la volontà, caratteristica utile sia nel calcio che nella vita".

Formazione Lazio. Edy Reja che sabato porterà la squadra in ritiro, ha praticamente tutti gli uomini a disposizione. Due soli i ballottaggi: Biava-Stankevicius per il ruolo di centrale al fianco di Dias e Mauri-Hernanes come rifinitore.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

SCONTRO TRAVAGLIO-FERRARA
da Mentana a "Bersaglio mobile"18 luglio 2014
La7


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

MONDIALI DI SCHERMA: L'ORO DEL DREAM TEAM FEMMINILE DI FIORETTO22 luglio 2014