ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

SPORT/CALCIO A IL PUNTO

Juve e Napoli ok 

Milano piange

di Fabio Camillacci

La Vecchia Signora è tornata. Dopo aver fatto il suo contro squadre non eccelse, la Juventus era attesa all’esame Milan. Esame superato a pieni voti. Questa Juve ha il carattere del suo allenatore. Questa Juve ricorda quella vincente di Marcello Lippi. Grinta e fame le principali peculiarità. Ai bianconeri forse manca qualche tenore di grido (Del Piero ha 37 anni ed è più panchinaro che titolare), ma a cantare bene è complessivamente il gruppo.

Il successo della Juventus ai danni dei campioni d’Italia, completa la crisi del calcio milanese. Milano piange. La Milano nerazzurra piange per l’arbitraggio sfavorevole nel match col Napoli; quella rossonera perché non riesce più a giocare bene e a fare risultato nelle partite con le grandi. Dopo 5 gare, Milan e Inter insieme non arrivano ai 10 punti che hanno Napoli, Palermo e Cagliari. La vetta è lontana 6 punti per i milanisti e 7 per i nerazzurri. Inter peggior difesa della serie A, Milan con appena 5 gol all’attivo: solo Lecce, Cesena, Bologna e Siena hanno fatto peggio. Insomma, un disastro; soprattutto se consideriamo che stiamo parlando dei campioni in carica e di una squadra che poco più di un anno fa celebrava uno straordinario “triplete”.

Dicevamo del pianto nerazzurro per l’arbitraggio di Inter-Napoli. Fa effetto sentire Massimo Moratti lamentarsi al punto da ricusare il signor Rocchi. “Non lo voglio più vedere”, ha tuonato il patron interista. E invece il fischietto fiorentino, dopo 2-3 turni di stop punitivi, tornerà ad arbitrare l’Inter. Ultimamente, Moratti sta agli arbitri, come Berlusconi sta ai magistrati. Vede complotti ovunque. La tronfia arroganza del presidente nerazzurro non ha niente da invidiare a quella sfoggiata dalla “triade” juventina dei tempi d’oro. Il vento è cambiato. Il vento del nord non soffia più. E adesso Moratti, che tace sullo scudetto di cartone del 2006, tace sulle nuove intercettazioni di “Calciopoli”, taceva quando gli arbitri tra “aiutini” e “aiutoni” spingevano l’Inter verso lo scudetto, alza la voce perché Rocchi, “mi ha danneggiato e ci ha danneggiato”. Caro Moratti nervoso e furioso, bisogna saper perdere.

Al di là dei clamorosi errori arbitrali registrati al “Meazza”, il Napoli merita una delle cartoline di questo turno di campionato. Vittoria a San Siro dopo 17 anni e un altro esame da grande superato. Compattezza, tanta corsa e ripartenze letali: questo il cocktail vincente di mister Mazzarri.

Se Milano piange, Roma ride. Roma e Lazio a braccetto verso il derby del 16 ottobre; potrebbe mancare l'infortunato Totti. Contro l’Atalanta i giallorossi di Luis Enrique “espugnano” l’Olimpico (non avevano mai vinto in casa) mettendo in mostra un calcio piacevole; meno possesso palla, più rapidità di manovra, triangolazioni e scambi veloci. Bel colpo dei biancocelesti a Firenze, dove hanno tradizione (l’anno scorso vinsero con identico punteggio). Dopo la delusione di Lisbona in Europa League, una grande prova di carattere costruita dalla coppia Hernanes-Klose e conservata dal portiere Marchetti.

Intanto, l’Udinese che non finisce mai di stupire, si gode il primato in coabitazione con la Juve. La squadra di Guidolin ha la miglior difesa del torneo: una sola rete al passivo. Cambiano gli uomini ma l’intelaiatura messa su dal tecnico è solida, e buona per tutte le stagioni; in Italia e in Europa. Il 2-0 della premiata ditta Benatia-Di Natale inguaia il tecnico del Bologna Bisoli, a forte rischio esonero.

Palermo e Cagliari, isole felici. In casa i siciliani non sbagliano un colpo e Devis Mangia vince la sfida con Sannino tecnico del Siena. L’anno scorso erano entrambi a Varese: Sannino allenava la prima squadra, Mangia la primavera. Dopo aver esonerato tanti tecnici, Zamparini si coccola la sua creatura. Sta facendo bene anche Ficcadenti, un altro allenatore arrivato a pochi giorni dall’inizio della serie A. Prese il posto di Donadoni cacciato da Cellino in piena estate. Così come Mangia sostituì Pioli. I sardi oltre ad una ritrovata solidità in difesa, giocano un bel calcio.

Risorge il Parma trascinato da una superlativa “formica atomica”. Ad oggi Giovinco (capocannoniere col genoano Palacio) è il Parma: 5 delle 6 reti messe a segno dai ducali portano la sua firma. Primo punto per il Cesena di Giampaolo, ma quanto rammarico per il rigore fallito da Mutu o se preferite, parato dal clivense Sorrentino. Fuochi d’artificio tra Novara e Catania. Curiosità: i piemontesi hanno il miglior attacco della serie A con 10 reti, tante come quelle subite.

La sosta per gli impegni della Nazionale farà bene a molte squadre; soprattutto a quelle in debito d’ossigeno. Speriamo che la sosta faccia bene anche alla squadra arbitrale perché non ha sbagliato solo Rocchi a San Siro; le sviste arbitrali cominciano a essere troppe. Il designatore Braschi e il capo dell’Aia Nicchi sono pregati di provvedere al più presto.

 

Cliccando su "dossier" trovate lo Speciale serie A di Altroquotidiano con profili delle 20 squadre, calendario, classifica aggiornata, statistiche, anticipi e posticipi.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: OLYMPIAKOS-JUVENTUS 1-022 OTTOBRE 2014