ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

SPORT/CALCIO A IL PUNTO

Juve e Napoli ok 

Milano piange

di Fabio Camillacci

La Vecchia Signora è tornata. Dopo aver fatto il suo contro squadre non eccelse, la Juventus era attesa all’esame Milan. Esame superato a pieni voti. Questa Juve ha il carattere del suo allenatore. Questa Juve ricorda quella vincente di Marcello Lippi. Grinta e fame le principali peculiarità. Ai bianconeri forse manca qualche tenore di grido (Del Piero ha 37 anni ed è più panchinaro che titolare), ma a cantare bene è complessivamente il gruppo.

Il successo della Juventus ai danni dei campioni d’Italia, completa la crisi del calcio milanese. Milano piange. La Milano nerazzurra piange per l’arbitraggio sfavorevole nel match col Napoli; quella rossonera perché non riesce più a giocare bene e a fare risultato nelle partite con le grandi. Dopo 5 gare, Milan e Inter insieme non arrivano ai 10 punti che hanno Napoli, Palermo e Cagliari. La vetta è lontana 6 punti per i milanisti e 7 per i nerazzurri. Inter peggior difesa della serie A, Milan con appena 5 gol all’attivo: solo Lecce, Cesena, Bologna e Siena hanno fatto peggio. Insomma, un disastro; soprattutto se consideriamo che stiamo parlando dei campioni in carica e di una squadra che poco più di un anno fa celebrava uno straordinario “triplete”.

Dicevamo del pianto nerazzurro per l’arbitraggio di Inter-Napoli. Fa effetto sentire Massimo Moratti lamentarsi al punto da ricusare il signor Rocchi. “Non lo voglio più vedere”, ha tuonato il patron interista. E invece il fischietto fiorentino, dopo 2-3 turni di stop punitivi, tornerà ad arbitrare l’Inter. Ultimamente, Moratti sta agli arbitri, come Berlusconi sta ai magistrati. Vede complotti ovunque. La tronfia arroganza del presidente nerazzurro non ha niente da invidiare a quella sfoggiata dalla “triade” juventina dei tempi d’oro. Il vento è cambiato. Il vento del nord non soffia più. E adesso Moratti, che tace sullo scudetto di cartone del 2006, tace sulle nuove intercettazioni di “Calciopoli”, taceva quando gli arbitri tra “aiutini” e “aiutoni” spingevano l’Inter verso lo scudetto, alza la voce perché Rocchi, “mi ha danneggiato e ci ha danneggiato”. Caro Moratti nervoso e furioso, bisogna saper perdere.

Al di là dei clamorosi errori arbitrali registrati al “Meazza”, il Napoli merita una delle cartoline di questo turno di campionato. Vittoria a San Siro dopo 17 anni e un altro esame da grande superato. Compattezza, tanta corsa e ripartenze letali: questo il cocktail vincente di mister Mazzarri.

Se Milano piange, Roma ride. Roma e Lazio a braccetto verso il derby del 16 ottobre; potrebbe mancare l'infortunato Totti. Contro l’Atalanta i giallorossi di Luis Enrique “espugnano” l’Olimpico (non avevano mai vinto in casa) mettendo in mostra un calcio piacevole; meno possesso palla, più rapidità di manovra, triangolazioni e scambi veloci. Bel colpo dei biancocelesti a Firenze, dove hanno tradizione (l’anno scorso vinsero con identico punteggio). Dopo la delusione di Lisbona in Europa League, una grande prova di carattere costruita dalla coppia Hernanes-Klose e conservata dal portiere Marchetti.

Intanto, l’Udinese che non finisce mai di stupire, si gode il primato in coabitazione con la Juve. La squadra di Guidolin ha la miglior difesa del torneo: una sola rete al passivo. Cambiano gli uomini ma l’intelaiatura messa su dal tecnico è solida, e buona per tutte le stagioni; in Italia e in Europa. Il 2-0 della premiata ditta Benatia-Di Natale inguaia il tecnico del Bologna Bisoli, a forte rischio esonero.

Palermo e Cagliari, isole felici. In casa i siciliani non sbagliano un colpo e Devis Mangia vince la sfida con Sannino tecnico del Siena. L’anno scorso erano entrambi a Varese: Sannino allenava la prima squadra, Mangia la primavera. Dopo aver esonerato tanti tecnici, Zamparini si coccola la sua creatura. Sta facendo bene anche Ficcadenti, un altro allenatore arrivato a pochi giorni dall’inizio della serie A. Prese il posto di Donadoni cacciato da Cellino in piena estate. Così come Mangia sostituì Pioli. I sardi oltre ad una ritrovata solidità in difesa, giocano un bel calcio.

Risorge il Parma trascinato da una superlativa “formica atomica”. Ad oggi Giovinco (capocannoniere col genoano Palacio) è il Parma: 5 delle 6 reti messe a segno dai ducali portano la sua firma. Primo punto per il Cesena di Giampaolo, ma quanto rammarico per il rigore fallito da Mutu o se preferite, parato dal clivense Sorrentino. Fuochi d’artificio tra Novara e Catania. Curiosità: i piemontesi hanno il miglior attacco della serie A con 10 reti, tante come quelle subite.

La sosta per gli impegni della Nazionale farà bene a molte squadre; soprattutto a quelle in debito d’ossigeno. Speriamo che la sosta faccia bene anche alla squadra arbitrale perché non ha sbagliato solo Rocchi a San Siro; le sviste arbitrali cominciano a essere troppe. Il designatore Braschi e il capo dell’Aia Nicchi sono pregati di provvedere al più presto.

 

Cliccando su "dossier" trovate lo Speciale serie A di Altroquotidiano con profili delle 20 squadre, calendario, classifica aggiornata, statistiche, anticipi e posticipi.

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014