ORA DI PUNTA

Il calcio

delle banane

di Nuccio Fava

Torna in mente l’ironia di Paolo Conte, che questa volta però si attaglia a Vincenzo Nibali accostato ai grandi campioni del passato: Gino Bartali e Fausto Coppi ed anche  Marco Pantani, ricordato in molti striscioni lungo le strade delle tappe più dure del tour. Con carattere serio e semplice, oltre che atleta formidabile donerà la maglia gialla alla madre del campione tragicamente scomparso.

Nuova vergogna invece per il nostro calcio. Senza avere ancora elaborato il lutto per la figuraccia in Brasile, non  superata certo dalle istantanee dimissioni del presidente Abete e dell’allenatore Prandelli in fuga verso la Turchia,  senza neppure una qualche riflessione adeguata non limitata ad estemporanee interviste, il carrozzone del nostro calcio si è invece messo subito in agitazione per imbastire le solite pastette e giochi di potere. La copertura e la complicità è stata sostanzialmente unanime, con manovre da gattopardo per lasciare tutto sostanzialmente come prima. Hanno brillato anche il presidente della Lega e il presidente del Coni: Beretta avallando in pieno l’operazione e Malagò silenzioso e quindi consenziente, hanno dato il via libera alla candidatura di Tavecchio. Un vecchio dirigente dei centri di potere federale, presentato irresponsabilmente come “il nuovo che avanza”, garante di ogni equilibrio e accordo. Fortunatamente una gaffe certo non voluta, ma proprio per questo ancora più grave,  ha portato alla luce la assoluta inadeguatezza della candidatura, tanto più se paragonata a quella pulita e davvero alternativa di Demetrio Albertini.

In un indimenticabile discorso programmatico e di quasi investitura il”povero” Tavecchio con foga tribunizia e purtroppo razzista denunciava "l’eccessivo favore" riservato dalle squadre italiane ai giocatori di colore. Progressivamente si esprimeva man mano una forte critica e una giusta indignazione anche da parte della Fifa, la federazione internazionale, impegnata da tempo contro ogni forma di razzismo e a presentare il calcio come palestra di affermazione di valori di rispetto reciproco e di amicizia. Fortunatamente altri sport italiani, dalle schermitrici alle tenniste Errani e Vinci, dalla pallanuoto alla Pellegrini ecc… garantiscono eccellenze e prestigio.

I valori dello sport, primati come le imprese di Nibali, costituiscono elementi di coesione e di identità nazionale, fattore importante ed esemplare per la formazione e la crescita specie dei nostri ragazzi. In questa chiave, con riferimento alla lealtà e agli essenziali elementi di corretto agonismo e di sana competizione, costituiscono un fattore per la crescita anche civica di chi lo sport lo pratica con regolarità e in modo equilibrato e corretto. Con una sorta di contagio tali valori si  trasmettono positivamente in chi assiste alle manifestazioni sportive e ne coglie il senso più autentico e profondo.

Purtroppo i mali del nostro calcio si possono cogliere anche nella vita della società e nell’esperienza lacerata e confusa della politica dei nostri giorni. Il modo in cui si svolge il confronto-scontro di questi giorni al Senato ne è purtroppo la dolorosa conferma. Per questo, con qualche forzatura, ci siamo permessi di utilizzare l’ironia e lo sfottò di Paolo Conte alla condizione degli italiani che, pallone a parte, che pure li amareggia non poco, sono incavolati ancor di più per come non vanno le cose dell’Italia. 

  Martedì 29 Luglio 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Due donne per la presidenza degli Stati Uniti? *...
Come adoperare clausola di salvaguardia e fondi strutturali *...
Non è necessario investire tanto, ma investire bene *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

L'opposizione non può rassegnarsi a sopportare le paturnie di Bossi

L’onorevole Milanese non verrà arrestato perché la maggioranza di centro destra ha fatto blocco alla Camera. Il suo collega Papa si starà chiedendo perché a lui sia capitata una sorte diversa. La spiegazione sta  nell’atteggiamento ondivago della Lega Nord. La Lega arriva fino alla soglia della crisi politica, poi si ritrae e conferma la connivenza con  Berlusconi.

La domanda è: possiamo continuare a restare dipendenti dalle paturnie di Bossi e della Lega? Ad ogni appuntamento significativo possiamo limitarci ad attendere l’esito del voto della Camera o del Senato, salvo riceverne la delusione che non accade nulla? Se continua, così anche Romano resterà ministro.

Qualcosa non va e occorre parlane apertamente. Non si può giudicare la permanenza di questo governo e di questo presidente del Consiglio lesiva degli interessi del nostro paese (fino ad essere misurabile in miliardi di euro di maggiori interessi sul debito pubblico e in pessime prospettive economiche) e poi non porsi apertamente il problema di come riuscire a sgomberare il campo dalla permanenza di questo governo. Ne va dell’interesse del nostro paese. Ormai l’hanno capito anche quanti tra le forze sociali l’avevano appoggiato all’inizio.

E’ giusto porsi apertamente il problema. Forse non è la via giusta chiedere che altri intervengano. Non ne hanno i poteri costituzionali. Il governo se ne andrà solo dimissionato o dimissionario. Quindi il problema torna nel campo dell’opposizione politica e sociale, perché è illusorio sperare in un passo indietro di Berlusconi. In Spagna il governo ha promosso le elezioni anticipate a novembre, mettendo in sicurezza i conti pubblici per evitare tracolli nel periodo elettorale e infatti la Spagna è ora ritenuta dai mercati più affidabile dell’Italia. In Italia Berlusconi non lo farà.

Quindi il problema torna di nuovo nel campo dell’opposizione politica e sociale, unica variabile possibile. L’opposizione deve contare essenzialmente sulle sue forze. Oggi certamente cresciute, perché tutti i sondaggi confermano che il clima politico nel paese è cambiato e che oggi il centrodestra è minoranza. Per questo non è superfluo osservare che l’opposizione deve sforzarsi di fare di più e meglio. I numeri in parlamento, per ora, sono quelli che sono. La speranza è fare valere la prevalenza critica dell’opinione pubblica. Fino a permearne anche i parlamentari del centro destra, per spingerli a cambiare atteggiamento, pur sapendo che dipendono dal capo, o dai capi, e molti di loro sono abbarbicati alla sopravvivenza di questa legislatura.

Cosa può fare di più l’opposizione? Certamente deve fare crescere la richiesta di cambiamento del paese, di cui sono già un indice le manifestazioni che hanno contestato Ministri in carica e in particolare i poliziotti che hanno sbeffeggiato il Ministro della difesa, che in passato tra loro raccoglieva consensi.

Occorre fare crescere una strategia di contestazione del governo, in forme rispettose delle regole, per collegarsi ai profondi mal di pancia presenti nel paese. Non deve più accadere che un lavoratore in sciopero della fame per difendere il posto di lavoro possa dire che nessuno si è fatto vivo, né di maggioranza né di opposizione.

L’opposizione deve essere ben distinta e soprattutto ben distinguibile dalla maggioranza politica attuale. In questo quadro la manifestazione di protesta contro il Governo fissata per il 5 novembre è troppo presto e troppo tardi. Troppo presto se si dovesse votare alla scadenza naturale nel 2013, che è esattamente quanto va evitato. Troppo tardi se il problema è aprire un confronto serio e duro con questa maggioranza. Il centro della diversità politica non può essere il consenso o meno all’arresto di Milanese. Se poi il nuovo Ulivo dichiara che preparerà il programma entro l’anno di nuovo non ci siamo. Il programma diverso, alternativo a questa morta gora, deve uscire prima possibile. Per essere discusso a livello di massa con tutte e tutti quelli che sono disponibili. Per inciso, chiarendo bene che c’è la disponibilità ad accogliere le osservazioni che verranno fatte.

Se c’è accordo per arrivare al nuovo Ulivo perché aspettare? Perché prendersela con calma? Siamo già in ritardo! Tanto più che i 3 promotori non esauriscono l’arco dei soggetti a cui deve essere chiesto di aderire al progetto alternativo e anche per questo è bene iniziare prima possibile. Altrimenti gli elettori potrebbero intendere che le battaglic che vengono annunciate in realtà danno già per scontato che tanto non si voterà prima del 2012, o addirittura del 2013 come vorrebbe Berlusconi. I tempi e i modi sono parte consustanziale di una scelta politica, in larga misura ne sono la prova, l’indice di coerenza e serietà.

La denuncia non basta più. Mettere in berlina le nefandezze del governo è scelta ovvia, denunciare la gravità della situazione economica e i rischi che corre l’Italia pure. Questo non basta più. Né ci si può cullare nell’illusione del passo indietro di Berlusconi. L’unica via per il ricambio politico passa per una prova elettorale. L’opposizione deve avere la forza e la determinazione di puntare alle elezioni anticipate come unica via in questa situazione per evitare il peggio. Per questo occorre mettere in campo al più presto un’alternativa politica credibile. Qui ed ora. Prima che sia troppo tardi. Prima che i guasti creati del centro destra si rovescino sulla testa degli italiani in modo ancora più pesante.

Forse è troppo tardi per votare a novembre. Tuttavia rassegnarsi alla sopravvivenza di questo governo non è realismo ma vocazione al suicidio.

Alfiero Grandi

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

LA VISTA DI PAPA FRANCESCO
a Caserta26 luglio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

TOUR DE FRANCE: L'EMOZIONE DELLO SQUALO NIBALI27 luglio 2014