ORA DI PUNTA

Italiani 

brava gente

di Ennio Simeone

Diciamoci la verità: nel mondo e in Europa l’Italia è guardata con ammirazione per le sue bellezze paesaggistiche e con invidia per il patrimonio di storia e d’arte, e noi italiani siamo stati sempre guardati con simpatia per il carattere gioviale e la capacità di sdrammatizzare le situazioni. “Italiani, brava gente” dicevano i contadini russi dei nostri soldati, mandati da Mussolini ad accodarsi alle truppe di Hitler per invadere le loro terre. Giuseppe De Santis ne fece il titolo del suo bellissimo film su quella ridicola ma sanguinosa “impresa imperiale”. Brava gente, sì, ma un po’ arruffoni, persino superficiali, fino ad apparire simpaticamente inaffidabili negli affari internazionali agli occhi del più complicato mondo d’oggi. La fama e i comportamenti di Berlusconi avevano esaltato questa opinione, plasticamente raffigurata dall’offensivo scambio di sorrisi tra la Merkel e Sarkozy in una conferenza stampa europea. Con Monti avevamo recuperato rispetto in Europa, con Letta lo stavamo consolidando. Poi è arrivato Renzi…

 E’ arrivato Renzi e sulla ribalta europea i sorrisetti di due anni fa si stanno trasformando in smorfie di scherno o in pacchiane risate, di fronte alle sue guasconate da bullo di periferia accompagnate da mercanteggiamenti per qualche posto di rappresentanza o da arroganti minacce di rappresaglia ad uso e consumo dell’anti-europeismo d’accatto, alimentato da Salvini e Grillo, su cui l’ex rottamatore punta astutamente per raccattare consensi nei sondaggi e voti nelle urne (prossime o future), con il sostegno dei sempre più numerosi opportunisti che affollano il Pd e i pavidi partitini alleati (per puntellare le loro poltroncine), e con la benedizione di Berlusconi e di Napolitano (per assicurarsi la sopravvivenza politica?).

 E invece è semplicemente disonorevole, sul piano internazionale, che il capo di un governo usi nei confronti delle istituzioni europee gli stessi modi ricattatori e il linguaggio sprezzante con cui ormai solitamente si rivolge, per raggiungere i suoi scopi, ora ai sindacati (di qualunque categoria e sigla) per impedire che avanzino rivendicazioni, ora ai parlamentari del suo partito per costringerli a rinnovargli la fiducia, ora ai magistrati per ingraziarsi le tante vittime del malfunzionamento della giustizia, ora ai presidenti delle Regioni e ai sindaci perché si accollino il peso dei tagli che gli servono ad alimentare le sue cervellotiche ma profittevoli elargizioni, ora alle varie categorie sociali per contrapporle di volta in volta furbescamente l’una alle altre.

L’ultima spregevole sortita è quella che ha riservato al presidente della Commissione europea Josè Barroso. Di fronte alla irritata e legittima meraviglia del capo del governo europeo  per la furbesca pubblicazione sul sito del nostro governo della lettera riservata con cui gli si chiedevano chiarimenti sulla spericolata e traballante manovra da 36 miliardi della legge di stabilità, Renzi ha risposto - con il solito, abile ricorso alla più sfacciata demagogia condita di rozza arroganza - che la sua era una operazione di “trasparenza” minacciando di adoperare la stessa “trasparenza” per “rendere pubbliche le spese dell’Unione europea” (che sono già pubbliche).  Insomma, il ricatto all’italiana trasferito su scala europea. Il presidente della Repubblica ha inteso incoraggiarlo ad un gesto del genere con il discorso rivolto poche ore prima ai nuovi cavalieri del lavoro? Certamente no. Ma, purtroppo, l’effetto è stato questo.

  Venerdì 24 Ottobre 2014
Commenti Autori
Commenti Autori
Sondaggi, di DAVIDE GALLO* Commento Autori
  Così i giovani cercano nuovi sbocchi per l'occupazione *...
Da Malala Yousafzai un suggerimento anche per Obama *...
Lotta agli sprechi usando l'arma dei "costi standard" *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Avviata alla chetichella la procedura per gli espropri, ancnhe se non si sa quando e se il Ponte sullo Stretto si farà

IL PAESE DELLE "GRANDI OPERE" Sullo Stretto accade che...
 

IL PONTE DEGLI ESPROPRI

ponte_messina1Non si sa né quando, né se l'opera si realizzerà, ma la procedura è iniziata all'insaputa anche dei sindaci. 27 parlamentari ne chiedono conto al governo e il Movimento NoPonte si dà appuntamento a Messina per martedì 20

di Luca Della Monica

Sulle due sponde - calabrese e siciliana - dello Stretto di Messina sta accadendo qualcosa di sconcertante: sono iniziate le procedure di esproprio dei terreni sui quali dovrebbero essere istallati i piloni portanti del famoso ponte, anche se non si sa né quando né, soprattutto, se  il Ponte sullo Stretto verrà mai costruito.  L'operazione si chiama "Procedimento finalizzato alla Dichiarazione di Pubblica Utilità del progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina", con la pubblicazione del progetto degli espropri e del relativo avviso per il pubblico”.

Addirittura il sindaco di Villa San Giovanni (Reggio Calabria), Rocco La Valle, ha appreso solo dai giornali che questa procedura sul suo territorio è stata avviata. «E' avvilente - dice - dover constatare che l’'iter per la realizzazione di un’'opera così articolata ed impegnativa qual è il ponte sullo Stretto di Messina sia affrontato in modo così superficiale e sia caratterizzato da un così alto grado di insensibilità».

L’interrogazione. Perciò 27 parlamentari calabresi e siciliani hanno chiesto in una interrogazione che il governo sospenda i prematuri espropri di terreni, che si stanno predisponendo con un  procedimento affrettato, in un clima di superficialità. «A che serve - si chiede Laratta, primo firmatario della interrogazione - spendere tante risorse, in un momento di gravissima crisi finanziaria, per un'opera che non si realizzerà mai?»
 
Al presidente del Consiglio,  al ministro per le Infrastrutture e al ministro dell’ Economia i 27 parlamentari chiedono di sapere


- se sono a conoscenza dell'’avvio del procedimento finalizzato alla Dichiarazione di Pubblica Utilità del progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina, con la pubblicazione del progetto degli espropri del relativo avviso per il pubblico; 
- se risulta vero che non siano stati avvisati e coinvolti gli enti locali interessati né tantomeno avvisati i cittadini;


- se ha ancora un senso, in questo momento di gravissima crisi finanziaria nazionale ed internazionale, continuare a spendere ingenti risorse pubbliche preliminari alla realizzazione di un'opera della quale al momento non sono certi né i costi, né la sua reale utilità, nemmeno la sicurezza e la fattibilità della stessa, neppure i finanziamenti necessari alla sua realizzazione e i tempi previsti per completare i lavori;


- se non ritengono utile e urgente sospendere il procedimento degli espropri.


«Le istituzioni e i cittadini - affermano i 27 parlamentari - vivono questo momento con un senso di smarrimento e profonda sfiducia. Anche per il continuo spreco di risorse finanziarie per avviare i lavori, e ora gli espropri, relativi ad un’opera che ancora oggi  nessuno sa quanto verrà a costare e, cosa ben più grave e probabile, se davvero sarà mai realizzata. Superfluo ribadire che nessuno ha mai spiegato la reale utilità del Ponte per l’'economia delle regioni di interessate, per il loro sviluppo, né tantomeno per gli automobilisti, i turisti, i semplici cittadini che non ne trarrebbero alcun beneficio, com'’è stato più volte dimostrato. Anzi si è potuto dimostrare quanti danni subiranno i cittadini in nome del Ponte, danni relativi anche al taglio di servizi e all’'aumento delle imposte. 
Manifestazione “No Ponte” il 20 settembre. Per il 23 settembre una delegazione di un ristretto numero di amministratori messinesi è stata invitata a Roma dall’amministratore delegato  della società Ponte di Messina, Pietro Ciucci, per tentare di superare le obiezioni sul Ponte. Ma il Movimento No Ponte ribadisce che Messina il Ponte non lo vuole. «La città si afferma in un documento con il quale si invita la popolazione a partecipare il 20 a una manifestazione di protesta -  ha dovuto subire l'ennesima provocazione, mentre lo sfacelo più assoluto l'attanaglia, lor signori hanno pubblicato una lunghissima lista di aree da espropriare su entrambe le coste dello Stretto, dopo avere dichiarato l'opera “di pubblica utilità”, senza avere ancora il pronunciamento del CIPE. Tutto ciò mentre veniva candidamente dichiarato che tutte le opere compensative proposte dall'amministrazione erano cancellate. Se ci fosse stato bisogno di un'ulteriore conferma del fallimento totale di questa classe politica locale questuante e ridicola, oggi lo abbiamo tutti di fronte agli occhi. Noi lo abbiamo sempre detto, quello che sarebbe successo: ai pescecani andranno i soldi ed alla popolazione la devastazione.

A due anni esatti dalla strage di Giampilieri e Scaletta niente è stato fatto, solamente adesso sembra che si siano trovati soldi per fare solo alcuni degli interventi di cui questo territorio ha bisogno. Ma anche qui la provocazione è evidente, infatti questi soldi stanziati per Messina e gli altri comuni alluvionati (San Fratello ma non compare Scaletta), non sono altro che quelli stornati da altri interventi altrettanto necessari a Messina ed alla sua provincia, come la manutenzione delle strade provinciali o i trasporti da e per le isole. Non possiamo più sopportare queste prese in giro – dice il comunicato -  Noi non ci stiamo, abbiamo altri progetti per questa città, la vogliamo trasformare, ma non distruggere. Da anni diciamo che il NO al Ponte è in realtà il SI ad un futuro possibile e sostenibile, in tutte le occasioni abbiamo sempre ribadito di cosa avrebbero bisogno questi luoghi:

- messa in sicurezza dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza dal rischio sismico, messa in sicurezza di edifici pubblici (ad esempio le scuole che a Messina non sono a norma nella quasi totalità);

- potenziamento del trasporto pubblico nello Stretto e nelle due regioni;

- bonifica dei territori inquinati e devastati da crimine e speculazione (navi dei veleni);

- “infrastrutture di prossimità”, piccole opere per grandi benefici (manutenzione delle strade, adeguamento rete ferrata siciliana e calabrese, ecc.)

- recupero del patrimonio storico ed ambientale sempre più barbaramente stuprato».

Il Movimento diffida la “delegazione” messinese «dal questuare nell’incontro con Ciucci piccole elargizioni in cambio del nostro futuro. Il Ponte va fermato subito, completamente, gli espropri non devono procedere. L'inettitudine di questa classe politica non deve continuare ad affossare questi luoghi. Perciò nessuno firmi l’accordo di programma quadro per la costruzione del Ponte a nome dei cittadini messinesi».

L’appuntamento per la manifestazione è dunque fissato per martedì 20 settembre ore 11.30 davanti al municipio di Messina.

Commenti  

 
0 #1 Giusy 2011-09-19 08:12
gentilmente vorrei sapere, se vi e' posiibile, a contesse quale zona verra' epropriata?
Citazione
 

Articoli Correlati



tit passaparola

LA LITTIZZETTO, IL JOBS ACT,
ALFANO E I MATRIMONI GAY
Da "Fuori tempo che fa"


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CHAMPIONS: OLYMPIAKOS-JUVENTUS 1-022 OTTOBRE 2014