ORA DI PUNTA

Impresentabili

 e indecenti

di Ennio Simeone

L’accanimento e la volgarità con cui prima gli scherani di Renzi, poi lui stesso in prima persona, hanno aggredito Rosy Bindi per il responso emesso dalla Commissione parlamentare antimafia su alcune candidature alle elezioni regionali di domenica non hanno precedenti nella storia politica della nostra Repubblica. Persino un uomo di destra come Angelino Alfano si è detto allibito e scandalizzato dalla violenza verbale usata da tre membri della segreteria nazionale del Pd (che rispondono ai nomi di Lorenzo Guerini, Debora Serracchiani e Luigi Carbone) contro una deputata del loro stesso partito, di cui è stata fondatrice e presidente.

Qual è, ai loro occhi, la colpa di Rosy Bindi? Quella di avere  reso pubblici i nomi di 16 candidati (4 in Puglia e 12 in Campania) che non lei ma la Commissione parlamentare Antimafia nel suo complesso, composta da rappresentanti di tutti gli schieramenti politici, hanno giudicato privi dei requisiti previsti dal codice etico di autoregolamentazione sottoscritto da tutti i partiti. Ciò non significa averne decretato la incandidabilità a norma di legge e ancor meno la ineleggibilità: stabilirlo spetta esclusivamente agli elettori.

La decisione che questo elenco sarebbe stato reso noto allo scadere della campagna elettorale (cosa opinabile e forse inopportuna perché tardiva) non è stata contestata dal Pd allorché è stata annunciata (a differenza di altri partiti che invece ne avevano sollevato l’intempestività). Quando è avvenuta la sollevazione della cricca del Nazareno? Non quando si è diffusa la voce che tra i cosiddetti “impresentabili” erano in larga maggioranza candidati di liste del centrodestra, ma appena tra quei nomi  è apparso quello di Vincenzo De Luca, candidato presidente del Pd per la Regione Campania, benedetto con un abbraccio da Matteo Renzi. 

E il virulento attacco non si è indirizzato contro la Commissione nel suo complesso, che ha fatto collegialmente  le valutazioni, ma direttamente ed esclusivamente contro la sua presidente, presumibilmente colpevole, agli occhi di questi squallidi personaggi, di aver rotto una sorta di patto di omertà politica al solo scopo di vendicarsi del dittatorello di Pontassieve.

E’ difficile dire quanto queste reazioni gioveranno alla popolarità e alla consolidata fama (sia pur non condivisa da tutti i suoi concittadini) di efficiente amministratore che, da sindaco di Salerno,  De Luca si è conquistato. Certamente non gli giovano le vendicative dichiarazioni alle quali si è abbandonato, fino a minacciare, ringalluzzito da tanto sostegno, una ridicola querela “per diffamazione” contro Rosy Bindi. Il reato sarebbe quello commesso - udite! udite! - da una commissione parlamentare nel prendere atto di azioni giudiziarie avviate e rese note dalla magistratura alla commissione stessa e di aver segnalato che, di conseguenza, i destinatari di tali accuse non avevano i requisiti morali stabiliti dai loro partiti per  essere candidati.

È questa reazione che ora rischia di renderlo  davvero “impresentabile”. Non tecnicamente. Moralmente. Peggio di lui solo Renzi e la cricca del Nazareno: semplicemente indecenti.

  Sabato 30 Maggio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Il calcio mondiale e lo sterco del diavolo  *...
Los Angeles: la sfida dell'aumento del salario minimo * "L’aumento...
Comunicazione a senso unico e dialettica degli opposti *...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: Sito in aggiornamento

In queste settimane - con l'approssimarsi del compimento del 6° anno di vita -  stiamo aggiornando il sito de "l'Altro quotidiano" per renderlo più snello nella grafica, più celermente visualizzabile e più facilmente interattivo con i lettori. Ci scusiamo pertanto se dovessero verificarsi in questa fase dei piccoli inconvenienti tecnici.

caro_altro_ti_scrivo



 

 

P4. Arrestato Bisignani. Letta replica e si difende

Luigi_Bisignani

 

 

 

Luigi Bisignani, l'ex giornalista arrestato nell'ambito dell'inchiesta sulla P4, nei suoi interrogatori avrebbe fatto i nomi del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e del vicepresidente di Fli, Italo Bocchino. Sarebbe stato proprio Bocchino, rivela Bisignani, a informarlo dell'inchiesta a carico di Alfonso Papa (Pdl). "Informavo Letta - continua Bisignani - di tutte le vicende" giudiziarie "che potevano riguardarlo".

"Un giorno - avrebbe detto Bisignani - l'onorevole Bocchino, mio caro amico, mi disse di avere appreso che Papa era indagato e che a Napoli c'era una indagine e delle intercettazioni che riguardavano alcune schede procurate e diffuse da Papa. In quel frangente anzi mi chiese se anche io avessi avuto uso di tali schede. Bocchino parlò espressamente di un'indagine di Napoli, ma non fece mai il nome dei magistrati. Io rappresentai immediatamente tale circostanza a Papa e lui successivamente fece ulteriori accertamenti verificando la fondatezza di tale notizia".

"Informavo Gianni Letta"
"Mi chiedete se io informassi Letta delle notizie e delle informazioni riservate di matrice giudiziaria comunicatemi da Papa - continua l'ex giornalista davanti ai magistrati napoletani -. A tal riguardo vi dico che sicuramente parlavo e informavo il dottor Letta delle informazioni comunicatemi e partecipatemi da Papa, e in particolare di tutte le vicende che potevano riguardarlo direttamente o indirettamente come la vicenda riguardante Verdini, come la vicenda inerente al procedimento che riguardava lui stesso (cioè Letta) e Chiorazzo e come, da ultime, la vicenda inerente al presente procedimento".

Gianni Letta si difende. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio si dice “estraneo ai fatti” e respinge al mittente qualsiasi coinvolgimento: “Cado dalle nuvole, non so cosa Papa possa aver acquisito su di me. Non ho mai parlato con lui di presunte inchieste a mio carico, non sapevo nemmeno che esistessero e non so neppure se davvero esistano”.

"Berlusconi si mosse per aiutare La Monica"
C'è anche il nome del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nelle dichiarazioni di Bisignani. Secondo l'uomo, il premier si sarebbe attivato all'interno dell'Aise, l'Agenzia dei servizi segreti esterni, per dare una mano al maresciallo dei carabinieri Enrico La Monica, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta sulla P4. "Papa mi ha sempre detto che il suo amico maresciallo (La Monica) era persona introdotta negli ambienti giudiziari in grado di assumere notizie riservate riguardanti procedimenti penali - mette a verbale Bisignani -. Papa mi ha detto più volte che il suddetto maresciallo era una delle sue fonti. Lavitola (il direttore dell'Avanti Valter Lavitola - ndr) aveva raccomandato il maresciallo a Berlusconi che aveva poi parlato con qualcuno dell'Aise".

"Aiutai Papa in cambio di notizie"
"Fui io a chiedere notizie e informazioni" al deputato del Pdl Alfonso Papa e "di contro e in cambio a me ilPapa chiese di appoggiare la sua candidatura alle elezioni del 2008". A parlare è sempre Luigi Bisignani. "Effettivamente io ne parlai con Verdini che compilò le liste". L'ex giornalista data la sua conoscenza con Papa al momento in cui - afferma - "ebbi alcuni problemi giudiziari con la procura di Nola riferiti alla dottoressa Tucci (la commercialista Stefania Tucci, ndr), cui io ero legato, e riferito a vicende societarie di società nel nolano". Da quel momento Papa "cominciò a proporsi per darmi notizie" e - dice Bisignani - "insomma da una parte si proponeva e proponeva di adoperarsi nel mio interesse e dall'altro mi dava indicazioni spesso infondate".

"Papa aveva informazioni su Verdini e Masi"
Bisignani ha spiegato agli inquirenti che il coordinatore del Pdl, Denis Verdini, "cominciò a stringere i suoi rapporti con Papa, che fino a quel momento aveva calcolato poco, da quando Papa stesso cominciò a proporre il suo interessamento e la sua possibilità di intervento sulle vicende giudiziarie che riguardavano lo stesso Verdini". Ma Papa, secondo le dichiarazioni rese dal faccendiere, "si è proposto di interessarsi di prendere notizie anche a proposito delle vicende giudiziarie riferite a Masi (Mauro, ex direttore generale Rai, ndr). Al riguardo mi disse di essersi informato a Trani e di aver appreso che 'non c'era da preoccuparsi'".

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

CROZZA-RENZI ALLA LAVAGNA
per spiegare #labuonascuola
15 maggio 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

CALCIO: IL DERBY CHAMPIONS LAZIO-ROMA 1-225 MAGGIO 2015