ORA DI PUNTA

Il modello Sarko

visto dall'Italia

di Nuccio Fava

Il secondo turno delle amministrative francesi, con la ferma regola dei ballottaggi, ha confermato l’esito politico del voto di due settimane fa. Ne ha anzi rafforzato il significato, esprimendo la grande vittoria di Sarkosy, la grande crisi della famiglia socialista del presidente Hollande, i limiti strutturali della pur rilevante forza elettorale di Marine LePen i cui candidati nei mandamenti non sono riusciti a vincere da nessuna parte. Se da un lato dunque la Francia vede chiarificarsi il quadro politico, mantiene tuttavia un carico di difficoltà e di problemi non destinati a facile soluzione. Anche in Francia la crisi della politica è profonda. La stessa organizzazione istituzionale e il semi presidenzialismo non sono di per sé una strada facile.  Del resto in tutta Europa la lontananza dei giovani e la enorme diffidenza a impegnarsi e partecipare politicamente, sono causa soprattutto della crisi ideale e morale che affligge in varia misura tutta l’Europa . Condizione che va ben oltre lo stesso notevole astensionismo e si ricollega fondamentalmente alle precarietà e paura per il lavoro che non c’è, la mancanza di prospettive e progetti realistici e credibili.

C’è qui soprattutto la ragione del tracollo socialista col Presidente Hollande quasi ridotto a tagliare nastri e a partecipare a cerimonie e manifestazioni contro il terrorismo. Momenti e funzioni importanti anche queste per la forte carica simbolica di partecipazione e condivisione di valori di democrazia e di solidarietà. Dagli attentati di Parigi e Bruxelles fino al più recente dentro il museo Bardo a Tunisi, hanno visto Hollande con accanto spesso il nostro presidente Renzi e altri leader, testimoniare il no al terrorismo e il valore fondamentale di una risposta corale contro ogni tentazione xenofoba e/o di restringimento delle libertà fondamentali e irrinunciabili. Come naturale, un voto per quanto amministrativo non è privo di rilievo politico e non solo per i francesi . L’acutezza  della matita di Giannelli sul Corriere della sera di lunedì 30 marzo riassumeva significativamente il senso del voto con la sua vignetta in prima pagina. Sarkosy esce tutto arzillo da un sarcofago egizio, sottolineandone il carattere di mummia, che ritorna vispo a riprendere il proprio ruolo. Accanto, nell’altro sarcofago, Berlusconi ammirato si ripromette di poter tornare in campo.

 Il modello Sarko fa dunque breccia nel cuore dei berlusconiani che sono però tentati fortemente dall’alleanza con la Lega di Salvini, ammiratore ‘sfegatato’ della LePen che nonostante il successo di voti è rimasta fuori da ogni prospettiva politicamente rilevante rispetto al governo di tutti i territori di Francia. Non solo per Berlusconi il voto francese rappresenta occasione propizia di riflessione ed iniziativa. Anche Renzi, come presidente del Consiglio e segretario del Pd, non può restare indifferente. Nella stessa direzione Pd nessun approfondimento si è tentato a proposito della batosta riservata a Hollande e ai socialisti francesi, che pure fanno parte della stessa famiglia europea. Eppure intorno ai temi cari alla sinistra e al socialismo italiano in molti temono una deriva a destra del Pd e del governo. Oltre la minoranza interna, attenzione e rispetto senza confondersi naturalmente, richiederebbero le forze interessate alla iniziativa di Landini, e a larghi settori della società civile che in qualche modo cominciano a farvi riferimento.                                                

Inoltre c'è sempre aperta la questione dei 5 Stelle. Il dialogo è stato tentato più volte ma sempre in modo infruttuoso, non solo da Bersani, ma dallo stesso Renzi. Eppure il fenomeno 5 Stelle esprime la difficoltà maggiore che tutta la politica italiana incontra sul terreno della democrazia, della lotta alla corruzione e alla poca trasparenza che qualunque governo serio dovrebbe affrontare con ben maggiore e determinazione.

Nuccio Fava 

  Mercoledì 01 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
L'Italikum, una riforma che deforma la nostra democrazia *...
La "guerra" nel Gop e le due Camere *...
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Pietro Ancona

LA CRISI E L'ARTICOLO 18 COME BERSAGLIO

- L'ultima seduta della Camera dei deputati si è conclusa con il dibattito sulla relazione di Berlusconi sullo stato dell'Italia.Ora la Camera sarà chiusa fino al 6 settembre, un mese cruciale per la sorte del nostro Paese, che possiamo immaginarci  come una nave in mezzo ad una spaventosa tempesta. La relazione di Berlusconi è stata come doveva essere: concepita e svolta da chi sa che ogni parola sarà soppesata dai centri europei ed internazionali che contano e dai cosidetti "mercati". Berlusconi ha negato con molta forza e solide inattaccabili argomentazioni ogni giustificazione all'attacco rivolto ai nostri titoli di Stato che, all'indomani della manovra finanziaria per circa ottanta miliardi varata dal governo, sono caduti rovinosamente. Berlusconi non ha mai pronunziato la parola "speculazione" ma non c'è dubbio che ha difeso l'Italia da un attacco che non ha basi vere e che sembra un'aggressione "politica" di poteri internazionali che vogliono che la disgrazia cada sul nostro Paese.

Sarebbe stato utile all'Italia , patriottico e giusto, che i "fondamentali" difesi da Berlusconi fossero difesi da tutto il Parlamento. Così non è stato. La prima smentita al nostro governo è venuta dal suo stesso Parlamento. E "il mercato" ci farà a pezzi.

Il discorso di Bersani è stato quanto di più maramaldesco si potesse immaginare. Ha rimproverato a Berlusconi di essere stato trascurato nel corso di questi anni ed ha in effetti avvalorato le tesi della speculazione internazionale contro l'Italia. Ha detto in sostanza che la crisi l'abbiamo davvero e che il "mercato" ha ragione di criticarci e di attaccarci. Inoltre ha detto che è disposto a collaborare per creare una via d'uscita dalla "crisi" a condizione che Berlusconi si dimetta. "Se Berlusconi fa un passo indietro, noi faremo un passo avanti".Quasi in contemporanea con Bersani, l'ineffabile Marchionne chiedeva un nuovo leader per l'Italia  e annunziava che nel 2015 lascerà la Fiat provocando una piccola crisi in Borsa.

La seconda parte del discorso di Berlusconi è stata di apertura ai partiti ed al parlamento per creare un fronte di lotta alla crisi. Tra i punti che ha enunziato per rassicurare i mercati c'è l'abolizione dello Statuto dei Diritti dei Lavoratori, naturalmente articolo 18 compreso. Insomma la vecchia fallimentare logora ricetta di spoliazione dei diritti dei lavoratori come toccasana per attirare investimenti in Italia. Berlusconi non si sarebbe esposto ad una proposta così grave se non avesse su questo punto assicurazioni precise dal Pd e dalla Cgil. Sono tutti d'accordo a presentarsi al mondo con una classe lavoratrice umiliata e priva di tutele?

Comunque da domani tutti in vacanza. Tutti coloro che se lo possono permettere e tra questi certamente gli oligarchi ed i miliardari che affolleranno la baia antistante villa Certosa con le loro "barche" sempre più moderne e lussuose.

Pietro Ancona

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

L'avvocato Giulia Bongiorno
e Raffaele Sollecito commentano l'assoluzione in Cassazione
Roma
30 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

VERSO EURO 2016: BULGARIA-ITALIA 2-228 MARZO 2015