ORA DI PUNTA

Magistrati 

e dilettanti

di Ennio Simeone

A sostegno del suo progetto di riforma del lavoro (per carità, chiamiamolo jobs act) Matteo Renzi aveva avviato una crociata contro gli sprechi (spending review), contro le caste (cliques), contro i gufi (jinx), e anche contro l’odiata categoria dei magistrati (judges), attribuendo alle loro ferie eccessive la principale responsabilità dei ritardi della giustizia. Quarantacinque giorni l’anno di vacanze sono troppi, aveva sentenziato, decidendo di allinearne la durata a quella degli altri lavoratori che svolgono la loro attività timbrando il cartellino ad inizio e fine giornata.  Come se i magistrati, sia giudicanti sia inquirenti, non fossero costretti, nella stragrande maggioranza, per la natura stessa del loro lavoro, a  non osservare un normale orario, sia che debbano scrivere una sentenza a casa, sia che debbano tenere udienze senza limiti di orario, sia che debbano condurre una indagine e interrogare inquisiti e testimoni.

Quella parte di opinione pubblica, arrabbiata per necessità o forcaiola per indole, sempre sensibile al richiamo ingannevole della demagogia e del populismo, ha applaudito entusiasta. E sull’onda di questi sentimenti Renzi dette disposizione alla fedele Marianna Madia, ministro della Pubblica Amministrazione, di procedere al taglio per decreto. Detto, fatto! 

Ora però si scopre che per i magistrati, quanto a ferie, non cambia proprio nulla. Perché mai? Semplicemente perché il decreto è stato scritto male:  la norma introdotta per ridurre le vacanze dei giudici è stata aggiunta alla precedente, ma senza abrogare esplicitamente la vecchia disciplina. La settima commissione del Csm, con 5 voti a favore e uno contrario, si è preso lo sfizio di farlo rilevare e di sottoporre la questione alla prossima riunione plenaria del Consiglio superiore, fissata per il 4 febbraio. In soccorso del governo è dovuto intervenire, pensate, il membro laico designato dai Cinquestelle, Alessio Zaccaria, che ha chiesto di non infierire perché si è trattato di “una svista troppo grossolana” del governo. Un governo di dilettanti allo sbaraglio: Renzi, insomma, è rimasto il boy scout d’un tempo, quando andava a far l’ospite di Mike Bongiorno per la “Ruota della fortuna”. Per nostra sfortuna.

 

  Mercoledì 28 Gennaio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Che cosa le elezioni greche autorizzano a sperare *...
Il ricatto tentato dai repubblicani ad Obama sull’immigrazione *...
Ruolo del dollaro e volatilità monetaria internazionale * Il...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Nuccio Fava

E SE NELLA CRISI

SBUCASSE

IL DOTTOR SOTTILE?

Se l’insuperato Ennio Flaiano dovesse essere citato per definire l’attuale caos potremmo ripetere che “la situazione è grave ma non seria”. Praticamente tutti hanno preso sottogamba la squallida cerimonia dell’apertura dei ministeri a Monza, quasi si trattasse di quelle strane procedure che Umberto Bossi compie riempiendo con l’acqua del Po la sua ampolla di vetro. In questo caso comunque è ben più grave perché a Monza c’erano pure Tremonti e Brambilla a significare la non estraneità dello stesso Cavaliere desideroso più che mai di superare lo strappo con Bossi. Fortunatamente però sulla repubblica vigila  con rigore il presidente Napolitano che ha duramente criticato l’atto incostituzionale e la minaccia di rottura dell’unità nazionale.

Napolitano è stato l’unico a reagire con severità e durezza assolvendo ai suoi doveri di garante dell’unità della patria e a richiamare i doveri del governo con un messaggio molto forte inviato al presidente del Consiglio. Alquanto pilatescamente Berlusconi, in apertura del consiglio dei ministri, ha invitati  i colleghi a rispettare le posizioni del Quirinale per evitare ulteriori difficoltà nei rapporti col capo dello Stato. In linea con le tante sparate leghiste, Bossi ha sostenuto che nessuna violazione sarebbe stata compiuta, perché la costituzione non vieta che i ministeri possano essere trasferiti al nord, in polemica diretta con il capo dello Stato, che proprio col suo severo  monito al governo aveva sollevato una questione di enorme rilievo. Da palazzo Chigi silenzio assoluto nell’evidente timore che parole di risposta, magari affidate all’abile Gianni Letta, avrebbero ugualmente posto ulteriori difficoltà nel rapporto con Bossi. L’unico a parlare con l’autorevolezza che gli è propria il capo ufficio stampa che annunciava per l’indomani una dichiarazione del Cavaliere nel corso del Consiglio dei ministri.

Per il resto silenzio assoluto anche da parte di Tremonti che pure aveva partecipato con la Brambilla alla sconcertante manifestazione di Monza. Il ministro del resto è alle prese con ben altre grane dovuto all’infuriare delle tempeste economiche finanziarie che si abbattono sull’Europa e sul  mondo e certo non risparmiano ma anzi prendono di mira l’Italia con gravi conseguenze sul nostro debito pubblico. Né vale come consolazione per i nostri concittadini la lezione pronunciata con distacco quasi accademico, secondo cui il problema più che in Italia va risolto in Europa, tesi condivisibile. Accompagnata dalla considerazione del ministro che, in ogni caso, sono indispensabili credibilità e fiducia dei cittadini perché le pur migliori politiche dei governi da sole non possono fare miracoli.

Il ministro tuttavia non sembra essere sfiorato dal dubbio che la sua posizione disattenta e svagata intorno alla casa in via Campo Marzio a due passi dal Parlamento, pur con l’annuncio irridente di essersi ormai…dimesso da inquilino, la natura dei rapporti con un personaggio come Milanese e i suoi tanti intrecci quantomeno ambigui anche con l’impresa addetta alla ristrutturazione dell’appartamento in questione,e il relativo scandalo Sogei, i viaggi , i regali  favolosi, e tutto il resto non possano rassicurare l’opinione pubblica e favorire quella ripresa di fiducia dei cittadini di cui giustamente Tremonti tesse l’elogio. Resta in ogni caso la sacrosanta preoccupazione del presidente Napolitano che con tono quasi accorato parla “di politica debole e irrimediabilmente divisa, incapace di scelte coraggiose non più sostenibili”. Siamo al nodo politico istituzionale fondamentale, alla rivendicazione responsabile dei poteri del capo dello Stato che in assenza di mutamenti rapidi e significativi potrebbero addirittura indurre il presidente della Repubblica ad esercitare i suoi poteri di scioglimento delle Camere.

Perciò abbiamo osato parlare di una crisi mai così grave e, nella difficile ricerca di un possibile sbocco, non ci sorprenderebbe troppo la convocazione al Quirinale di Giuliano Amato, l’eterno dottor sottile, sempre pronto ad interventi giornalistici su ogni questione rilevante per l’Europa, l’Italia e il mondo e sempre disponibile a spendersi nelle situazioni più intricate, quale valorosa riserva della repubblica.

Nuccio Fava

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

MAURIZIO CROZZA
"di Martedì", la copertina20 gennaio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

IL NUOVO SHOW DEL PRESIDENTE SAMP FERRERO18 GENNAIO 2015