ORA DI PUNTA

La riforma 

che deforma

di Felice Besostri

Riforma è una nobile parola, che non merita l’uso che se ne fa. La riforma designa un rinnovamento in senso migliorativo, non un mero cambiamento. Renzi non sta riformando la Costituzione. Egli la deforma. Lo stesso si deve dire  dell’Italikum (nella pronunzia non si coglie la differenza, ma va scritto con la “kappa” al posto della “c”). Una riforma della legge elettorale comportava di eliminare le incostituzionalità denunciate dalla Corte Costituzionale e ancor più dalla sentenza della Prima Sezione della Cassazione; non, invece, di legiferare come se non ci fossero.  L’ultimo testo licenziato dal Senato dimostra che si persegue surrettiziamente un mutamento della forma di governo. Già nel porcellum era una violazione delle prerogative presidenziali l’indicazione da parte di una coalizione di un capo politico della stessa, ma almeno aveva il senso di  superare una delle critiche alle leggi elettorali proporzionali, di presentarsi con le mani libere davanti agli elettori, per decidere dopo le elezioni. Le coalizioni non ci sono più, il premio che dà la maggioranza va alla lista e quindi al suo capo. Con il ballottaggio, espediente per sfuggire ad una soglia minima in voti e/o seggi, s’introduce  di fatto un’elezione diretta del Primo Ministro.

Il processo in atto è iniziato, prima di Renzi, con l’elezione diretta generalizzata del sindaco, per di più portatore di un premio di maggioranza  di cui sono beneficiarie le liste collegate.  E’ poi seguita quella diretta dei presidenti di Regione, con l’anomalia di premi di maggioranza attribuiti ancora una volta sul consenso del candidato presidente.  Renzi ha in mente il modello del sindaco d’Italia – e lo dice apertamente –, quindi la riduzione del ruolo del Parlamento ne è una diretta e logica conseguenza. La nomina dei parlamentari grazie alle liste bloccate, in luogo della loro elezione, ha svuotato l’art. 67 della Costituzione, come anche la disciplina di Partito, una formazione politica senza una legge  regolativa, come richiesto dall’art. 49 della Costituzione e in vigore nella maggioranza dei paesi europei.

Renzi ipeteossessivamente il mantra secondo cui “si deve sapere chi ci governerà la sera stessa delle elezioni”. Una pretesa che non hanno neppure i sistemi elettorali uninominali maggioritari a turno unico (Britannia docet) o i sistemi presidenziali o semi-presidenziali, per non parlare della stabilissima e governabilissima Germania: la Merkel con il suo 43% (superiore al 41%  di Renzi alle Europee)  non avrebbe dovuto, con un Tedeskum, tradotto dall’Italikum, aspettare due mesi per fare la Cancelliera. Eppure la domanda se in Europa conta di più la Germania o l’Italia neppure può essere posta per non essere retorici. Obama e Hollande alla sera della loro elezione sapevano di essere Presidenti dei loro paesi, ma la capacità di realizzare il loro programma di governo sarebbe dipesa dal risultato delle elezioni parlamentari. Anzi negli Usa al Presidente gli piazzano a metà mandato un turno elettorale, che lo può mandare in minoranza nei due rami del Congresso, come accaduto con il secondo mandato di Obama.

    A Renzi dobbiamo un passo avanti con il nuovo Senato e la Del Rio nonché le elezioni di secondo grado: un progresso perché così... si saprà chi governerà la sera prima delle elezioni... E’ avvenuto senza suscitare emozioni tra settembre e ottobre 2014 nelle Province e nelle Città Metropolitane, complici un po’ tutti, comprese forze all’opposizione in Parlamento. Il consenso si strappa facilmente, basta assicurare qualche posto. Un buon numero di presidenti di Provincia, candidati unici e liste bloccate uniche con un numero di candidati pari ai posti da eleggere.

    Nelle Regioni, ultime l’Umbria  e la Puglia in febbraio, si stanno approvando leggi elettorali sempre più maggioritarie, con premi di maggioranza al 60% o 62% se si calcola il seggio del presidente. Il consenso degli alleati si compra con soglie d’accesso differenziate. Basse se si sta in coalizione, alte fuori. La maggioranza è la metà più uno dei seggi, ma non basta al partito di maggioranza, che vuole avere la maggioranza assoluta da solo e non dipendere dai partiti minori: ecco spiegato un premio pari al 60% dei seggi. Avremmo così un partito egemone e una corte di satelliti: una situazione che ha analogie solo con le democrazie popolari est-europee prima del crollo del Muro di Berlino.

Come già sottolineato da molti la previsione di un ballottaggio tra le due liste più votate è un espediente per sottrarsi ad una soglia minima in voti o seggi per l’attribuzione di un premio di maggioranza, come richiesto dalla Corte Costituzionale con le sentenze n. 15 e 16 del 2008.  La percentuale dei votanti non basta per alterare l’uguaglianza del voto: premio di maggioranza e ammissione delle liste al ballottaggio devono essere vincolate a percentuali degli aventi diritto al voto. Un 40% dei votanti non rappresenta la volontà degli elettori di un governo stabile, se vanno a votare poco più di un terzo degli elettori iscritti, come è avvenuto in Emilia Romagna. E la maggioranza assoluta al ballottaggio non legittima la distorsione della rappresentanza se le due liste al primo turno non rappresentassero almeno il 50% degli aventi diritto. Su questo c’è spazio per la Camera dopo le modifiche introdotte dal Senato al testo della legge elettorale.

  Martedì 31 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
La "guerra" nel Gop e le due Camere *...
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
AIIB: un passo verso una nuova governance monetaria *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

 

vucinic

 

La notizia era nell'aria, bisognava solo battere la concorrenza del Manchester United. La Juventus ce l'ha fatta a scavalcare i "Red Devils" e a convincere la Roma a cedere Mirko Vucinic che da tempo voleva cambiare aria; voleva lasciare la Capitale perchè era finito nel mirino dei tifosi giallorossi. Manca la firma ma è fatta. Il ds romanista Walter Sabatini chiedeva solo contanti, niente contropartite tecniche; è stato accontentato. Alla Roma dovrebbero andare 15 milioni di euro in contanti più bonus di valorizzazione in base agli obiettivi raggiunti. Al giocatore un ingaggio di 3,5 milioni, per quattro anni. Sfumato Giuseppe Rossi che il Villareal ha tolto dal mercato, Vucinic era la priorità del tecnico juventino Antonio Conte. A proposito di affari bianconeri sfumati, segnaliamo che l'esterno brasiliano Michel Bastos rimane al Lione; sta per rinnovare il contratto. 

Bel colpo del Genoa. Ufficializzato l’acquisto del portiere francese Frey. L’ex viola presto firmerà un contratto di 5 anni. Alla Fiorentina soldi cash. Adesso il patron dei grifoni Preziosi prepara l’assalto ad un altro giocatore gigliato: l’attaccante Gilardino.

Fiorentina-Aquilani, problemi. Franco Zavaglia, agente del centrocampista dice: “Alberto ha dato la sua massima disponibilità a giocare nella Fiorentina, ma non vuole trovarsi nella situazione di dover riconsiderare la sua posizione anche la prossima stagione. Al momento è un giocatore del Liverpool, tanto che ieri è stato impiegato in amichevole contro il Galatasaray, ha giocato e ha giocato anche bene". In pratica Aquilani vuole che la Fiorentina compri a titolo definitivo il suo cartellino dal Liverpool, e ha detto no a un trasferimento in prestito.

I russi su Eto’o. Per Samuel Eto’o c’è un’offerta che rischia di far vacillare Massimo Moratti. I russi dell’Anzhi Makhachkala secondo indiscrezioni sono attesi a Milano: avrebbero pronti 50 milioni di euro per l’attaccante camerunense. Si parla di un contratto stellare, da record, per Eto'o: 80 milioni di euro in 4 anni. L’Inter potrebbe dire sì e prendere poi Tevez dal Manchester City, anche se il dirigente nerazzurro Marco Branca smentisce. 

Paris Saint Germain scatenato. Il PSG continua a pescare in Italia. Dopo Menez, Sirigu e Sissoko, il club francese sé riuscito a scavalcare Roma e Chelsea in extremis per Javier Pastore: al Palermo circa 42 milioni di euro. Al giocatore un quinquennale da 4,5 milioni a stagione.

Roma sempre molto attiva. I giallorossi si inseriscono nella trattativa tra Genoa e Inter per Rodrigo Palacio. A rivelarlo è lo stesso agente dell’argentino Aytekin Erayabakan: "La Roma è interessata a Rodrigo Palacio, sia noi che il Genoa ne abbiamo discusso con il club giallorosso. È chiaro che vestire la maglia della Roma sarebbe un traguardo importante per ogni giocatore. La Roma è una grande squadra con grandi calciatori, ma ci tengo a sottolineare che Rodrigo al Genoa sta benissimo. Dobbiamo considerare che il mio assistito è molto legato alla sua squadra di appartenenza, e quindi se potesse scegliere resterebbe. Tradotto in percentuale, ci sono 50 possibilità su 100 che il ragazzo possa cambiare squadra, perché, oltre all'Inter e alla Roma, sono arrivate anche altre offerte che Rodrigo sta valutando". Palacio a parte, i giallorossi puntano sul brasiliano Nilmar attaccante del Villareal e della "selecao”. Piace anche Douglas Costa dello Shakhtar. Sul fronte cessioni: ufficiale il prestito di Julio Sergio al Lecce. Il club capitolino pagherà metà ingaggio del portiere. Per Vucinic si tratta ad oltranza con la Juventus: 15 milioni di euro più bonus.

Il Catania compra ancora in Argentina. A detta dei media argentini , il club etneo starebbe per chiudere con il Rosario Central per il centrocampista offensivo Mario Paglialunga. Il Rosario Central avrebbe raggiunto l'accordo con il Catania su una base intorno agli 800 mila euro, più il 10% dalla cifra che i siciliani incasseranno per una sua eventuale vendita. L'argentino era da tempo nei piani dell'a.d. Lo Monaco, e il Catania aveva già provato a prenderlo in passato.

Una giovane promessa per la Lazio. Lotito blocca José D'Angelo, trequartista argentino classe '89 del Chacarita, che dovrebbe essere girato al Torino; inoltre per i biancocelesti si riparla del centrocampista Ederson del Lione, ma il problema è rappresentato dal suo status di extracomunitario e per tesserarlo bisogna liberare un posto.

Parma. I ducali prendeno l'attaccante Fabio Nunes, nazionale portoghese Under 19 dal Portimonense.

Fabio Camillacci

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

L'avvocato Giulia Bongiorno
e Raffaele Sollecito commentano l'assoluzione in Cassazione
Roma
30 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

VERSO EURO 2016: BULGARIA-ITALIA 2-228 MARZO 2015