ORA DI PUNTA

La riforma 

che deforma

di Felice Besostri

Riforma è una nobile parola, che non merita l’uso che se ne fa. La riforma designa un rinnovamento in senso migliorativo, non un mero cambiamento. Renzi non sta riformando la Costituzione. Egli la deforma. Lo stesso si deve dire  dell’Italikum (nella pronunzia non si coglie la differenza, ma va scritto con la “kappa” al posto della “c”). Una riforma della legge elettorale comportava di eliminare le incostituzionalità denunciate dalla Corte Costituzionale e ancor più dalla sentenza della Prima Sezione della Cassazione; non, invece, di legiferare come se non ci fossero.  L’ultimo testo licenziato dal Senato dimostra che si persegue surrettiziamente un mutamento della forma di governo. Già nel porcellum era una violazione delle prerogative presidenziali l’indicazione da parte di una coalizione di un capo politico della stessa, ma almeno aveva il senso di  superare una delle critiche alle leggi elettorali proporzionali, di presentarsi con le mani libere davanti agli elettori, per decidere dopo le elezioni. Le coalizioni non ci sono più, il premio che dà la maggioranza va alla lista e quindi al suo capo. Con il ballottaggio, espediente per sfuggire ad una soglia minima in voti e/o seggi, s’introduce  di fatto un’elezione diretta del Primo Ministro.

Il processo in atto è iniziato, prima di Renzi, con l’elezione diretta generalizzata del sindaco, per di più portatore di un premio di maggioranza  di cui sono beneficiarie le liste collegate.  E’ poi seguita quella diretta dei presidenti di Regione, con l’anomalia di premi di maggioranza attribuiti ancora una volta sul consenso del candidato presidente.  Renzi ha in mente il modello del sindaco d’Italia – e lo dice apertamente –, quindi la riduzione del ruolo del Parlamento ne è una diretta e logica conseguenza. La nomina dei parlamentari grazie alle liste bloccate, in luogo della loro elezione, ha svuotato l’art. 67 della Costituzione, come anche la disciplina di Partito, una formazione politica senza una legge  regolativa, come richiesto dall’art. 49 della Costituzione e in vigore nella maggioranza dei paesi europei.

Renzi ipeteossessivamente il mantra secondo cui “si deve sapere chi ci governerà la sera stessa delle elezioni”. Una pretesa che non hanno neppure i sistemi elettorali uninominali maggioritari a turno unico (Britannia docet) o i sistemi presidenziali o semi-presidenziali, per non parlare della stabilissima e governabilissima Germania: la Merkel con il suo 43% (superiore al 41%  di Renzi alle Europee)  non avrebbe dovuto, con un Tedeskum, tradotto dall’Italikum, aspettare due mesi per fare la Cancelliera. Eppure la domanda se in Europa conta di più la Germania o l’Italia neppure può essere posta per non essere retorici. Obama e Hollande alla sera della loro elezione sapevano di essere Presidenti dei loro paesi, ma la capacità di realizzare il loro programma di governo sarebbe dipesa dal risultato delle elezioni parlamentari. Anzi negli Usa al Presidente gli piazzano a metà mandato un turno elettorale, che lo può mandare in minoranza nei due rami del Congresso, come accaduto con il secondo mandato di Obama.

    A Renzi dobbiamo un passo avanti con il nuovo Senato e la Del Rio nonché le elezioni di secondo grado: un progresso perché così... si saprà chi governerà la sera prima delle elezioni... E’ avvenuto senza suscitare emozioni tra settembre e ottobre 2014 nelle Province e nelle Città Metropolitane, complici un po’ tutti, comprese forze all’opposizione in Parlamento. Il consenso si strappa facilmente, basta assicurare qualche posto. Un buon numero di presidenti di Provincia, candidati unici e liste bloccate uniche con un numero di candidati pari ai posti da eleggere.

    Nelle Regioni, ultime l’Umbria  e la Puglia in febbraio, si stanno approvando leggi elettorali sempre più maggioritarie, con premi di maggioranza al 60% o 62% se si calcola il seggio del presidente. Il consenso degli alleati si compra con soglie d’accesso differenziate. Basse se si sta in coalizione, alte fuori. La maggioranza è la metà più uno dei seggi, ma non basta al partito di maggioranza, che vuole avere la maggioranza assoluta da solo e non dipendere dai partiti minori: ecco spiegato un premio pari al 60% dei seggi. Avremmo così un partito egemone e una corte di satelliti: una situazione che ha analogie solo con le democrazie popolari est-europee prima del crollo del Muro di Berlino.

Come già sottolineato da molti la previsione di un ballottaggio tra le due liste più votate è un espediente per sottrarsi ad una soglia minima in voti o seggi per l’attribuzione di un premio di maggioranza, come richiesto dalla Corte Costituzionale con le sentenze n. 15 e 16 del 2008.  La percentuale dei votanti non basta per alterare l’uguaglianza del voto: premio di maggioranza e ammissione delle liste al ballottaggio devono essere vincolate a percentuali degli aventi diritto al voto. Un 40% dei votanti non rappresenta la volontà degli elettori di un governo stabile, se vanno a votare poco più di un terzo degli elettori iscritti, come è avvenuto in Emilia Romagna. E la maggioranza assoluta al ballottaggio non legittima la distorsione della rappresentanza se le due liste al primo turno non rappresentassero almeno il 50% degli aventi diritto. Su questo c’è spazio per la Camera dopo le modifiche introdotte dal Senato al testo della legge elettorale.

  Martedì 31 Marzo 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
La "guerra" nel Gop e le due Camere *...
L'angoscia di quella trappola infernale a diecimila metri *...
AIIB: un passo verso una nuova governance monetaria *...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Tragedia o commedia? Difficile dirlo

E’ una tragedia perché, malgrado tutto, questo governo adotta provvedimenti: alcuni scassano l’assetto costituzionale, altri colpiscono pesantemente gli strati sociali più deboli. Certo, il governo arriva ai provvedimenti lanciando cento proposte, gran parte delle quali non arriveranno nemmeno ad essere parte del testo dei provvedimenti. Altre proposte, ancora fresche di inchiostro, sono già oggetto di ripensamento. Tanto fumo serve a coprire la realtà.

La realtà, purtroppo, è commedia e tragedia insieme, come quando all’improvviso una sconosciuta (?) manina ha inserito nel testo del decreto legge una norma che avrebbe dovuto fare risparmiare a Berlusconi 750 milioni di euro. Infatti la possibile conferma in appello della sentenza di condanna in primo grado potrebbe costringere Berlusconi a pagare all’odiato concorrente De Benedetti, a cui è stata soffiata   Mondadori con un lodo comprato, un indennizzo di 750 miloni di euro. Troppi. Di qui la forzatura di inserire nel decreto legge una norma per salvare il patrimonio di Berlusconi, in modo da renderla immediatamente operativa. Questa norma ora sembra non avere più padri. Eppure qualcuno l’avrà pur scritta e qualche potente nel Governo dovrebbe averla approvata. Allontana da sé la responsabilità, o almeno cerca di farlo, il Presidente del Consiglio che scarica su Tremonti che a suo dire sapeva tutto. Si accodano nello scaricabarile via via i vari  Ministri, a partire dallo stesso Tremonti che pure, come dice l’esperienza, sui provvedimenti economici ha l’ultima parola. Ora Berlusconi dichiara che tutti sapevano ma viene smentito dagli interessati che negano, a partire da Bossi.

Mica male come gag se non fosse un atto di gravità inaudita che conferma - purtroppo - che vengono fatte leggi nell’interesse di una persona sola. Il bello è che operazioni di questo tipo non reggono alla prova: o perché la Corte Costituzionale le dichiara illeggittime, o perché il Presidente della Repubblica non le firma. E ora anche perché l’opinione pubblica sembra risvegliarsi e reagisce.

Malgrado una maggioranza blindata con l’acquisto di parlamentari il governo non riesce a fare provvedimenti per tirare l’interessato fuori dai guai e i pasticci crescono di numero e di ridicolo. Questi atti fanno crollare la credibilità della politica all’interno e quella dell’Italia nel mondo. Se ci fosse un attacco speculativo contro l’Italia saremmo veramente nei guai. Per di più qualche segnale di turbolenza c’è visto che la differenza degli interessi italiani da quelli sui titoli di stato tedeschi ha raggiunto quota 245. Non è ancora un livello di allarme ma certamente da tenere sotto controllo perché ci avvicina pericolosamente al differenziale spagnolo, mentre fino a qualche settimana fa si menava vanto della diversità tra Italia e Spagna. Per di più l’osannato Tremonti non ha trovato di meglio che aumentare la tassazione sui conti titoli. Tutti i titoli, senza nemmeno distinguere tra titoli privati e dello Stato. Così i piccoli risparmiatori in titoli di stato italiano non avranno più convenienza ad investire perché nel calcolo dei rendimenti dovranno tenere conto dei maggiori costi del conto titoli e in molti casi i piccoli ci rimetteranno.

Tremonti farebbe bene a cambiare consiglieri che sembrano servire solo a confermargli i giudizi negativi su Brunetta nelle conferenze stampa.

Lo capiscono anche a Bruxelles, dove - rimessisi dallo stupore per i fatti che riguardano il governo italiano - cercano di rassicurare i mercati sulla solidità dell’Italia, perché capiscono che la situazione potrebbe diventare delicata, in particolare per l’Euro, se anche l’Italia dovesse entrare in sofferenza.

La caduta di credibilità del governo italiano è ormai funzione del peggioramento del quadro economico. La questione è seria e richiede urgenti iniziative dell’opposizione per mettere la parola fine a questa deriva che sembra inarrestabile. L’opposizione continua a fare esercitazioni, è ancora ai preliminari e purtroppo inciampa su abolizione delle Province e referendum sulla legge elettorale, che ora sembrano addirittura 2, troppa grazia sant’Antonio. Forse fino ad ora le esercitazioni erano considerate necessarie. Adesso basta. Cerchiamo di chiudere la partita prima che il prezzo per l’Italia diventi insopportabile.

Un solo esempio. L’Italia ha un debito ormai al 120%. Per rientrare dal debito occorrono misure credibili. Sull’insieme delle misure ci sarà tempo per tornare. Subito occorre inviare un segnale di fiducia ai risparmiatori che sono disponibili ad investire in titoli pubblici. Più sono i privati che investono il loro risparmio in titoli di stato minore è la dipendenza dall’estero e dagli umori dei mercati, quindi maggiore la stabilità finanziaria del debito italiano. Soprattutto se i risparmiatori accettassero scommesse a lungo termine. Via subito, quindi, la tassa straordinaria sul deposito dei titoli, almeno di quelli di Stato. Molto meglio tornare alla Tassa sulle Transazioni Finanziarie per tassare le rendite finanziarie, non i titoli di Stato, e cancellare la norma che con la cedolare secca al 20% ha fatto un regalo enorme ai grandi proprietari di appartamenti. Per di più se questa norma iniqua verrà confermata sembra ormai chiaro che aprirà un altro buco nei conti pubblici (tra 1 e 2 miliardi di euro) perché il tanto decantato rientro dell’evasione non si sta verificando. Quindi resta solo il taglio delle tasse a chi guadagna di più con gli affitti, che è cosa certa, e nei conti pubblici si aprirà un buco, perché il rientro dall’evasione è in grembo a Giove. Tremonti ha scritto nel decreto legge che se i tagli alla sanità e all’assistenza per qualunque ragione non ci saranno scatteranno automaticamente le riduzioni delle agevolazioni fiscali. Perché non ha scritto una salvaguardia come questa anche al momento della riduzione delle tasse al 20 % sugli affitti ? Eppure era una misura condizionata al rientro dell’evasione, era quindi naturale scrivere che se non dovesse esserci il rientro di evasione dagli affitti in nero, l’agevolazione ai proprietari sarebbe saltata.

Per questo il prolungamento della vita del governo è una tragedia per l’Italia e purtroppo non riusciamo a ridere degli aspetti ridicoli perché la commedia è tuttuno con la tragedia.

Alfiero Grandi

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

L'avvocato Giulia Bongiorno
e Raffaele Sollecito commentano l'assoluzione in Cassazione
Roma
30 marzo 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

VERSO EURO 2016: BULGARIA-ITALIA 2-228 MARZO 2015