ORA DI PUNTA

Respingere

il ricatto

di Renzi

di Ennio Simeone

Con la compiacente accoglienza di Lilli Gruber e il flaccido fiancheggiamento di Marcello Sorgi, Matteo Renzi ha lanciato nuovamente, dalla tribuna televisiva di "Otto e mezzo" su La7, il suo ricatto sulla legge elettorale: se l’Italicum non passa, ha detto, il governo va a casa e quindi - questo il messaggio ricattatorio - i parlamentari vanno tutti a casa. E’ come se avesse posto già il voto di fiducia. Un atto scandaloso che il presidente della Repubblica - se vuol tener fede a quanto affermò all’atto del suo insediamento al Quirinale - non può lasciar passare liscio. Un atto ancor più scandaloso perché in assoluto contrasto con quanto lo stesso Renzi affermò un anno fa, e cioè che la legge elettorale va cambiata con il più largo consenso e che non la si può imporre. Anche perché non sono i governi che fanno le leggi elettorali ma il parlamento. Questo è un principio che è stato recentemente ribadito da Enrico Letta, ma Renzi non glielo perdona, perciò lo attacca direttamente lui  e lo fa attaccare dall’ambasciatrice del Pd presso Verdini, cioè la ministra Maria Elena Boschi. Come attacca e fa attaccare Romano Prodi, colpevole di aver detto a chiare lettere che tra Renzi e Letta la sua preferenza va al secondo per la sua serietà. 

Purtroppo il ricatto funziona se è vero, come fanno notare alcuni osservatori,  che il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, capo dei “riformisti” del Pd si orienterebbe a ritirare le sue dimissioni e, in nome di non si sa qual senso di responsabilità, a votare la fiducia sulla  sulla legge elettorale, pur non condividendola. Un atto che metterebbe nelle mani del capo del governo uno strumento di ricatto permanente per i prossimi tre anni e gli conferirebbe un potere pericoloso. E’ il momento di capire che al ricatto si può rispondere in un solo modo: respingendolo con fermezza perché è l’unico modo per costringere Renzi a cambiare rotta o, in alternativa, a togliere il disturbo. E sarebbe il male minore per l’Italia rispetto alla sua pericolosa ulteriore permanenza, con i poteri attuali, a Palazzo Chigi e nel palazzo di via del Nazareno. Meglio una crisi di governo che una crisi della democrazia.

  Venerdì 24 Aprile 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Bersani & compagni, per favore non rifugiatevi sull'Aventino! * La cosiddetta...
Carenza politica e strategica europea difronte alla catastrofe *...
La Cina vuole un ruolo maggiore nelle istituzioni...
Immagine
AVVISO AI LETTORI: MOMENTANEO GUASTO AL SITO

Nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2015 il sito de "l'Altro quotidiano" è stato bloccato da un guasto generato da cause tecniche non dovute a nostra reponsabilità. Ora il problema è stato risolto e il collegamento è ritornato alla normalità. 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Tragedia o commedia? Difficile dirlo

E’ una tragedia perché, malgrado tutto, questo governo adotta provvedimenti: alcuni scassano l’assetto costituzionale, altri colpiscono pesantemente gli strati sociali più deboli. Certo, il governo arriva ai provvedimenti lanciando cento proposte, gran parte delle quali non arriveranno nemmeno ad essere parte del testo dei provvedimenti. Altre proposte, ancora fresche di inchiostro, sono già oggetto di ripensamento. Tanto fumo serve a coprire la realtà.

La realtà, purtroppo, è commedia e tragedia insieme, come quando all’improvviso una sconosciuta (?) manina ha inserito nel testo del decreto legge una norma che avrebbe dovuto fare risparmiare a Berlusconi 750 milioni di euro. Infatti la possibile conferma in appello della sentenza di condanna in primo grado potrebbe costringere Berlusconi a pagare all’odiato concorrente De Benedetti, a cui è stata soffiata   Mondadori con un lodo comprato, un indennizzo di 750 miloni di euro. Troppi. Di qui la forzatura di inserire nel decreto legge una norma per salvare il patrimonio di Berlusconi, in modo da renderla immediatamente operativa. Questa norma ora sembra non avere più padri. Eppure qualcuno l’avrà pur scritta e qualche potente nel Governo dovrebbe averla approvata. Allontana da sé la responsabilità, o almeno cerca di farlo, il Presidente del Consiglio che scarica su Tremonti che a suo dire sapeva tutto. Si accodano nello scaricabarile via via i vari  Ministri, a partire dallo stesso Tremonti che pure, come dice l’esperienza, sui provvedimenti economici ha l’ultima parola. Ora Berlusconi dichiara che tutti sapevano ma viene smentito dagli interessati che negano, a partire da Bossi.

Mica male come gag se non fosse un atto di gravità inaudita che conferma - purtroppo - che vengono fatte leggi nell’interesse di una persona sola. Il bello è che operazioni di questo tipo non reggono alla prova: o perché la Corte Costituzionale le dichiara illeggittime, o perché il Presidente della Repubblica non le firma. E ora anche perché l’opinione pubblica sembra risvegliarsi e reagisce.

Malgrado una maggioranza blindata con l’acquisto di parlamentari il governo non riesce a fare provvedimenti per tirare l’interessato fuori dai guai e i pasticci crescono di numero e di ridicolo. Questi atti fanno crollare la credibilità della politica all’interno e quella dell’Italia nel mondo. Se ci fosse un attacco speculativo contro l’Italia saremmo veramente nei guai. Per di più qualche segnale di turbolenza c’è visto che la differenza degli interessi italiani da quelli sui titoli di stato tedeschi ha raggiunto quota 245. Non è ancora un livello di allarme ma certamente da tenere sotto controllo perché ci avvicina pericolosamente al differenziale spagnolo, mentre fino a qualche settimana fa si menava vanto della diversità tra Italia e Spagna. Per di più l’osannato Tremonti non ha trovato di meglio che aumentare la tassazione sui conti titoli. Tutti i titoli, senza nemmeno distinguere tra titoli privati e dello Stato. Così i piccoli risparmiatori in titoli di stato italiano non avranno più convenienza ad investire perché nel calcolo dei rendimenti dovranno tenere conto dei maggiori costi del conto titoli e in molti casi i piccoli ci rimetteranno.

Tremonti farebbe bene a cambiare consiglieri che sembrano servire solo a confermargli i giudizi negativi su Brunetta nelle conferenze stampa.

Lo capiscono anche a Bruxelles, dove - rimessisi dallo stupore per i fatti che riguardano il governo italiano - cercano di rassicurare i mercati sulla solidità dell’Italia, perché capiscono che la situazione potrebbe diventare delicata, in particolare per l’Euro, se anche l’Italia dovesse entrare in sofferenza.

La caduta di credibilità del governo italiano è ormai funzione del peggioramento del quadro economico. La questione è seria e richiede urgenti iniziative dell’opposizione per mettere la parola fine a questa deriva che sembra inarrestabile. L’opposizione continua a fare esercitazioni, è ancora ai preliminari e purtroppo inciampa su abolizione delle Province e referendum sulla legge elettorale, che ora sembrano addirittura 2, troppa grazia sant’Antonio. Forse fino ad ora le esercitazioni erano considerate necessarie. Adesso basta. Cerchiamo di chiudere la partita prima che il prezzo per l’Italia diventi insopportabile.

Un solo esempio. L’Italia ha un debito ormai al 120%. Per rientrare dal debito occorrono misure credibili. Sull’insieme delle misure ci sarà tempo per tornare. Subito occorre inviare un segnale di fiducia ai risparmiatori che sono disponibili ad investire in titoli pubblici. Più sono i privati che investono il loro risparmio in titoli di stato minore è la dipendenza dall’estero e dagli umori dei mercati, quindi maggiore la stabilità finanziaria del debito italiano. Soprattutto se i risparmiatori accettassero scommesse a lungo termine. Via subito, quindi, la tassa straordinaria sul deposito dei titoli, almeno di quelli di Stato. Molto meglio tornare alla Tassa sulle Transazioni Finanziarie per tassare le rendite finanziarie, non i titoli di Stato, e cancellare la norma che con la cedolare secca al 20% ha fatto un regalo enorme ai grandi proprietari di appartamenti. Per di più se questa norma iniqua verrà confermata sembra ormai chiaro che aprirà un altro buco nei conti pubblici (tra 1 e 2 miliardi di euro) perché il tanto decantato rientro dell’evasione non si sta verificando. Quindi resta solo il taglio delle tasse a chi guadagna di più con gli affitti, che è cosa certa, e nei conti pubblici si aprirà un buco, perché il rientro dall’evasione è in grembo a Giove. Tremonti ha scritto nel decreto legge che se i tagli alla sanità e all’assistenza per qualunque ragione non ci saranno scatteranno automaticamente le riduzioni delle agevolazioni fiscali. Perché non ha scritto una salvaguardia come questa anche al momento della riduzione delle tasse al 20 % sugli affitti ? Eppure era una misura condizionata al rientro dell’evasione, era quindi naturale scrivere che se non dovesse esserci il rientro di evasione dagli affitti in nero, l’agevolazione ai proprietari sarebbe saltata.

Per questo il prolungamento della vita del governo è una tragedia per l’Italia e purtroppo non riusciamo a ridere degli aspetti ridicoli perché la commedia è tuttuno con la tragedia.

Alfiero Grandi

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

PARTIGIANI ALLA CAMERA
nel 70° della Liberazione
dal fascismo
16 aprile 2015


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE: MONACO-JUVENTUS 0-022 APRILE 2015