ORA DI PUNTA

Magistrati 

e dilettanti

di Ennio Simeone

A sostegno del suo progetto di riforma del lavoro (per carità, chiamiamolo jobs act) Matteo Renzi aveva avviato una crociata contro gli sprechi (spending review), contro le caste (cliques), contro i gufi (jinx), e anche contro l’odiata categoria dei magistrati (judges), attribuendo alle loro ferie eccessive la principale responsabilità dei ritardi della giustizia. Quarantacinque giorni l’anno di vacanze sono troppi, aveva sentenziato, decidendo di allinearne la durata a quella degli altri lavoratori che svolgono la loro attività timbrando il cartellino ad inizio e fine giornata.  Come se i magistrati, sia giudicanti sia inquirenti, non fossero costretti, nella stragrande maggioranza, per la natura stessa del loro lavoro, a  non osservare un normale orario, sia che debbano scrivere una sentenza a casa, sia che debbano tenere udienze senza limiti di orario, sia che debbano condurre una indagine e interrogare inquisiti e testimoni.

Quella parte di opinione pubblica, arrabbiata per necessità o forcaiola per indole, sempre sensibile al richiamo ingannevole della demagogia e del populismo, ha applaudito entusiasta. E sull’onda di questi sentimenti Renzi dette disposizione alla fedele Marianna Madia, ministro della Pubblica Amministrazione, di procedere al taglio per decreto. Detto, fatto! 

Ora però si scopre che per i magistrati, quanto a ferie, non cambia proprio nulla. Perché mai? Semplicemente perché il decreto è stato scritto male:  la norma introdotta per ridurre le vacanze dei giudici è stata aggiunta alla precedente, ma senza abrogare esplicitamente la vecchia disciplina. La settima commissione del Csm, con 5 voti a favore e uno contrario, si è preso lo sfizio di farlo rilevare e di sottoporre la questione alla prossima riunione plenaria del Consiglio superiore, fissata per il 4 febbraio. In soccorso del governo è dovuto intervenire, pensate, il membro laico designato dai Cinquestelle, Alessio Zaccaria, che ha chiesto di non infierire perché si è trattato di “una svista troppo grossolana” del governo. Un governo di dilettanti allo sbaraglio: Renzi, insomma, è rimasto il boy scout d’un tempo, quando andava a far l’ospite di Mike Bongiorno per la “Ruota della fortuna”. Per nostra sfortuna.

 

  Mercoledì 28 Gennaio 2015
Commenti Autori
Commenti Autori
Che cosa le elezioni greche autorizzano a sperare *...
Il ricatto tentato dai repubblicani ad Obama sull’immigrazione *...
Ruolo del dollaro e volatilità monetaria internazionale * Il...
Immagine
COMMENTI DEI LETTORI

I lettori che desiderano inviare commenti non legati direttamemnte agli articoli pubblicati possono inviarli all'indirizzo mail  direttore@altroquotidiano.it 

caro_altro_ti_scrivo



 

 

Le "dieci" manovre di Tremonti per spostare i prelievi dalle persone alle cose

Le notizie fatte circolare ad arte sulla manovra economica che il governo ha varato basterebbero a costruire 10 manovre finanziarie. Notizie date e poi ritirate con rapidità fulminea, come del resto la richiesta di un contributo dell’opposizione che in meno di 24 ore è stata sostituita dalla notizia, data da Berlusconi in persona, che verrà chiesto un ennesimo voto di fiducia. Ciò che resta nel provvedimento è molto meno delle chiacchiere fatte. Ad esempio, sui costi della politica tutto si riduce per ora ad una commissione di studio, così la tassazione degli odiati Suv, sbandierata da Tremonti per coprire la sostanza della manovra, sono pressochè salvi.

La sapiente manovra di disinformazione è iniziata dalla Grecia, paese oggi in grande difficoltà per responsabilità della destra che quando era al governo ha truccato i conti pubblici, lasciando al successivo governo socialista la drammatica alternativa tra uscire dall’euro o accettare le condizioni draconiane imposte dall’Europa e dal Fmi, con le conseguenze sociali che vediamo.

Volete finire come la Grecia, è stato detto ? Il baratro è vicino. Il ricatto è evidente.

Il governo,Tremonti per primo, ha sorvolato sul fatto che ha dichiarato fino a poco prima (delle elezioni) che di una manovra di aggiustamento dei conti pubblici non ci sarebbe stato bisogno e lo spettro della Grecia viene usato in modo spregiudicato per convincere il paese ad accettare i sacrifici previsti dalla manovra.

Per prudenza il governo ha pensato bene di spostare la sostanza della manovra finanziaria (entrate e tagli) a dopo le prosssime elezioni nel 2013/2014, chi vincerà le elezioni vedrà cosa fare. Tremonti non ha trascurato di lanciare segnali di fumo sul fisco presentando una proposta di legge che chissà quando verrà approvata e in ogni caso prevede 3 anni di tempo per gli interventi. Anche sul fisco si va a dopo le elezioni politiche, naturalmente anche la tassazione delle rendite finanziarie, di cui si parla ma che per ora non si farà. L’immaginifico ministro dell’Economia fa capire che potrebbe aumentare l’Iva, ma non lo dice esplicitamente, per diminuire - con una partita di giro - le imposte sul reddito, con le ormai fin troppo note 3 aliquote di cui Tremonti parla da più di quindici anni.

Eppure Tremonti in questo periodo è stato ministro per molto tempo e qualcosa avrebbe già potuto fare. L’allarme di chi, ultima la Confcommercio, denuncia il serissimo pericolo che l’aumento dell’Iva spinga l’inflazione, con l’erosione conseguente dei redditi fissi da lavoro e pensione, è fondatissimo. Per di più arrivare a 3 aliquote ridurrebbe certamente il prelievo fiscale sui redditi più alti che passerebbero ad una riduzione dal 43 al 40 % di aliquota, il resto non si sa.

Il trasferimento del prelievo dalle persone alle cose, come viene definito, è una storica misura della destra che nasconde in questo modo il prelievo reale e favorisce i redditi più alti ed è particolarmente grave in una fase che già sconta una ripresa dell’inflazione senza neppure avere ripresa economica.

Del resto l’ultimo favore ai redditi più alti è recente, visto che dall’imposta sui redditi è stato sottratto tutto il reddito da affitti, che ora verrà tassato solo con una cedolare secca del 20 %.

Ormai l’unico reddito soggetto a tassazione è quello da lavoro e da pensione, il cui drenaggio fiscale da 4 anni è stato preso in ostaggio dal Governo per fare tornare i conti pubblici.

Naturalmente la furbizia della destra copre questi corposi regali con qualche promessa di intervento sui redditi più bassi. Per ora di certo c’è che tornerà ilticcket sulla specialistica, che ce ne sarà un altro sul pronto soccorso, che Regioni ed Enti locali subiranno un’ulteriore riduzione delle risorse con consegueze sulle loro prestazioni sociali. Il governo aveva detto che non avrebbe fatto macelleria sociale, come vuole definire questi nuovi interventi, un subappalto ?

La verità è che il governo è disperatamente alla ricerca di risorse per fare tornare i conti e mette le mani nelle tasche degli italiani, meglio nel serbatoio della benzina. Ha lasciato purtroppo lievitare il debito pubblico che è ormai prossimo al 120 %, sia a causa delle generose regalie già fatte ai redditi più alti (riduzione ICI per i redditi alti, Cedolare secca sugli affitti, ecc.) sia per la stagnazione economica che impedisce di mitigare i problemi del debito con i proventi della crescita.

A proposito non risulta che Tremonti stia organizzando la risposta delle Entrate e della Guardia di Finanza alla richiesta europea di colpire quanti avessero evaso l’Iva (imposta europea non condonabile) approfittando dello scudo fiscale che ha consentito il rientro dei capitali illegalmente esportati all’estero, a prezzi da saldo. Eppure potrebbero derivarne entrate significative perché buona parte dei capitali esportati illegalmente sono originati da evasione dell’Iva.

Anche il ritorno del “fissato bollato” sulle transazioni finanziarie non avrà grande futuro, del resto Tremonti si è sempre detto contrario ed aveva dedicato 10 pagine della sua relazione ad una legge finanziaria contro questa proposta, contrapponendole la de tax. Oggi questa proposta viene riesumata a fini di propaganda, senza riguardo per la coerenza. L’Italia non è la Grecia ma la destra è molto simile ovunque.

Le misure adottate dal governo fanno chiarezza sul federalismo che ha in testa, Lega compresa. Con la scusa del superamento della spesa storica  degli Enti locali e delle sue distorsioni viene decisa una drastica riduzione della spesa sanitaria. Così il passaggio alle Regioni sarà equivalente a meno assistenza sanitaria, un ben strano federalismo.

Perché Tremonti tralascia il lievitare dell’inflazione? E’ una classica manovra della destra per risanare i conti erodendo i redditi (vedi erosione sulle pensioni, ecc.) in modo da ridurre la spesa pubblica, trascurando però che l’aumento dell’inflazione provoca anche un aumento dei tassi sul debito e prima o poi diventerà un cappio. La verità  è che il conto cinico fatto riguarda il differente peso delle pensioni e delle altre voci di spesa perchè il servizio del debito nei conti pubblici vale 1/3 delle pensioni, la metà della sanità.

Non ci sono misure per sostenere la ripresa economica e l’occupazione, quindi il risanamento sarà tutto sul versante dei tagli alla spesa o di maggiori entrate.

Particolarmente gravi sono le misure sulla scuola. I precari sono fuori e soprattutto la riduzione della spesa e degli insegnanti proseguirà in modo forsennato e se è vero che la formazione è un pilastro del futuro, l’Italia ne avrà almeno uno sempre più traballante. Mandiamoli a casa prima che sia troppo tardi.

Alfiero Grandi

 

Aggiungi commento



Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli Correlati



tit passaparola

MAURIZIO CROZZA
"di Martedì", la copertina20 gennaio 2014


comenti recenti tittolo

giornaleonline_01
giornaleonline_03
giornaleonline_02
giornaleonline_04

settegiorni
rubriche_02
noiconsumatori
motori

Seguici su          facebook-icon   twitter-icon  

videofile

IL NUOVO SHOW DEL PRESIDENTE SAMP FERRERO18 GENNAIO 2015